Archivi autore: admin

Anteprima nazionale alla 60ª Fiera dei Librai di Bergamo:
“Coffee Break” di Claudio Sottocornola

Martedì 23 aprile 2019 alla 60a Fiera dei Librai di Bergamo, in occasione della Giornata Mondiale del Libro, Claudio Sottocornola presenta  il mini book  “Coffee Break”, pubblicato dalla Editrice “I Quindici”,  dedicato al valore della lettura e al rapporto fra libri e vita. L’Autore sarà introdotto da Enrico Facchetti, ordinario di Filosofia e Storia al Liceo scientifico “F. Lussana” di Bergamo.  Che rapporto c’è fra libri e vita? E perché si deve leggere? Ma che cosa si deve leggere? In occasione della  Giornata Mondiale del Libro, patrocinata dall’Unesco per promuovere in tutto il mondo la lettura, l’autore presenta in anteprima nazionale una sua conversazione che prova a rispondere ai quesiti  proposti, inoltrandosi in un percorso iniziatico che conduce  dai libri al libro, dalle parole alla parola,  dal dato al simbolo, invitandoci a liberare le nostre vite  entro la sacra ritualità dell’esistere. E introduce la sua dissertazione con la celebre e folgorante affermazione che Ermanno Olmi fa dichiarare al personaggio interpretato da Raz Degan nel suo “Centochiodi”: “Tutti i libri del mondo non valgono un caffè con un amico”. E allora, che rapporto c’è fra libri e vita? E perché si deve leggere? Ma che cosa si deve leggere?

L’appuntamento è presso la Sala Lettura della Fiera dei librai di Bergamo, martedì 23 aprile 2019, ore 17.30, l’ingresso è libero.

sottocornola_coffee_break_lite

“Bootleg/Blitz” propone per il mese di aprile 2019 la
presentazione di “Varietà” alla 57ª Fiera dei Librai
di Bergamo (aprile 2016)

Giovedì 28 aprile 2016, alle ore 17.00,  alla Fiera dei Librai di Bergamo-Premium Edition,  Claudio Sottocornola presenta “Varietà” – Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90 , pubblicato da Marna. Dialoga con lui la prof.ssa Laura Moro, che lo intervista su “Media, spettacolo e canzone, nella costruzione di una identità linguistica e nazionale italiana nel Secondo Novecento” .  “Bootleg/Blitz” propone in anteprima la documentazione video integrale di questa conversazione, in occasione della nuova partecipazione del filosofo alla Fiera dei Librai, 60a edizione, con “Coffee Break”.

(altro…)

Over The Rainbow: Claudio Sottocornola tra viaggio e canzoni

claudio-sottocornola-con-gli-studenti-di-over-the-rainbow

Martedì 16 aprile, in occasione dei suoi 60 anni, il filosofo presenta al Liceo Mascheroni la nuova lezione-concerto tra sperimentazione, memoria storica e classici di David Bowie, Lou Reed, Bennato, Tenco e altri 

Over The Rainbow: Claudio Sottocornola tra viaggio e canzoni

Martedì 16 aprile 2019
ore 8.45

Auditorium Liceo Scientifico “Lorenzo Mascheroni”
Via Alberico da Rosciate, 21/a
Bergamo

OVER THE RAINBOW:
la nuova lezione-concerto di Claudio Sottocornola

Martedì 16 aprile all’Auditorium del Liceo Mascheroni (Via A. da Rosciate, 21/a – Bergamo) Claudio Sottocornola – in occasione del suo sessantesimo compleanno, che festeggerà insieme agli studenti – presenta Over The Rainbow, la nuova lezione-concerto sul tema del viaggio. Tra America, Inghilterra e Italia, il ‘filosofo del pop’ affronterà un vero e proprio itinerario nel tempo e nella cultura popular all’insegna della sperimentazione e della memoria storica, con classici come California Dreamin’ (Mamas & Papas), Walk on the wild side (Lou Reed), Space Oddity (David Bowie), Ciao amore ciao (Luigi Tenco), L’isola che non c’è (Edoardo Bennato) e molte altre canzoni che hanno segnato un’epoca e che racchiudono, nei numerosi risvolti che il filosofo ha sempre l’abilità di cogliere, lo spirito del loro tempo.

(altro…)

Over The Rainbow: Claudio Sottocornola tra viaggio e canzoni
synpress44.blogspot.com

“Over the rainbow”: il viaggio come metafora della vita nella nuova lezione-concerto di Claudio Sottocornola
suonalancorasam.com

“Over the rainbow”, la nuova lezione-concerto di Claudio Sottocornola: il viaggio come metafora della vita
lumiereeisuoifratelli.com

Varietà: i grandi dello spettacolo nelle interviste-ritratto di Claudio Sottocornola

Il nuovo libro del ‘filosofo del pop’ raccoglie un centinaio di avvincenti conversazioni con i divi della musica, della tv e della cultura. Il ‘taccuino giornalistico’ diventa un affresco tra società e costume negli anni ’80 e ’90
Varietà: i grandi dello spettacolo nelle interviste-ritratto di Claudio Sottocornola!

Claudio Sottocornola
VARIETA’
Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti,
ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90

Marna/Velar Edizioni
456 pagine, 20.00 Euro

varieta_copertina

Mia Martini, Beppe Grillo, Nino Manfredi, Gianni Morandi, Rita Pavone, Donovan, Enzo Jannacci, Vittorio Sgarbi e numerosi altri: sono i big che Claudio Sottocornola intervistò a cavallo tra anni ’80 e ’90, in un periodo di intensa attività giornalistica che oggi torna all’attenzione del lettore grazie a Varietà – Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90 (Velar). Presentato in anteprima nazionale nel Sannio, Varietà raccoglie le interviste realizzate dal 1989 al 1994 da Sottocornola (pubblicate su numerosi quotidiani come Il Giornale di Bergamo Oggi, L’Arena, Il Gazzettino, Il Quotidiano, L’Eco di Bergamo, Libertà, La Prealpina etc.), e immortala una fase cruciale nel percorso dell’intellettuale lombardo – ribattezzato dalla critica “il filosofo del pop” per la sua attenzione ai linguaggi popular contemporanei.

Angelo Branduardi, Raimondo Vianello, le gemelle Kessler, Red Ronnie, Alberto Lattuada non sono che un esempio eloquente della varietà dei colloqui di Sottocornola: un centinaio di interviste (molte per la prima volta integrali, alcune del tutto inedite) con retrospettive e riflessioni, tutte decisive per le iniziative che in seguito Sottocornola avrebbe intrapreso, dalla docenza di Storia della Canzone e dello Spettacolo alla Terza Università di Bergamo alle affollate lezioni-concerto, che lo vedono in azione come narratore, performer e interprete. La sua attività di ricerca sulla canzone italiana, vera e propria cartina di tornasole per comprendere mutamenti e passaggi nella storia sociale e culturale del nostro Paese, si completa proprio con Varietà: come ricorda l’autore, “Questi incontri mi restituirono il senso di una ricchezza straordinaria, di una vitalità e di un professionismo stimolanti, insomma, di una grande energia che dovevo in qualche modo raccontare attraverso i miei pezzi, e che ora, raccolti a distanza di anni in questa corposa antologia, mi appaiono quasi come una memoria storica, una testimonianza a futura memoria di tutto il bello e di tutto il bene che il mondo dello spettacolo italiano ha regalato alla nostra identità collettiva. Aggiungo che il confronto con personaggi tanto entusiasmanti mi ha poi indotto a passare io stesso ‘dall’altra parte del vetro’, per cimentarmi nello studio e nella interpretazione di brani pop, rock e d’autore italiani, proposti poi in cd e lezioni concerto, sempre nel solco di questo recupero memoriale della nostra identità storica”.28-Lezioni-concerto-Sottocornola

Sottocornola usa volutamente la dicitura “intervista-ritratto”: dialoghi guidati dall’attenzione alle singole personalità, alle direzioni e alle peculiarità di ognuno, conversazioni da rileggere per comprendere come siano cambiate la percezione del talento artistico e la relazione con il divismo, soprattutto televisivo. “L’avvento della Tv commerciale, pur sprovincializzando il gusto, ha prodotto il crollo del modello pedagogico a favore di quello consumistico. Oggi, inoltre, l’influenza dei nuovi media, Rete in testa, produce un’esigenza di interattività e protagonismo, per cui tutti vogliono apparire, senza necessariamente aver maturato qualcosa da dire. Il risultato è un appiattimento dell’offerta, sia a livello di informazione che di intrattenimento, La soluzione?Educare alla criticità, al discernimento, alla scelta, specialmente le nuove generazioni. E farle uscire dall’impasse dell’autodivismo, la malattia mortale che uccide il senso della meraviglia per ciò che l’altro può offrirci, e quindi dello spectaculum come luogo della trasfigurazione e sublimazione del reale”.

Ordinario di Filosofia e Storia a Bergamo, Claudio Sottocornola si è laureato con una tesi in Storia della teologia all’Università Cattolica di Milano e ha insegnato Discipline religiose, Materie letterarie, Scienze dell’educazione. Giornalista e scrittore, ha pubblicato saggi, opere poetiche, multimediali e musicali. Studioso del popular, tiene corsi presso la Terza Università di Bergamo, collabora con varie riviste e realizza ricerche di carattere interdisciplinare fra musica, filosofia e immagine, che propone a un pubblico trasversale attraverso le sue famose lezioni-concerto, nelle scuole, nei teatri e nei più svariati luoghi del quotidiano. Si caratterizza per una forte attenzione alla categoria di “interpretazione”, alla cui luce indaga il mondo del contemporaneo, e per un approccio olistico e interdisciplinare al sapere.

“Bootleg/Blitz” ci offre per il mese di marzo 2019 due preziosi documenti: la presentazione di “Varietà” alla Libreria Ubik di Savona (novembre 2016) e la presentazione di “Saggi Pop” per il ciclo di incontri “A.D.A.F.A” presso Casa Sperlari a Cremona (novembre 2018)

Claudio Sottocornola, filosofo del pop, utilizza musica, poesia e immagini per esprimere la propria visione del mondo, coinvolgendo pubblico e studenti in lezioni-concerto, mostre e conferenze all’insegna di un approccio ermeneutico che fa dell’attimo-evento il luogo di una trasmissione di saperi, emozioni e vita nell’orizzonte di una sperimentazione permanente. Continua nel 2019 la pubblicazione web di tali esperienze sul sito dell’autore www.claudiosottocornola-claude.com e sul Canale CLDclaudeproductions di You tube, attraverso l’iniziativa “Bootleg/ Blitz”, un appuntamento periodico a sorpresa col pubblico della Rete. Per il mese di marzo 2019 si propongono due documenti: la presentazione del volume “Varietà” (Marna) alla Libreria Ubik di Savona, ove dialoga con l’autore il giornalista Athos Enrile, avvenuta il 18 novembre 2016, e la presentazione del volume “Saggi Pop” (Marna), avvenuta martedì 13 novembre 2018, per il ciclo di incontri “A.D.A.F.A.”, presso Casa Sperlari a Cremona, ove dialoga con l’autore il giornalista Riccardo Santangelo.

“Varietà” (Marna, 2016) è un taccuino giornalistico che raccoglie interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90, realizzate dal “filosofo del pop” fra il 1989 e il 1995 e già pubblicate su svariati quotidiani italiani. “Saggi Pop” (Marna, 2018) raccoglie 18 saggi pubblicati in precedenza dall’autore su varie riviste e qui riproposti nella loro versione integrale, interviste, lezioni-concerto e disegni pop, configurandosi come un viaggio nella cultura popular italiana, con forti riferimenti al mondo anglosassone, fra musica, cinema, moda, televisione, controculture, arte visiva, nuove filosofie e spiritualità.


A Savona il filosofo del pop Claudio Sottocornola presenterà il nuovo libro “Varietà”
www.savonanews.it
 
Chi va con lo Zoppo… non perde ‘Varietà’ di Claudio Sottocornola a Savona! ven. 18 novembre
donatozoppo.blogspot.com

 


Cremona: Claudio Sottocornola ha presentato ‘Saggi Pop – Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo’
www.welfarenetwork.it
 
L’effimero essenziale alla vita: CLAUDIO SOTTOCORNOLA a Cremona!
synpress44.blogspot.com

Sottocornola alla libreria Cibrario di Acqui Terme
con “Saggi Pop”

claudio-sottocornola-saggi-pop“Saggi pop” alla libreria Cibrario
www.settimanalelancora.it

SAGGI POP: Claudio Sottocornola
ad Acqui Terme il 30 gennaio

synpress44.blogspot.com

Chi va con lo Zoppo… non perde
CLAUDIO SOTTOCORNOLA
con i Saggi Pop ad Acqui Terme

donatozoppo.blogspot.com

CLAUDIO SOTTOCORNOLA:
Insigne costruttore di “memorie storiche” !

Scientific and Cultural Promotion

Mercoledì 30 gennaio il filosofo del pop presenta alla Libreria Cibrario il nuovo libro ‘Saggi Pop’, un lungo e appassionato viaggio nella cultura popular tra interviste, approfondimenti e disegni. Modera l’incontro Donato Zoppo

 “L’effimero essenziale alla vita”: Claudio Sottocornola ad Acqui Terme!
Cibrario Libreria Illustrata
presenta:
Claudio Sottocornola
SAGGI POP
Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo
(Marna, 2018)

Mercoledì 30 gennaio 2019
ore 18.30
Cibrario Libreria Illustrata
Piazza della Bollente, 18
Acqui Terme (AL)
Dialoga con l’autore Donato Zoppo

Mercoledì 30 gennaio 2019 Claudio Sottocornola torna ad Acqui Terme a due anni di distanza dal suo precedente showcase dedicato a Varietà: ancora una volta alla Libreria Cibrario – Piazza della Bollente 18 – ma per presentare il suo ultimo lavoro SAGGI POP. Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non soloSaggi Pop è stato pubblicato da Marna e assai apprezzato dalla critica, come dimostrano le prestigiose recensioni su Blow Up, Leggere Tutti, BlogFoolk e Sound36, che lo ha menzionato come libro del 2018. Dialoga con il professore il giornalista Donato Zoppo.

(altro…)

Nuovo ciclo di “Bootleg” per il 2019: “Bootleg/Blitz” proporrà a cadenza variabile incontri, presentazioni, lezioni-concerto del filosofo del pop… Si incomincia con la presentazione di “Varietà” (Marna, 2016), presso la Libreria Cibrario di Acqui Terme, dove Sottocornola tornerà il 30 gennaio per proporre il suo recente “Saggi Pop” (Marna, 2018)

Claudio Sottocornola, filosofo del pop, utilizza musica, poesia e immagini per esprimere la propria visione del mondo, coinvolgendo pubblico e studenti in lezioni-concerto, mostre e conferenze all’insegna di un approccio ermeneutico che fa dell’attimo-evento il luogo di una trasmissione di saperi, emozioni e vita nell’orizzonte di una sperimentazione permanente. Continua nel 2019 la pubblicazione web di tali esperienze sul sito dell’autore www.claudiosottocornola-claude.com e sul Canale CLDclaudeproductions di You tube, nel segno di una condivisione più ampia con il pubblico della Rete, attraverso l’iniziativa “Bootleg”, che diventa per l’occasione “Bootleg/ Blitz”, un appuntamento cioè a sorpresa e non più a cadenza mensile o bimestrale, di cui riceveranno regolare notifica gli iscritti al Canale You Tube dell’autore. Si incomincia con la presentazione del volume “Varietà” (Marna, 2016), avvenuta venerdì 28 ottobre 2016, alle ore 18:00, presso la Libreria Cibrario di Acqui Terme. “Varietà” è un taccuino giornalistico che raccoglie interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90, realizzate dal “filosofo del pop” fra il 1989 e il 1995 e già pubblicate su svariati quotidiani italiani. Un’occasione per raccontare ma anche rimeditare in chiave critica la storia del popupar in Italia dagli anni ’50 ai giorni nostri. Interviene a moderare l’incontro il giornalista Donato Zoppo, autore della prefazione al volume.

LEZIONI CONCERTO

“E ti vengo a cercare”.
Lezione concerto con gli studenti. Introduce Laura Moro.
Auditorium Liceo Mascheroni, Bergamo,
5 maggio 2017

“Viaggio nella canzone italiana”.
Incontro Studenti Interscambio Poznan,
Aula Magna Liceo Mascheroni, Bergamo,
8 aprile 2017

“Viva l’Italia”.
Lezione concerto con gli studenti.
Auditorium Liceo Mascheroni, Bergamo,
14 gennaio 2017

“Hasta Siempre”.
Lezione-concerto per il decennale con presentazione chiavetta USB “Una notte in Italia”.
Auditorium Liceo Mascheroni, Bergamo,
20 dicembre 2014

“Hasta Siempre”.
Lezione-concerto per il decennale.
“Noesis”, Auditorium della Provincia, Bergamo,
29 aprile 2014

“Hasta Siempre”.
Lezione-concerto per il decennale.
Auditorium Comunale, Zanica (BG),
12 aprile 2014

“Working Class”.
Lezioni-concerto dal territorio al web (www.claudiosottocornola-claude.com; www.cld-claudeproductions.com)
dal 31 Luglio 2012       Immagine della donna nella canzone
dal 30 Giugno 2012     Cantautori
dal 31 Maggio 2012     Anni ’60
dal 30 Aprile 2012      Decenni
dal 31 Marzo 2012      Teen-Agers di Ieri e di Oggi

Una notte in Italia (per celebrare l’anniversario dell’unificazione)
“Miss(ing) Italia” – L’evoluzione dell’immagine femminile nella canzone italiana
Lezione-concerto
Auditorium del Liceo “L. Mascheroni” – Bergamo – 06.12.2011

Una notte in Italia (per celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale):
“L’immagine della donna nella canzone italiana”,
in occasione della Festa della Donna,
Lezione-concerto
Auditorium della Provincia – Bergamo  – 08.03.2011

Una notte in Italia (per celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale):
“La chiamavano Bocca di Rosa”, Teen-agers e canzone d’autore
Lezione–concerto
Auditorium del Liceo “L. Mascheroni” – Bergamo – 18.02.2011

Una notte in Italia (per celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale):
“I cantautori”
Lezione-concerto
Auditorium della Provincia – Bergamo – 08.02.2011

Una notte in Italia ( per celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale):
“Anni ‘60”
Lezione-concerto
Auditorium della Provincia – Bergamo – 11.01.2011

Adorable Sixties
Lezione-concerto del ciclo “La lunga estate degli anni ’60″: le hit del mitico decennio.
Sala Lama – Camera del Lavoro – Bergamo – 18.01.2008

Pastiches 3
Lezione-concerto.
Hemingway Cafè – Bergamo – 16.03.2007

Pastiches 2
Lezione-concerto.
Libreria Fabula – Bergamo – 16.02.2007

Pastiches 1
Lezione-concerto.
Libreria Fabula – Bergamo – 19.01.2007

Remember me?
Lezione-concerto per reunion AFSers ’75-’76.
Villa Casagrande – Figline Valdarno (Fi) – 14.10.2006

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto. Festa di fine anno accademico Terza Università Valgandino.
Teatro circolo Fratellanza – Casnigo (Bg) – 08.05.2006

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto
Centro Sociale – Mogliano Veneto (Tv) – 05.05.2006

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto
Centro Sociale – Mogliano Veneto (Tv) – 17.03.2006

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto per la Festa della Donna
Sala Civica “Arch. Stefano Longhi” – Villa d’Adda (Bg) – 08.03.2006

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Sala Consiliare – Sotto il Monte (Bg) – 03.03.2006

Canzoni per decenni
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Sala Lama – Camera del Lavoro Bergamo – 07.02.2006

Canzoni per decenni
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Sala Consiliare – Sotto il Monte (Bg) – 02.02.2006

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Sala Bernareggi – Collegio S. Alessandro – Bergamo – 17.01.2006

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Sala Consiliare – Sotto il Monte (Bg) – 12.01.2006

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Sala Lama- Camera del Lavoro – Bergamo – 09.12.2005

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Terza Università a Casa Caprotti-Zavaritt – Gorle (Bg) – 24.11.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Salone Cascina Ca’ de’ Volpi – Cisano Bergamasco (Bg) – 11.11.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Sala Lama – Camera del Lavoro Bergamo – 08.11.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Terza Università a Casa Caprotti-Zavaritt – Gorle (Bg) – 03.11.2005

Anni ’60
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Salone Cascina Ca’ di Volpi – Cisano Bergamasco (Bg) – 28.10.2005

Anni ’60
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Sala Lama – Camera del Lavoro – Bergamo – 11.10.2005

Anni ’60
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Terza Università a Casa Caprotti-Zavaritt – Gorle (Bg) – 06.10.2005

Canzoni per decenni
Lezione-concerto del ciclo “Storia della canzone italiana”
Il Caffè Letterario – Bergamo – 30.05.2005

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto nell’ambito della rassegna “Parole e Musiche”
Salone Biblioteca Comunale – Cassano d’Adda (Mi) – 15.05.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto
Centro Studi Cinematografici – Bergamo – 22.04.2005

Anni ’60
Lezione-concerto del ciclo “Storia della canzone italiana”
Il Caffè Letterario – Bergamo – 18.04.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto nell’ambito della rassegna “Parole e Musiche”
Salone Biblioteca Comunale – Cassano d’Adda (Mi) – 17.04.2005

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto del ciclo “Storia della canzone italiana”
Il Caffè Letterario – Bergamo – 04.04.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto del ciclo “Storia della canzone italiana”
Il Caffè Letterario – Bergamo – 28.02.2005

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto
Aula Magna Liceo classico “P. Sarpi” – Bergamo – 21.02.2005

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto del ciclo “Storia della canzone italiana”
Il Caffè Letterario – Bergamo – 31.01.2005

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto a conclusione del corso “La chiamavano Bocca di Rosa” per T.U.
Auditorium “E. de Amicis” – Clusone (Bg) – 16.12.2004

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto di inaugurazione anno accademico Terza Università di Bergamo
Auditorium Piazza della Libertà – Bergamo – 16.09.2004

L’immagine della donna nella canzone italiana: “Ma che musica maestro!”
Lezione-concerto per l’Associazione culturale “Luna d’agosto” e per il “Comitato di quartiere di Zerman”
Centro Polivalente Zerman – Zerman di Mogliano Veneto (Tv) – 10.09.2004

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto pilota per il Centro Culturale “Marocco di Mogliano Veneto”.
Centro Scolastico Marocco – Mogliano Veneto (TV) – 26.08.2004

PRESENTAZIONI

“Saggi Pop” (Marna 2018).
Presentazione libro. Dialoga con l’autore Riccardo Santangelo.
A.D.A.F.A, Cremona
13 novembre 2018

 “Saggi Pop” (Marna 2018).
Presentazione libro. Dialoga con l’autore Laura Moro.
Libreria IBS-LIBRACCIO, Bergamo
19 ottobre 2018

 “Saggi Pop” (Marna 2018).
Presentazione libro. Dialogano con l’autore Angela Vitullo e Donato Zoppo.
Borghi della Lettura-Comune di Montagano (CB)
22 settembre 2018

 “Saggi Pop” (Marna 2018).
Presentazione libro. Dialogano con l’autore Elide Apice e Donato Zoppo.
Libreria Masone-Alisei, Benevento
21 settembre 2018

 “Saggi Pop” (Marna 2018).
Presentazione libro. Dialoga con l’autore Antonio Falcone.
Lido Nosside, Locri (RC),
3 agosto 2018

 “Saggi Pop” (Marna 2018),
Presentazione libro. Dialoga con l’autore Donato Zoppo.
FIM – Fiera Internazionale della Musica, Milano,
3 giugno 2018

 “Saggi Pop” (Marna 2018).
Presentazione libro. Dialoga con l’autore Chiara Buratti.
Fiera dei Librai di Bergamo,
4 maggio 2018

 “Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro.
Atelier “Aldo Coppola” by Vittorio, Mantova,
6 settembre 2017

 “Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro. Introducono Nicola Monteleone, Carmelita Mittoro Cilea, Maria Antonella Gozzi.
Archeoclub Locri/ Corte del Palazzo di Città, Locri (RC),
31 luglio 2017

 “E ti vengo a cercare”.
Lezione concerto con gli studenti. Introduce Laura Moro.
Auditorium Liceo Mascheroni, Bergamo,
5 maggio 2017

 “Viaggio nella canzone italiana”.
Incontro Studenti Interscambio Poznan,
Aula Magna Liceo Mascheroni, Bergamo,
8 aprile 2017

 “Viva l’Italia”.
Lezione concerto con gli studenti.
Auditorium Liceo Mascheroni, Bergamo,
14 gennaio 2017

“Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro. Dialoga con l’autore Athos Enrile.
Libreria Ubik, Savona,
18 novembre 2016 

“Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro. Dialoga con l’autore Donato Zoppo.
Libreria Cibrario, Acqui Terme (AL),
28 ottobre 2016

“Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro. Introduce Maurizio Zavaglia, dialoga con l’autore Antonio Falcone.
Palazzo Amaduri, Gioiosa Ionica (RC),
8 agosto 2016

“Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro. Saluti Ass. Cultura Anna Sofia, modera Ugo Mollica, introducono Pina Cappelleri e Beatrice Bumbaca.
Sala Consiliare Comunale, Locri (RC),
4 agosto 2016

 “Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro. Dialoga con l’autore Marcella Rossoni.
Cultural’mente Covo Festival, Covo (BG),
12 giugno 2016

 “Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro. Dialoga con l’autore Laura Moro.
Fiera dei  Librai, Bergamo,
28 aprile 2016

“Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro. Dialoga con l’autore Donato Zoppo.
IBS Bookshop, Bergamo,
9 marzo 2016

“Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro. Introduce Ass. Cultura Dina Camerlengo, dialoga con l’autore Donato Zoppo.
Auditorium Cilindro Nero, San Giorgio del Sannio (BN),
30 gennaio 2016

“Varietà” (Marna 2016).
Presentazione libro. Introduce Felice Casucci, dialoga con l’autore Donato Zoppo.
Fondazione Romano, Telese Terme (BN),
29 gennaio 2016

“Effatà” (Marna 2015).
Presentazione libro. Introducono Laura Moro e Ileana Maria Paloschi.
IBS Bookshop, Bergamo,
23 aprile 2015

“Talent. Talk, reality… Saranno famosi?”.
Corso elettivo.
Autogestione Liceo Mascheroni, Bergamo,
18 marzo 2015

“Hasta Siempre”.
Lezione-concerto per il decennale con presentazione chiavetta USB “Una notte in Italia”.
Auditorium Liceo Mascheroni, Bergamo,
20 dicembre 2014

“Per una ermeneutica diacronica del femminile nella canzone popolare italiana dagli anni ’50 ad oggi”.
Intervento Tavola Rotonda “Le donne nella musica oggi tra emancipazione e mercificazione”/ Il tempo delle donne RCS. Modera Sabrina Astolfi, intervengono Maria Sara Cetraro e Roberta Carrieri.
Carroponte Sesto San Giovanni (MI),
21 settembre 2014

“Il giardino di mia madre e altri luoghi”.
Inaugurazione Mostra Fotografica. Introduce Dario Di Meglio.
Hotel Parco Conte, Casamicciola Terme, Ischia,
24-30 luglio 2014

“Hasta Siempre”.
Lezione-concerto per il decennale.
“Noesis”, Auditorium della Provincia, Bergamo,
29 aprile 2014

“Hasta Siempre”.
Lezione-concerto per il decennale.
Auditorium Comunale, Zanica (BG),
12 aprile 2014

“Stella Polare”.
Presentazione libro. Introduce Irene Kalb.
Libreria Feltrinelli, Bergamo,
27 marzo 2014

“Il giardino di mia madre” e “Stella Polare”.
Presentazione libro e inaugurazione mostra. Introduce Jolanda Morgese.
Biblioteca Caversazzi, Bergamo,
15 febbraio 2014

“Stella Polare”.
Presentazione libro. Introducono Ennio Facchetti e Giovanbattista Paninforni.
Libreria Mondadori, Bergamo,
11 dicembre 2013

“Stella Polare”.
Presentazione libro. Introduce Giovanbattista Paninforni.
“Noesis”, Auditorium della Provincia, Bergamo,
10 dicembre 2013

“Il giardino di mia madre e altri luoghi”.
Inaugurazione Mostra. Intervengono Lidia Zitara e Antonio Falcone.
Sala Calliope, Libreria Mondadori,  Siderno (RC),
7-13 agosto 2013

“Viaggio nella canzone italiana”.
Incontro Studenti Interscambio Cracovia.
Aula Magna, Liceo Mascheroni, Bergamo,
12 aprile 2013 

“Il giardino di mia madre e altri luoghi”.
Inaugurazione Mostra.
Palazzo Berva, Cassano d’Adda (MI),
16 marzo-1 aprile 2013

“Il giardino di mia madre e altri luoghi”.
Inaugurazione Mostra.
Sala SS. Filippo e Giacomo, Brescia,
3-13 gennaio 2013

“Working Class”.
Presentazione Cofanetto Dvd a conclusione laboratorio didattico.
Liceo Mascheroni, Bergamo,
22 dicembre 2012

“Il sacro e il popular fra tradizione ed eversione nel tempo del pensiero debole”
Conferenza e presentazione del libro “I trascendentali traditi” (Velar). Dialogano con l’autore Antonio Falcone e Rossella Scherl.
Sala Calliope, Libreria Mondadori, Siderno (RC.),
8 agosto 2012

“Working Class”.

Lezioni-concerto dal territorio al web (www.claudiosottocornola-claude.com; www.cld-claudeproductions.com)
dal 31 Luglio 2012       Immagine della donna nella canzone
dal 30 Giugno 2012     Cantautori
dal 31 Maggio 2012     Anni ’60
dal 30 Aprile 2012      Decenni
dal 31 Marzo 2012      Teen-Agers di Ieri e di Oggi

“Da ‘Eighties’ (1981) a ‘I trascendentali traditi’ (2011): un viaggio esistenziale nella presente assenza del senso”.
Presentazione libro e conversazione. Dialoga con l’autore Donato
Zoppo.

Sala AXA, Palladino Company, Campobasso,
21 gennaio 2012

“Da ‘Eighties’ (1981) a ‘I trascendentali traditi’ (2011): un viaggio esistenziale nella presente assenza del senso”.
Presentazione libro e inaugurazione mostra. Dialoga con l’autore Donato Zoppo.
Libreria Luidig, Palazzo Collenea, Benevento
20 gennaio 2012

“I trascendentali traditi”.
Presentazione libro. Introduce Agata Salamone, dialoga con l’autore Alessia Biasiolo.
Libreria Buona Stampa, Bergamo,
16 dicembre 2011

Una notte in Italia (per celebrare l’anniversario dell’unificazione)
“Miss(ing) Italia” – L’evoluzione dell’immagine femminile nella canzone italiana
Lezione-concerto
Auditorium del Liceo “L. Mascheroni” – Bergamo
6 dicembre 2011

Presentazione della trilogia “Il pane e i pesci”, inaugurazione mostra ”80’s/Eighties (laudes creaturarum ’81)” e lezione-concerto sulla canzone d’autore,
Introduce Rossella Scherl e dialoga con l’autore Antonio Falcone
Sala Calliope, Libreria Mondadori – Siderno (RC)
5 agosto 2011

Il pane e i pesci
Presentazione della trilogia,
Introduce e dialoga con l’autore: Alessia Biasiolo
Libreria Buona Stampa – Bergamo
15 aprile 2011

Una notte in Italia (per celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale):
“L’immagine della donna nella canzone italiana”,
in occasione della Festa della Donna,
Lezione-concerto
Auditorium della Provincia – Bergamo
8 marzo 2011

Una notte in Italia (per celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale):
“La chiamavano Bocca di Rosa”, Teen-agers e canzone d’autore
Lezione–concerto
Auditorium del Liceo “L. Mascheroni” – Bergamo
18 febbraio 2011

Una notte in Italia (per celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale):
“I cantautori”
Lezione-concerto
Auditorium della Provincia – Bergamo
8 febbraio 2011

Una notte in Italia ( per celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale):
“Anni ‘60”
Lezione-concerto
Auditorium della Provincia – Bergamo
11 Gennaio 2011

Il pane e i pesci
Presentazione della trilogia con elevazione musicale.
Ex-chiesa di San Sisto in Colognola
17 dicembre 2010

Il giardino di mia madre e altri luoghi
Mostra fotografica.
Centro “Don Milani” – Zanica
23 ottobre – 7 novembre 2010

Nugae, nugellae, lampi (reading di poesie) e presentazione “The gift”
con dvd ed estratto mostra “Il giardino di mia madre e altri luoghi”,
Biblio-Mediateca “Armando La Torre”, Siderno (RC)
12 luglio 2010

Il giardino di mia madre e altri luoghi
Mostra fotografica.
Ex chiesa di S. Sisto in Colognola
28 maggio – 13 giugno 2010

Nugae, nugellae, lampi – Quaderno di liceo
Presentazione “Nugae, nugellae, lampi – Quaderno di liceo.
Biblioteca Tiraboschi – Bergamo – 6.5.2010

Quaderno di liceo
(Il n’avait pas que dix-huit ans…)
Recital di presentazione “Nugae, nugellae, lampi (Quaderno di liceo)”, poesie, interpretazioni d’autore e immagini-live, un “ritorno al futuro” alla ricerca del mythos fondativo. Introduce Prof. Caterina Bubba.
Il Caffè Letterario – Bergamo – 9.12.2009

Presentazione del libro “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi” e del CD “L’appuntamento/collection”
Reading di poesie e conferenza dell’autore. Relatori prof. Pina Cappelleri e prof. Ugo Mollica.
Biblio-Mediateca “Armando La Torre”, Siderno (RC) – 30.07.2009

Lezione inaugurale della Mostra Fotografica e Monumentale su Massimo Troisi organizzata da Epizephiry International Film Festival, Comune di Locri, Cinema Vittoria (Locri).
“Maschera, ruolo, interpretazione. Per una lettura della contemporaneità tra filosofia, letteratura e spettacolo”.
Corte di Palazzo di Città – Locri (RC) – 29.07.2009

Conferenza inaugurale del Premio Letterario “Il Bosco in Poesia”
“Filosofia dell’Oggi e Musica della Poesia”. Introduce Alessia Biasiolo.
Bosco delLusignolo, San Gervasio Bresciano (BS) – 9.05.2009

Pop Dialogos & Music
Estratto dal recital di presentazione di “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi” e del CD “L’appuntamento/collection”, “I migliori anni della nostra vita”. Reading di poesie e canzoni d’autore “live”, nell’ambito della manifestazione “Musica e Parole – Alfabeto minimo: 7 note e 21 lettere”, organizzato da Musica Libera nell’ambito del Progetto Ricrerock, in collaborazione con i Poli di Aggregazione Giovanile del Comune di Trieste (Area Educazione Università e Ricerca, Servizi Educativi Integrativi per l’Infanzia, i Giovani e la Famiglia) e Synpress 44.
Polo di Aggregazione Giovanile “E. Toti”, San Giusto-Trieste – 7.05.2009

I migliori anni della nostra vita
Recital di presentazione “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi”, reading di poesie e lezione-concerto per una storia d’Italia dagli anni ’60 ad oggi. Nell’ambito della settimana europea di incontri, di cultura ed educazione “Mille e una Europa”, XXIIIª edizione, incontro con studenti e docenti slovacchi del Liceo Linguistico di Bratislava.
Centro Didattico Produzione Musica, Bergamo – 6.03.2009

I migliori anni della nostra vita
Recital di presentazione “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi”, reading di poesie e canzoni d’autore-live: per una storia d’Italia dagli anni ’60 ad oggi. Nell’ambito della giornata di Cogestione dell’Istituto con gli studenti.
Aula Magna Liceo “L. Mascheroni” – Bergamo – 13.02.2009

Pop Dialogs & Music
Presentazione “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi” ed estratto “live” da “I migliori anni della nostra vita”. Intervista Donato Zoppo.
Il Caffè Letterario – Bergamo – 18.12.2008

Pop Dialogs & Music
Presentazione “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi” e del cd allegato “L’appuntamento/collection”.
Frizzi e Lazzi – Milano – 16.12.2008

I migliori anni della nostra vita
Recital di presentazione “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi”, reading di poesie e canzoni d’autore “live”.
Sala Consiliare Palazzo Comunale – Trescore Balneario (Bg) – 24.09.2008

I migliori anni della nostra vita
Recital di presentazione “Giovinezza… addio. Diario di fine ’900 in versi” e reading di poesie.
Sala Consiliare Palazzo Nieddu – Locri (RC) – 26.07.2008

I migliori anni della nostra vita
Recital di presentazione “Giovinezza… addio. Diario di fine ’900 in versi”, reading di poesie e canzoni d’autore “live”.
Piazza Giovanni XXIII – Monasterolo del Castello (Bg) – 28.06.2008

Presentazione del libro “Giovinezza… addio. Diario di fine ’900 in versi” e reading di poesie, con estratto della mostra “80′s/Eighties (laudes creaturarum ’81).
Centro San Bartolomeo – Bergamo – 26.06.2008

I migliori anni della nostra vita
Recital e presentazione ufficiale del libro “Giovinezza… addio. Diario di fine ’900 in versi”.
Aula Magna Liceo “L. Mascheroni” – Bergamo – 29.04.2008

Passato / Presente
Lezione-concerto del ciclo “La lunga estate degli anni ’60″: canzoni, generi, autori degli anni ’60 e di oggi – a confronto.
Sala Lama – Camera del Lavoro – Bergamo – 15.02.2008

Adorable Sixties
Lezione-concerto del ciclo “La lunga estate degli anni ’60″: le hit del mitico decennio.
Sala Lama – Camera del Lavoro – Bergamo – 18.01.2008

Anteprima
Inaugurazione mostra “Anteprima – 80′s/Eighties (laudes creaturarum ’81)” dal 26 ottobre al 30 novembre 2007 presso la Camera del Lavoro di Bergamo e presentazione del catalogo “Anteprima”: reading di poesie e canzoni d’autore “live”.
Sala Lama – Camera del Lavoro – Bergamo – 26.10.2007

80′s/Eighties (laudes creaturarum ’81)
Inaugurazione mostra “’80′/Eighties (laudes creaturarum ’81)” e presentazione del dvd multimediale/catalogo: parole, musica e immagini.
Il Caffè Letterario – Bergamo – 09.06.2007

Pastiches 3
Lezione-concerto.
Hemingway Cafè – Bergamo – 16.03.2007

Pastiches 2
Lezione-concerto.
Libreria Fabula – Bergamo – 16.02.2007

Pastiches 1
Lezione-concerto.
Libreria Fabula – Bergamo – 19.01.2007

Presentazione e proiezione del dvd musicale “L’appuntamento/the video”: concerto virtuale
Estratto del lavoro in sala di registrazione relativo agli “studi” della trilogia “L’appuntamento”.
Musei Privati – Bergamo – 17.12.2006

Presentazione e proiezione del dvd musicale “L’appuntamento/the video”: concerto virtuale
Nell’ambito della mostra “Gioielli in famiglia”: il tempo della musica, il tempo dell’immagine, il tempo della contemporaneità…
MAT: Museo Arte e Tempo – Clusone (Bg) – 16.12.2006

Presentazione ufficiale e proiezione del dvd musicale “L’appuntamento/the video”: concerto virtuale
Estratto del lavoro in sala di registrazione relativo agli “studi” della trilogia “L’appuntamento”.
Libreria Fabula – Bergamo – 18.11.2006

Remember me?
Lezione-concerto per reunion AFSers ’75-’76.
Villa Casagrande – Figline Valdarno (Fi) – 14.10.2006

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto. Festa di fine anno accademico Terza Università Valgandino.
Teatro circolo Fratellanza – Casnigo (Bg) – 08.05.2006

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto
Centro Sociale – Mogliano Veneto (Tv) – 05.05.2006

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto
Centro Sociale – Mogliano Veneto (Tv) – 17.03.2006

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto per la Festa della Donna
Sala Civica “Arch. Stefano Longhi” – Villa d’Adda (Bg) – 08.03.2006

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Sala Consiliare – Sotto il Monte (Bg) – 03.03.2006

Canzoni per decenni
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Sala Lama – Camera del Lavoro Bergamo – 07.02.2006

Canzoni per decenni
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Sala Consiliare – Sotto il Monte (Bg) – 02.02.2006

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Sala Bernareggi – Collegio S. Alessandro – Bergamo – 17.01.2006

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Sala Consiliare – Sotto il Monte (Bg) – 12.01.2006

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Sala Lama- Camera del Lavoro – Bergamo – 09.12.2005

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Terza Università a Casa Caprotti-Zavaritt – Gorle (Bg) – 24.11.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Salone Cascina Ca’ de’ Volpi – Cisano Bergamasco (Bg) – 11.11.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Sala Lama – Camera del Lavoro Bergamo – 08.11.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Terza Università a Casa Caprotti-Zavaritt – Gorle (Bg) – 03.11.2005

Anni ’60
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Salone Cascina Ca’ di Volpi – Cisano Bergamasco (Bg) – 28.10.2005

Presentazione al pubblico della trilogia “L’appuntamento”
3 cd di studi sulla canzone in Italia registrati fra il 1994 e il 2001
Dentico Dischi – Bergamo – 26.10.2005

Anni ’60
Lezione-concerto del ciclo “Mi ritorni in mente”
Sala Lama – Camera del Lavoro – Bergamo – 11.10.2005

Anni ’60
Lezione-concerto del ciclo “La chiamavano Bocca di Rosa”
Terza Università a Casa Caprotti-Zavaritt – Gorle (Bg) – 06.10.2005

Canzoni per decenni
Lezione-concerto del ciclo “Storia della canzone italiana”
Il Caffè Letterario – Bergamo – 30.05.2005

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto nell’ambito della rassegna “Parole e Musiche”
Salone Biblioteca Comunale – Cassano d’Adda (Mi) – 15.05.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto
Centro Studi Cinematografici – Bergamo – 22.04.2005

Anni ’60
Lezione-concerto del ciclo “Storia della canzone italiana”
Il Caffè Letterario – Bergamo – 18.04.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto nell’ambito della rassegna “Parole e Musiche”
Salone Biblioteca Comunale – Cassano d’Adda (Mi) – 17.04.2005

Teen-Agers di ieri e di oggi
Lezione-concerto del ciclo “Storia della canzone italiana”
Il Caffè Letterario – Bergamo – 04.04.2005

La canzone d’autore in Italia
Lezione-concerto del ciclo “Storia della canzone italiana”
Il Caffè Letterario – Bergamo – 28.02.2005

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto
Aula Magna Liceo classico “P. Sarpi” – Bergamo – 21.02.2005

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto del ciclo “Storia della canzone italiana”
Il Caffè Letterario – Bergamo – 31.01.2005

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto a conclusione del corso “La chiamavano Bocca di Rosa” per T.U.
Auditorium “E. de Amicis” – Clusone (Bg) – 16.12.2004

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto di inaugurazione anno accademico Terza Università di Bergamo
Auditorium Piazza della Libertà – Bergamo – 16.09.2004

L’immagine della donna nella canzone italiana: “Ma che musica maestro!”
Lezione-concerto per l’Associazione culturale “Luna d’agosto” e per il “Comitato di quartiere di Zerman”
Centro Polivalente Zerman – Zerman di Mogliano Veneto (Tv) – 10.09.2004

L’immagine della donna nella canzone italiana
Lezione-concerto pilota per il Centro Culturale “Marocco di Mogliano Veneto”.
Centro Scolastico Marocco – Mogliano Veneto (TV) – 26.08.2004

MULTIMEDIA

MUSICA

Bootleg, Ed. CLD, 2017-oggi (opera web in fieri, Canale You tube CLDclaudeproductions) :
Lezione-concerto 1 – E ti vengo a cercare
Lezione-concerto 2 – Viva l’Italia
Lezione-concerto 3 – Hasta Siempre (Noesis)
Lezione-concerto 4 – Hasta Siempre (Zanica)
Lezione-concerto 5 – Hasta Siempre (Mascheroni)
Lezione-concerto 6 – Pop Dialogos and Music
Lezione-concerto 7 – Quaderno di liceo
Lezione-concerto 8 – Autogestione Mascheroni 2010
Lezione-concerto 9 – Auditorium San Sisto in Colognola (BG)
Lezione-concerto 10 – Centro Don Milani di Zanica (BG)  

 Una notte in Italia, Ed. CLD, 2014 (raccolta di lezioni- concerto e contenuti speciali su chiavetta USB) :
Lezione-concerto 1 – Adorable Sixties
Lezione-concerto 2 – La chiamavano Bocca di Rosa
Lezione-concerto 3 – Miss(ing) Italia


Working Class, Ed CLD, 2012 (raccolta di lezioni-concerto dal 2004 al 2012 in 5 dvd) :

Dvd 1 – Teen-agers di ieri e di oggi

Dvd 2 – Decenni

Dvd 3 – Anni ’60

Dvd 4 – Cantautori

Dvd 5 – Immagine della donna e canzone

L’appuntamento/collection  (Ed.CLD), allegato a Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi, Ed. Velar, 2008

L’appuntamento/ the video, Ed. CLD, 2006 (dvd di studi musicali)

L’appuntamento 3 (Ma l’amore no: quaderno delle origini), Ed. CLD, 2005 (cd di studi musicali)

L’appuntamento 2 (i classici…), Ed. CLD, 2005 (cd di studi musicali)

L’appuntamento 2 (i classici…), Ed. CLD, 2005 (cd di studi musicali)
OPERE VISIVE

Pop Ideas (disegni pop), in Saggi Pop, Ed. Marna, 2018 (tavole),
e in www.claudiosottocornola-claude.com (tavole e slide-show)

Il giardino di mia madre e altri luoghi, Ed. CLD, 2010 (dvd, opera multimediale)
e in Nugae, nugellae, lampi. Quaderno di liceo, Ed. Velar, 2009

Eighties/laudes creaturarum ’81, Ed. CLD, 2007 (dvd, opera multimediale)

LIBRI

01_turn_of_the_century
Turn of the Century, Editura PIM, 2018
(poesie, silloge bilingue italiano-inglese)

Saggi Pop,
Ed. Marna, 2018
(saggistica, opera transmediale)

Fin de siècle, Editura PIM, 2017
(poesie, silloge bilingue italiano-francese) .

Fin de siglo, Editura PIM,  2016
(poesie, silloge bilingue italiano-spagnolo) .

Varietà, Ed. Marna, 2016
(interviste e medaglioni giornalistici)

Sfârşit de secol, Editura PIM, 2015
(poesie, silloge bilingue italiano-rumeno)

Effatà, Ed. Marna, 2015
(saggistica) .

Stella Polare, Ed. Marna, 2013
(saggistica) .
09_copertina-i-trascendentali-traditi_200
I trascendentali traditi, Ed. Velar, 2011
(pamphlet)
10_box-il-pane-e-i-pesci_200
Il pane e i pesci, Ed. Velar, 2010
(4 voll., saggistica) :
11_pane-pesci-volume-0_200
a) My status quaestionis 2010
12_pane-pesci-volume-1_200
b) La spiritualità eucaristica di Charles de Foucauld nella sua vita
13_pane-pesci-volume-2_200
c) Scritti cristiani per la gente di Colognola
14_pane-pesci-volume-3_200
d) Scritti spirituali giovanili, citazioni, appunti, aforismi

The gift, Ed. CLD, 2010
(saggistica)
16_nugae-frontale_200
Nugae, nugellae, lampi.
Quaderno di liceo, Ed. Velar, 2009 (poesia)

Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi, Ed. Velar, 2008
(poesia)
18_anteprima_200
Anteprima, Ed. Lavorodopo, 2007
(poesie e collage)

Fotogallery Lido Nosside di Locri

visual_lite

Fotogallery LIbreria Masone-Alisei di Benevento

visual_lite

Fotogallery Comune di Montagano (CB)

visual_lite

Fotogallery A.D.A.F.A.-Cremona

visual_lite

Fotogallery IBS-LIbraccio di Bergamo

visual_lite

“Bootleg” di dicembre propone i “Saggi Pop”
alla IBS-Libraccio di Bergamo

L’appuntamento “Bootleg” di dicembre propone la presentazione del volume “Saggi Pop” (Marna, 2018), avvenuta venerdì 19 ottobre 2018, alle ore 17.30, presso la Libreria IBS-Libraccio di Bergamo. Il volume raccoglie 18 saggi pubblicati in precedenza dall’autore su varie riviste e qui riproposti nella loro versione integrale, interviste, lezioni-concerto e disegni pop, configurandosi come un viaggio nella cultura popular italiana, con forti riferimenti al mondo anglosassone, fra musica, cinema, moda, televisione, controculture, arte visiva, nuove filosofie e spiritualità. La docente di Lingua e Letteratura inglese Laura Moro dialoga con l’autore, che si sofferma in particolare sui temi della contemporanea crisi di civiltà e sulle mutazioni profonde che la categoria del pop va attraversando in questo scorcio di nuovo millennio.

Sottocornola a Radio Atlanta

logo_milleeunanota

In diretta telefonica: Claudio Sottocornola ci presenterà il suo libro “Saggi Pop”.

Ascolta l’intervista Radio Atlanta, dal 34° minuto.

I “Saggi Pop” in tournée…

visual_liteFotogallery IBS-LIbraccio di Bergamo
- L’Eco di Bergamo
- Bergamonews
- Bergamo Avvenimenti
- Radio Atlanta
Visualizza la Fotogallery dell’evento –>

 

visual_liteFotogallery A.D.A.F.A.-Cremona
- WelfareNetwork
- A.D.A.F.A.
- Synpress 44
Visualizza la Fotogallery dell’evento –>

 

visual_liteFotogallery Comune di Montagano (CB)
- Molisenews
- Moliseweb
- Molisenetwork
- Notizie Molise
Visualizza la Fotogallery dell’evento –>

 

visual_liteFotogallery LIbreria Masone-Alisei di Benevento
- LabTv
- Napoliflash
- InfoSannio
- Beneventoforum
- Gazzetta di Benevento
- Anteprima24
-
Cronache della Campania
- Il Vaglio
- Teatri e culture
Visualizza la Fotogallery dell’evento –>

 

visual_liteFotogallery Lido Nosside di Locri
- Sunset Boulevard
- Zattera del pensiero
- Apostrofi a Sud
- Ciavula
- Strettoweb
- Strettoweb
- Lentelocale
- Il Dispaccio
- Strill.it
- Telemia
- Telemia
Visualizza la Fotogallery dell’evento –>

Sottocornola presenta “Saggi Pop” a Cremona,
presso Casa Sperlari, nel ciclo di incontri A.D.A.F.A.

adafa-invito-13-novembre-2018Martedì 13 novembre il filosofo del pop presenta in Casa Sperlari nel ciclo degli incontri A.D.A.F.A. il nuovo libro ‘Saggi Pop’, un lungo e appassionato viaggio nella cultura pop tra interviste, approfondimenti e disegni
“L’effimero essenziale alla vita”: Claudio Sottocornola a Cremona!

(altro…)

Sottocornola alla libreria IBS+Libraccio di Bergamo

1_invito_saggi_pop_lite

Venerdì 19 ottobre il filosofo del pop presenta alla Libreria IBS+Libraccio il nuovo libro ‘Saggi Pop’, un lungo e appassionato viaggio nella cultura pop tra interviste, approfondimenti e disegni

“L’effimero essenziale alla vita”: Claudio Sottocornola a Bergamo!

IBS+LIBRACCIO BERGAMO
è lieta di presentare:

Claudio Sottocornola
SAGGI POP

Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo
(Marna, 2018)

Venerdì 19 ottobre 2018 ore 17.30
Libreria IBS-Libraccio
Via XX Settembre, 93
Bergamo

Dialoga con l’autore Laura Moro

Venerdì 19 ottobre Claudio Sottocornola torna nella sua Bergamo dopo il successo dei due recenti eventi in Campania e Molise. Alla Libreria IBS+Libraccio in Via XX settembre, il “filosofo del pop” presenta il suo ultimo lavoro SAGGI POP. Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo, pubblicato da Marna e apprezzato dalla critica, come dimostrano le recentissime recensioni su Blow Up, Leggere Tutti e BlogFoolk. Dialoga con l’autore Laura Moro.

(altro…)

L’effimero essenziale alla vita: CLAUDIO SOTTOCORNOLA a Bergamo!
synpress44.blogspot.com

Chi va con lo Zoppo… non perde CLAUDIO SOTTOCORNOLA a Bergamo il 19 ottobre
it.paperblog.com

“Bootleg” propone per il mese di ottobre un prezioso flash back: “Stand by me”, la lezione concerto con cui il 23 ottobre 2010 Claudio Sottocornola inaugura la mostra “Il giardino di mia madre e altri luoghi” presso il Centro Don Milani di Zanica (BG)

“Bootleg” di ottobre propone “Stand by me”, lezione concerto inaugurale della mostra fotografica itinerante “Il giardino di mia madre e altri luoghi”, tenuta il 23 ottobre 2010, presso il Centro Don Milani di Zanica (BG), che ha toccato varie città italiane. La mostra intende ricordare la madre dell’autore, di cui ricorre quest’anno il quindicesimo anniversario della scomparsa, in una forma universale e poetica, attraverso le immagini di un giardino, simbolo della cura che dai luoghi del mondo può estendersi alle persone e alle relazioni. La presentazione di Sottocornola, introdotta dall’Assessore alla Cultura del Comune di Zanica, Bruno Brolis, e dal giornalista musicale Donato Zoppo, si struttura come una lezione-concerto con brani-simbolo della canzone italiana e non solo, alternati a reading di poesie dell’autore, pubblicate in “Giovinezza… addio. Diario di fine ’900 in versi” e “Nugae, nugellae, lampi. Quaderno di liceo” (Velar, 2008-2009). Da “La notte dell’addio” a “Fortissimo”, da “La stagione dell’amore” a “Stand by me”, si snoda nel corso del live un avvincente percorso fra storia personale e dimensione pubblica, che ridisegna l’evoluzione del nostro sentire collettivo attraverso un percorso fra musica e poesia, nel ricordo della madre scomparsa. Le riprese audio e video ambientali conservano grezzature che rendono l’evento ancor più suggestivo, restituendone il sapore al contempo introspettivo e on the road.

Continua a leggere –>

Sabato 22 settembre il filosofo lombardo torna in Molise con il nuovo libro ‘Saggi Pop’, un lungo e appassionato viaggio nella cultura pop tra interviste, approfondimenti e disegni. Partecipano Angela Vitullo e Donato Zoppo
“L’effimero essenziale alla vita”: Claudio Sottocornola a Montagano!

COMUNE DI MONTAGANO
e
BORGHI DELLA LETTURA
sono lieti di presentare:

Claudio Sottocornola
SAGGI POP
Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo
(Marna, 2018)

Sabato 22 settembre 2018
ore 17.30
Sala Consiliare
Corso Umberto I, 36
Montagano (CB)

Conversano con l’autore
Angela Vitullo e Donato Zoppo

Una imperdibile conversazione pop: sabato 22 settembre nella Sala Consiliare del Comune di Montagano(CB) Claudio Sottocornola presenta il nuovo libro SAGGI POP. Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo, pubblicato da Marna. Nel suo ritorno in terra molisana a sei anni di distanza dall’ultima presentazione a Campobasso, il “filosofo del pop” bergamasco dialogherà con la prof.ssa Angela Vitullo (Borghi della Lettura – Montagano) e il giornalista Donato Zoppo.

“Più ci dirigevamo a ovest più sull’autostrada ogni cosa appariva pop. Improvvisamente sentivamo di far parte di qualcosa, perché anche se il pop era ovunque, per noi era la nuova arte. Una volta che diventavi pop non potevi più guardare un’insegna allo stesso modo. Una volta che pensavi pop non vedevi più l’America come prima”. La riflessione di Andy Warhol sul pop ispira una delle numerose direzioni intraprese da Claudio Sottocornola nel suo nuovissimo SAGGI POPSaggi Pop esce a due anni dal fortunato Varietà, che ha raccolto numerose interviste ai grandi dello spettacolo e della cultura realizzate nel corso degli anni ’90 dal filosofo del pop, lavoro che ha segnato un momento importante nella vicenda del professore, sempre operativo nella confluenza dialettica tra varie aree del sapere.

Da Nilla Pizzi a Marco Mengoni, da Abramo a Malcolm X, da Socrate a Bauman, Claudio Sottocornola suggerisce numerosi spunti in un nuovo viaggio fra musica, cinema, mode, televisione, controculture e spiritualità: un grande affresco del ’900 sino al nuovo millennio, in un affascinante percorso interdisciplinare e transmedialeSaggi Pop approfondisce – con il punto di vista ermeneutico che caratterizza il filosofo – una parte importante, cruciale e decisiva quanto il sacro, l’immagine e lo stesso sapere teoretico, della lunga esperienza di Sottocornola. E’ una sosta nel mondo del pop, una fase di ulteriore analisi e approfondimento in quell’itinerario nella cultura popular che Sottocornola ha eletto ad ambito di speculazione prediletto, tanto da essere ribattezzato dalla critica “il filosofo del pop” per la qualità e la dedizione dei suoi studi. Studi che lo vedono ancora oggi appassionato divulgatore di una chiave di lettura ermeneutica, interprete e portavoce di una congiunzione tra i linguaggi di massa, i consumi culturali, l’elaborazione filosofica e i risvolti individuali, che egli amplia rendendoli universali. Saggi Pop, ricco di direzioni, spunti e tagli originali, si caratterizza per una spiccata ampiezza, utile sia a riassumere l’attività finora svolta dal filosofo, sia a anticipare risvolti futuri.

Il cuore di Saggi Pop è in prima battuta nel sottotitolo: Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo allude alla leggerezza della cultura pop ma anche alla sua essenzialità nella vita delle persone. E’ una chiave fondamentale per comprendere l’attività di Sottocornola, che usa strumenti ermeneutici “alti” per restituire al lettore e allo spettatore una materia che coinvolge sì le masse ma non per questo dozzinale, poco nobile o priva di interesse. La parte più densa dei Saggi Pop riguarda temi cari al filosofo, dall’ermeneutica filosofica della canzone pop, rock e d’autore alla rilettura della figura femminile nella canzone italiana, colta sia nella sua evoluzione storica dagli anni ’60 ad oggi, sia nell’approfondimento di singole figure, in un percorso da Wanda Osiris alle veline. Il divismo e il sacro sono ancora una volta rilevanti per l’autore, che riflette sul potere della televisione ma anche su itinerari legati al cinema, soffermandosi sul ruolo del linguaggio televisivo nell’epoca dei reality. La moda e la bellezza, la letteratura per ragazzi, le controculture ieri e oggi sono ulteriori argomenti che rilanciano la varietà dei Saggi Pop, arricchito da numerose interviste (pensiamo al rapporto tra sport, cibo, animali e canzone, oppure al Festival di Sanremo), da approfondimenti sui temi chiave delle popolari lezioni-concerto tenute dal professore (dai teenager alla crisi del sacro).

Saggi Pop ospita anche i contributi di giornalisti, sociologi, docenti, intellettuali che seguono con curiosità il percorso di Sottocornola. Pensiamo a Mario Bonanno, tra le penne più autorevoli nel campo della canzone d’autore (area che Sottocornola ha sempre osservato con interesse e spunti originali), il quale dichiara: “Se le parole contano ancora qualcosa, Claudio Sottocornola riconduce il pop al suo stato primigenio e virginale… restituendo la locuzione alle sue potenzialità smarrite”. Oppure Marco Bracci, sociologo della comunicazione attento al tema dell’identità nel rock, che sottolinea come Sottocornola riesca a indagare nella “complessità nascosta del pop” grazie ad una forma mentis e a un modulo operativo “transdisciplinare”, che confluisce in un “risultato variegato, multidimensionale, affascinante e stimolante dal punto di vista intellettuale”. In copertina la prima delle Pop Ideas, ovvero disegni realizzati proprio da Claudio Sottocornola, riportati per la prima volta in assoluto all’interno del libro: i volti di Rita Pavone, Johnny Hallyday, Ornella Vanoni o Shirley Bassey completano un percorso di analisi meticolosa del divismo, arrivando all’essenzialità grazie alla combinazione tra tratteggi e colori, che presentano un’ulteriore direzione inedita, come sempre accade nel mondo polimorfico di Sottocornola.

Ordinario di Filosofia e Storia a Bergamo, poeta, giornalista e scrittore, Claudio Sottocornola ha pubblicato saggi, opere poetiche, multimediali e musicali. Studioso del popular, tiene corsi presso la Terza Università di Bergamo, collabora con varie riviste e realizza ricerche di carattere interdisciplinare fra musica, filosofia e immagine, che propone a un pubblico trasversale attraverso le sue famose lezioni-concerto, nelle scuole, nei teatri e nei più svariati luoghi del quotidiano, che lo vedono in azione come eclettico performer. Si caratterizza per una forte attenzione alla categoria di “interpretazione”, alla cui luce indaga il mondo del contemporaneo, e per un approccio olistico e interdisciplinare al sapere.

 

Claudio Sottocornola:
http://www.claudiosottocornola-claude.com/

Synpress44 Ufficio stampa:
http://www.synpress44.com/

 

Venerdì 21 settembre il filosofo del pop torna a Benevento: appuntamento alla Libreria Masone con il nuovo libro ‘Saggi Pop’, un lungo e appassionato viaggio nella cultura pop tra interviste, approfondimenti e disegni
“L’effimero essenziale alla vita”: Claudio Sottocornola a Benevento!

LIBRERIA MASONE ALISEI
è lieta di presentare:

Claudio Sottocornola
SAGGI POP
Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo
(Marna, 2018)

Venerdì 21 settembre 2018
ore 19.00
Libreria Masone Alisei
Via dei Rettori 73F
Benevento

Modera l’incontro Elide Apice
Introduce Donato Zoppo

sarà presente l’autore

Venerdì 21 settembre Claudio Sottocornola torna a Benevento. Un imperdibile appuntamento con il “filosofo del pop”, che presenta alla Libreria indipendente Masone Alisei il nuovo libro SAGGI POP. Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo, pubblicato da Marna. Modera l’incontro la giornalista Elide Apice, intervento introduttivo di Donato Zoppo.

“Più ci dirigevamo a ovest più sull’autostrada ogni cosa appariva pop. Improvvisamente sentivamo di far parte di qualcosa, perché anche se il pop era ovunque, per noi era la nuova arte. Una volta che diventavi pop non potevi più guardare un’insegna allo stesso modo. Una volta che pensavi pop non vedevi più l’America come prima”. La riflessione di Andy Warhol sul pop ispira una delle numerose direzioni intraprese da Claudio Sottocornola nel suo nuovissimo SAGGI POPSaggi Pop esce a due anni dal fortunato Varietà, che ha raccolto numerose interviste ai grandi dello spettacolo e della cultura realizzate nel corso degli anni ’90 dal filosofo del pop, lavoro che ha segnato un momento importante nella vicenda del professore, sempre operativo nella confluenza dialettica tra varie aree del sapere.

Da Nilla Pizzi a Marco Mengoni, da Abramo a Malcolm X, da Socrate a Bauman, Claudio Sottocornola suggerisce numerosi spunti in un nuovo viaggio fra musica, cinema, mode, televisione, controculture e spiritualità: un grande affresco del ’900 sino al nuovo millennio, in un affascinante percorso interdisciplinare e transmedialeSaggi Pop approfondisce – con il punto di vista ermeneutico che caratterizza il filosofo – una parte importante, cruciale e decisiva quanto il sacro, l’immagine e lo stesso sapere teoretico, della lunga esperienza di Sottocornola. E’ una sosta nel mondo del pop, una fase di ulteriore analisi e approfondimento in quell’itinerario nella cultura popular che Sottocornola ha eletto ad ambito di speculazione prediletto, tanto da essere ribattezzato dalla critica “il filosofo del pop” per la qualità e la dedizione dei suoi studi. Studi che lo vedono ancora oggi appassionato divulgatore di una chiave di lettura ermeneutica, interprete e portavoce di una congiunzione tra i linguaggi di massa, i consumi culturali, l’elaborazione filosofica e i risvolti individuali, che egli amplia rendendoli universali. Saggi Pop, ricco di direzioni, spunti e tagli originali, si caratterizza per una spiccata ampiezza, utile sia a riassumere l’attività finora svolta dal filosofo, sia a anticipare risvolti futuri.

Il cuore di Saggi Pop è in prima battuta nel sottotitolo: Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo allude alla leggerezza della cultura pop ma anche alla sua essenzialità nella vita delle persone. E’ una chiave fondamentale per comprendere l’attività di Sottocornola, che usa strumenti ermeneutici “alti” per restituire al lettore e allo spettatore una materia che coinvolge sì le masse ma non per questo dozzinale, poco nobile o priva di interesse. La parte più densa dei Saggi Pop riguarda temi cari al filosofo, dall’ermeneutica filosofica della canzone pop, rock e d’autore alla rilettura della figura femminile nella canzone italiana, colta sia nella sua evoluzione storica dagli anni ’60 ad oggi, sia nell’approfondimento di singole figure, in un percorso da Wanda Osiris alle veline. Il divismo e il sacro sono ancora una volta rilevanti per l’autore, che riflette sul potere della televisione ma anche su itinerari legati al cinema, soffermandosi sul ruolo del linguaggio televisivo nell’epoca dei reality. La moda e la bellezza, la letteratura per ragazzi, le controculture ieri e oggi sono ulteriori argomenti che rilanciano la varietà dei Saggi Pop, arricchito da numerose interviste (pensiamo al rapporto tra sport, cibo, animali e canzone, oppure al Festival di Sanremo), da approfondimenti sui temi chiave delle popolari lezioni-concerto tenute dal professore (dai teenager alla crisi del sacro).

Saggi Pop ospita anche i contributi di giornalisti, sociologi, docenti, intellettuali che seguono con curiosità il percorso di Sottocornola. Pensiamo a Mario Bonanno, tra le penne più autorevoli nel campo della canzone d’autore (area che Sottocornola ha sempre osservato con interesse e spunti originali), il quale dichiara: “Se le parole contano ancora qualcosa, Claudio Sottocornola riconduce il pop al suo stato primigenio e virginale… restituendo la locuzione alle sue potenzialità smarrite”. Oppure Marco Bracci, sociologo della comunicazione attento al tema dell’identità nel rock, che sottolinea come Sottocornola riesca a indagare nella “complessità nascosta del pop” grazie ad una forma mentis e a un modulo operativo “transdisciplinare”, che confluisce in un “risultato variegato, multidimensionale, affascinante e stimolante dal punto di vista intellettuale”. In copertina la prima delle Pop Ideas, ovvero disegni realizzati proprio da Claudio Sottocornola, riportati per la prima volta in assoluto all’interno del libro: i volti di Rita Pavone, Johnny Hallyday, Ornella Vanoni o Shirley Bassey completano un percorso di analisi meticolosa del divismo, arrivando all’essenzialità grazie alla combinazione tra tratteggi e colori, che presentano un’ulteriore direzione inedita, come sempre accade nel mondo polimorfico di Sottocornola.

Ordinario di Filosofia e Storia a Bergamo, poeta, giornalista e scrittore, Claudio Sottocornola ha pubblicato saggi, opere poetiche, multimediali e musicali. Studioso del popular, tiene corsi presso la Terza Università di Bergamo, collabora con varie riviste e realizza ricerche di carattere interdisciplinare fra musica, filosofia e immagine, che propone a un pubblico trasversale attraverso le sue famose lezioni-concerto, nelle scuole, nei teatri e nei più svariati luoghi del quotidiano, che lo vedono in azione come eclettico performer. Si caratterizza per una forte attenzione alla categoria di “interpretazione”, alla cui luce indaga il mondo del contemporaneo, e per un approccio olistico e interdisciplinare al sapere.

Claudio Sottocornola:
http://www.claudiosottocornola-claude.com/

Libreria Masone:
https://libreriamasone.wordpress.com/

Synpress44 Ufficio stampa:
http://www.synpress44.com/

“L’effimero essenziale alla vita”: Claudio Sottocornola a Benevento e Montagano (CB)

saggi-pop-benevento-locandina_lite
saggi-pop-montagano-locandina_lite

Libreria Masone Alisei –>

Comune di Montagano e
Borghi della Lettura –>

“Turn of the Century”: Claudio Sottocornola tradotto in inglese

visual_copertina_inglese
Le poesie del filosofo del pop tradotte per il pubblico anglosassone nella collana Biblioteca Universalis/Aula Magna della rivista internazionale “Contemporary Literary Horizons”: il suo lirismo dinamico e postmoderno finalmente nella lingua-simbolo della contemporaneità, dopo le precedenti traduzioni in spagnolo, rumeno e francese      

(altro…)

“Turn of the Century”: le poesie di Claudio Sottocornola tradotte in inglese
suonalancorasam.com

Chi va con lo Zoppo… legge Turn of the Century: Claudio Sottocornola tradotto in inglese!
donatozoppo.blogspot.com

“Bootleg” di agosto propone il filosofo del pop sul palco di FIm 2018 – Fiera Internazionale della Musica di Milano

Domenica 3 giugno 2018 FIM – Fiera Della Musica  ha ospitato il filosofo del pop Claudio Sottocornola per un incontro incentrato sulla sua multiforme e originale attività di filosofo, docente, interprete e analista del pop. Sottocornola è stato intervistato in CASA FIM, il centro nevralgico della celebre rassegna internazionale che si svolge ogni anno a Milano, all’interno del quale si incontrano – come sempre da tradizione FIM – i nomi illustri e creativi del mondo della musica, in diretta streaming. Per l’occasione il palco/salotto di FIM è stato il luogo in cui il professore ha raccontato il suo approccio ermeneutico alle categorie del popular, recentemente sviluppato nel nuovo libro Saggi Pop. Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo (Marna, 2018). In apertura, un breve e simpatico promo presentato per l’occasione, con Sottocornola in versione live con gli studenti, durante alcune delle sue lezioni-concerto.

News e Ospiti Internazionali al FIM
www.fimfiera.it

Claudio Sottocornola: il filosofo del pop al FIM – Fiera della Musica!
www.exhimusic.com

Claudio Sottocornola: il filosofo del pop al FIM – Fiera della Musica!
www.atomradio.it

FIM 2018: la fiera della musica e dei musicisti sta per arrivare
www.culturamente.it

Claudio Sottocornola: il filosofo del Pop al FIM – Fiera della Musica!
www.sound36.com

Fotogallery: Sottocornola alla Fiera Internazionale della Musica, Milano, 3 giugno 2018

c-sottocornola_fim_2018_gallery_1

Visualizza la Fotogallery dell’evento –>

c-sottocornola_fim_2018_gallery_2

Visualizza la Fotogallery dell’evento –>

Sottocornola con i suoi “Saggi Pop” al Lido Nosside di Locri

c-sottocornola_saggi-pop_marna2018

Sottocornola con i suoi “Saggi Pop” al Lido Nosside di Locri

Venerdì 3 agosto il filosofo lombardo torna in Calabria per presentare il suo nuovo e avvincente libro: un lungo e appassionato viaggio nella cultura pop tra saggi, interviste, disegni e approfondimenti. Perché “l’effimero è essenziale alla vita e non solo”

Saggi Pop: Claudio Sottocornola a Locri!

Venerdì 3 agosto 2018 ore 21.00
Lido Nosside
Lungomare di Locri – Lato sud Locri (RC) (altro…)

Fotogallery dell’evento

Fotogallery dell’evento

L’anteprima nazionale di “Saggi Pop” alla Fiera dei Librai di Bergamo è l’appuntamento “Bootleg” di giugno

L’appuntamento “Bootleg” di giugno propone la presentazione in anteprima nazionale del volume “Saggi Pop” di Claudio Sottocornola (Marna, 2018), avvenuta venerdì 4 maggio 2018, alle ore 16.30, presso lo Spazio Incontri del Sentierone, nell’ambito della 59a Fiera dei Librai di Bergamo. Il volume raccoglie 18 saggi pubblicati in precedenza dall’autore su varie riviste e qui riproposti nella loro versione integrale, interviste, lezioni-concerto e disegni pop, configurandosi come un viaggio nella cultura popular italiana (ma con forti riferimenti al mondo anglosassone), fra musica, cinema, moda, televisione, controculture, arte visiva, nuove filosofie e spiritualità. Dialoga con Sottocornola la  giornalista e copywriter Chiara Buratti.


Fotogallery dell’evento

Claudio Sottocornola e i “Saggi Pop” alla Fiera internazionale della Musica di Milano

sottocornola_mix

Domenica 3 giugno l’intellettuale lombardo presenta in Casa FIM il nuovissimo libro ‘Saggi Pop’, originale compendio tra cultura popular, filosofia, analisi del costume e della società e storia italiana
Claudio Sottocornola: il filosofo del pop al FIM – Fiera della Musica!
Domenica 3 giugno 2018
h. 11.15
CASA FIM
Piazza Città di Lombardia
Milano

Fotogallery: Sottocornola presenta “Saggi Pop” alla Fiera dei Librai di Bergamo 2018

sottocornola_presenta_saggipop

Visualizza la Fotogallery dell’evento –>

La popular culture italiana e il suo immaginario globale

c-sottocornola_saggi-pop_marna2018Venerdì 4 maggio 2018, ore 16.30,  alla 59a Fiera dei Librai di Bergamo,  Claudio Sottocornola presenterà il nuovo libro “Saggi Pop”  – Indagini sull’effimero essenziale alla vita… e non solo , pubblicato da Marna. L’Autore sarà intervistato dalla giornalista Chiara Buratti su “La popular culture italiana e il suo immaginario globale”.

 

Synpress 44
L’Eco di Bergamo
Bergamo Avvenimenti
Storie in Rete

POP IDEAS
LEZIONI-CONCERTO

www.marna.it/saggi-pop/

(altro…)

Claudio Sottocornola e i suoi “Saggi Pop” in anteprima alla 59a Fiera dei Librai di Bergamo

Più ci dirigevamo a ovest più sull’autostrada ogni cosa appariva pop. Improvvisamente sentivamo di far parte di qualcosa, perché anche se il pop era ovunque, per noi era la nuova arte. Una volta che diventavi pop non potevi più guardare un’insegna allo stesso modo. Una volta che pensavi pop non vedevi più l’America come prima.

Andy Warhol

invito_sentierone2_2018Venerdì 4 maggio 2018, ore 16.30, alla 59a Fiera dei Librai di Bergamo, Claudio Sottocornola presenterà il nuovo libro “Saggi Pop” – Indagini sull’effimero essenziale alla vita… e non solo, pubblicato da Marna. L’Autore sarà intervistato dalla giornalista Chiara Buratti su “La popular culture italiana e il suo immaginario globale”. Da Nilla Pizzi a Marco Mengoni, da Abramo a Malcolm X, da Socrate a Bauman, sono innumerevoli i link che Sottocornola suggerisce nel suo viaggio fra musica, cinema, mode, televisione, controculture e spiritualità, mentre tratteggia il grande affresco del ’900 sino al nuovo millennio, fra saggi, interviste, lezioni-concerto e disegni pop, in un percorso interdisciplinare e transmediale imprevedibile e affascinante.
 
 
 
 
 
 
L’appuntamento è al Quadriportico del Sentierone-Spazio Incontri, l’ingresso è libero.

“Il giardino di mia madre e altri luoghi”: “Bootleg” di aprile propone l’inaugurazione della mostra fotografica dedicata da Claudio Sottocornola alla madre, nel quindicesimo anniversario della scomparsa.

“Bootleg” di aprile propone l’inaugurazione della mostra fotografica “Il giardino di mia madre e altri luoghi”, tenuta mercoledì 7 agosto 2013, alle ore 18.30, presso la Sala Calliope della Libreria Mondadori di Siderno (RC), che ha toccato varie città italiane. Il video della mostra intende ricordare la madre dell’autore, di cui ricorre quest’anno il quindicesimo anniversario della scomparsa, in una forma universale e poetica, attraverso le immagini di un giardino, simbolo della cura che dai luoghi del mondo può estendersi alle persone e alle relazioni. La presentazione di Sottocornola è introdotta dalla scrittrice ed esperta di estetica del giardino Lidia Zitara e dal critico cinematografico e giornalista Antonio Falcone.
Continua a leggere –>

 

Link
Slide-show
Presentazione
Locandina  e Testi critici

Stampa
“Il giardino di mia madre” su Orobie
Ancora su “Il giardino di mia madre e altri luoghi”

Students’papers
Student’s papers Giardino 3L, 2011-12
Student’s papers Giardino 3I, 2011-12

Il vecchio e il bambino

di Marc’Antonio*
 
Un vecchio e un bambino
si preser per mano
e andarono insieme
incontro alla sera…

F. Guccini, Il vecchio e il bambino

 

Esiste un’estenuante logorio che la vecchiaia produce sulla nitidezza dello sguardo, sulla intensità della percezione, sulla adeguazione al dettaglio: come se una sorta di stanchezza o languore, una qualche forma di anemia, una insofferenza per il tratteggio accurato generassero grandi intuizioni globali cui manca la forza, l’energia per determinarsi e dettagliarsi, a fronte di un dejà vu che l’esperienza decisamente attesta come dato e come ovvio, come ininfluente allo     sviluppo, per una sorta di evidenza intrinseca che non necessita se non del suo     stesso originario bagliore. Una annunciazione che ha da restare e dimorare nel proprio annuncio, per non estinguersi e banalizzarsi in un simbolo feticisticamente autonomo, cieco e materiale, in un disegno accurato che annulli l’annuncio, e quindi giocoforza la trascendenza sottesa a ogni annuncio, la speranza di là da venire e la sua luce.

Questa luce è invece rimasta nei disegni che Claudio Sottocornola consegna al suo pubblico come Pop Ideas, con tanto di maiuscole a definire un ambito che parrebbe quello delle Idee platoniche, coniugato tuttavia con quel mondo dal basso che è il popular nelle varie declinazioni del suo immaginario, e dunque piegato a un ossimoro che coniuga trascendenza e immanenza nel segno dell’icona che rinvia ad altro da sé pur rimanendo in sé.

E doppiamente rinviano ad altro pur dimorando in sé le immagini che il filosofo del pop propone alla nostra attenzione: da un lato, infatti, come ogni immagine,  esse rinviano al loro significato, e pertanto al personaggio o alla situazione volta a volta evocati, dall’altro lo fanno attraverso una volontaria insufficienza nel definire, delimitare, svolgere, e in ciò attestano e spiegano il loro carattere di idee, cui un elevato grado di astrazione impedisce di articolarsi e banalizzarsi in un qualunque tangibile che ne tradisca la vocazione – l’enigma ? – alla trascendenza.

In ciò ha qualcosa a che vedere la “vecchiaia” di cui si parlava prima: anche se Sottocornola è un artista maturo, anche anagraficamente, la vecchiaia di cui si parla riguarda maggiormente il bagaglio di esperienza, il vissuto, il know-how della vita e, perché no, il senso della cultura o weltanschauung che il nostro autore attesta come ormai correlata a una trascendenza radicale, disinvolta e davvero notevole dai paradigmi correnti. Così, a fronte dell’intuizione estetica, il Nostro dichiara, e qui portando alle estreme conseguenze il concetto contemporaneo di arte come nuova intuizione del mondo – o costituzione di senso – piuttosto che come sua ideale rappresentazione, che gli è del tutto indifferente dettagliare, articolare, sviluppare, magari avviluppando la purezza di una intuizione originaria in una melmosa rappresentazione, e quindi dichiara quanto basta e passa oltre. Lasciandoci un po’ di polvere di stelle.

Si capisce perché Sottocornola ami il popular, come Fellini amava il circo. E si intuisce perché lo sfavillio di comete dei suoi disegni rechi tracce di santi e rockstar, rotocalchi e immaginette, primedonne, bellimbusti e anacoreti. Icone dell’invisibile, paradigmi dell’esistere, brividi dell’attualità e della storia, sono essi forse le tante monadi che riflettono i diversi sguardi di un dio sul mondo al momento della sua creazione?

Che bisogno c’è di andare oltre l’idea che qualche occulta reminiscenza ci rinvia, o che semplicemente al nostro sguardo è dato contemplare per una sua intima vocazione all’essenza? Che bisogno c’è di perdere tempo a raccontare, quando una illuminazione, ancorché stanca e resa anemica dal perdurante fissare, ci appalesa un’evidenza che è giocoforza raccogliere? Del resto, tale approccio olistico sembra favorito in quanti, come Buzzati o Fo, non fanno della visione la loro priorità istituzionale, e forse proprio per questo non restano condizionati dai cliché delle rappresentazioni correnti.

In questo la vecchiaia ha la stessa attitudine dell’infanzia. Una sorta di fretta rispetto al tempo che passa, una sorta di approccio olistico e pantagruelico, una strana vividezza o capacità di sintesi che va dritto all’essenziale e non si dilunga in preamboli né in strascichi inutili, ma afferra il dono con innocente sorpresa, con malcelata esultanza, o anche con una trepidazione commossa.

E non lo trattiene, perché non si spenga come una lucciola catturata, ma se possibile lasci una scia volandosene altrove. La gioia dell’infanzia, che il filosofo del pop dichiara di voler ritrovare coi suoi disegni, si sposa in quegli stessi disegni con la quiete della consapevolezza, quella attitudine che gli antichi identificavano con la saggezza e che noi, ormai ammalati (o vaccinati?) da anni di pensiero debole, identifichiamo sempre di più col gioco, o quantomeno con la sua leggerezza, rispettosa del molteplice e del diverso, del vecchio e del nuovo, di immanenza e trascendenza.

La vecchiaia dell’Europa sarà l’infanzia di un nuovo mondo? Una manciata di idee pop intanto sembra insinuarlo come un paradosso zen, come un appassionante gioco delle biglie.

 

*Claudio Sottocornola parla di “C. Sottocornola, Pop Ideas”.
 

 

Il mito della giovinezza nelle idee pop di Sottocornola

di Caterina Arrigoni

Le “Pop Ideas” di Claudio Sottocornola sono immagini create in modo fresco e spontaneo a partire da suggestioni e reminiscenze giovanili, una espressione viva e vivace che si traduce negli efficaci segni grafici e cromatici dell’autore.

Il prevalere di linee curve, ondulate, spiraliformi, annodate e contorte, nell’apparente caotico svilupparsi e rincorrersi delle immagini, manifesta una spontaneità creativa che si traduce nella sicurezza del tratto e in una padronanza degli strumenti grafico-pittorici non convenzionale.

La scelta cromatica, equilibrata attraverso giustapposti accostamenti per accordi o contrasti, contribuisce alla resa della visione-immaginazione d’insieme.

Nell’assoluta semplicità del recupero di una giovanile memoria, gli strumenti adottati, pennarelli, matite colorate e pastelli a cera, hanno tracciato sui fogli, in una sorta di immediatezza ricercata dei gesti, lo scorrere di autentiche intuizioni e suggestioni visive.

Anche la prevalente bidimensionalità delle immagini e delle campiture dei fondi contribuiscono allo spiccato senso decorativo d’insieme.

Musiche come ritmate melodie cromatiche, canzoni come martellanti ritornelli della memoria, cantanti e personaggi pubblici – dalla Pavone a Celentano e Johnny Hallyday – come icone che si offrono, copertine come abiti grafico-policromi di contenuti vinilici o rigidi cd, sono i peculiari generatori di questa serie di divertissement che si susseguono affiancati e intervallati da soggetti religioso-devozionali popolari, come San Francesco, San Giuseppe e una Madonna “archetipica”.

Sacro e profano si rincorrono senza alcuna censura o volontà di organizzarsi nello spazio e nel tempo, come già era accaduto, pur con altre modalità e tecniche espressive, con i collage di “Eighties”, realizzati da Sottocornola a 22 anni ed editati in dvd e in una mostra itinerante nel 2007.

Così la serie delle “Pop Ideas” – questa “quadreria” della memoria – è occasione per l’autore ma anche per noi di ripercorrere il giovanile tempo passato che ha, pur a diversi livelli e modalità, segnato la nostra generazione, a partire dagli anni del boom e del costituirsi di un immaginario condiviso, grazie a televisione, cinema, musica e quant’altro.

Percorrere con lo sguardo queste immagini che attingono al serbatoio del popular è quindi come ripercorrere con la memoria i momenti salienti di anni ormai mitizzati e, al tempo stesso, diviene occasione per creare o ricreare le nostre personali visioni, riassaporando  le emozioni vissute allora.

Infine, ma non ultimo, al termine di questo breve viaggio fra le suggestioni visive di Sottocornola, ritroviamo nella loro esuberante, polifonica e cromatica vivacità, e nel ritmo compositivo di incalzante entusiasmo che le attraversa, un po’ di quell’energia originaria di cui si avverte tanto il bisogno in questi tempi difficili.

 

 

Le “Pop Ideas” di Claudio Sottocornola,
madeleine del fanciullino ritrovato

di Antonio Falcone

Ma appena la sorsata mescolata alle briciole del pasticcino toccò il mio palato, trasalii, attento al fenomeno straordinario che si svolgeva in me. Un delizioso piacere m’aveva invaso, isolato, senza nozione di causa. E subito, m’aveva reso indifferenti le vicissitudini, inoffensivi i rovesci, illusoria la brevità della vita…

Marcel Proust, Dalla parte di Swann

La personalità di Claudio Sottocornola, così come ho avuto modo di conoscerla nel corso degli anni, si è sempre palesata come qualcosa di unico nell’ambito di una poliedricità mai ostentata, idonea a rendere la filosofia – suo impegno istituzionale prevalente – il punto centrale del discorso intellettuale, e avvalendosi di un affascinante percorso interdisciplinare nell’affrontare le più svariate tematiche con originalità, coerenza e lucidità di pensiero.

Il tutto prende piede da uno studio critico ed interpretativo  del linguaggio pop, diminutivo di popular da considerarsi con valenza estensiva, e con particolare riferimento alla musica, senza trascurare tuttavia l’apporto massmediologico delle arti visive e dei vari mezzi di comunicazione. L’adoperarsi nell’impiego di una metodologia multiforme ha consentito al filosofo del pop di analizzare ogni elemento della rituale quotidianità a partire da diverse angolazioni, un approccio globale che gli ha permesso di smarcarsi da una visione univoca della vita, a favore di una molteplicità di riferimenti cui attingere in nome del dialogo e dell’interazione.

Ma il linguaggio popular, come può evincersi dalla visione dei disegni elaborati da Sottocornola fra il 2010 e il 2013 – la serie Pop Ideas, ora resa pubblica –  ricorrendo a matite colorate, pongo, pennarelli, rappresenta per l’autore – come egli stesso dichiara – anche un ritorno all’ideale dimensione felice della propria infanzia, per esempio alle note delle canzoni di Paul Anka o di Rita Pavone che, come la madeleine di Proust, riportano in lui sensazioni mai perdute e pronte a riaffiorare quale antidoto ad una contemporaneità che sembra ormai aver smarrito le coordinate di un primigenio, spontaneo, affidamento alla vita, proprio di un fanciullo intento alla scoperta del mondo. Ecco allora l’impiego di colori primari, “gettati” sulla carta con ruvida immediatezza – che ricordano le esperienze dei fauves, e di Matisse in particolare –, senza alcuna mediazione che non sia quella di una immaginazione che attinge dalla cultura di massa e si staglia quale personale riflessione su varie tematiche. Tale approccio iconizza quindi espressivamente immagini idonee a farsi simbolo di una concretezza quotidiana che confluisce verso uno standardizzato immaginario collettivo, spiazzato però e riportato in un alveo più propriamente fantasioso e genuino, in virtù di tratti dal taglio ora violento, ora morbido e scomposto.

Nei ritratti di personalità del mondo dello spettacolo, ispirati alle fotografie  dei giornali o alle copertine dei 45 giri, può allora emergere la dimensione solipsistica e misteriosa del divo (Garko), scaturente da uno sguardo volto ad un personale altrove, la conclamata consapevolezza di una “normale” popolarità di massa (Rita Pavone) o, ancora, l’enigmaticità e misterica presa di distanza (Diva anni’60, ispirato ad Ornella Vanoni), ma anche la dolcezza e un pudico romanticismo esistenziale (Francois, ispirato a Francois Hardy), in contrapposizione alla gioiosa sfrontatezza dell’irretire (Desperate Housewives, ispirato ad Eva Longoria) o alla mitologia irridente di Adriano Celentano (Azzurro e menta).

Rimarchevoli nel loro impatto visivo Let It Snow (ispirato alla copertina del cd di Irene Grandi Canzoni per Natale, 2008), la serenità gioiosa, interiorizzata, volta a piacevoli ricordi, la sentita celebrazione delle festività nel corso della propria infanzia, e Addio mondo crudele (ispirato alla copertina dell’omonimo 45 giri di Peppino Di Capri, 1962), dove la reinterpretazione del sorriso elargito dal clown esalta ancor più uno sguardo malinconico, che probabilmente intercetta le risate di un pubblico indifferente.

In generale, risulta persino scontato il riferimento alla pop art americana, e in particolare a Andy Warhol, per parlare delle Pop Ideas di Sottocornola, che non fa mistero di un proprio mythos fondativo radicato nell’immaginario americano anni ’50 e ’60, crooner e rock and roll, teen-idol e american middle class, mentre un certo gusto italiano della fiaba (vedi Pinocchio e la Fata, ispirato alla riduzione televisiva di Luigi Comencini del 1972) mostra una non ovvia familiarità dell’autore con le fantasie di Gianni Rodari, declinate nel solco di una più accentuata astrazione o straniazione (del resto, è lui stesso invece a citare Carla Ruffinelli, grande illustratrice di fiabe, come ispiratrice della sua sensibilità di bambino).

Occorre così evidenziare che se il carattere claustrofobicamente inquietante delle icone pop di Warhol alimenta l’estetica della pop art americana, fiaba, infanzia e senso del sacro trovano in Sottocornola un correttivo italiano, che connota i suoi disegni di un alone che sembra evocare mistero e trascendenza.

La simbologia pop raffigurata da Sottocornola, nella sua descritta predilezione per i tratti naturalmente elementari e spontanei, trova così ideale sublimazione nei disegni ispirati all’iconicità di molte raffigurazioni religiose (Angeli, Natività, la bellissima Madonna archetipa, colma di materna dolcezza, San Giuseppe con bambino, Cristo pop, San Francesco e il lupo di Gubbio, ideale visualizzazione del Bene che si offre al Male quale opportunità redentrice), in quanto  riportano il senso del sacro ad una dimensione più propriamente umana, ridefinendo in una proporzione terrena, tangibile, ciò che è etereo, celeste. Le Pop Ideas di Claudio Sottocornola, per tornare a quanto scritto inizialmente, vanno dunque ad integrarsi  con coerenza nel solco di quell’esperienza ermeneutica – interpretare la realtà con mezzi diversi –, che da sempre rappresenta il fil rouge della sua personale proposta, esaltando ed offrendo ulteriore suggestione al concetto, estremamente caro all’autore, dell’indissolubile legame tra cultura e vita.

E, fra le tante idee pop, una Santa Rita da Cascia, nella sua coloratissima scenografia, nelle sue pastose e carnali sproporzioni, incoronata di spine e col crocefisso in mano, fra rotocalco e immaginetta, sembra essere una efficace sintesi di questa sensibilità ibrida, platonica e popular, americana e mediterranea, tradizionale e straordinariamente eversiva.

 

 

Un gioco d’artista per Claudio Sottocornola

di Francesca Grispello e Donato Zoppo

Il fare, il dare forma con il colore o senza.
Ritrarre qualcuno vuol dire conoscerlo e percorrerlo nel suo essere al mondo.
Lo sguardo ci mette sempre in relazione, la mia singolarità è aperta da questo sguardo, mi apre come nuova madre al mondo. Proprio questo tipo di sguardo “sulle cose e alle cose” è ciò di cui bisogna aver cura. Avere uno sguardo che sappia ancora giocare nel mondo senza pregiudicarlo è un monito difficile da onorare. La disciplina che uno sguardo puro richiede arricchisce e problematizza il mio rapporto con le cose.
Tutti partecipano al medesimo mondo nel quale io stesso metto in gioco tutto ciò che sono: il mio corpo, le mie rappresentazioni, i miei pensieri e la mia storicità. Ciò che si chiama o si dice “io”, è offerto ed esposto ad uno sguardo altro. In uno spazio rettangolare accade una doppia esposizione, l’uomo e l’artista.
Come scrisse Charles Baudelaire in Scritti sull’arte, «La qualità prima di un disegnatore è perciò lo studio assiduo e sincero del proprio modello. Occorre non solo che l’artista abbia un’intuizione penetrante del carattere del modello, ma anche che v’infonda un qualche senso più generale, e esageri volutamente alcuni particolari per accentuare la fisionomia e renderne più chiara l’espressione. È curioso notare che, guidata da questo principio – secondo cui il sublime deve rifuggire dai particolari – l’arte per muovere verso la perfezione torna alla propria infanzia».

Sorpresa. Ancora una volta, nel percorso artistico di Claudio Sottocornola, torna prepotente il tempo. Stavolta in un perenne swing tra passato e futuro; tra infanzia e maturità; tra l’era del gioco e quella della riflessione. È con un certo stupore che abbiamo osservato – avanti e a ritroso, saltellando tra microfoni, colori e fisionomie quasi cubiste – i disegni, anzi le ‘Pop Ideas’ che  Sottocornola ha realizzato a corredo dei suoi Saggi Pop. Un corredo diverso da quello che le mamme confezionano per le figlie in occasione del sospirato matrimonio, diverso da quello desiderato dalle giovani coppie per i pargoli che verranno. Mamme e famiglie guardano al futuro, caricandolo di speranze, proiettando i desideri verso un altroquando che invece era assente nello sguardo che Sottocornola, nel pieno di una giovinezza trascorsa a suon di musica leggera, rivolgeva al suo avvenire. Era uno sguardo presente e consapevole dell’ottimismo di quegli anni ’60 che il filosofo del pop da sempre canta – anzi interpreta – portando alla luce la spensieratezza, il carpe diem di un paese giovane e in piena ricostruzione. Il futuro è arrivato dopo, in un nuovo presente artistico, materializzatosi dentro il tratto veloce, a volte nervoso e affollato di voglia di esprimersi, dei colori che Sottocornola ha consegnato a questi bozzetti – Sottocornola Sketches, verrebbe da dire.

C’è una evidente continuità tra la lezione-concerto e il disegno che vi presentiamo; un trait d’union che lega la poesia ermetica e il collage, la riflessione teoretica e lo scatto fotografico, fino al bozzetto di pastello su foglio bianco. Non potrebbe essere diversamente, visto il sistema di pensiero e azione nel quale si muove Sottocornola. Queste Pop Ideas, disegni affidati allo scatto più che alla ponderazione, alla rapidità del gesto più che alla meditata costruzione del segno, aggiungono contenuti e chiarificazioni al lavoro di Sottocornola allo stesso modo delle interviste raccolte nel saggio Varietà. Se i dialoghi con i divi del pop realizzati nel corso degli anni hanno chiarito l’approccio ermeneutico e la capacità di penetrazione con la conseguente consegna al lettore dei tratti salienti del personaggio, ancora più efficace è il disegno. Gli occhi taglienti del compianto Johnny Hallyday, la serena immobilità di una Rita Pavone occasionalmente a riposo, il grigio quasi neoclassico di Shirley Bassey e la posa ieratica di un autoritratto incarnano storie, percorsi, desideri, vicende umane, ancor prima che artistiche. Un’intuizione penetrante del carattere del modello, per citare nuovamente Baudelaire.

Ciò che colpisce di più è il ricco, folto, corposo incrocio visivo tra volti, copertine, pose plastiche da concerto, fermo-immagine in corsa. Vengono in mente i tratti di un giovane Andy Warhol alle prese con le prime copertine per la RCA Victor, là dove non si dichiarava un volto o una personalità ma si offriva un’immagine repentina, quasi rubata, si inquadravano con rapidità gesti o scatti, o addirittura il solo strumento, talmente iconico da identificarne il titolare. Torna il pop, perché le idee grafiche di Sottocornola, non nuovo a lavori con l’immagine (pensiamo ai collage di Eighties o alla fotografia del Giardino di mia madre), si connettono direttamente a certi elementi basilari dell’arte di massa.
Anche se non provengono direttamente dagli anni ’60 di Sottocornola vista la loro genesi più recente (dal 2010 al 2013), questi disegni trovano la loro ragion d’essere proprio lì, procedendo a ritroso in quel futuro ancora tutto da costruire, certo nebuloso, nel quale però trionfava l’ottimismo di un decennio “favoloso”, mosso da una spinta positiva, che prima delle inquietudini del Sessantotto si proponeva come terreno fertile per coltivare passioni sgorgate dalla fonte del mythos fondativo, altro topos ricorrente nei pensieri di Sottocornola.

Accanto agli ascolti, alle scoperte, all’incanto per la vitalità di Paul Anka e Rita Pavone, per la sensualità di Mina o della Vanoni, per gli interrogativi di Tenco e Bindi, Claudio incontrava un’infanzia in costante mutazione. A questa ritorna, stavolta non con il racconto in musica della lezione-concerto, non con il dialogo diretto delle interviste, ma con il disegno che compie un giro diverso per arrivare al medesimo approdo. La contemplazione del mito.
 

 

Idee pop per un viaggio alle origini

Mentre scrivo queste note introduttive ai disegni di “Pop Ideas” ho ancora nella testa le note di  un cd appena acquistato con 21 pezzi storici di Paul Anka, teen-idol anni ’50 e ’60 di origine libanese che spopolò in America ed Europa, ma un po’ in tutto il mondo. Quella voce calda, pastosa, potente, associata a un fisico robusto, da bravo ragazzo della provincia americana, regalava e regala ancora un senso di espansione, allegria, ingenuità, che fotografa perfettamente le grandi emozioni e aspettative di una generazione che allora si affacciava alla vita con la convinzione che forse ce l’avrebbe fatta, a riscattarne il senso e le speranze più riposte, nel segno di una bellezza che si annunciava come compito e come destino ineludibile.

A me poi, che ero bambino mentre ascoltavo Paul Anka alla radio intonare al Festival di Sanremo del 1964 “Ogni volta”, inno dell’emigrante,  in un improbabile ma calorosissimo italiano, quella voce, suggeritami anche dalla curiosità di mio padre, regalava  una sensazione di incontenibile gioia e aria di casa, che da allora ho sempre associato agli anni ’60 (ma forse un po’ anche ’50), e soprattutto alla mia infanzia (avevo cinque anni nel ’64) che, per quanto pensosa, era ancora lieta e serena. Ecco, considerato quanto, dal ’68 in poi, anche la colonna sonora del mondo attorno a me si andava problematizzando, parallelamente all’ingresso in  un’adolescenza che, per definizione, non può che essere meno felice dell’infanzia, quegli anni non potevano che cristallizzarsi in me come gli anni di una limbica ma felice condizione di attesa del meglio che, ovviamente, non sarebbe arrivato.

Capite perché, rispetto alla mia generazione, che si è nutrita di rock progressivo, cantautori e, al limitare degli anni ’80, di glam, disco-dance, house, punk e quant’altro, il mio struggimento, la nostalgia, il mythos fondativo, sono stati invece i primi anni ’60, Beatles e teen-idol in genere, lo yé-yé e, a ritroso, crooner e rock and roll, con qualche sconfinamento nella canzone francese (vedi Piaf) e affine (vedi Paoli). In età matura poi, il recupero si è spinto verso gli anni ’50 anche italiani, dalla canzone melodica al non sense, in una spinta regressiva che attraversa, in risalita, tutto il ‘900. Tale spinta à rebours poi, a me che ho sempre amato immergermi nel contemporaneo, si è radicalizzata a fronte dei processi di palese involuzione e degrado del pop contemporaneo (leggi trionfo del mercato, talent e intrattenimento televisivo in genere, musica liofilizzata ad usum smartphone, totale integrazione del rock e del suo sostituto, il rap,  nelle logiche di consumo, ecc.), spingendomi ad un approccio sempre più storico e dunque memoriale alla canzone, che per me sconfina, a differenza di altri storici del settore, nella contemplazione del mito.

Il grande mito dell’età della mia infanzia.

A fronte del declino di civiltà cui assistiamo, che non include purtroppo solo rock e affini, ma moltitudini e un intero assetto o paradigma esistenziale collettivo, il mio amore per il pop – come ovvia contrazione di popular – si è così sempre più configurato come una grande occasione regressiva, di full immersion nei paradisi della mia infanzia, alla ricerca di una antropologia alternativa, autentica e circense, marginale e sconfitta, rivoluzionaria e felice, che da allora io non ho più incontrato. La pubblicazione di “Varietà” (Marna, 2016), volume che raccoglie le mie interviste ai divi del pop realizzate fra il 1989 e il 1994, testimonia una felice circostanza che qui vale la pena di raccontare. In quegli anni infatti, per una serie di concause, mi incontrai con i divi della mia infanzia, dalla Pavone a Morandi, da Bobby Solo a Little Tony, dalle Gemelle Kessler a Iva Zanicchi, da Edoardo Vianello a Mal dei Primitives, e li sottoposi a una serie di interviste che avevano per me un forte significato emotivo e simbolico: dialogare col mito, non tanto di personaggi più o meno famosi, ma della mia infanzia, di un’età felice in un tempo felice o che aspettava la felicità… E quei dialoghi erano un po’ la testimonianza che il mito può diventare realtà, se si è sufficientemente testardi e incoscienti da impegnarsi perché ciò accada.

Analoga esperienza ho provato quando, nel 1975, vinsi una borsa di studio AFS che mi portò per un anno di studio e vita familiare in America, nel Connecticut. Anche lì il mito (l’America ambivalente, ma sognata dall’intera mia generazione come il luogo di tutti i possibili) si incontrava con la realtà della mia vita di adolescente italiano nato nel 1959. Come si può vedere, non potevo avere vissuto che per un breve flash gli anni ’50, ma ancora una volta, in una specie di inedito “ritorno al futuro”, mi ritrovai immerso in una realtà che, dalla nascente serie televisiva di “Happy Days” (che vidi in anteprima rispetto ai miei coetanei italiani), al trionfo dell’epica cinematografica di “American Graffiti” di George  Lucas (in cui rivedevo ancora una volta il mito della mia infanzia), dai vinili che mi regalavano di Elvis Presley, Eddie Cochran ed Everly Brothers alle villette allineate  (secondo i canoni dell’American dream) di South Windsor, piccola cittadina alle porte di Hartford, capitale del Connecticut, dove mi trovavo… tutto insomma mi trasportava dentro il sogno di un’età che avevo creduto perduta o irraggiungibile, e che mai avrei pensato di vivere sulla mia pelle, realmente e senza equivoci.

Altra intersezione fra mito e realtà è stata allora, a metà degli anni ’70, la familiarizzazione, al Guggenheim di New York, con la grande arte americana contemporanea, soprattutto la pop art di Warhol, Licthenstein, Rauschenberg e gli altri, ma anche il realismo di Hopper. Allora – mi dicevo – era possibile pensare e interpretare il mondo in un’altra maniera, allora c’erano altri che sentivano un po’ come me, allora il mio immaginario poteva nutrirsi e crescere, trovare amici, affinità, divertimento! Ero iscritto, in high school, anche a un corso di Basic Drawing, dove approfittai dell’esperienza per sbizzarrirmi un po’. Ma una cosa è certa: avevo capito che la grande arte era una full immersion nella vita, nel contemporaneo, nel rumore e nei suoni della strada. On the road…

Ecco, poi sono tornato in Italia, dove mi attendeva l’amore della mia famiglia. Ma, con la fine del “sogno americano”, finiva anche il “sogno della mia infanzia”.

Molto tempo è passato, e queste righe che scrivo a tarda sera, prima di coricarmi, con un tempo che è ormai quello delle “Autumn leaves”, sia biograficamente che epocalmente,  sono pensate, come si accennava all’inizio, per un fine pratico e immediato: presentare i disegni, che preferirei chiamare ideas per una volontaria assenza di elaborazione grafico-concettuale, che ho raccolto nella serie “Pop Ideas”. Nel corso di un paio di estati che non so nemmeno identificare, presumo fra il 2010 e il 2013, mi sono messo a tracciare disegni con matite colorate, pongo e pennarelli, che fossero fedeli a un’ispirazione elementare, a un tratto che partisse dai meandri dell’inconscio o, più semplicemente, della fantasia, a colori primari e rozzamente spalmati sulla carta, al rifiuto di una adeguazione ai cliché del bello o sinuoso come ce lo propinano media e advertisement, quasi a recuperare una condizione originaria e primitiva di spontaneità e immediatezza che non voleva filtri, convenzioni, cliché, ma semplicità e verità ontologica. Ho così evitato elaborazione, in qualche caso anche colore, del tutto sfumatura e complessità, a favore di viscere, ingenuità, sprovvedutezza e rischio estetico. L’obiettivo del divertissement era, ancora una volta, il mio “ritorno al futuro”, un viaggio à rebours nel mythos fondativo della mia infanzia e di un mondo paleo pop, che è quello del Paul Anka che apre queste riflessioni. Di esso fan parte Rita Pavone e la “diva anni ‘60”, Johnny Hallyday e il clown della copertina di “Addio mondo crudele”, San Francesco che parla col lupo, ma anche Pinocchio e la Fata, l’albero di Natale e Diabolik, Milva e un Cristo pop, Santa Rita da Cascia e Garko… in una sorta di fessura temporale ove tutto è sinottico e innocente, sacro e profano, profondo e lieve.

Come lo è stata la mia infanzia.

Forse mi hanno aiutato in questa libertà espressiva i corsi di pittura che tenevo, da studente universitario, ai bambini delle colonie elioterapiche del Comune di Bergamo, seguendo il metodo totalmente creativo e anarchico di Arno Stern. Forse una lunga educazione visiva che risale agli anni della scuola elementare quando, leggendo avidamente tutta la letteratura per ragazzi, mi appassionavo alle immagini che la commentavano, come quelle della grande illustratrice Carla Ruffinelli, che mi colpirono nel cuore. E comunque, sempre, mi ha sostenuto un’idea che informa radicalmente la mia estetica: nell’ambito della bellezza, adeguarsi a una legge significa infrangerne il senso profondo. E a me, che canto, le seguenti parole, attribuite alla grande attrice e cantante americana Julie London, sono risultate illuminanti per ogni ambito espressivo: “I’m sure any vocal teacher that listens to me would rather cut my throat than do anything – I do everything all wrong – but I think for me that’s the best – because I don’t think I have a voice so I think what I project would be style – if I learned to sing I’d lose my style” (“Sono sicura che qualsiasi vocal coach che mi ascoltasse preferirebbe tagliarmi la gola che intervenire – faccio ogni cosa nel modo sbagliato – ma penso che per me quello è il meglio – dato che non penso di avere una voce, penso che devo progettare uno stile – se imparassi a cantare perderei il mio stile”).

Ecco, vorrei che queste immagini primitive e caotiche che volentieri dono ai miei lettori fossero anche per loro una splendida occasione regressiva, ove il libero gioco delle nostre facoltà, come voleva Kant nell’esperienza estetica, si incontrasse con il libero gioco dell’infanzia, forse la più alta esperienza d’arte che ciascuno di noi ha mai vissuto, e che tale incontro di libertà contribuisse a generare nuove occasioni di futuro, di felicità e di vita.

 

Claudio Sottocornola

Riprendono gli appuntamenti con “Bootleg”: per il 2018 appuntamento bimestrale a partire dal 5 febbraio.
Si incomincia con “I migliori anni”, dall ‘Auditorium di San Sisto
in Colognola (Bergamo), 2008

La lezione concerto è per Claudio Sottocornola, filosofo del pop, un evento che salda espressione artistica e didattica, interpretazione e comunicazione, coinvolgendo pubblico e studenti in una esperienza performativa unica e irripetibile. Allo stesso modo, il filosofo-performer affronta live, mostre e conferenze all’insegna di un approccio ermeneutico che fa dell’attimo-evento il luogo di una trasmissione di saperi, emozioni e vita nell’orizzonte di una continua sperimentazione. Viene qui proposta la lezione concerto con reading di poesie tenuta da Sottocornola nel 2008 presso la monumentale ex-chiesa di San Sisto in Colognola (Bergamo), ora Auditorium Comunale, in occasione della presentazione del volume “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi” (Velar, 2008), silloge di liriche dell’autore dal 1974 al 1994.  Si tratta di una narrazione della storia del Secondo Novecento fra autobiografia, riflessione filosofica e sociale, poesie e canzoni simbolo del repertorio italiano e non solo, da “Senza fine”  a “Let it be”, da “Amore che vieni, amore che vai” a “Certe notti”, da “Sentirti” a “E dimmi che non vuoi morire”. Nelle oltre due ore e mezza di performance, il filosofo del pop ci conduce fra reading, meditazione e canto attraverso un percorso iniziatico, una sorta di “romanzo di formazione” fra coscienza personale e collettiva.  La natura on the road dell’evento, con gestione del suono dal palco, riprese di diversa provenienza recuperate anche grazie a contributi audio e video del pubblico in sala, presenta grezzature che documentano il carattere live e senza filtri della proposta di Sottocornola, che percorre il territorio all’insegna di una “didattica della bellezza” dal sapore alternativo e provocatorio.

Continua a leggere –>

Nuovo appuntamento di “Bootleg” per il mese di dicembre:
la lezione concerto di Sottocornola per l’Autogestione 2010
al Liceo scientifico “L. Mascheroni” di Bergamo

La lezione concerto tenuta da Claudio Sottocornola in occasione dell’esperienza di Autogestione 2010 al Liceo scientifico “L. Mascheroni” di Bergamo è la proposta di “Bootleg” per il mese di dicembre.  Si tratta di una versione con gli studenti del recital “Quaderno di liceo”, in cui Sottocornola alterna a reading dei suoi versi (dai volumi di poesie “Nugae, nugellae, lampi” e “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi”), canzoni simbolo del repertorio italiano e non solo, da “Il venait d’avoir dix-huit ans”  a “La canzone dell’amore perduto”, da “The sound of silence” a “Cuore” e “Fiume Sand Creek”, da “La stagione dell’amore” a “Stand by me”, in un avvincente percorso fra storia personale e sociale, autobiografia e dimensione pubblica, che ridisegna l’evoluzione del nostro sentire collettivo a partire da una postazione privilegiata, quella dell’aula di un liceo, da cui il protagonista guarda alla realtà prima come giovane studente e poi come docente. Un percorso iniziatico, una sorta di “romanzo di formazione” fra musica e poesia, qui nella versione per gli studenti del Liceo Mascheroni di Bergamo nelle giornate di Autogestione del 2010. Interventi e riprese sono dunque testimonianza di un evento aperto e non prestrutturato, con le grezzature e gli imprevisti, ma anche il fascino, che ciò comporta.

Continua a leggere –>

Le interviste di “Varietà” (Marna, 2016) su “Margutte”

varieta_copertinaVarietà, Introduzione
www.margutte.com

Ritratto di Elvis Presley
www.margutte.com

Intervista a Nino Manfredi
www.margutte.com

Intervista a Paolo Conte
www.margutte.com

Intervista a Carla Fracci
www.margutte.com

“Quaderno di liceo”, il recital di Sottocornola per la presentazione della silloge poetica “Nugae, nugellae, lampi” (9 dicembre 2009) è l’appuntamento di novembre per “Bootleg”

Anche per il mese di novembre il filosofo del pop affida alla Rete un evento che lo ha visto protagonista, questa volta al Caffè Letterario di Bergamo il 9 dicembre 2009. Si tratta del recital “Quaderno di liceo”, lezione-concerto tenutasi  per la presentazione del volume di poesie “Nugae, nugellae, lampi” (Velar, 2009), in cui Sottocornola alterna a reading dei suoi versi canzoni simbolo del repertorio italiano e non solo, da “Se telefonando” a “Il venait d’avoir dix-huit ans”, da “Acqua e sale” a “La canzone dell’amore perduto”, da “Blowin’ in the wind” a “Come foglie”, da “La stagione dell’amore” a “Stand by me”, in un inedito percorso fra memoria personale e conoscenza storica, attraverso i ricordi, le immagini, i suoni che accompagnano il protagonista dagli anni in cui era studente di liceo ai più recenti che lo vedono, questa volta come docente, ancora guardare il mondo dall’aula di un liceo. Un percorso circolare, che cela in sé un lungo itinerario di formazione e maturazione umana, sullo scenario di eventi storici epocali e irripetibili.

(altro…)

Guarda l’aggiornamento Stampa…

img_agg_stampaGuarda l’aggiornamento Stampa…

“Bootleg” di ottobre: Pop Dialogos and Music. Sottocornola al Caffè letterario di Bergamo, Musica e Parole con il giornalista Donato Zoppo (18 dicembre 2008)

Continua “Bootleg”, l’iniziativa web del filosofo del pop che, mensilmente, affida alla Rete un evento che lo ha visto protagonista. Questa volta si tratta di “Pop Dialogos and Music”, lezione-concerto tenutasi il 18 dicembre 2008 al Caffè Letterario di Bergamo, nella quale Sottocornola dialoga col giornalista e scrittore Donato Zoppo, ripercorrendo i temi-chiave della propria attività espressiva: le suggestioni del post-68, la poesia, la filosofia e l’insegnamento, il giornalismo e la spiritualità, l’arte grafica e la musica. Seguendo le tracce della sua silloge poetica “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi” (Velar, 2018), il filosofo del pop presenta al pubblico classici della canzone pop, rock e d’autore, insieme a poesie che ripercorrono il Secondo Novecento fra autobiografia e Storia collettiva. La lezione concerto è infatti per Sottocornola, filosofo del pop, un evento che salda espressione artistica e didattica, interpretazione e comunicazione, coinvolgendo pubblico e studenti in una esperienza performativa unica e irripetibile. Il tutto risulta ulteriormente arricchito dalla presentazione e dalle incalzanti domande di Donato Zoppo, accreditata penna rock del giornalismo italiano, che interagisce col filosofo performer fra parole e musica.


(altro…)

Fotogallery: il filosofo del pop a Mantova con Varietà

mantova-apertura-fotogallery

Visualizza la Fotogallery dell’evento –>

www.mantovanotizie.com

Sottocornola su Bergamé e Qui Bergamo

b-bergame-1Il filosofo del pop, Bergamé, 4/2017b-bergame-2
qui-bergamoFin de siècle en francais, Qui Bergamo, 7/2017

Foto gallery di Locri

“Bootleg”, nuovo appuntamento con il ciclo di “Hasta Siempre”
(2014): la lezione concerto prenatalizia con gli studenti

Nuovo appuntamento con “Bootleg”, iniziativa web del filosofo del pop che propone mensilmente all’attenzione della rete una delle sue lezioni concerto sul territorio o altra performance filosofico/artistico/letteraria. Questa volta – 5 settembre – si tratta dell’ultimo live tenuto dal docente bergamasco per celebrare i dieci anni di lezioni concerto on the road, il recital “Hasta Siempre”, qui condiviso con gli studenti del Liceo Scientifico
“L. Mascheroni”
nell’Auditorium della Provincia di Bergamo, il 20 dicembre 2014. L’occasione è anche quella della presentazione al pubblico della chiavetta USB
“Una notte in Italia”
, in una settimana prenatalizia che conferisce all’evento un sapore festoso e corale, come si evince dal medley finale, fra “White Christmas” e John Lennon.


(altro…)

Sottocornola presenta “Varietà” a Mantova

claudio-sottocornola-a-mantova

Spettacolo, musica e costume nell’ultimo libro del filosofo del pop:
un centinaio di avvincenti conversazioni con i divi della musica, della tv e della cultura

Varietà, le interviste di Claudio Sottocornola ai divi del pop,
nella cornice del Festivaletteratura di Mantova il 6 settembre!

Atelier Aldo Coppola
by Vittorio
è lieto di presentare

VARIETA’
Interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti,
su  società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90

(altro…)

Fotogallery: “Varietà” all’Archeoclub di Locri, Corte del Palazzo di Città

claudio-sottocornola-locri-2017

Visualizza la Fotogallery dell’evento –>

www.lentelocale.it/

synpress44.blogspot.it/

www.ecodellalocride.it

www.telemia.it

www.lentelocale.it

www.reggiocalabriaweb.it

www.larivieraonline.com

udite-udite.it

it.paperblog.com

www.italianaradio.it

corrierelocride.it

www.strettoweb.com

www.cn24tv.it

“Bootleg” continua con la pubblicazione del trittico di “Hasta Siempre” (2014): è la volta del live dall’Auditorium Comunale di Zanica

L’iniziativa web “Bootleg” inaugurata dal filosofo del pop Claudio Sottocornola non va in vacanza e, per il mese di agosto, ci propone un evento dal sapore non convenzionale e un po’ retrò, l’anteprima di “Hasta Siempre”, recital di celebrazione dei dieci anni di lezioni concerto sul territorio del professore bergamasco del 2014, nella versione proposta all’Auditorium di Zanica il 12 aprile del medesimo anno, coadiuvato da un gruppo di studenti del Liceo Mascheroni di Bergamo. L’evento, che si configura come un inedito one man show, si caratterizza per le atmosfere dark e la versione video, colorata di effetti speciali dalle reminiscenze psichedeliche, esalta ancor più un contesto quasi onirico e fuori dai consueti schemi di gradevolezza scontata cui media e talent ci hanno da tempo abituato.
La lettura volutamente algida e distanziante delle poesie di Sottocornola, a commento dei tempi narrati, da parte dei numerosi studenti coinvolti, arricchisce poi il tutto di un elemento di attualizzazione ulteriore che incrementa il fascino di un evento dal sapore notturno e straniante.

Proponiamo, a commento del recital di Sottocornola, una suggestiva lettura del giornalista e blogger Antonio Falcone, apparsa sulla testata web “Sunset Boulevard” il 9 aprile 2014, cui si rimanda anche con un link.


(altro…)

Claudio Sottocornola all’Archeoclub di Locri con “Varietà”, Corte del Palazzo di Città

locandina-locri-sottocornola

Cultura, memoria, filosofia, identità, storia della musica e del costume italiano: il filosofo lombardo torna in Calabria per un incontro incentrato sugli ultimi libri ‘Varietà’ e ‘Fin de Siècle’, coordinato dall’Archeoclub

Varietà, interviste e poesia: Claudio Sottocornola il 31 luglio a Locri
Archeoclub Locri
è lieto di presentare

VARIETA’

Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti,
ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90 (Marna)

(altro…)

“Bootleg”, nuovo appuntamento con il ciclo di “Hasta Siempre” (2014): la lezione concerto prenatalizia con gli studenti

Nuovo appuntamento con “Bootleg”, iniziativa web del filosofo del pop che propone mensilmente all’attenzione della rete una delle sue lezioni concerto sul territorio o altra performance filosofico/artistico/letteraria. Questa volta – 5 settembre – si tratta dell’ultimo live tenuto dal docente bergamasco per celebrare i dieci anni di lezioni concerto on the road, il recital “Hasta Siempre”, qui condiviso con gli studenti del Liceo Scientifico “L. Mascheroni” nell’Auditorium della Provincia di Bergamo, il 20 dicembre 2014. L’occasione è anche quella della presentazione al pubblico della chiavetta USB “Una notte in Italia”, in una settimana prenatalizia che conferisce all’evento un sapore festoso e corale, come si evince dal medley finale, fra “White Christmas” e John Lennon.

(altro…)

“Bootleg” continua con la pubblicazione del trittico di “Hasta Siempre” (2014): è la volta del live dall’Auditorium Comunale di Zanica

L’iniziativa web “Bootleg” inaugurata dal filosofo del pop Claudio Sottocornola non va in vacanza e, per il mese di agosto, ci propone un evento dal sapore non convenzionale e un po’ retrò, l’anteprima di “Hasta Siempre”, recital di celebrazione dei dieci anni di lezioni concerto sul territorio del professore bergamasco del 2014, nella versione proposta all’Auditorium di Zanica il 12 aprile del medesimo anno, coadiuvato da un gruppo di studenti del Liceo Mascheroni di Bergamo. L’evento, che si configura come un inedito one man show, si caratterizza per le atmosfere dark e la versione video, colorata di effetti speciali dalle reminiscenze psichedeliche, ancor più esalta un contesto quasi onirico e fuori dai consueti schemi di scontata gradevolezza cui media e talent ci hanno da tempo abituato.

(altro…)

“Bootleg” continua con la pubblicazione del ciclo di
“Hasta Siempre” (2014): si incomincia con la serata
Noesis per il decennale live del “filosofo del pop”

Continua per Claudio Sottocornola l’iniziativa web “Bootleg”, inaugurata il 5 giugno con la pubblicazione di “Viva l’Italia” e “E ti vengo a cercare” sul Canale CLDclaudeproductions di YouTube (reperibili anche dal sito dell’autore), che prevede la pubblicazione mensile di una lezione concerto o evento relativi alle performance del filosofo del pop.

(altro…)

Fin de siècle: le poesie di Sottocornola tradotte per il pubblico di lingua francese

fin-de-siecle-cover

Fin de siècle
Claudio Sottocornola tradotto in francese

Le poesie di Sottocornola tradotte in francese nella prestigiosa collana Biblioteca Universalis/ Aula Magna della rivista internazionale “Contemporary Literary Horizons” con sede a Bucarest: un lirismo post moderno e pop-zen finalmente nella lingua di Rimbaud attesta la vocazione interculturale e cosmopolita dell’autore.

Claudio Sottocornola
“Fin de siècle”

Bibliotheca Universalis
Editura PIM – pp.121

(altro…)

“Bootleg” – la nuova iniziativa web del filosofo del pop

A partire da lunedì 5 giugno il filosofo del pop Claudio Sottocornola inaugura l’iniziativa “Bootleg”, con la quale proporrà in rete lezioni concerto, conferenze, presentazione di libri e mostre con cadenza mensile. Lo scopo è condividere con il pubblico del web, come già avvenuto in passato con “Working Class” e “Una notte in Italia”, una vasta esperienza didattica e performativa che caratterizza da anni la sua attività sul territorio fra storia, filosofia, musica, poesia e immagine.

(altro…)

c-sottocornola-viva-litalia

Il video della lezione concerto “Viva l’Italia” a causa di problemi tecnici che stiamo risolvendo sarà disponibile in rete dalla prossima settimana. Grazie e buona visione!

“E ti vengo a cercare”, una lezione concerto con gli studenti del Mascheroni per parlare di senso della vita e ricerca di Dio attraverso la canzone pop, rock e d’autore

locandinaClaudio Sottocornola
lezione-concerto
con gli studenti

Venerdì 5 maggio 2017 ore 8.45
Auditorium Liceo Scientifico
“Lorenzo Mascheroni”
Via Alberico da Rosciate, 21/a
Bergamo

c-sottocornola (altro…)

Sottocornola incontra gli studenti polacchi in interscambio del Liceum im. Karola Libelta di POZNAN, Aula Magna Liceo Mascheroni, Bergamo

logo-interscambio“Ho trascorso la mia vita ad Istanbul, sulla riva europea, nelle case che si affacciavano sull’altra riva, l’Asia. Stare vicino all’acqua, guardando la riva di fronte, l’altro continente, mi ricordava sempre il mio posto nel mondo, ed era un bene. E poi, un giorno, è stato costruito un ponte che collegava le due rive del Bosforo. Quando sono salito sul ponte e ho guardato il panorama, ho capito che era ancora meglio, ancora più bello vedere le due rive assieme. Ho capito che il meglio era essere un ponte fra le due rive. Rivolgersi alle due rive senza appartenere.

Oran Pamuk, Istanbul, 2003

0-donizetti

Sabato 8 aprile dalle ore 09.00 alle 11.00, presso l’Aula Magna del Liceo scientifico “L. Mascheroni” di Bergamo – nell’ambito del Programma “Countries without frontiers, 30th International Exchange” – Claudio Sottocornola incontra gli studenti del Liceo “Karola Libelta” di Poznan, a conclusione della loro permanenza a Bergamo. (altro…)

Fotogallery Lezione concerto “Viva l’Italia”, Auditorium Liceo Mascheroni, Bergamo

Reportage 1dsc_9743_visual

(altro…)

Fotogallery Lezione concerto “Viva l’Italia”, Auditorium Liceo Mascheroni, Bergamo

Reportage 2
img_6142_visual

(altro…)

Flashback: fotogallery Presentazione “Varietà”, Libreria Ubik, Savona

01-sottocornola-ed-enrile-a-ubik-savona-adrien-viglierco-atutore_visual (altro…)

“Viva l’Italia”, una lezione concerto con gli studenti del Liceo Mascheroni per parlare di identità nazionale attraverso la canzone pop, rock e d’autore

Un docente-interprete, un gruppo di studenti del Liceo Mascheroni di Bergamo, la Storia dell’Italia contemporanea riletta attraverso la canzone pop, rock e d’autore

Claudio Sottocornola
lezione-concerto
con gli studenti

Claudio_Sottocornola_studenti_Liceo_Mascheroni

Sabato 14 gennaio 2017 ore 8.45
Auditorium Liceo Scientifico
“Lorenzo Mascheroni”
Via Alberico da Rosciate, 21/a
Bergamo

“Viva l’Italia” è una lezione-concerto proposta dal prof. Claudio Sottocornola, docente di Filosofia e Storia, con gli studenti del liceo Mascheroni nella qualità di performer. (altro…)

gallery

Sottocornola alla LIbreria Ubik di Savona

Claudio-Sottocornola-4PDF Ubik Savona
Eventi Ubik-Savona, novembre 2016

A Savona il filosofo del pop Claudio Sottocornola presenta il nuovo libro Varietà
www.savonanews.it

Varietà, presentazione del libro di Claudio Sottocornola
www.mentelocale.it

Chi va con lo Zoppo… Ascolta buona musica!
donatozoppo.blogspot.it

Fotogallery: Presentazione “Varietà”, Libreria Cibrario,
Acqui Terme

riga

radiogold-news

Audio MP3

riga
(altro…)

Flashback: Presentazione “Varietà” Fiera dei Librai,
Bergamo 2016

18_lite
Visualizza la Fotogallery dell’evento
riga
(altro…)

Sottocornola con Varietà alla Libreria Cibrario di Acqui Terme

Venerdì 28 ottobre il ‘filosofo del pop’ porta il suo nuovo libro in Piemonte: una raccolta di interviste-ritratto dell’intellettuale lombardo ai grandi dello spettacolo in un affresco di cultura e costume tra anni ’80 e ’90

Cibrario Libreria Illustrata
è lieta di presentare

VARIETA’
Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti,
ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90

(Marna)
Venerdì 28 ottobre
ore 18.00

CIBRARIO LIBRERIA ILLUSTRATA
Piazza della Bollente, 18
Acqui Terme (AL)

C.Sottocornola

Varietà ad Acqui Terme!
www.synpress44.com

Claudio Sottocornola presenta Varietà ad Acqui Terme!
www.donatozoppo.it

Una conversazione con Claudio Sottocornola alla libreria Cibrario
www.radiogold.it

Claudio Sottocornola presenta “Varietà” alla libreria Cibrario di Acqui Terme
www.dietrolanotizia.eu

Sottocornola su Leggere Tutti

Claudio Sottocornola, scrittore e ordinario di filosofia e storia a Bergamo, ha una cultura enciclopedica e una curiosità innata. Spazia tra filosofia e teologia, tra poesia e canzone, con grande disinvoltura ma senza mai essere banale… Continua a leggere →

Leggere.tutti.CopertinaLeggere.tutti.Recensione

“Canzoni e animali, amici dell’uomo”:
l’intervista al filosofo del pop su zoologia e canzone

I cani come migliori amici dell’uomo, l’abbandono estivo che ritorna puntuale ogni anno e poi l’altro amico animale domestico: il gatto; e soprattutto la musica in cui vengono riversati da sempre amori, affetti e difetti degli uomini e passioni per gli animali. E’ da qui, da queste considerazioni, che nasce il connubio tra animali e musica. Un connubio che abbiamo proposto di indagare al filosofo del pop Claudio Sottocornola… Continua a leggere →

Il Sannio, 28.7.2016C.Sottocornola, Canzoni e animali, 28.7.2016

Canzoni e animali, amici dell’uomo
www.lisolachenoncera.it

Canzoni e animali, amici dell’uomo: un viaggio attraverso la musica con Claudio Sottocornola
suonalancorasam.wordpress.com

Canzoni e animali, amici dell’uomo: un viaggio attraverso la musica con Claudio Sottocornola
it.paperblog.com

Il filosofo del pop a Radio BlaBla,
intervistato da Francesca Scherini per “Caffè Letteradio”

Radio-Bla-Bla-con-varietà

Audio MP3

Sottocornola su Faremusic.it con “Varietà”

z-Claudio-Sottocornola-(intro-Faremusic)lite

Claudio Sottocornola -VARIETA’ – Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90.

Il mio incontro con Claudio Sottocornola risale a qualche anno fa, quando scoprii che esisteva chi utilizzava le proprie conoscenze, l’esperienza accumulata e la vasta cultura personale per spiegare al prossimo un argomento musicale ben specifico, quello che raggruppa la musica italiana degli ultimi 50 anni – definita “leggera” -, raccontata … Continua a leggere →

Fotogallery Presentazione “Varietà” Locri e Gioiosa Ionica

Comune di Locri: presentazione “Varietà”, Sala Consiliare, 04.08.2016


Gioiosa Ionica: presentazione “Varietà”, Palazzo Amaduri, 08.08.2016

Locri-ritorna il “Filosofo del Pop” Claudio Sottocornola con il suo nuovo libro
www.lentelocale.it

Il filosofo Claudio Sottocornola a Locri giovedì 4 agosto
www.rivieraweb.it

Locri, giovedì 4 agosto presentazione del libro “Varietà” di Claudio Sottocornola
www.telemia.it

Il “Filosofo del Pop” Claudio Sottocornola a Locri
http://ciavula.it

Claudio Sottocornola : Varietà a Gioiosa Ionica e Locri
http://ciavula.it/

Locri, Filosofo Claudio Sottocornola presenta “Varietà”
www.ntacalabria.it

Libri: Claudio Sottocornola presenta Varietà a Gioiosa Ionica
www.cn24tv.it

Claudio Sottocornola presenta Varietà a Gioiosa Ionica!
www.reggiocalabriaweb.it

A Gioiosa Ionica (RC) incontro con il «filosofo del pop» Claudio Sottocornola
www.reportageonline.it

Claudio Sottocornola al Comune di Locri e a Gioiosa Ionica con Radio Gamma per presentare “Varietà”

Claudio-Sottocornola-4

Giovedì 4 agosto il ‘filosofo del pop’ torna in Calabria con il suo nuovo libro: una raccolta di interviste-ritratto dell’intellettuale lombardo ai grandi dello spettacolo in un affresco di cultura e costume tra anni ’80 e ’90

Claudio Sottocornola presenta Varietà a Locri e a Gioiosa Ionica!
(altro…)

Il filosofo del pop intervistato da Francesco Pota per La storia dal jukebox su IL MONDO CONTEMPORANEO e RADIO LA BUONA MUSICA

La musica e l’evoluzione dell’immagine della donna dagli anni ‘40 agli anni ‘80 del Novecento è il tema affrontato nell’avvincente podcast del giornalista Francesco Pota in dialogo con Claudio Sottocornola, filosofo del pop che ha dedicato interessanti saggi e memorabili lezioni concerto  all’evoluzione dell’immagine femminile nella canzone italiana, con particolare attenzione al ruolo delle grandi interpreti. Insieme all’analisi e all’intervista, riascoltiamo alcuni dei brani simbolo di tale evoluzione, che ha accompagnato i processi di emancipazione delle donne in Italia, soprattutto negli anni ‘60 e ‘70.

Sottocornola-omaggia-Pavone

La musica e l’evoluzione dell’immagine della donna

Fin de siglo: le poesie di Sottocornola tradotte per il pubblico di lingua spagnola

copertina_Fin.de.spFin de siglo
Claudio Sottocornola tradotto in spagnolo

Le poesie di Sottocornola tradotte per il pubblico di lingua spagnola nella prestigiosa collana Biblioteca Universalis/ Aula Magna della rivista internazionale “Contemporary Literary Horizons” con sede a Bucarest: il suo lirismo post moderno e pop-zen in uno scenario interculturale e cosmopolita con l’idioma più diffuso sul pianeta

Claudio Sottocornola
“Fin de siglo”

Bibliotheca Universalis
Editura PIM – pp.106

(altro…)

“Fin de siglo”, le poesie di Sottocornola tradotte per il pubblico di lingua spagnola
suonalancorasam.wordpress.com

European Horizons: Claudio Sottocornola (Italy)
contemporaryhorizon.blogspot.it

Il filosofo del pop al CULTURAL’MENTE COVO FESTIVAL

culturalmente_logo
Claudio-Sottocornola-live

CAFFE’ MUSICO FILOSOFICO CON IL FILOSOFO DEL POP
CLAUDIO SOTTOCORNOLA

Modera l’incontro Marcella Rossoni

Domenica 12 giugno il ‘filosofo del pop’ Claudio Sottocornola interviene con “Varietà” – Musica e Parole – al CULTURAL’ MENTE COVO FESTIVAL, Covo (Bg), come protagonista del Caffè Musico Filosofico in Piazza S.S. Apostoli, dalle ore 16.30 alle ore 18.30. (altro…)

A proposito di “Varietà”…

RecensioneRecensioneRecensione

riga


Il nuovo libro del ‘filosofo del pop’ Claudio Sottocornola
www.blogdellamusica.eu

IL LIBRO. Varietà di Sottocornola, il filosofo del pop che ama la Calabria/
www.zoomsud.it

“La vita risulta l’interpretazione più impegnativa e significativa che ciascuno di noi può esprimere”, intervista con Claudio Sottocornola
suonalancorasam.wordpress.com

Varietà (Marna, 2016) l’ultimo libro di Claudio Sottocornola rappresenta una corposa antologia di interviste ai divi storici della pop music italiana.
www.zatteradelpensiero.it

Claudio Sottocornola presenta “Varietà” alla Fiera dei Librai

Giovedì 28 aprile 2016, ore 17.00,  alla Fiera dei Librai di Bergamo-Premium Edition,  Claudio Sottocornola presenterà il nuovo libro “Varietà” – Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90 , pubblicato da Marna. Sarà presente insieme a lui il giornalista Donato Zoppo, che ha firmato la prefazione di questa ultima fatica letteraria del filosofo bergamasco, e lo intervisterà su “Media, spettacolo e canzone, nella costruzione di una identità linguistica e nazionale italiana nel Secondo Novecento” .  L’appuntamento è al Quadriportico del Sentierone-Spazio Incontri, Ingresso libero.

varieta invito bergamo

Mia Martini, Beppe Grillo, Nino Manfredi, Gianni Morandi, Rita Pavone, Donovan, Enzo Jannacci, Vittorio Sgarbi, Angelo Branduardi, Raimondo Vianello, le gemelle Kessler, Red Ronnie, Alberto Lattuada non sono che un esempio eloquente della varietà dei colloqui di Sottocornola: un centinaio di interviste (molte per la prima volta integrali, alcune del tutto inedite) con retrospettive e riflessioni, decisive per le iniziative che in seguito Sottocornola avrebbe intrapreso, dalla docenza di Storia della Canzone e dello Spettacolo alla Terza Università di Bergamo alle affollate lezioni-concerto, che lo vedono in azione come narratore, performer e interprete. La sua attività di ricerca sulla canzone italiana, vera e propria cartina di tornasole per comprendere mutamenti e passaggi nella storia sociale e culturale del nostro Paese, si completa proprio con Varietà : “Questi incontri mi restituirono il senso di una ricchezza straordinaria, di una vitalità e di un professionismo stimolanti, insomma, di una grande energia che dovevo in qualche modo raccontare attraverso i miei pezzi, e che ora, raccolti a distanza di anni in questa corposa antologia, mi appaiono quasi come una memoria storica, una testimonianza a futura memoria di tutto il bello e di tutto il bene che il mondo dello spettacolo italiano ha regalato alla nostra identità collettiva. Aggiungo che il confronto con personaggi tanto entusiasmanti mi ha poi indotto a passare io stesso ‘dall’altra parte del vetro’, per cimentarmi nello studio e nella interpretazione di brani pop, rock e d’autore italiani, proposti poi in cd e lezioni concerto, sempre nel solco di questo recupero memoriale della nostra identità storica“.

 
Varietà alla Fiera dei Librai!
www.synpress44.com
 

Dicono di “Varietà”…

varieta copertina bergamo

“Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90… Anni intensi, bellissimi, che l’autore ci restituisce in pieno consegnandoci pagine ricche di passione, umanità e autentico giornalismo. Sottocornola usa volutamente la dicitura “intervista-ritratto”: dialoghi guidati dall’attenzione alle singole personalità, alle direzioni e alle peculiarità di ognuno, conversazioni da rileggere per comprendere come siano cambiate la percezione del talento artistico e la relazione con il divismo, soprattutto televisivo. “L’avvento della Tv commerciale, pur sprovincializzando il gusto, ha prodotto il crollo del modello pedagogico a favore di quello consumistico. Oggi, inoltre, l’influenza dei nuovi media, Rete in testa, produce un’esigenza di interattività e protagonismo, per cui tutti vogliono apparire, senza necessariamente aver maturato qualcosa da dire. Il risultato è un appiattimento dell’offerta, sia a livello di informazione che di intrattenimento, La soluzione? Educare alla criticità, al discernimento, alla scelta, specialmente le nuove generazioni. E farle uscire dall’impasse dell’autodivismo,   la malattia mortale che uccide il senso della meraviglia per ciò che l’altro può offrirci, e quindi dello spectaculum come luogo della trasfigurazione e sublimazione del reale”.

FieradeiLibrai.it, Programma, aprile 2016

“Varietà” ci rivela un Sottocornola-giornalista spurio e (dunque) non-irreggimentato, distante tanto dalle torri d’avorio quanto dalle conventicole radical-chic tipiche di tanta stampa di regime (compreso il regime radical-chic), un giornalista appassionato e intellettualmente libero. Che si trovi al cospetto dell’antipatico (ma non troppo) Vittorio Sgarbi (“Ebbene sì, sono buono”) o dell’umanista Enzo Jannacci (“Trent’anni da pagliaccio”). Che nei suoi faccia-a-faccia debba vedersela con Rita Pavone (che apre e chiude gli incontri di questo libro, credo non a caso) o con Anna Magnani, “L’ultima romana”. O ancora con Wanda Osiris, Amedeo Minghi, Nino Manfredi (intervista umana troppo umana), e ancora Mia Martini, Luca Barbareschi, Carla Fracci, Catherine Spaak, Ether Parisi, i Pooh, Amanda Lear e ancora e ancora e ancora, perché a leggere “Varietà” tutto d’un fiato (ma in fondo non occorre, ciascuno è libero di leggersi le interviste ai personaggi che più gli interessano, c’è solo l’imbarazzo della scelta) non finisce mai. Ci sono modi e modi di condurre le conversazioni giornalistiche: il primo è genuflessi al personaggio di turno, come da diktat editoriale; il secondo è in apparente schiena dritta, mascherando il livore sotteso all’invidia o a diverse scelte di campo. E poi c’è il terzo modo, il modo che si riscontra nella raccolta di Claudio Sottocornola, quello che prevede il rispetto per l’interlocutore e per se stessi, sulla scorta del sacrosanto diritto al racconto oggettivo. Mi sembra un approccio divenuto (colpevolmente) inattuale, forse bisogna essere “filosofi del pop” per crederci ancora.

Mario Bonanno, SoloLibri.net, 19.03.2016

Parliamo di libri. A dirla tutta, mi risulta difficile e quasi imbarazzante intervistare chi dell’intervista e del giornalismo ha fatto una grande professione di vita. Un personaggio che come tanti vive e segna passaggi importanti dietro le quinte di questo mondo gigantesco che è lo spettacolo. Claudio Sottocornola, docente, filosofo del pop, scrittore, giornalista e interprete. Famose oggi le sue tanto acclamate lezioni concerto. Ho avuto la fortuna di immergermi nella lettura di questo libro che si intitola “Varietà” e raccoglie anni d’oro di un’Italia che viveva il cambiamento e si avvicinava al declino culturale della musica e non solo. La bella cultura popular nella vita professionale di una voce di riferimento nel giornalismo italiano. Claudio Sottocornola lascia che la storia si racconti attraverso le bellissime interviste che ha fatto con grandi nomi della scena, principalmente italiana ma non solo, se pensiamo ai suoi incontri con Donovan, le gemelle Kessler, Georges Moustaki, Catherine Spaak… ed è così che la loro voce e le loro parole completano un mosaico ricco di suggestive angolazioni da cui guardare il finire degli anni ’80 e l’inizio dell’era anni ’90. C’è da perdersi dietro ogni carattere, ogni volto che immaginiamo benissimo, dietro ogni voce… andamenti sociali e culturali, pieghe di un vissuto e l’evoluzione del gusto e delle mode… la bella storia italiana di chi la storia l’ha fatta.

Paolo Tocco, QubeMusic.it, 23.03.2016

 

 

A proposito di “Varietà”…

 
Il filosofo del pop presenta il suo “Varietà”
Il Sannio Quotidiano

Sanremo aperto a tutti: un sogno
Il Sannio Quotidiano

Varietà – Claudio Sottocornola
Sololibri.net

QUBE GENERATION: la storia d’Italia nel nuovo libro di Claudio Sottocornola
QubeMusic.it

“Varietà” l’Italia tra gli anni ’80 e ‘90 attraverso le interviste di Claudio Sottocornola
SannioTeatrieculture.it

Sottocornola presenta “Varietà” alla Fondazione “G. Romano” di Telese 
www.fondazioneromano.it

Sottocornola presenta “Varietà” a “Bastardi senza gioia”  
www.radiocitta.net

 

Fotogallery Presentazione “Varietà” Libreria IBS

Bergamo, 9.03.2016

Claudio Sottocornola alla Libreria IBS di Bergamo con “Varietà”

Mercoledì 9 marzo 2016, presso la Libreria IBS di Bergamo, alle ore 17.30, il filosofo del pop Claudio Sottocornola presenterà “Varietà” (Marna, pp. 455), taccuino giornalistico con interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90. Nell’occasione sarà intervistato dal giornalista Donato Zoppo, una delle più prestigiose penne rock italiane, su divismo postmoderno e mutate antropologie, nuovi media e generazione digitale, ma anche sui grandi incontri con il meglio della canzone e dello spettacolo italiano fra gli anni ’80 e ’90 che appaiono in “Varietà”.

varieta_copertinaI grandi dello spettacolo nelle interviste-ritratto di Claudio Sottocornola!

Mia Martini, Beppe Grillo, Nino Manfredi, Gianni Morandi, Rita Pavone, Donovan, Enzo Jannacci, Vittorio Sgarbi e numerosi altri: sono i big che Claudio Sottocornola intervistò a cavallo tra anni ’80 e ’90, in un periodo di intensa attività giornalistica che oggi torna all’attenzione del lettore grazie a Varietà – Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90 (Velar). Presentato in anteprima nazionale nel Sannio, Varietà raccoglie le interviste realizzate dal 1989 al 1994 da Sottocornola (pubblicate su numerosi quotidiani come Il Giornale di Bergamo Oggi, L’Arena, Il Gazzettino, Il Quotidiano, L’Eco di Bergamo, Libertà, La Prealpina etc.), e immortala una fase cruciale nel percorso dell’intellettuale lombardo – ribattezzato dalla critica“il filosofo del pop” per la sua attenzione ai linguaggi popular contemporanei.

(altro…)

Ma che musica maestro! Intervista al filosofo del pop sui festival italiani, pensando a Sanremo 2016

Lezione-concerto-C.Sottocornola-sanremo2016

Il 66° Festival di Sanremo incombe e invade i palinsesti, entra nelle nostre case con i suoi big e le sue nuove proposte, con i grandi ospiti (leggi Elton John e i Pooh, Ramazzotti, Elisa e la Pausini), con il suo gossip e l’appeal di Madalina Ghenea, Virginia Raffaele e Gabriel Garko, Carlo Conti a condurre i giochi. Al di là della sua progressiva trasformazione in un grande contenitore televisivo, il Festival costituisce una delle poche vetrine della musica leggera italiana rimaste. In questa intervista diffusa nel web, il “filosofo del pop” Claudio Sottocornola,  ci guida in una rapida ma rigorosa indagine nella storia dei Festival italiani, dal Cantagiro al Festivalbar, da “Un Disco per l’estate” a “Canzonissima”, dal Festival di Napoli   a Castrocaro, sempre con un occhio a Sanremo 2016.

Il filosofo del Pop: intervista a Claudio Sottocornola sulla storia dei festival italiani
Caffènews
Ma che musica maestro! – Intervista al filosofo del pop Claudio Sottocornola sulla storia dei Festival italiani pensando a Sanremo 2016-
Suonalancorasam
Intervista al filosofo del pop Claudio Sottocornola sulla storia dei Festival italiani, pensando a Sanremo 2016
Mat2020
Ma che musica maestro! Intervista a Claudio Sottocornola
MediaeSipario

Varietà, il nuovo libro di Claudio Sottocornola,
in anteprima nazionale a Benevento

Claudio_Sottocornola_Varieta_presentazione

Due imperdibili appuntamenti per l’ultimissima produzione del filosofo del pop!

Venerdì 29 gennaio, alle ore 18.30, presso la Fondazione Romano di Telese Terme (Benevento), Claudio Sottocornola presenterà in anteprima nazionale il nuovissimo libro “Varietà” – Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90, pubblicato da Marna Edizioni. Saranno presenti, insieme all’autore, il prof. Felice Casucci e Donato Zoppo, che ha firmato la prefazione di questa ultima fatica letteraria del filosofo bergamasco. Sabato 30 gennaio, alle ore 18.30, si replica presso l’Auditorium Cilindro Nero a San Giorgio del Sannio (Benevento), con la presenza, insieme all’autore, dell’Assessore alla Cultura Dina Camerlengo e, ancora una volta, del giornalista Donato Zoppo. Sarà un’occasione per parlare, oltre che della poliedrica attività fra musica, poesia, filosofia e immagini del “filosofo del pop”, dei numerosi incontri e interviste-ritratto realizzate da Sottocornola con i maggiori esponenti dello spettacolo e della canzone italiana fra gli anni ’80 e ’90, da Gianni Morandi a Ivano Fossati, da Enrico Ruggeri a Rita Pavone, da Nino Manfredi a Wanda Osiris, da Carla Fracci a Mia Martini, da Mara Venier a Paolo Conte, da Catherine Spaak a Edwige Fenech, da Raimondo Vianello e Sandra Mondaini a Franca Valeri ed Ernesto Calindri, da Vittorio Sgarbi a Beppe Grillo.


Telese Terme (BN): Conversazione con Claudio Sottocornola

www.infosannio.wordpress.com
Varietà: Claudio Sottocornola a Telese Terme
www.sannioteatrieculture.it
“VARIETÀ – TACCUINO GIORNALISTICO: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’italia fra gli anni ’80 E ’90″
www.beneventoforum.it
Claudio Sottocornola a San Giorgio del Sannio: il ‘FILOSOFO DEL POP’ presenta il nuovo libro all’auditorium Cilindro Nero
www.radiocitta.net
Varietà – Taccuino giornalistico: interviste, ritratti, recensioni, approfondimenti, ricerche su costume, società e spettacolo nell’Italia fra gli anni ’80 e ’90
www.emozioninrete.com

Gli auguri del filosofo del pop

01-collage-Sottocornola-natale-2015Eighties/ laudes creaturarum ‘81 (23)

Oh, com’è bella la città

Oh, com’è bella la città
dietro le vetrine di un bar
come una piramide di voli
di clacson e auto sull’asfalto
e di lumi per l’aria
e musica nelle orecchie
musica leggera
che dobbiamo imparare
per non restare fermi
e continuare a volare
a guidare e a suonare
clacson nella città che corre
dentro le vetrine di un bar
coi suoi colori gialli e rossi
nell’aria impazzita di
marocchina cosmopolita frenesia
nel villaggio globale
come una piramide di voli
l’uccello della pace
porta buone nuove
scorrendo il giornale
variando i motivi
bevendo pomeridiani
aperitivi…
perdendo nozione
come un ultras della vita
che riposa la giornata
a un tavolino della vetrata
dentro una piramide di voli
ascoltando musica leggera
solo un attimo da schianto.

25 marzo 1991

(Claudio Sottocornola, “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi”, CLD/ Velar, 2008)

Claudio Sottocornola Claude: ‘orco’ e ‘sciamano’
in viaggio tra musica, storia e costume

di Donato Zoppo

“Il buon storico somiglia all’orco della fiaba: egli sa che là dove fiuta carne umana, là è la sua preda”. La celebre frase dello storico francese Marc Bloch è una perfetta chiave d’accesso per comprendere l’opera di approfondimento e divulgazione che Claudio Sottocornola Claude svolge sulla canzone italiana. Un’opera che viaggia tra discipline culturali e mezzi espressivi diversi, che affronta differenti modalità divulgative, che è sorretta da un approccio serio e responsabile. Un’opera dalla quale emergono soprattutto una notevole professionalità, un’irrefrenabile curiosità e una grande passione. Chi è Claudio Sottocornola? E soprattutto, cosa cerca nella canzone? Docente di Filosofia e Storia al Liceo Mascheroni di Bergamo e di Storia della Canzone e dello Spettacolo alla Terza Università di Bergamo, Sottocornola è anche un giornalista molto attento al rapporto tra canzone, storia e costume. Per numerose testate, per la radio e la tv, ha cominciato a svolgere delle “inchieste” sulla storia della canzone italiana, intervistando artisti del calibro di Paolo Conte, Pierangelo Bertoli, Enrico Ruggeri, Milva, Ivano Fossati, Angelo Branduardi e molti altri. Artefice di una visione unitaria del mondo e dell’arte, Claudio ha sentito l’esigenza di superare – rectius: perfezionare – la sua ricerca scientifica e giornalistica, affrontando un nuovo percorso creativo in studio di registrazione: dallo studio alla “manipolazione” della canzone, con la rielaborazione di classici della musica leggera italiana, rivisitati con idee e modalità interpretative nuove. Il progetto ha visto la luce con il ciclo musicale L’Appuntamento (tre cd pubblicati tra 2004 e 2006) e il dvd L’Appuntamento – The Video, che sintetizza il meglio dell’esperienza in studio. Il cd L’appuntamento/collection (2008) costituisce poi un’ulteriore selezione dalla trilogia.

Il primo impatto che ho avuto con l’attività di questo anomalo divulgatore è stato suggestivo. In questa indecifrabile epoca di transizione, in cui i valori (il centro, il perimetro, la definizione, la predestinazione, come notava il Prof. Angelo Calabrese) si disperdono e l’esistenza umana diventa impredittibile, in cui il consumismo piega al suo volere le arti, in cui tutto si assomiglia ed è omologato perdendo differenze e identità, l’iperattività di un docente di filosofia, giornalista, promotore efficace di lezioni-concerto legate alla musica e alla storia contemporanea, non può che colpire positivamente. Mi hanno affascinato la sua pratica interdisciplinare, una scelta coraggiosa in un’epoca di insopportabile frammentazione del sapere, e il suo coinvolgente metodo divulgativo, che da operatore dell’informazione musicale ritengo un’esigenza primaria.

L’oggetto dell’analisi di Claudio è la canzone popolare contemporanea: egli non indaga nei lieder e nelle romanze, né nella composizione colta, ma ha scelto il mondo della popular music, della musica di consumo. In particolare, la canzone italiana nella sua forma più tradizionale, ovvero di composizione breve con lo schema canonico “introduzione-strofa-ritornello-strofa-ritornello-assolo-ritornello”. Una scelta naturale per un uomo del 1959, cresciuto nel post-‘68 con l’amore per i grandi interpreti degli anni ’60 ma anche per il miglior rock, la black music, i cantautori affermatisi negli anni ‘70. Il suo non è un tentativo di “sdoganare” la musica leggera e di intrattenimento: attraverso l’interpretazione, egli intende fare da tramite tra autore e pubblico allo scopo di svelare meccanismi, tensioni, genesi e retroterra della canzone, per valorizzarne il ruolo di fonte storica ma anche di “agente” all’interno dei processi culturali e sociali. Claudio compie un passaggio per certi versi traumatico: dall’illustrazione “scientifica” alla penetrazione completa nella dimensione musicale, egli decide di “mettere le mani nel motore” e interpreta la composizione alla luce della propria personalità, svuotandosi per diventare “canale” e trasmettere un mondo compositivo, sonoro e storico. Così perde validità l’antico adagio In claris non fit interpraetatio: un pezzo “leggero” di Gianna Nannini, degli Audio 2, di Bruno Martino o di Raf (alcuni degli autori scelti da Claudio) non è necessariamente lineare o scontato, ma in quanto specchio dei tempi e frutto di un particolare momento storico e artistico, merita un’adeguata interpretazione, che funge anche da mezzo di “aggiornamento”.

Sebbene la sua opera sia qualcosa di unico, Claudio non è affatto un operatore culturale isolato. Negli ultimi anni la canzone popolare si è imposta sempre di più come oggetto d’indagine per gli storici: è fonte di notevole interesse per la ricostruzione dei cambiamenti sociali, dei costumi, della morale sessuale, delle abitudini consumistiche dell’Italia dal Dopoguerra ad oggi. La forma-canzone è diventata dunque una formidabile cartina di tornasole per comprendere la più recente storia italiana: una fonte complessa, sintesi di musica, testo e produzione discografica (dunque tecnologia, registrazione, suono, marketing), che per questo si allontana dalla dimensione della “canzonetta” per diventare strumento di conoscenza. Se ne rendeva conto nel 2001 (e all’epoca Claudio era nel pieno dei suoi “esperimenti” in studio) Marco Peroni in Il nostro concerto – La storia contemporanea tra musica leggera e canzone popolare (La Nuova Italia): l’autore riconosceva l’importante ruolo della canzone all’interno dei processi culturali, la sua complessità come fonte, ma anche il vuoto, la scarsa bibliografia in materia, l’imbarazzo della storiografia di fronte alla musica, e più in generale alla “cultura pop” (es. cinema e televisione). Negli ultimi anni le cose sono cambiate, l’editoria è più attenta e in alcuni casi intraprende ulteriori approfondimenti: è il caso di C’era una volta la RCA – Conversazioni con Lilli Greco (Coniglio Editore 2007), un intrigante viaggio nella popolare casa discografica che lanciò cantautori come Venditti, De Gregori, Dalla, Baglioni, Conte e altri.

L’ambito di operatività è circoscritto all’area della “cultura pop”, rivisitata con l’ausilio di strumenti critici derivanti dalla sua formazione culturale e professionale, e utilizzati soprattutto a scopi educativi: “Come docente ho potuto spesso constatare che i ragazzi vengono preparati per esempio ad analizzare L’Infinito di Leopardi ma subiscono acriticamente il linguaggio dei media. Constato peraltro che buona parte del ‘900 sarà probabilmente ricordata per l’esplodere della cultura pop, legata ai linguaggi di massa, che vanno dal cinema alla televisione, dalla canzone ai giornali”. Una delle chiavi d’accesso usate da Claudio è il concetto di interdisciplinarietà, che lo avvicina all’uomo rinascimentale, per il quale non esisteva frammentarietà o divisione, e il sapere aveva la sua indiscutibile unitarietà. A tal proposito merita un cenno la mostra di Sottocornola dedicata agli anni ’80, svoltasi nel mese di ottobre 2007 a Bergamo. 80’s/Eigthies (Laudes Creaturarum ‘81) è stata un’originale iniziativa, definita da Raffaella De Simone “un grande affresco degli anni ‘80”: un ciclo figurativo composto da 40 collage che ritraevano volti (Ornella Muti, Bruce Springsteen, Nancy Reagan, Dalila Di Lazzaro, ecc.) e simboli (le top model, le scarpe Brooks, la spider Alfa Romeo) tipici del decennio rampante (o della Decada perdida, come ricordano i sudamericani…), che furono realizzati nel 1981, quando l’autore aveva 22 anni. Ritagli di riviste e giornali che Claudio – con un “raptus compositivo” – ha organizzato in modo coerente, miscelando sacro e profano, spirituale e materiale, alto e basso, e annullando le differenze proprio grazie ai contrasti. Questi collage “sono l’espressione di uno stretto rapporto tra piano esistenziale e interpretazione estetico-artistica dei fenomeni dell’epoca. La forma con cui si presentano lo testimonia: il collage è l’esito di una selezione e decontestualizzazione che genera nuove eco quando le immagini vengono ricomposte”.

Dunque nel progetto di Sottocornola il pop non viene liquidato come “genere musicale” ma è studiato come vero e proprio “orizzonte culturale” della contemporaneità. Nella sua opera c’è altro: la centralità dell’interpretazione, che spesso è eccessiva, trasgressiva, ma che ha lo scopo di “neutralizzare” la composizione per consegnare allo spettatore un senso reso attuale, vibrante. Un rapporto osmotico lega la canzone originaria a quella che Claudio restituisce a chi lo ascolta: egli si fa tramite, è il collegamento “umano” tra passato e presente, rende vivo un tassello di storia. La sua è una relazione intima e profonda con il testo, che viene interpretato in modo tale da conferire novità e senso compiuto alla canzone, magari già ascoltata migliaia di volte ma superficialmente, in auto, al computer, dal parrucchiere o svolgendo le faccende domestiche.

La visione unitaria e universale di Claudio è la base da cui parte la premessa della sua indagine: “Credo che per capire la canzone contemporanea occorra abbandonare la distinzione tra cultura “alta” e “bassa”. Ogni grande tradizione culturale che non sia appannaggio di un’élite o di una scuola è all’origine popolare. Shakespeare, Omero, Verdi lo erano. Col tempo poi, queste espressioni artistiche subiscono un processo di istituzionalizzazione, e quindi ciò che è popolare diviene “accademia”. È capitato a tutti, e sta accadendo anche oggi, per esempio, a Battisti e De André”. Partendo da questo assunto, Sottocornola nei suoi tre cd ha osservato, attraverso la lente della canzone, l’evoluzione della società italiana dagli anni ’50 ad oggi. Basta prendere come esempio due brani della trilogia: Ma l’amore no (D’Anzi-Galdieri, 1942) e Meravigliosa creatura (Nannini-Redeghieri, 1995, reincisa nel 2004). Tra la prima e la seconda canzone c’è mezzo secolo di storia italiana, e dietro due brani all’apparenza semplici e immediati si celano importanti processi culturali e artistici. Dietro il testo, l’interpretazione, la qualità del suono, la produzione, il modo di trasmissione e promozione, è possibile leggere un pezzo di storia d’Italia. Pensiamo solo allo strumento che ha dato notorietà ai pezzi: il primo fu reso celebre dall’interpretazione di Alida Valli nel film di Mario Mattoli Stasera niente di nuovo (1942), e fu la canzone più trasmessa dall’EIAR nel 1943; il brano di Gianna Nannini ha raggiunto una nuova e indiscussa popolarità in una versione con piano e archi, usata recentemente come colonna sonora per lo spot pubblicitario di una nota casa automobilistica (che ha subito sfruttato il successo utilizzando un’altra canzone della Nannini per un nuovo spot…).

Nella rilettura del Sottocornola, l’enfasi data all’interpretazione rivela un mondo nuovo fatto di sfumature, di malinconia e innocenza nel primo caso (con un timbro che riecheggia quello dolce e raffinato dell’Italia cinematografica dei “telefoni bianchi”), di intensità quasi rovente nel secondo (con una vocalità più graffiante e disinibita). Un’espressione vocale che indirettamente fotografa epoche, costumi sentimentali e sessuali, consumi e fruizione musicale differenti. Claudio ha un efficace modo di porsi verso l’ascoltatore, soprattutto nel sottolineare elementi linguistici, testuali e onomatopeici, per fornire una migliore comprensione del fenomeno. I più attenti noteranno che egli fa quasi il verso alla Nannini (accade lo stesso nei brani di Mina, ad esempio): non è un’imitazione ma un modo per palesare il senso della canzone e le intenzioni dell’autore.

Dall’ascolto dei cd e dalla visione del dvd, si percepisce con chiarezza la centralità della voce, che spesso e volentieri sacrifica le esigenze del “bel canto” per incontrare tendenze più ricercate e audaci: “Questa mia voglia di sperimentazione è nata soprattutto dopo aver frequentato dei corsi di dizione, recitazione, canto. Ho appreso a modificare la mia voce conferendole una varietà di soluzioni timbriche, rendendola talvolta grezza, talvolta vellutata”. A questo tratto vocale trasgressivo e dissonante, egli aggiunge modalità espressive incisive e una gestualità scenica sottile, ambigua, influenzato dalle interpreti degli anni ’60 (Mina, Patty Pravo, Rita Pavone) ma anche dai primi cantautori, per i quali l’intonazione veniva spesso e volentieri sacrificata in nome dell’espressività (Gino Paoli ad esempio). Claudio sa bene che nell’area pop anche il “gesto” ha un valore rivoluzionario (da Modugno che si sbraccia mentre canta Nel blu dipinto di blu a Jimi Hendrix che brucia la chitarra a Monterey…) e usa il linguaggio corporeo per accentuare la parola, dandole una dimensione quasi teatrale. Per Claudio la rivisitazione di un pezzo non è un cimento puramente musicale ma è un pretesto per raccontare la Storia con una diversa chiave d’accesso: è per questo che fa uso di una strumentazione essenziale, affidando alla sua voce il giusto protagonismo. Prendendo spunto dal titolo di un popolare album di Edoardo Bennato, gli amori di Claudio non “sono solo canzonette”: il materiale affrontato è molto di più, e la rielaborazione supera decisamente il feticismo di tante cover band di area rock, impegnate a fornire all’ascoltatore nostalgico versioni-fotocopia dei classici di Genesis, Eagles, U2 o Nirvana. Ma a ben guardare, l’esperimento di Claudio non è avvicinabile neanche alla recente ondata discografica di cover italiane (Laura Pausini, Claudio Baglioni, Giuliano Palma e i Bluebeaters, gli ultimi Pooh di Beat ReGeneration), opere di autori palesemente a corto di ispirazione.

La scelta delle canzoni è dettata da un’urgenza d’indagine, più che da esigenze di completezza. Se siete alla ricerca dei grandi classici battistiani o baglioniani, Sottocornola saprà come sviarvi, con canzoni altrettanto note, alcune meno celebri ma adatte allo scopo: Cuore di Rita Pavone, Estate di Bruno Martino, Mi vendo di Renato Zero, Cosa resterà degli anni ’80 di Raf, Acqua e sale di Mina e Celentano, Ogni volta di Venditti, E poi di Giorgia. L’Appuntamento è il primo tassello della trilogia: uscito nel 2004, propone un repertorio di area pop-rock piuttosto eterogeneo (Mina, Nannini, Ruggeri, Pavone, ecc.). L’Appuntamento 2 (i classici…) esce l’anno successivo e si sofferma su brani più melodici, dalla celebre Caruso di Dalla a Ti innamorerai di Masini passando per Mi vendo di Renato Zero. Chiude il trittico L’Appuntamento 3 (Ma l’amore no: quaderno delle origini), dal taglio più ricercato, che si avvicina anche a cantautori classici (Venditti, Guccini) e moderni (Raf). Una buona sintesi di queste fatiche è il dvd L’Appuntamento – The Video, che seleziona 15 pezzi: uscito nel 2006, accosta alle canzoni la dimensione video, che mostra Sottocornola a tutto tondo, nella sua veste di interprete-ricercatore di studio, ma anche a passeggio nelle vie di Milano, a voler sottolineare la “normalità” di una persona consapevole di vivere nel “ventre caldo” della contemporaneità, che però non rinuncia al suo bagaglio culturale e critico. L’Appuntamento/ collection esprime poi la medesima finalità e costituisce un unicum, un estremo distillato della ricerca stessa.

Nelle sue lezioni-concerto, Claudio rende comprensibile lo “iato” esistente tra le canzoni degli anni ’40-’50 e quelle degli ultimi tempi grazie ad un apparato di spiegazioni ed esempi, correlati anche dai ricordi di interviste realizzate con grandi nomi della canzone. Qui viene fuori la sua attività di giornalista e docente: la capacità “maieutica” di tirar fuori dall’intervistato il significato autentico della sua opera (egli ricorda con particolare affetto gli incontri con Paolo Conte e Mia Martini), l’inclinazione divulgativa che lo rende un narratore appassionato, più che uno storico che impartisce lezioni ex cathedra. Numerosi temi si affacciano nel suo racconto: l’amore, il sesso e la diversa immagine della donna; l’influenza americana che ha rinnovato la composizione e l’immagine pubblica dell’artista; lo svecchiamento e la “sprovincializzazione” della canzone italiana, il plurilinguismo; il cambiamento della musica come arte, divenuta merce di consumo mortificata e involgarita dalla tv; l’avvento della tecnologia e i mutamenti nella produzione e nella fruizione, che condannano la musica ad un’arte “di sottofondo”.

Grazie a questa operazione possiamo comprendere il ritmo convulso della contemporaneità, grazie al quale il canzoniere di Battisti e De André è già diventato classico, perfetta sintesi di un’epoca, di tensioni culturali e sociali, di esigenze individuali e collettive di rinnovamento. È qui che si trova il senso più profondo del concetto di “interpretazione”, del “farsi tramite”, medium, tra diverse dimensioni. Non è un caso che a proposito delle lezioni-concerto, Agostino Bacchi abbia scritto: “I suoi recitals mi danno l’impressione del canto e del gesto misterico e mistico dello sciamano guaritore. Musica, canto, gesto, forma, colore per comunicare stati d’animo, cultura, poesia”. È così che l’opera di Claudio diventa un potente ausilio “audio-visivo” che completa e arricchisce le trattazioni sulla canzone italiana di autori come Gianni Borgna, Enrico Deregibus, Mauro Ronconi, Mario Bonanno, Ernesto Capasso e Paolo Talanca.

Claudio non è un artista improvvisato o sprovveduto, egli esprime un mondo interiore legato al sapere e alla speculazione filosofica, ma come uomo del suo tempo affronta con naturalezza il discorso della contemporaneità e divulgativo. Il suo “filosofar-cantando” esprime una visione universale e omogenea della canzone, che fa tesoro di un’affermazione dell’amato Georges Moustaki: “Non ci sono canzoni stupide, ogni canzone è nel suo genere un valore assoluto, sia che ci faccia ballare, divertire, pensare o dimenticare”. Ciò che emerge in modo definitivo dall’operazione di Sottocornola è un quadro “altro” della storia d’Italia: dietro i papaveri e le papere, dietro i cieli in una stanza, le acque azzurre e chiare, le vite spericolate, gli uomini soli e le belle stronze, c’è stato e c’è ancora un paese che muta pelle e che consegna alle canzoni speranze, desideri, bugie, paure e ambizioni.  Claudio Sottocornola è un “orco” di blochiana memoria: il corpo della canzone è per lui preda succulenta, e con la stessa voracità di sapere e conoscenza con cui lo azzanna e lo gusta, così egli riconsegna al pubblico la sua e la nostra Storia.

Donato Zoppo, Nota critica a “L’appuntamento/collection”, 2008

Torna alla news “Good vibrations”

Una metafisica di suoni e parole

di Alessandro Spadoni

Può l’uomo riuscire a fermare, anche solo per un istante, l’inarrestabile movimento del tempo? Che significato dare al passaggio inesorabile delle stagioni se poi di noi non resta traccia? Qual è il senso di un uomo che ha vissuto con dolore e con estrema lucidità la sua condizione di anima critica del mondo e delle sue intime contraddizioni?

Talvolta mi consola il silenzio infinito del Pensiero.

Leggendo le poesie di Claudio Sottocornola si avverte la tensione di un poeta che tenta di trovare una risposta a delle domande attraverso una ricerca tutta interiore, un viaggio dentro se stesso e i suoi fantasmi per recuperare quell’autenticità propria di chi vuole essere “qui ed ora” senza compromessi e senza soprattutto la sovrastruttura di una cultura intesa soltanto come mera conoscenza di fatti e di artifici letterari.
Claudio Sottocornola va oltre nei suoi versi, intrisi di un lirismo e di una vitalità estrema; è animato dal desiderio di essere viaggiatore di altre terre, quelle più sconosciute e meno battute, quelle del suo “esserci nel mondo e per il mondo”, confrontandosi con le sue vicende passate, con i suoi errori, le sue delusioni, le sue speranze, il suo anelito ad un futuro che sia diverso, unico, denso di quei valori etici che soli possono ridare corpo e struttura all’uomo – poeta.
Le sue terre sono i lidi lontani dei ricordi, i suoi confini sono gli spasimi verso un indefinito che non si lascia cogliere, il suo cammino procede attraverso strade sconosciute, lontane dal brusio e dal vociare confuso di chi si accontenta della superficie delle cose.
Il ruolo del poeta, semmai ne ha avuto uno nella storia, per Claudio Sottocornola è rifuggire la mediocrità, il semplice vivere comune, non per narcisismo (il male peggiore di chi si crede artista), ma per l’intrinseca consapevolezza che c’è dell’altro oltre il muro, che oltre il visibile c’è una metafisica di suoni e parole che sottintendono un significato diverso, sconvolgente, eppure vero, reale, tangibile. Solo affrontando un tale viaggio, solo cercando di fermare il fluire insensato della realtà per fissare l’istante che può restituirci quella verità che abbiamo perduto, possiamo dire di avere vissuto, di essere stati capaci di mettere in contraddizione persino noi stessi per riconquistarci più autentici.
Nel suo libro Claudio Sottocornola indica proprio questo percorso: quello per vivere con coscienza le esperienze, metterle in discussione e scoprirne i lati più assurdi, più vicini al compromesso per scartarli e procedere con il meglio di noi stessi.
Un testo unico, un autentico “mosaico di luce” che vale la pena di leggere e rileggere con cura e attenzione.

Alessandro Spadoni, Recensione “Giovinezza… Addio. Diario di fine ‘900 in versi”,
www.lettera.com , 29 dicembre 2008

Torna alla news “Good vibrations”

“La semplicità è una complessità risolta”:
il nuovo percorso di Claudio Sottocornola

di Donato Zoppo

“Alfabeto minimo: 7 note e 21 lettere”. Così abbiamo presentato il 7 maggio 2009 – in quel di Trieste, all’Auditorium del Polo Ricreativo Enrico Toti – la due giorni Musica e parole. Siamo stati audaci, visto che in sette note e ventuno lettere è impossibile racchiudere il mondo e la performance di Claudio Sottocornola. D’altronde all’interno di un “laboratorio artistico” dedicato al rapporto tra musica e poesia, canzone, teatro e sperimentazione di suoni e lettere, non poteva mancare una persona che lavora proprio sull’interazione tra diversi linguaggi e forme comunicative. Abbiamo inserito così il fortunato reading di Claudio dal titolo Pop Dialogos And Music, che mi ha visto nelle vesti di presentatore, rectius di coordinatore dei vari movimenti che articolano il progetto. È stato un momento particolare del nostro rapporto, una sorta di coronamento di un percorso parallelo, la chiusura di un cerchio e la contestuale apertura di una fase nuova, anche per lui, già pronto alla pubblicazione del libro che avete cominciato a leggere. Quello triestino non è stato l’unico incontro con un pubblico variegato, incuriosito, attento a come Sottocornola porge il suo sapere, la propria esperienza, il proprio dolore di intellettuale che vive e decifra la contemporaneità ma a suo modo la rifugge, esplorando le molteplici possibilità dell’arte e dell’espressione. Ricordo con piacere l’evento bergamasco del Caffè Letterario (18 dicembre 2008), con gli studenti del Liceo Mascheroni (dove Sottocornola insegna) impegnati nel recitare le sue poesie: un ottimo esempio di collaborazione, sfociato poi in una silloge di recensioni critiche da parte dei ragazzi, pubblicate sul sito ufficiale www.cld-claudeproductions.com. Ma penso anche agli eventi di Milano, Brescia, Locri, Siderno, Monasterolo…

Come amo scrivere spesso, citando il celebre album di Sergio Endrigo e Vinicius De Moraes, “La vita è l’arte dell’incontro”: per quel che riguarda la mia esperienza, la musica è strumento speciale e formidabile di incontri. Claudio l’ho conosciuto così: musica, incontro, scrittura, condivisione. E soprattutto riflessione, pensiero, azione. Claudio è poliedrico e multiforme nel suo concepire, fare e proporre, con una buona propensione alla circolazione delle idee con i migliori strumenti a disposizione. Ho apprezzato subito la sua elasticità e il suo muoversi agile tra diversi ambiti culturali: in particolare il suo lavoro di analisi e divulgazione della canzone italiana, che ho già avuto modo di approfondire nel mio intervento su Giovinezza… addio – Diario di fine ‘900 in versi, il suo precedente lavoro. Qualcuno lo chiama “filosofo del pop”, e pour cause: la chiave d’accesso all’opera del professore orobico risiede nella connessione tra alto e basso, nella capacità di sondare il popular e di coglierne nelle espressioni più tipiche (ad esempio la pubblicità, il cinema, la musica) il senso e le direzioni della contemporaneità. D’altronde è un lavoro che prende sempre più piede, per quantità di pubblicazioni e rilevanza in ambito universitario: cito con piacere gli studi di nomi autorevoli come Gianni Borgna e Franco Fabbri o di ricercatori più giovani come Mario Bonanno, Marco Peroni e Paolo Talanca. Da parte sua, Claudio rende un servigio importante allo studio della canzone italiana poiché il suo non è un lavoro chiuso, che non si ferma alla semplice analisi ma va oltre: con spettacoli, reading, lezioni-concerto nelle quali egli stesso canta, dà forma e sostanza all’oggetto della sua indagine. Ecco che l’ascolto di un successo di Gianna Nannini è l’occasione per scoprire il diverso atteggiamento del mondo femminile oggi, un pezzo di Antonello Venditti, Enrico Ruggeri o di Ligabue sono il mezzo per comprendere come si è evoluto (o involuto…) il linguaggio cantautorale italiano, come sono cambiate le dinamiche, gli sviluppi, i temi della nostra canzone. Ma l’operazione di Claudio non si è fermata qui: oltre al percorso di studioso, c’è un cammino personale che egli mette in mostra, nel quale lo spettatore può ben identificarsi.

Poesia, canzone, filosofia, riflessione spirituale e politica, professionale e umana: un susseguirsi di elementi che compone un progetto artistico ambizioso, il tentativo di partire dalla parabola di una vicenda umana – lo studente, il docente, il filosofo, l’artista, il musicista, il comunicatore – per giungere ad una dimensione universale. Negli incontri prima menzionati, durante le lezioni-concerto o nei reading I migliori anni della nostra vita, Giovinezza… addio diventava un piacevole strumento per sondare i rapporti tra il panorama italiano dagli anni ’60 ad oggi, con i suoi convulsi – talvolta vivaci, spesso traumatici – cambiamenti. La leggerezza di Claudio – che non vuol dire epidermicità ma leggiadria, agilità, delicatezza – gli consentiva di utilizzare in particolare due chiavi: la propria storia (quella di uno studente che ha assorbito tutte le suggestioni post-sessantottine ma è già capace di schivare dogmi e adesioni fideistiche) e la canzone italiana (strumento elastico di riflessione sul cambiamento di costumi, linguaggi, mode, valori). Una dimensione irrimediabilmente complessa: un libro di poesie, riflessioni e musica, incontri polimorfici, con canzoni, recital, scambi di vedute. Una dimensione sempre aperta al dubbio, mai apodittica e inoppugnabile: è proprio qui il nucleo della sua complessità. Ma se è vero – come affermava Brançusi – che “la semplicità è una complessità risolta”, Claudio Sottocornola ha individuato possibilità e limiti di una strumentazione complessa, e oggi arriva ad una semplificazione comunicativa notevole. Che non significa alleggerimento, né mancanza di peso: significa invece levità, linearità. Sintesi.

Credo siano queste le parole-chiave per entrare in Nugae, nugellae, lampi. Una nuova raccolta poetica, un’opera figlia di un autore nel pieno della maturità, come accadeva a quei grandi compositori che non puntavano ad arricchire, abbellire o caricare, ma a sottrarre, a rendere tutto più essenziale. Tuttavia, in omaggio al suo essere e al suo sentire, in costante apertura verso le plurime combinazioni delle ipotesi espressive, Claudio non isola la poesia ma la arricchisce, anzi la completa con lo strumento della fotografia. Che la foto sia uno strumento mai “puro” e intoccabile, ma “plastico” e manipolabile, lo aveva dimostrato già ai tempi dei collage Eighties: oggi Claudio inserisce materiale fotografico tra le sue poesie, senza alcuna funzione didascalica, né di “commento visivo”. L’immagine chiude, compie quell’itinerario lirico che, di porto in porto, di stazione in stazione, di aula in aula, è imbevuto di flash, di illuminazioni, di ricordi trasfigurati o riportati nella loro immediatezza. Che si traducono in memoria visiva, fonte a sua volta di ispirazione. Claudio è un battitore libero, un cane sciolto, uno che si muove “in cordata solitaria”. Dopo aver proposto il percorso di studio sulla canzone come strumento di comprensione della recente storia d’Italia, Claudio si è confrontato con se stesso, con il suo passato, la sua evoluzione interiore, intellettuale, spirituale, poetica e linguistica: lo ha fatto con Giovinezza… addio, un’antologia poetica ventennale, dal 1974 al 1994. Oggi la sua operazione si fa inversa ma complementare: l’autore parte dal suo presente, dai componimenti del 2008, e va a ritroso, vaga sotto un cielo schizzato di nuvole o tempestato di lampi, fino ad entrare nei suoi Quaderni di liceo. In questo itinerario poetico si coglie tutta una serie di assonanze tra presente e passato: temi come l’angoscia, il senso di estraneità, le difficoltà della vita, la visione del Potere, le figure paterna e materna, sono affrontati, nelle due sillogi, da due diverse prospettive, con diversi strumenti lirici (basta pensare alla prova con l’haiku negli ultimi anni). Sono movimenti apparentemente contrari che invece si armonizzano, regioni diverse della stessa personalità che si realizzano, come testimonia Andrò dunque: “Andrò dunque / toccherò il mio fondo / mentre tu ti librerai / in alto, due movimenti / contrari che ci porteranno / lontano”.

Donato Zoppo, Presentazione “Nugae, nugellae, lampi. Quaderno di liceo”, Cld-Velar, 2009

Torna alla news “Good vibrations”

Il gesto dell’immagine

di  Francesca Grispello

Quando mi sono trovata dinanzi le bozze del testo che avete tra le mani, mi è balzata in mente una frase di un filosofo a me caro, Maurice  Merleau – Ponty: “L’arte non ripete le cose visibili, ma rende visibile”. A mio avviso quest’affermazione può ben riassumere –  e non chiudere –  il percorso artistico di Claudio Sottocornola.

In Giovinezza… Addio avete sfogliato un album di fotografie evocate dalle visioni intime ed universali di Claudio e non vi erano immagini, tutto era composto affinché la percezione e la sensibilità di ognuno ne liberasse il senso nascosto.

Ora, sfogliando Nugae, Nugellae, Lampi, accade qualcosa, perché le immagini ci sono e siamo investiti da sensazioni ed emozioni che spalancano l’anima verso un istante eterno, verso ciò che è stato ed è per me; si penetra in un rettangolo dove non c’è un lato nascosto, ma l’evidenza di un visibile che, se pur indeterminato, mosso, a colori, in bianco e nero, interno o esterno, ritrae un ambiente familiare.

Il filosofo del pop, instancabile uomo di cultura, amante delle icone del tempo, alla ricerca del senso delle cose, è cosciente che le arti sono uno strumento privilegiato per cogliere le essenze, e il suo lavoro lo dimostra, ma sa anche bene che l’essenza è nell’atto performativo.

Il gesto che accompagna lo scrivere dello scrittore, il dipingere del pittore o il fotografo nel suo osservare con un occhio solo è muto, manca a se stesso: il gesto è un presente che conserva e rimodula tutta la storia; questi gesti indicano uno spazio pieno e allo stesso tempo vuoto perché c’è sempre una superficie da riflettere.

In quest’opera Claudio compie un salto, non sono collage artefatti e composti quelli che vedrete, ma istanti dedicati al tempo, quegli stessi haiku che vi evocheranno amarezze e lacrime di cielo rimetteranno in discussione tutto.

Il silenzio, nucleo di ogni grammatica, ci costringe a guardare fuori per un respiro dopo aver letto: “La luce tremula, la linea, dannata linea mai tagliata sempre persistente eppure assoluta – come lama – all’orizzonte“, datata 9 febbraio 2003. Ci sono giorni in cui non vorremmo più parlare, giorni che amiamo per il loro silenzio e notti in cui dobbiamo esplorare il sentire per scalfire il giorno denso di parole; è un bisogno che si avverte come indispensabile, come nello Zarathustra dove Nietzsche riesce ad evocare il senso dell’individuo: “… pienezza abbagliante è una coppa di luce che vuole ancora vuotarsi. Perché la vita è sempre più di ciò che è ed il continuo superarsi del  vivente non è che l’attività stessa della volontà di potenza“.

Esplorando questo lavoro, il nostro ci appare come coppa che sente il bisogno di svuotarsi, contenitore dei possibili, li afferra secondo una affilata sensibilità e ce li ordina con il caos e la ricchezza più sincera.

Questi lampi sono dei passi di un percorso più ampio di liberazione e di accoglimento, il tempo della maturazione è sempre come orizzonte che non si avvicina, ma ti guarda con lo sguardo di sfida che Claudio accoglie e rilancia con potenza.

Il tempo che scorre ci scopre diversi e tutto il suo ordine qui è ricomposto, non si è mai contemporanei a se stessi e ciò che si era un tempo non è altro che una diversa declinazione di uno spirito, che di velo in velo, cerca una realtà.

L’uomo che ruba l’inverno al giardino, l’uomo che alza gli occhi dalla scrivania e osserva il fluire del mondo, l’uomo che scopre ed è scoperto dal mare è quello stesso uomo che cerca, per il tramite del poiein, uno spazio sacro che riproduce e taglia un angolo di mondo per riempire un vuoto.

Il riferimento alla madre di Claudio è un atto d’amore e dedica, per quel vuoto eterno che genera l’assenza di una figura che per definizione colma il vuoto, ed ecco la casa, la sorella e quel giardino che è madre feconda, anche d’inverno, serena e terrestre, eterea e inaccessibile per quel mistero naturale che è forza di vita.

Come sono caduto lontano“, recita nel ’94; “senza remi” più avanti, “nella luce che non posso afferrare”, continua: non si può afferrare la luce, ma solo intuirla, è la luce a scrivere e noi possiamo solo tentare di leggere quel che istoria…

Leonardo da Vinci nel Trattato sulla Pittura afferma: “L’occhio, che si dice finestra dell’anima, è la principale via donde il comune senso può più copiosamente e magnificamente considerare le infinite opere di natura”. La pittura per Leonardo è partorita direttamente dalla natura, quindi capace di riprodurre tutte le realtà visibili, “la pittura si estende nelle superficie, colori e figure di qualunque cosa creata dalla natura, e la filosofia penetra dentro ai medesimi corpi, considerando in quelli le lor proprie virtù, ma non rimane satisfatta con quella verità che fa il pittore, che abbraccia in sé la prima verità di tali corpi, perché l’occhio meno s’inganna”. Leonardo ribadisce il primato della pittura perché considera l’occhio e l’immagine i mezzi più capaci di rappresentare il proprio contenuto in maniera simultanea e non successiva, come nella poesia e quindi nella parola. La pittura, quindi, è l’unica forma di comunicazione più immediata delle realtà visibili. Il bisogno di comunicare possiede l’uomo fin all’interno della sua struttura, “anima e corpo” sono sempre proiettate verso un fuori: ex-sistono; “anima e corpo” dicono sempre qualcosa, sono sempre rivolte verso un altro; anche nella solitudine e nel silenzio – soprattutto nel silenzio.

Le parole e le immagini che ci sfiorano ci conducono verso un mondo che lo sguardo dell’autore nella sua ripresa creatrice, nelle sue operazioni espressive, non pretende di rappresentare oggettivamente, ma a cui vuol donare uno stile e di cui vuol cogliere un’anima.

Queste visioni del singolo, con prospettive raccolte da occhi diversi e da autori diversi, contribuiscono a formare una costellazione di senso unica, indifferenziata e mai compiuta. Tutto ciò che ci viene presentato è situato in uno spazio completamente oggettivo, lineare, chiaro ed evidente: ciò che si mostra non è una serie di situazioni affiancate ad altre, ma in realtà, esse sconfinano le une nelle altre: manifestando una solidarietà con ciò che mi riguarda, con il mio corpo, la sua profondità e la mia partecipazione. Una silente evidenza capace di contenere il gesto e il rumore del mondo, che non appartiene alla voce di nessuno, esso è ovunque… in nessun luogo.

Nugae, nugellae e lampi è un porto dove Claudio Sottocornola ci intrattiene ristorandoci, possiamo rimanervi, affascinati dagli abitanti e dagli scenari che un punto di congiunzione con il tutto (come il porto può essere) può celebrare: il nostro ci rivela che questi punti di connessione esistono se messi in relazione, ma bisogna ripartire.

Un progetto questo, spiega l’autore, che è parte di una storia che avrà altri mezzi e supporti per rappresentare storie che potranno essere riprodotte all’infinito, ma hanno avuto luogo solo una volta. La mostra interattiva Il giardino di mia madre e altri luoghi sarà un altro porto, altra stazione per un altro divenire.

Ed è nella narrazione che possiamo risolvere, riscattare, alleggerire l’esistenza, far circolare il senso, navigare con un compagno e le sue visioni, osservare il cielo stellato da prospettive apparentemente inconciliabili; siamo creature che contribuiscono a formare una costellazione unica, indifferenziata e mai compiuta.

Porto di terra, di acqua, di profumi, di sguardi, di neve e lacrime, fatto di elementi semplici come l’esistenza e ricomposti con il bisogno più vitale di sfrondare la complessità per raggiungere le vette sublimi della nudità.

Claudio in queste nugellae si mette a nudo, si svuota e si mostra ed è per questo che si nasconde ed è altrove in questo bagaglio di tempo che non è più nascosto in un possibile, ma è qui, per noi. Stagioni della vita, bianche di neve, fredde e bagnate, ma non meno accoglienti del mare che scopre un uomo che guarda a riva, specchio di una memoria, non serialità di ricordi, perché in essa abbiamo modo di rifletterci.

E da quel riflesso può scaturire altra luce, per altre storie.

Francesca Grispello, Prefazione a “Nugae, nugellae, lampi. Quaderno di liceo”, Cld-Velar, 2009

Torna alla news “Good vibrations”

Un artista da scoprire piano piano

di Lidia Zitara

Buonasera a tutti. Voglio ringraziarvi di cuore per aver trascurato i consueti divertimenti estivi e aver preferito una manifestazione culturale. La mostra si intitola “Il giardino di mia madre e altri luoghi” e il professore mi ha pregato di dire due parole sul tema del giardino, conoscendo la mia inclinazione per questo argomento.

Come tutti gli appassionati, quando sottoposti a richieste sull’oggetto del proprio interesse, sarei tentata di parlare di estetica, tecnica di giardinaggio, storia dei giardini. Ma sarebbe sbagliatissimo, poiché l’oggetto estetico in questo caso non è il giardino ma le fotografie, o meglio ancora, ciò che rappresentano.

Non vedrete dunque degli scatti tradizionali dell’ideale rorido e inglese della bordura mista, ma delle fotografie di un giardino di città, chiuso da palazzi, come sono molti giardini contemporanei. Un piccolo giardino, catturato da alcuni scatti nella sua essenzialità.

Perché? Perché non è il giardino, la sua struttura formale estetica l’oggetto delle attenzioni di Sottocornola nel fotografarlo, ma la cattura di un ricordo, di un riflesso dei sentimenti di cura e dedizione riservati dalla madre a un sì pur piccolo spazio. D’altra parte nel momento stesso in cui un giardino viene creato, è l’opera di accudimento dell’uomo a renderlo e mantenerlo tale.

Perché il giardino, dunque? Perché il giardino è da sempre legato alla storia dell’uomo. Ovunque l’uomo si è stanziato o vive, ha prodotto fondamentalmente tre cose: arte, religione e linguaggio. Io non esito, e chi mi segue dal mio blog di “Giardinaggio Irregolare” lo sa, a definire il giardino una forma artistica, non minore di altre come la musica o la pittura. Il giardino è dunque legato a doppio filo con ciò che rende umano l’uomo.  È un archetipo di grandissima potenza evocativa, ove si depositano memorie e sentimenti. Cito un brano di Montale che amo molto, dalla poesia “In limine”: “Qui dove affonda un morto viluppo di memorie, orto non era, ma reliquario”.

Qui, oggi, ritrovo una parte di me stessa, poiché da sempre ho legato il giardino alla morte. Non sono ancora riuscita a darmi una spiegazione chiara, poiché molti altri giardinieri, colleghi, artisti, lo associano chi alla vita, chi alla bellezza, alla conoscenza, alla manualità…ecc. Ma io sempre ho sentito che la morte avesse a che fare qualcosa col giardino. Probabilmente è la sua natura ciclica, che scandisce il tempo che inevitabilmente passa e non ritorna. Difatti sono arrivata a concepire il giardino più come un’articolazione del tempo che dello spazio.

Le foto, e le potete vedere se vi voltate, sono appunto una parte del “viluppo di memorie”  creatosi nel tempo, ed ereditato da un figlio. Gli scatti raffigurano una domesticità  semplice e perduta, sono volutamente scarni, dolenti, afflitti, alcune volte appaiono indefiniti, indistinti, giocati sull’atmosfera, altre volte invece brutali, come i rami spogli fotografati con uno schiaffo di flash, o ancora distratti, casuali. È questo l’approccio visuale caratteristico di Sottocornola, che rifugge il gigantismo e l’accumulazione ma procede invece per sottrazione, per forti contrasti, per assenze più che per presenze, per accenni di colori randagi.

Non è un caso poi che queste immagini si possano leggere come fotogrammi di una sequenza filmica, che nel dvd è finemente realizzata, poiché è proprio in gruppo che rendono l’idea di un insieme che si sviluppa non solo nello spazio, ma soprattutto nel tempo, ecco perché ci sono dei pannelli apparentemente uguali o minimamente differenti, poiché attraverso quel minimo spostamento, direi quantico, Sottocornola ripercorre il passaggio dell’occhio della madre, a volte attento, a volte distratto. Penso che si vada vicino al vero dicendo che le foto che vedete fissino in maniera definitiva  i mille gesti, i mille sguardi, che la madre ha gettato su questo o quel fiore, e dietro ad ogni sguardo ognuno può intravedere un pensiero, che non è solo quello della madre, ma anche il proprio.

Insomma un insieme organico, olistico, che non è solo cifra caratteristica del giardino, di ogni giardino, in quanto insieme di elementi biologici ed estetici, ma anche peculiare del modus di produzione artistica di Sottocornola, cioè un percorso che utilizza diversi strumenti e mezzi di comunicazione per produrre idee, libri, performance, che si sovrappongono e si riallacciano, anche in tempi e modi diversi, l’uno all’altro. E qui, alla libreria Mondadori di Siderno, ne stiamo vedendo annualmente delle piccole porzioni.

In questa mostra, che sublima il ricordo della madre in un percorso artistico, ritroviamo l’essenza del cammino estetico di Sottocornola, cioè  l’inscindibile rapporto tra la vita e l’arte. La vita diventa arte e in questo modo l’individuale diventa universale, appunto, arte. Perché ciò che caratterizza l’arte è la sua capacità di universalizzare l’oggetto della comunicazione attraverso la sua struttura estetica.

Molti di voi conoscono già Sottocornola poiché spesso ha portato le sue mostre o i sui concerti nella zona locridea. Anzi, possiamo dire di godere di un vantaggio, perché in occasione delle sue vacanze il professore ci ragguaglia sulle sue ultime produzioni. È un fil rouge estivo, per chi lo vuole seguire, che ci accompagna da molti anni e che ci consente di approfondire la conoscenza di questo artista “multitasking”.

È importante per voi che siete qui e che conoscete per la prima volta Claudio Sottocornola, avere un’idea della poliedricità del soggetto. Non vi elencherò le sue opere e i suoi scritti, le date di uscita dei dvd musicali, perché avrebbero poco o nullo significato. Sottocornola – nonostante l’apparenza pacata e mite – è un artista irrequieto, sempre in movimento. Perché sono molte le cose che lo interessano, che lo affascinano, che lo incuriosiscono. In questo senso è quasi come un bambino che voglia lasciarsi stupire del mondo, da tutto ciò che contiene, sia pittura, musica,  scienza, sociologia, di cui poi si appropria, rimanipolandola in contrasti a volte vertiginosi, ottenendo “arte”.

Il mischiare, non solo tematiche o suggestioni visive o musicali, ma anche i mezzi attraverso cui l’arte viene prodotta e comunicata, è forse ciò per cui merita la maggiore attenzione e direi anche ammirazione.

Sottocornola non è immediato, non è un artista che si lascia vedere in maniera muscolare, tutto e subito, ma bisogna scoprirlo pian piano anche perché penso che molto di quello che ha da dire sia ancora nel profondo, in attesa di emergere dopo qualche sollecitazione. Poi si potrà preferite questa o quella sfaccettatura, non gradirne un’altra, e così via.

Spero di avervi dato una buona chiave di lettura di queste fotografie e di aver  interessato chi non conosce l’opera di Sottocornola. In ogni caso il professore è una persona gentile e disponibile ed è molto amante della conversazione, perciò se avete delle domande non esitate a farle.

Lidia Zitara, Presentazione de “Il giardino di mia madre e altri luoghi”, Libreria Mondadori, Siderno (RC), 7 agosto 2013

Torna alla news “Good vibrations”

“Stella polare”, guida al viaggio interiore verso l’impegno

di Jolanda Morgese

Buonasera, è una piacevole occasione per presentare un altro lavoro del prof. Claudio Sottocornola, docente di Filosofia e Storia presso il Liceo “ Mascheroni “ di Bergamo. Conoscendolo da un po’ di tempo, ho avuto modo di apprezzare la sensibilità e l’attenta capacità di osservare ed approfondire l’evoluzione dei fenomeni sociali e culturali dei nostri tempi , non soltanto in qualità di educatore e formatore di giovani e adolescenti, ma anche come interprete di canzoni d’autore e non, autore di collage e opere grafiche, giornalista (pensiamo alle interviste fatte ai vari personaggi dello spettacolo, da Rita Pavone a  Wanda Osiris, da Nino Manfredi a Gianni Morandi, da Ivano Fossati a Carla Fracci…).

“Stella polare” è un’antologia  di riflessioni, aforismi, deduzioni teoretiche e filosofiche che va a completare con “Il giardino di mia madre e altri luoghi”, raccolta di fotografie qui  in mostra, un viaggio che inizia con la descrizione di un luogo, quale il giardino, caro alla figura materna (scomparsa improvvisamente, probabilmente anche  a causa di errori ed omissioni umane), che è metafora della ricerca della bellezza nelle sue varie espressioni. Se il giardino è simbolo dell’origine della ricerca, la “stella polare” è guida al viaggio interiore che ogni essere umano può intraprendere  attraverso una progressiva interiorizzazione del  valore.

In “Stella polare” Claudio analizza attentamente l’attuale crisi di civiltà attraverso alcuni elementi, quali la mancanza di dialogo fra le persone, la difficoltà ad entrare in empatia con i propri simili, il mancato rispetto dell’altro, la difficoltà ad interagire tra giovani ed adulti e svariati altri esempi; il suo è un vero e proprio percorso di crescita che parte dall’origine per seguire un cammino di ricerca e sintesi  fra pensiero debole e valori condivisibili,  uno su tutti la capacità di impegnarsi per migliorare come persone e cittadini.

Sorge spontaneo porsi una domanda, dopo la lettura del testo: il messaggio qual è?  Senz’altro fiducia nell’impegno, lavorare per ritrovare una dimensione originaria della bellezza, intesa come condizione  che porta con sé la riscoperta di tutti gli altri valori, e pertanto reinterpretare la realtà filtrata da una condizione di memoria, rivalutare il ricordo e quanto esso possa insegnarci.

Si noti l’analogia tra l’impegno dell’autore, attraverso il lavoro di ricerca e interpretazione nella musica così come in opere a carattere filosofico, letterario piuttosto che figurativo, e il ricordo di una madre che ha dato dimostrazione di  impegno familiare, civile e sociale, particolarmente nell’attività di volontariato come Presidente di una Conferenza di San Vincenzo de Paoli, della quale celebriamo il decennale della scomparsa, e che Claudio vuole in questa mostra e in questa occasione ricordare.

In questa circostanza, per chi lo desidera,  l’autore mette a disposizione il percorso della mostra in un dvd multimediale, arricchito di ulteriori immagini, in omaggio, unitamente al volumetto “The gift”, sino ad esaurimento, su responsabilità, dono e cura. E’ un modo per continuare a ricordare chi questa ricerca ha ispirato.

Jolanda Morgese, Presentazione della mostra “Il giardino di mia madre e altri luoghi” e del libro “Stella Polare”, Biblioteca Caversazzi-Bergamo, 15 febbraio 2014.

Torna alla news “Good vibrations”

Amore-stella polare in tempi di crisi

di Irene Kalb

Chi è Claudio Sottocornola, l’autore di “Stella Polare”? Un vero “ uomo universale” dei nostri tempi, un uomo della società contemporanea con le sue inevitabili luci ed ombre, qualità e contraddizioni (come scrive Daniel Dragomirescu), ma per me è soprattutto un caro collega, un amico.

La proposta di presentare il suo ultimo libro mi è giunta inaspettata, seguo le sue lezioni-concerto, ho letto molti dei suoi scritti, ma come parlare del suo ultimo lavoro?

Forse proprio facendo parlare lui: “Ho voluto chiamare questa raccolta di scritti, interventi, conversazioni, ‘stella polare’ perché più che mai abbiamo bisogno, in questo buio antropologico, di affidarci a una qualche stabile luce, ormai rintracciabile solo negli abissi della nostra coscienza, nei suoi sforzi di autenticità e coerenza più gravosi”.

È vero, Claudio ci prende per mano, come fa con i suoi allievi, e ci guida alla ricerca, lui che dice di “essere stato infastidito” nei suoi primi anni di insegnamento, dalla figura e dal pensiero di Socrate, troppo impegnato in un cercare che sembrava senza fine, come “un viaggio senza meta, un enigma senza soluzione”; ora Claudio ci invita ad intraprendere un viaggio con lui, a cercare di risolvere l’enigma che ci avvolge.

“Una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta” dice Socrate e Claudio ci dona la curiosità della ricerca, l’amore per il prossimo attraverso l’amore di sé, l’apertura agli altri attraverso la scoperta della propria identità.

Ci svela intimi segreti, dolori che hanno attraversato la sua vita ma dai quali ha saputo trarre nuova linfa e forza per addentrarsi alla ricerca della verità.

La via maestra mi è sembrata la sua vocazione di educatore, non un professore nozionistico ed arido, ma un maestro che è in grado di indirizzare ed educare l’allievo, un docente che l’alunno ricorderà, come lui ricorda il suo maestro “unico” delle elementari o il suo professore del liceo.

Non è necessario leggere questo libro in modo lineare, i percorsi possono essere diversi, si può saltare da un saggio all’altro, seguendo il bisogno del momento, la voce guida si adeguerà al nostro sentire, ci mostrerà i pericoli e ci porterà fino alla meta.

Ci svelerà le false stelle polari, prima fra tutte quel Dio-Vitello che è l’economia, il mercato, la “manifestazione più eclatante di un antropocentrismo radicale”: siamo diventati ininfluenti rispetto ai parametri di produzione e consumo e ci sentiamo liberi proprio quanto più siamo asserviti ai bisogni indotti dal mercato.

Non è il mercato la stella polare, non è il Pil o lo Spread la luce che deve guidare la nostra rotta, dobbiamo indirizzare il timone verso l’Altro, il senso, il tendere a qualcosa di più grande e di più bello, da non tenere però tutto per noi, da condividere.

Claudio (mi piace continuare a chiamarlo così, non l’autore, non il Prof. Sottocornola, ma un amico con cui condividere la strada) ha trovato la sua prima stella polare nella madre, una madre presente ma non ingombrante; ci svela con pudore e tenerezza quanto bruci ancora la ferita della sua perdita, ma anche quanto di lei sia rimasto nel suo essere come lui è ora; ci apre alla meraviglia infantile dei doni di Santa Lucia, perché è così che il dono, quello vero, quello pensato, quello che è simbolo di amore, è entrato nella sua vita, insieme al mistero del Natale, al profondo enigma del sacro.

Vi invito a leggere il profondo accostamento fra il feto di “2001 Odissea nello spazio” e il Presepe, potrà sembrare azzardato, ma la magia del Natale non è il Babbo Natale della Coca Cola, è la sua eterna storicità, il nascere ogni volta nuovamente e  poi ancora, ancora … …

La madre come stella polare, certo, come guida verso i veri valori, quelli dell’educazione, del rispetto, della crescita individuale e sociale allo stesso tempo.

Ognuno di noi ha il suo percorso, per un vero educatore gli alunni non sono vasi da riempire, ma fiori da coltivare, come quelli fotografati con sapienza ed immenso amore ne “ Il giardino di mia madre”.

L’approccio di Claudio ad ogni ambito della conoscenza è sempre stato ermeneutico, interpretativo, non dottrinario, anche in questi saggi non troveremo risposte definitive, ma solo spunti, consigli, indicazioni.

Gli ambiti di ricerca sono davvero a tutto tondo, sacro e profano si incontrano, decidono quasi di percorrere insieme la strada, l’essere cristiano di Claudio fa parte del suo essere uomo, fa venire a galla i suoi dubbi: come non ricordare il contributo alla “Questione omosessuale in Occidente”, come non essere d’accordo con lui sulla terza ala con la quale il mondo deve ormai spiccare il volo? Non solo le ali maschile e femminile che tentano di prevaricarsi a vicenda, il mondo potrà davvero volare se darà respiro e spazio alla terza ala, la “componente omoaffettiva”.

Ma – come dicevo – questa raccolta di saggi ci da davvero una infinità di occasioni e di spunti per riflettere e forse la vera stella polare che attraversa tutta l’antologia è l’amore: amore per il proprio lavoro, quello di docente, attento a sintonizzarsi sui bisogni degli alunni, a non imporre o prevaricare, ma a mostrare la via, il percorso, il metodo, ma anche di artista, curioso e sperimentatore, ricostruttore di forme attraverso i collage, creatore di immagini poetiche, interprete della storia e della vita attraverso la musica, amore ed innamoramento, tornare uomini, per seguire quel bene relazionale da contrapporre al bene-merce.

Cosa dire ancora? Non mi piacciono quelli che svelano tutto il contenuto del libro, cosa lo leggo a fare se qualcuno me lo ha già raccontato?

Spero di non averlo fatto, di avervi dato degli spunti, delle curiosità perché ognuno possa trovare in questa antologia di scritti la sua personale stella polare ed a Claudio, parafrasando Rita Pavone ( e lui sa perché) dico pianissimo il mio piccolo grazie.

Irene Kalb, Presentazione “Stella Polare”, Librerie Feltrinelli-Bergamo, 27 marzo 2014

Torna alla news “Good vibrations”

Il giardino e il mito delle origini

di Dario Di Meglio

Benvenuti al Parco Conte e alla mostra del Professor Claudio Sottocornola.

Quelle qui esposte non sono foto di un fotografo tout court, ma una “meditazione sulla vita e il suo dileguare, ma anche su ciò che resta per sempre”, la foto infatti oltre che raffinata espressione artistica è prima di tutto  r i c o r d o.

Il tempo mitico per ognuno di noi è sempre l’infanzia, il giardino dove si giocava, i personaggi che lo animavano. È lì che si sviluppano i concetti, è lì che impariamo a dare i nomi alle cose. L’infanzia è in qualche modo il mondo delle idee. E sul giardino e i suoi simbolismi si possono dire molte cose. Una volta, non so dove, lessi che la nostra intelligenza è direttamente proporzionale alla grandezza del giardino dove siamo cresciuti. Non so se questo è vero ma è sicuramente affascinante il percorso “per immagini” di un filosofo.

La filosofia non ha sempre amato l’arte, se pensiamo a Platone.

La filosofia non ha sempre amato il sentimento, privilegiando invece il ragionamento e la logica.

Ma questa in effetti non è propriamente una mostra fotografica, è per così dire una “mostra filosofica”, un linguaggio a cui non siamo abituati: pensiamo alla filosofia come a qualcosa di diverso dalla fotografia, e pensiamo alla fotografia come a qualcosa di diverso dalla musica…

Dopo due secoli di cultura brutalmente frammentata in settori e sottosettori, ecco finalmente la filosofia che parla attraverso il linguaggio dell’arte, e ancora più arditamente, la filosofia che parla il linguaggio del ricordo e del sentimento.

Il Professor Sottocornola è ordinario di Filosofia e Storia a Bergamo.

Ringraziamo il Professore per aver scelto come sfondo l’isola d’Ischia e l’hotel Parco Conte, e a questo punto facciamoci raccontare direttamente da lui questo percorso interdisciplinare…

Dario Di Meglio, Inaugurazione Mostra “Il giardino di mia madre e altri luoghi”, Hotel Parco Conte, giovedì 24 luglio 2014

Torna alla news “Good vibrations”

EFFATA’… Il nuovo invito di Claudio Sottocornola

di Ileana Maria Paloschi

Effatà”, apriti, un invito che titola le pagine di un breve saggio carico di sollecitazioni capaci di far vibrare le corde emotive profonde del lettore.

Effatà… apriti, a cosa? A chi? A quale scoperta? Non è già tutto aperto lo scibile umano? La globalizzazione, la post-modernità, non hanno abbattuto ogni velo preparandoci al dominio incontestato di ogni dimensione? Non possediamo già da tempo la spugna capace di cancellare l’orizzonte svincolando la Terra dal suo sole come gridava il pazzo nel famoso aforisma di Nietszche? Non è stata cancellata quella tensione vivificante capace di spostare gli orizzonti di senso, non è soddisfatto il desiderio che connota l’uomo e lo  accompagna a decidere di non porre fine alla volontà di conoscere e di conoscer-si?

“Effatà”, in una manciata di pagine facilmente interpretabili grazie ad un linguaggio semplice quanto penetrante, si presenta come una risposta aperta, sì aperta perché non esaurisce la domanda ma, appella la libertà del lettore per una personale riflessione.

Il movimento che mi ha indirizzato alla conoscenza dell’autore ha un andamento quasi empatico. Uso il termine movimento perché in realtà, il processo di relazione biunivoca generato da interessi comuni, ha tutta la caratteristica di un moto con accelerazione variabile la cui costante può essere identificata con gli squilli della campanella tra un’ora e l’altra, sporadici incontri al bar del Liceo o nel giardino al termine delle lezioni.

Un processo sedimentato un’intera estate per tradursi nella proposta di partecipare all’incontro di stasera.

Precedentemente l’autore ha pubblicato due raccolte di poesie. La conoscenza del suo pensiero è partita dalla lettura di questi versi, che, in quanto poesia, si presentano espressione più libera e autentica di una personalità.

Soltanto ciò che all’inizio ti lascia senza parole è meritevole d’essere espresso”[1], è stata questa la prima reazione emotiva suscitatami sia dalla lettura delle raccolte di poesie, che dall’ascolto e dall’interpretazione di canzoni indimenticabili allegate alla prima delle raccolte, canzoni lasciate libere nel loro testo e non soffocate da un’auto-celebrazione a favore di una voce che, calda e rispettosa, non ne sovrasta il senso.

A coronare il tutto, il percorso delle immagini della mostra fotografica dall’autore proposta nel 2010, “Il giardino di mia madre e altri luoghi”, fotografie essenziali, semplici, capaci di parlare allo spettatore, di generare ciò che l’opera d’arte in quanto tale deve riuscire ad innestare: una relazione, un rapporto dialettico, poiché l’opera d’arte non può ridursi a mera rappresentazione o raffigurazione.

Devo ammetterlo: il pensiero dell’autore si fa poesia e musica interpersonale, l’immagine  parla e la spontaneità e linearità dell’espressione è riuscita ad aprire quella feritoia che lascia intravedere la bellezza che appaga e provoca stupore.

Nella presentazione l’autore definisce “Effatà” “una raccolta di scritti di origine occasionale e in parte frammentaria”.

Personalmente leggo tra le righe un ben definito fil rouge che accompagna tutti gli scritti, non tanto tracciandone una trama, ma tratteggiando nettamente la personalità del “filosofo pop”, come si ama un po’ riduttivamente definirlo: ciò che era  prospettato come recensione di un testo, si è declinato gradualmente nello svelamento di una persona, un soggetto che si è fatto prossimo di volta in volta, con sicurezza e precarietà, velandosi e dis-velandosi, confutando la lontananza spaziale e temporale dagli accadimenti e, in altre occasioni, volenteroso di integrarla.

Una poesia in particolare ritengo consona a tratteggiare l’autore in modo particolarmente esaustivo.

Per me
Per me
solo amore
nell’aria
nella luce,
che non posso afferrare.[2]

In questi versi è mostrata quella libertà interiore che spinge l’autore a leggere, interpretare il mondo, la storia con uno sguardo olistico, aperto allo stupore che genera desiderio di spingersi oltre la prassi collaudata, madre di quella comoda famigliarità in cui facilmente ci si rifugia, ricercando una illusoria sicurezza capace di anestetizzare la dimensione desiderante.

Nel capitolo introduttivo[3] si da voce e corpo a quel luogo umanizzato dalla natura, reso famigliare dall’affetto, dalla cura e dalla bellezza che lo abita. Una bellezza presente nella relazione armonica dei suoi componenti, amore e impegno quali ingredienti di un’esperienza di cura che hanno permesso al giardino di essere simbolo della dimensione desiderante, dimensione che l’autore ritiene causa felice del suo avventurarsi nel mondo con fiducia. Una relazione affettiva autentica in cui il rapporto con il mondo da parte della madre, ha incarnato un significato pratico più che teorico, donando gratuitamente una testimonianza feconda.

Una relazione vera, autentica, la consapevolezza di essere oggetto di cura da parte di una donna  “che mi ha voluto nell’essere [] con una intensità totale, con una volontà creativa, con una misura e uno sforzo costante negli anni, nel tempo,  nella vita e,  nelle sue peculiarità,  diviene perciò emblema di una condizione oblativa e gratuita dell’esistenza”[4]

E quel giardino non è pietrificato, quei ricordi sono il passato ma non un passato immobile. Il tutto si declina in un modo sostanziale ed unico attraverso il quale si può interpretare il presente e costruire il futuro: l’idea stessa di passato è indotta a mutare sotto la pressione del presente che chiede di essere vissuto nella serenità per onorare il passato e chi lo ha abitato con cura.

Un giardino che è metafora, manifestazione tangibile, testimonianza lasciata di una madre che ha contribuito con cura ad educare alla vita, in un mondo in cui “viene meno ogni fondamento che fondi,  dove fondamento è il terreno su cui radicarsi e stare”[5]

Un fondamento che dona libertà, libertà scaturita da autentiche relazioni umane, come sempre nate all’interno di limiti e di eredità che ci sono lasciati da chi ci precede.

Nessuno nasce senza bagagli e se è vero che  spesso ci troviamo ad essere ciò che la vita ci ha reso e ha fatto di noi, è altrettanto vero che la nostra libertà la giochiamo nell’assumere ed elaborare ciò che siamo stati resi. Per dirla con Sartre “Io non sono ciò che io ho fatto ma sono ciò che io ho fatto di ciò che si è fatto di me”.

La consapevolezza di essere stato plasmato anche dai gesti di cura della madre, nel periodo di vita trascorso al suo fianco, è tradotto dall’autore nella quotidiana missione educativa in quanto docente.

Cura ed educazione abitano lo stesso spazio e tempo, sono soggetti che perseguono la stessa finalità: aiutare i ragazzi a ritrovare il giardino perso ed individuare la stella polare che metaforicamente simboleggia lo spazio aperto da percorrere nel segno della ricerca,  risvegliando il desiderio e lo stupore.

Individuare il proprio giardino, da cui spiccare il volo, nel quale imparare a vivere giorno per giorno, ad amare, a lavorare, a prendersi cura di sé stessi in primis e –  allargando la prospettiva – dell’altro.

Giardino che rimanda al giardino dell’ Eden, debito originario ma in senso simbolico… perché ciò che hai ricevuto gratuitamente non lo puoi ripagare, perderebbe la sua stessa essenza… puoi solo donarlo a tua volta gratuitamente

Aver cura, educare nonostante tutto, nonostante si abitino luoghi non luoghi, fedeli alla luce interiore rintracciabile negli abissi della nostra coscienza, quella capacità di autocoscienza che  Genesi chiama Neshamah, cioè capacità di conoscersi, giudicarsi, esercitare una libertà creativa.

L’autore invita a vivere il declino additandolo, non dandolo per scontato ma piuttosto utilizzandolo come traghettatore di valori.

L’approccio olistico e interdisciplinare adottato da Sottocornola per la sua personale metodologia di ricerca, modalità meglio definita in “Stella polare”[6], lancia una sfida alla modalità di apprendimento oggi prevalente che, da mera acquisizione di contenuti precostituiti in ambiti disciplinari secondo criteri statici, diviene azione d’interconnessione.

Il solipsismo potrebbe essere soverchiato da una professionalità che non segue più un percorso prevedibile, tracciato aprioristicamente nei parametri di una cornice definita.

Una progettualità che personalmente condivido a pieno titolo, perché capace di stimolare nei ragazzi quel  desiderio ridotto  ai minimi termini, nella forma mentis delle nuove generazioni tecnicamente programmate: l’uomo non è prima percepire, in seguito capire e poi volere, ma contemporaneamente le tre dimensioni; è un essere desiderante, animato da quel desiderare che trascende il soddisfacimento dei bisogni.

Merleau-Ponty afferma che non ci può essere affermazione sull’essere che non sia mediata dalla sensibilità: la percezione non è uno sguardo puro che sta davanti alla vita, ma la percezione è un’esperienza primordiale dell’uomo ed è sullo sfondo di questa percezione che nasce il sapere dell’uomo. Il soggetto di questa percezione è la corporeità stessa dell’uomo che agisce, sente ed è animato da un’intenzionalità che non necessariamente è posta sotto il concetto, è pre-riflessiva. Una percezione radicata in questo corpo che è vivente… e non è reificabile.

L’attenzione profonda alla cura, all’educazione dei giovani, ribadita a gran voce soprattutto nelle opere precedenti, da “The gift” a “I trascendentali traditi”, è fortemente motivata da questa presa di coscienza: in un periodo di sfacelo estetico e disfatta etica, di omologazione intellettuale nella logica di un tecnicismo dilagante, le pagine di questo libro accompagnano ad una riflessione personale profonda con una discrezione particolarmente sensibile.

Cura, educazione, giardini di senso, stella polare, naufragio della contemporaneità, Chiesa disinteressata alla ricerca spirituale, clero sociologo e comunicatore, non più teologico o spirituale… ma rigorosamente confessionale.  Mi trovo d’accordo con l’autore riguardo a una Chiesa che ancora fatica a concretizzare il Concilio Vaticano II, il quale ha riletto la Rivelazione non più come fonte di conoscenza delle mere norme morali ma come “evento di auto-comunicazione di Dio, evento che presuppone l’uomo come partner libero dell’Amore di Dio.”

La storia come luogo teologico in cui scrutare i segni dei tempi ed interpretarli alla luce del Vangelo, una Rivelazione che non può essere argomentata in astratto ma totalmente compresa nella storicità della sua evidenza.

La critica di Sottocornola mette in luce una sorta di rottura di memoria, una frattura culturale sicché le generazioni che oggi si affacciano alla fede, sembrano incapaci di ricevere la Tradizione cristiana, mentre quelle adulte si mostrano impreparate a fare segno, a vivere e, conseguentemente, mostrare il vero volto del cristianesimo.

L’autore, anche attraverso la filigrana di creativi ricordi personali, alieni da qualsiasi forma di scontato rimpianto, presenta come necessario il ritorno al fare memoria, e mi riporta alla domanda posta da Gesù ai discepoli: il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?”, una domanda rivolta a tutti, una domanda la cui risposta ci vede tutti responsabili a prescindere dall’appartenenza, ognuno di noi in quanto uomini che una qualche fede posseggono…

Così Sottocornola in “Stella polare”[7] afferma di pensarla come i Padri dei primi secoli dell’era cristiana, che vedevano molte affinità e congruenze tra cristianesimo e filosofia e, mediante l’immagine del seme e del germe, la potenza salvifica del Logos ancora una volta è fatta agire partendo dalla trascendenza del fondamento cristologico della salvezza, non dall’estensione della mediazione ecclesiastica: la sapienza e la giustizia che si trovano presso i pagani, vanno appunto intesi come i segni e le testimonianze inequivocabili della straordinaria potenza del Logos.

Il Vaticano II[8] ha rimosso tutte le identificazioni inadeguate riguardo al Logos spermatikos: è forse necessario far memoria delle origini per concretizzare il passato prossimo di un Concilio che ha tracciato il cammino per tutta l’umanità invitandoci a leggere i segni dei tempi per uscire dalla caverna? Oppure si preferisce rimanere con le spalle contrarie alla luce nutrendoci di “ombre di umanità”, di fittizie e artificiose vite, pedissequamente trascorse ma mai attraversate?

L’autore, sia in “Effatà” che in “Stella polare”, evita  qualsiasi  tono catastrofista: la Chiesa parla proponendo più o meno ripetitivamente sempre gli stessi contenuti, ma non è ascoltata se non superficialmente, fino al paradosso di un papa applaudito e stimato più dei suoi predecessori eppure… meno ascoltato, ridotto com’è dai media e dai cattolici stessi, ad un’immagine la cui parola è spesso travisata.

Il declino pericoloso della Tradizione cristiana ritenuta dall’autore “fondante della  sua personalità”, preziosa alleata per il processo di formazione di un’armonica identità, pare originato dall’incapacità della Chiesa di tradurre il cristianesimo anche in  sapienza pratica, una sapienza che ispiri il cuore della vita degli uomini, che sia capace di dare forma alla vita cristiana quale vita bella, buona vera e giusta, un capolavoro capace di assumere  connotazione di universalità.

Se è vero che la conversione del mondo antico al cristianesimo non fu il risultato di un’attività pianificata, ma il frutto della prova della fede quale si rendeva visibile nella vita dei cristiani e nella comunità della Chiesa,  e che “la nuova evangelizzazione non la si realizza con teorie astutamente escogitate”[9], sono allora maggiormente valide le riflessioni dell’autore.

Si può  non condividere il suo apprezzamento nei riguardi del “metodo adottato  dal teologo Vito Mancuso nel proporre una teologia per l’uomo di oggi[10], ma è impossibile non scorgere la tendenza di Sottocornola verso quella  radicalità  che conduce l’uomo alla nudità, una radicalità che toglie la parola … perché l’uomo nella sua carne è già parola, è corpo che parla, la ricerca in Quella carne che Merleau-Ponty traduce con Chair, carne viva, carne così intensa da non potersi mai definire come posseduta da un soggetto, ma abitata da una possibilità di alterità: il corpo che io vivo è il corpo che io sono, quello mediante il quale intenziono il mondo.

Aver un corpo è per un vivente congiungersi ad un ambiente definito, confondersi con certi progetti e impegnarsi in essi continuamente”[11]

In questa sintetica definizione del pensiero del filosofo francese Merleau-Ponty, come non leggere tra le righe lo stupore, il senso profondo che Il giardino di mia madre ha assunto per l’autore, quel giardino fecondo che ci invita  a ricercare unitamente alla stella polare?

Questa lettura profonda del valore dell’uomo capace di un approccio al mondo  non è di pura conoscenza, manifestazione di un io nascosto ma di connivenza, ed emerge dalla lettura di “Effatà” e dalle altre forme di espressione artistica dell’autore, capaci di generare un flusso di speranza.

Allora dalle ceneri del post-moderno e dalle sue frammentazioni egotistico-narcisistiche si può riscoprire l’esigenza e l’umiltà delle relazioni e con esse lo spirito di servizio, la gioia del dono, la presenza-direi corporea-dell’altro e dei suoi bisogni, il carattere relativo dei nostri gusti e la capacità anche di trascenderli…  perché il gesto che soccorre  e che salva ha una bellezza spirituale che può permettersi di ignorare quella sensibile. Allora dall’onto-estetica all’orto-prassi , sapremo ancora interpretare il bello, ma ne avremo fatto uno  strumento del nostro amore, e se possibile questo genererà capolavori ancora maggiori… Genererà anime, uomini, comunità, polis,  mondi e cosmi attraversati dalla santità di Dio”.[12]

Una conclusione di speranza priva di illusorio ottimismo commerciabile, una speranza che è connivenza con  il mondo e mi rimanda all’icona dell’Ecce Homo caravaggesco, o del più recente Arcabas, un’icona di un “uomo vero” che realizza la sua rivoluzione restituendoci all’esistenza con la consapevolezza della “metafora che noi siamo”, mostrandoci l’esperienza della capacità di essere eversivi rispetto ad ogni idolo postmoderno… che per sua natura schiavizza.

Da qui si esce con la nostalgia della bellezza della vita, una bellezza che chiama perché è sempre il rimando ad un Altro, come se fosse una carezza di promessa… e la carezza non è mai sinonimo di possesso.

Grazie Claudio!

Ileana Maria Paloschi, Presentazione “Effatà”, Libreria IBS, Bergamo,
23 aprile 2015 (Giornata Mondiale del libro e del diritto d’autore)

Torna alla news “Good vibrations”

[1] Jean_louis Chretièn, “La ferita della bellezza”
[2] Claudio Sottocornola, “Nugae, nugellae, lampi”,  Dicembre 2009
[3] “Il giardino di mia madre”
[4]  Claudio Sottocornola, “Effatà”, p. 14
[5]  Martin Heidegger, “Sentieri interrotti”
[6] Claudio Sottocornola, “stella polare”, 2013
[7] pg.117
[8]  Dei Verbum
[9] Card. Joseph Ratzinger, “Guardare Cristo. Esercizi di fede, speranza e carità”, Jaca Book, Milano 1989, p. 31
[10] “Claudio Sottocornola, “Stella polare”, p.122.
[11] Merleau-Ponty
[12] Effatà, p.72-73

L’indagine di Sottocornola fra
biografia, pop e crisi del sacro

di Laura Moro

Vorrei tracciare una carta d’identità un po’ particolare, culturale e virtuale, dell’autore che oggi vado a presentare. Il pubblico giovane è avvezzo alla realtà virtuale, ma oggi vorrei invitarvi con la videocamera, che noi “diversamente giovani” ci ostiniamo a chiamare cinepresa, a zoomare sui segni particolari di Claudio Sottocornola, nel quale distinguiamo molte sfaccettature, che proveremo a inquadrare:

  • l’eclettismo, finalizzato ad un approccio ermeneutico, che è un po’ la sua cifra prevalente. Sottocornola, infatti, è filosofo, insegnante, poeta, saggista, giornalista pubblicista, studioso e interprete del popular, teso a trasmettere una dimensione multimediale della ricerca. La definizione di “filosofo del pop”, spesso utilizzata per descriverlo, è quindi, a mio giudizio, suggestiva ma riduttiva. Filosofia, poesia, musica, danza, fotografia e arti figurative sono per lui espressioni di una medesima indagine ermeneutica idonea a decifrare una realtà contraddittoria come quella contemporanea. Maria Imparato scrisse di lui che “l’immagine del filosofo-cantore che distribuisce il proprio sapere anche attraverso la rielaborazione musicale dei contenuti teoretici rimanda ad un’antica tradizione socratica”. Grazie a questo eclettico approccio ermeneutico egli ha ottenuto numerosi riconoscimenti da parte della critica;
  • la curiosità intellettuale, che lo porta ad un approccio storico-critico assolutamente non ideologico, scevro di pregiudizi, aperto ad ogni aspetto, espressione e dimensione della realtà contemporanea, che Sottocornola percorre e scruta con attento occhio indagatore e approccio dialogante, in linea con il suo cristianesimo, anch’esso interconfessionale e dialogante.

Zoomando ancora più da vicino, con la nostra telecamera inquadriamo, in questa carta d’identità particolare, tre tematiche che hanno orientato l’indagine conoscitiva di Claudio Sottocornola nel corso degli anni, tre universi, peraltro interdipendenti e strettamente correlati:

  • l’universo biografico/autobiografico, come insostituibile elemento gnoseologico e luogo ermeneutico, all’interno del quale si realizza, si concretizza, la ricerca del senso della vita, che di questo universo si sostanzia ma in esso non si esaurisce;
  • l’universo della cultura pop (popular) contemporanea, con le sue icone, che per Sottocornola sono maschere, ologrammi indispensabili per comprendere la condizione umana a livello antropologico, la massificazione dell’espressione artistica e l’aspetto massmediatico della fruizione della stessa;
  • l’universo, la dimensione del sacro e la sua crisi nella società occidentale contemporanea, con il tradimento dei più alti valori di verità e di bellezza, proprio mentre, nel suo sforzo ermeneutico, interpretativo della realtà attraverso una molteplicità di mezzi, Sottocornola sembra aver trovato, con l’identificazione del sacro nel quotidiano, un punto di  equilibrio, la narrazione di una condizione in cui si conciliano e armonizzano le contrapposizioni della vita di ogni giorno.

Provando ora ad allargare l’inquadratura, con la nostra videocamera incontriamo le opere di Sottocornola nelle quali questi universi si sono concretizzati e a volte fusi.

Universo biografico/autobiografico

All’interno dell’universo biografico/autobiografico individuiamo una raccolta di poesie scritte tra il 1974 e il 1994, dai 15 ai 35 anni, pubblicata nel 2008 con il titolo Giovinezza…addio. Diario di fine ’900 in versi. Un suggestivo “romanzo di formazione”, ancorché poetico, una sorta di  viaggio iniziatico verso la maturità, sullo scenario di una fine di secolo e di millennio. Le prime poesie della raccolta sono più ermetiche, le ultime si ispirano invece maggiormente al linguaggio contemporaneo. Questa raccolta è di fatto un prosimetro, in quanto alla dimensione lirica dei componimenti si affiancano spaccati in prosa di un trentennio di vita sociale e culturale, pillole, frammenti di fatti storici. Alla raccolta è associato un CD musicale dal titolo L’appuntamento/collection, contenente venti canzoni pop, rock e d’autore, interpretate da Sottocornola dal 1994 al 2001, che continua in musica il discorso avviato dalla parola scritta.

All’interno di questo universo autobiografico, con Nugae, nugellae, lampi. Quaderno di liceo, del 2009, l’Autore propone invece una raccolta di liriche insolita, caratterizzata da un ordine cronologico inverso, che parte cioè dall’ultima poesia scritta per arrivare alla prima. Si tratta di 42 poesie e 42 tavole fotografiche che ci accompagnano in un viaggio a ritroso nel tempo dal 2008 al 1974, dal docente di oggi allo studente di ieri, perché l’autore ritrova e propone, nella seconda parte della raccolta, il suo “quaderno di liceo”, con le speranze, le rabbie, le utopie degli anni ’70, condensate in versi che spaziano dall’elegia alla canzone all’invettiva. Ed è dall’aula di un liceo che ancor oggi l’autore – questa volta appunto come docente – guarda, osserva, esplora la realtà. E quindi, paradossalmente, “quaderno di liceo” è termine che si può applicare anche all’esperienza matura del poeta-professore. E sei i lampi, parola italiana di immediata decodificazione, sono un po’ come le epifanie joyciane, bagliori, intuizioni, improvvise rivelazioni di una verità, ad essi si associano nel titolo i due termini latini “nugae” e “nugellae”, che l’autore ha scherzosamente mutuato dal Petrarca, il quale chiamava proprio così – sciocchezze, bagatelle – le liriche in volgare del suo “Canzoniere”, ritenendole in certo qual modo secondarie rispetto alla sua produzione in latino.

Continuando a muoverci all’interno dell’universo autobiografico, scopriamo  una mostra itinerante dal titolo Il giardino di mia madre e altri luoghi (2010), divenuta anche Dvd multimediale, commosso tributo visivo alla memoria della madre mancata qualche anno prima, anche a seguito di alcuni errori ed omissioni umane, non scontata celebrazione ma testimonianza di un modo d’essere generoso e altruista, e a un tempo denuncia dell’indifferenza e del cinismo di una parte della nostra società, caratterizzata da quel pensiero debole massificato, che Sottocornola combatte e sul quale ci invita ad una profonda riflessione proprio a partire da quel giardino. Esso, infatti, diventa luogo-simbolo, metafora della cura, della dedizione, dell’amore, della vita, un fazzoletto di terra strappato al cemento, testimonianza tangibile che amore e impegno possono trasformare in armonia e luce ogni condizione, non un giardino, ma il giardino (che peraltro rimanda a un’idea di cura che la madre ha a lungo praticato anche nel volontariato). L’Autore ci spiega che in un mondo e in un tempo di “non luoghi” (dagli aeroporti agli snodi autostradali, dagli ipermercati agli autogrill, dalle stazioni ferroviarie alle metropolitane…) “affollati di solitudine, di tante solitudini“, proprio dalla madre ha imparato la grammatica dell’attenzione e della cura, anche quella dei rapporti umani.

Quella stessa cura che ha ispirato, nel medesimo anno, The gift, il dono di un docente ai suoi allievi al termine di un anno scolastico, volumetto scritto con la consapevolezza della dispersione imminente, dopo gli esami di maturità, e il desiderio di prossimità, di dare un senso ad un percorso comune attraverso tre brevi saggi su conoscenza, dono e relazione, a partire da un’antropologia dell’amore fra tradizione biblica, mondo classico e storia della filosofia.

Universo della cultura pop contemporanea

Immergendoci ora nell’universo della cultura pop contemporanea, scopriamo che, dall’inizio degli anni ’90, Sottocornola, dopo centinaia di articoli e interviste ai maggiori esponenti dello spettacolo e della  canzone italiana come giornalista free lance,  decide di passare oltre o al di là del vetro: il suo studio, nella prosecuzione dei suoi studi, diventa la sala di registrazione, nella quale egli incide 3 cd, L’appuntamento (2004), L’appuntamento 2 (i classici…)” (2005), L’appuntamento 3 (Ma l’amore no: quaderno delle origini) (2005) e un DVD L’appuntamento/the video, che raccolgono una selezione dei suoi “studi”, realizzati fra il 1994 e il 2001: la trilogia affronta il meglio della canzone pop e d’autore in Italia.

Quindi incontriamo le sue lezioni-concerto multimediali. Dal 2004 Claudio Sottocornola è in tour con una serie di lezioni-concerto e di omaggi alle grandi voci della “Storia della canzone moderna”, che vengono replicati per ogni tipo di pubblico (Teatri, Scuole, Comuni, Terza Università, locali che propongono buona musica…), e che associano espressione artistica e approccio storico-critico entro il medesimo evento, un indimenticabile one-man show apprezzato da pubblico e stampa. Lo scorso anno, 2014, con il recital Hasta siempre!, queste lezioni hanno festeggiato il loro decimo compleanno.

Entro la medesima ispirazione pop, nel 2007, esce il DVD multimediale 80′s/Eighties (laudes creaturarum ’81), testimonianza degli anni ’80 attraverso 40 collages giovanili dal sottotitolo “avere 22 anni nel 1981…”, nei quali pubblicità, moda, divi, personaggi degli anni ’80 e opere d’arte di sempre si articolano come un inno alla sacralità del profano, celebrazione dei segni e dei simboli di un decennio effimero e scintillante (da Ornella Muti a al principe Carlo, da Giovanni Paolo II a Bruce Springsteen, da Sandra Milo a Giorgio Benvenuto, ma ci sono anche il digestivo Antonetto, la spider Alfa Romeo, Botticelli, Gaugain, Picasso, Guttuso). Anche questa esperienza documenta la straordinaria passione interdisciplinare che anima la ricerca dell’autore.

IL 2011 vede Sottocornola celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale con un ciclo di cinque lezioni-concerto dal titolo Una notte in Italia, rilettura della canzone popolare italiana dagli anni ’50 ad oggi come veicolo di unità linguistica e culturale nazionale, con coinvolgimento di studenti universitari e liceali e un innovativo approccio multimediale fatto di danza, poesia e recitazione, sempre molto apprezzato anche dalla critica. Nel 2014 queste lezioni vengono pubblicate su pendrive, per oltre sei ore di live, insieme ad un ricchissimo archivio di articoli, relazioni degli studenti, foto e testi critici. Le singole lezioni di Una notte in Italia vengono poi diffuse anche nel web da gennaio a marzo 2015, in omaggio all’imminente apertura di Expo, vetrina dell’eccellenza italiana.

Il 2012 è invece l’anno di Working Class, trasferimento dal territorio al web delle ormai celebri lezioni-concerto tenute sul territorio dal 2004, in cinque percorsi tematici: Teen-agers di ieri e di oggi, Decenni, Anni ’60, Cantautori, Immagine della donna e canzone. Il progetto diviene poi anche un prezioso box set di cinque Dvd a tiratura limitata per l’home video.

Universo della desacralizzazione della società occidentale contemporanea

Ed ora esploriamo il terzo universo, terzo non certo per importanza, e cioè la dimensione del sacro e la sua crisi nella società occidentale contemporanea, condizione paradigmaticamente analizzata ne I trascendentali traditi (2011), in cui Sottocornola ci propone nove brevi conversazioni sui trascendentali, ovvero quei “caratteri che appartengono all’essere in tutta la sua estensione”, identificati dalla filosofia medievale nelle categorie di bene, verità, bellezza, unità, e qui riprese e rielaborate dall’Autore con modalità e linguaggio ermeneutico e contemporaneo. In questa opera Sottocornola si attarda fra le derive del contemporaneo, evocato da città in degrado, corpi alterati e famiglie liquide, ad assaporare tutto l’amaro di una civiltà in declino e di un pensiero sempre più debole, impegnandosi nella ricerca appassionata di una non inutile meta. Questo scritto in forma di pamphlet non è quindi solo veemente e amara denuncia dell’esistente, bensì ricerca del senso della vita attraverso la biografia quale ermeneutica del vero e strumento di comprensione della realtà in grado di giustificare le differenze, relativizzare le colpe, promuovere il dialogo con l’”altro”, a qualsiasi regione – ideologica, culturale, religiosa – appartenga, forte richiamo alla responsabilità e all’impegno a orientare nel cammino, quando sembra venire a mancare ogni indizio di stella polare, una generazione che si smarrisce.

Con la quadrilogia Il pane e i pesci (2010) Sottocornola consegna alle stampe e alla lettura del suo pubblico quattro volumi che non possiamo certo sintetizzare in questa sede. Ci limiteremo qui a dire che si tratta di una raccolta di scritti realizzati dall’Autore fra il 1980 e il 2010, una silloge di riflessioni, appunti, citazioni di autori classici e moderni, meditazioni sulla vita, la società e la cultura contemporanee, a partire dal vissuto personale, fra globalizzazione, scristianizzazione, interculturalità e mutate antropologie, pagine di un diario spirituale, che si sostanzia anche di esperienze personali maturate sul territorio durante gli anni del grande pontificato di Giovanni Paolo II, il tutto all’insegna di un metodo divergente teso sempre alla ricerca delle “ragioni dell’altro”, che include, fra l’altro, pagine di giornalismo su volontariato e testimonianze di impegno etico-sociale, ma anche la tesi di laurea in Filosofia dell’Autore sul grande mistico contemporaneo Charles de Foucauld.

Nel 2013 viene pubblicato il libro Stella Polare, una raccolta di saggi, articoli, interventi sullo status quaestionis dell’attuale crisi di civiltà, ove nella forma del saggio mémoire si affrontano i temi più scottanti del dibattito contemporaneo, dal declino del sacro alla cultura pop, dal problema educativo al pensiero debole, dalla recessione economica al mutamento dei paradigmi culturali in atto, nella ricerca di verità esistenziali e non ideologiche, in un tentativo di sintesi fra pensiero debole e ricerca di senso all’interno dell’evoluzione, o dell’involuzione, della società contemporanea. Stella Polare è un libro che ci parla della Vita dal punto di vista di chi ama, di chi si ostina a nutrire una fede o fiducia esistenziale, soprattutto in Altro e nell’altro, che non siano beni effimeri e materiali, ego e autogratificazione, merci e consumo. Temi come la natura, la fede, l’amore, il sesso, la cultura, l’istruzione, i media, la vita sono trattati in modo non scontato, non banale, con linguaggio semplice e alla portata di chiunque voglia intraprendere un percorso insieme all’Autore, senza necessariamente averne gli stessi strumenti culturali. In una civiltà ammalata e materialista, l’importante è trovare la stella polare del proprio viaggio, l’energia del cammino, la speranza per continuarlo, trascendendo il proprio io empirico per aspirare a qualcosa di più grande e di più bello.

Infine il volumetto Effatà (appena pubblicato – aprile 2015) raccoglie “interventi sul territorio, flash temporali dalla durata effimera…”, riflessioni che l’autore ha inanellato negli ultimi anni su “naufragio” e “declino”, confermando il proprio interesse per l’elemento autobiografico, la cultura pop contemporanea e la grande tradizione spirituale occidentale.

Laura Moro, Presentazione “Effatà”, Libreria IBS, Bergamo,
23 aprile 2015 (Giornata Mondiale del libro e del diritto d’autore)

 

CLAUDIO SOTTOCORNOLA

BIOGRAFIA

Claudio Sottocornola, ordinario di Filosofia e Storia al Liceo “Mascheroni” di  Bergamo, si è laureato con una tesi in Storia della teologia all’Università Cattolica di Milano e ha insegnato Discipline religiose, Materie Letterarie, Scienze dell’educazione. Scrittore, giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dal 1991, studioso e interprete del popular, ha pubblicato su varie testate italiane servizi, studi, interviste relative ai fenomeni della musica pop-rock dagli anni ’50 ad oggi, alla storia della televisione italiana, del varietà, del cinema, delle arti visive. Ha collaborato inoltre con emittenti radio e TV, ove ha trasmesso in particolare “speciali” con interviste e medaglioni di Storia della canzone italiana.

Dalla metà degli anni ’70 la sua attività culturale si caratterizza per una tenace ricerca poetica che ispirandosi all’ermetismo assume le più disparate influenze, da Pavese a Prévert al cinema, soprattutto dei grandi autori italiani, di cui Sottocornola è un attento indagatore.

Docente di “Storia della Canzone e dello Spettacolo” presso la “Terza Università” di Bergamo, ha affiancato negli ultimi vent’anni alla ricerca scientifica in tale ambito, una ricerca estetica e creativa che lo ha portato in studio di registrazione per indagare origini e nuove modalità interpretative dei classici della canzone italiana, con incursioni anche nell’ambito anglosassone.

Ha pubblicato 3 cd, “L’appuntamento” (2004), “L’appuntamento 2 (i classici…)” (2005), “L’appuntamento 3 (Ma l’amore no: quaderno delle origini)” (2005), che raccolgono una selezione dei suoi “studi”, realizzati fra il 1994 e il 2001: la trilogia affronta il meglio della canzone pop e d’autore in Italia.

Numerosi gli incontri e le interviste-ritratto realizzate, fra gli altri, con Paolo Conte, Angelo Branduardi, Ivano Fossati, Enrico Ruggeri, Rita Pavone, Milva, Ornella Vanoni, Gianni Morandi, Anna Oxa, Mia Martini, Carla Fracci, Alberto Lattuada, Nino Manfredi, Giorgio Albertazzi, Teo Teocoli, Gene Gnocchi, Wanda Osiris, Raimondo Vianello, Sandra Mondaini, Heather Parisi, Catherine Spaak, Mara Venier, Pierangelo Bertoli, Caterina Caselli, Amedeo Minghi, Bruno Lauzi, Vittorio Sgarbi, Gianna Nannini, Enzo Jannacci…

Dal 2004 Claudio Sottocornola Claude è in tour con una serie di lezioni-concerto e di omaggi alle grandi voci della “Storia della canzone moderna”, che vengono replicati per ogni tipo di pubblico (Teatri, Scuole, Comuni, Terza Università, locali che propongono buona musica…), e che presentano, nell’ambito del pop, un innegabile valore pionieristico, associando in modo assolutamente inedito espressione artistica e approccio storico-critico entro il medesimo evento, che si struttura come un indimenticabile one-man show apprezzato da pubblico e stampa.

A questo nel 2006 si aggiunge il DVD “L’Appuntamento/the video”, che contiene riprese in studio di brani selezionati fra quelli proposti nella trilogia, e associando parole, musica e immagini, consegna al pubblico la dimensione multimediale della ricerca attraverso un inedito “concerto virtuale”.

Nel 2007, in contemporanea con la mostra itinerante delle opere, esce il DVD multimediale “80’s/Eighties (laudes creaturarum ’81)”, testimonianza degli anni ’80 attraverso 40 collages giovanili dal sottotitolo “avere 22 anni nel 1981…”: una sorta di “lauda pop” nella quale pubblicità, moda, divi, personaggi degli anni ’80 e opere d’arte di sempre si articolano come un inno alla sacralità del profano, a partire dal ricordo dell’estate ’81, in cui le opere vennero composte di getto. Il volumetto e la mostra “Anteprima” anticipano poi con versi e collages l’imminente pubblicazione dell’antologia poetica. Anche questa esperienza documenta la straordinaria passione interdisciplinare che anima la ricerca dell’autore.

Nel 2008 pubblica “Giovinezza…addio. Diario di fine ‘900 in versi” (1974-1994), che raccoglie poesie scritte dall’autore fra i 15 e i 35 anni e costituisce una specie di “romanzo di formazione” che ha per scenario la fine del secolo e del millennio. L’opera attesta una lunga ricerca dell’autore nel mondo della parola, che approda dall’ermetismo delle origini ad una speciale attenzione per la cultura pop contemporanea e i linguaggi musicali e iconici sottesi. A completare la proposta il cd “L’appuntamento/collection”, allegato alla raccolta, con venti canzoni pop, rock e d’autore registrate fra il 1994 e il 2001. Dall’opera, oggetto di una diffusa e favorevole attenzione critica, viene tratto il recital “I migliori anni della nostra vita”, in cui l’autore racconta, fra poesia e canzoni live, la storia italiana dagli anni ’60 ad oggi.

“Nugae, nugellae, lampi. Quaderno di liceo” (2009) rappresenta l’integrazione poetica e fotografica della precedente silloge, confermando un vivo interesse per l’interazione e la contaminazione dei linguaggi, e presenta una prima selezione del percorso per immagini “Il giardino di mia madre e altri luoghi”. Il recital “Quaderno di liceo”, che accompagna la presentazione del volume, propone un viaggio a ritroso negli anni ’70, alla ricerca del mythos fondativo, in un connubio di suoni, parole, immagini tra storia personale e sociale.

Nel 2010 è la volta della mostra itinerante “Il giardino di mia madre e altri luoghi”, commosso tributo visivo alla memoria della madre mancata in anni recenti, con 250 scatti fotografici di giardino e paesaggi, e una sezione di ritratti, raccolti anche in un suggestivo percorso multimediale sulle note de “I pattinatori” di Waldteufel abilmente rivisitate, e accompagnati da interessanti testi critici. Il tutto nell’ambito di un discorso sulla “cura” e sulla responsabilità che si estende “dai luoghi del mondo alla relazione fra le persone” (il dvd viene infatti anche finalizzato a un’iniziativa benefica per il mondo del volontariato, nel quale Angela Belloni Sottocornola, che il percorso di immagini vuole ricordare, era attivamente impegnata).

“The gift” è il volumetto che Sottocornola decide di dare alle stampe e regalare agli studenti in occasione degli Esami di Maturità 2010, quasi “testamento minimo” di un docente di Filosofia che parla della possibilità di “dono” e impegno a partire da un contesto post-moderno che si sforza di recuperare e tematizzare gli input dell’antropologia biblica e classica, nonché gli assunti della gnoseologia moderna e della Ermeneutica contemporanea, di cui si assume soprattutto la vitale categoria di “interpretazione”, atta a suscitare dialogo e capacità di mediazione.

Con “Il pane e i pesci” (quattro volumi in cofanetto per un totale di quasi mille pagine), che raccoglie scritti realizzati dall’autore fra il 1980 e il 2010, siamo di fronte ad un tentativo di “compendio” di un’intera esperienza spirituale, fra autobiografia, teologia e giornalismo, entro lo scenario contemporaneo caratterizzato da una crisi del discorso sul sacro e sul simbolo, che l’autore tenta invece di recuperare nei suoi rapporti con il territorio e la memoria. Il primo volume, “La spiritualità eucaristica di Charles de Foucauld nella sua vita”, prende in esame la suggestiva esperienza del grande mistico ed esploratore francese , con particolare attenzione alla dimensione della “adorazione”; il secondo volume, “Scritti cristiani per la gente di Colognola”, propone una serie di articolo redatti fra gli anni ’80 e ’90 su volontariato e animazione del territorio di un quartiere alla periferia di Bergamo, con interviste a missionari, analisi di encicliche e spaccati di vita quotidiana; il terzo, “Scritti spirituali giovanili, citazioni, appunti, aforismi”, si presenta come uno zibaldone di pensieri da San Paolo a Jim Morrison, con numerose riflessioni dell’autore stesso, quasi  “diario di formazione” nel passaggio dalla giovinezza alla maturità. “My status quaestionis 2010” è invece un volumetto introduttivo che, in modo paradossale e divergente, vuol fare il punto su globalizzazione, scristianizzazione e mutate antropologie, sforzandosi di cogliere  “le ragioni dell’altro”.

IL 2011 vede Sottocornola celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale con “Una notte in Italia”, ciclo di cinque lezioni-concerto presso l’Auditorium della Provincia di Bergamo, che si propone di affrontare il vasto repertorio della canzone popolare italiana come veicolo di unità linguistica e culturale nazionale, in particolare dagli anni ’50 ad oggi, e lo fa coinvolgendo nella propria performance artistica e musicale studenti universitari e liceali fra canto, danza, poesia e recitazione nel riuscito tentativo di formulare un tributo originale e innovativo a quanto di meglio può offrire l’identità italiana.

Una dedica a Pier Paolo Pasolini e una critica del contemporaneo a partire da una prospettiva straniante, quella della filosofia medievale rivisitata alla luce dell’Ermeneutica contemporanea, è invece il tema del pamphlet “I trascendentali traditi”, presentato nel dicembre 2011.

Il 2012 è l’anno di “Working Class”, trasferimento dal territorio al web delle ormai celebri lezioni-concerto in cinque percorsi tematici: Teen-agers di ieri e di oggi, Decenni, Anni ’60, Cantautori, Immagine della donna e canzone. Il progetto diviene poi anche un prezioso box set di cinque DVD a tiratura limitata per l’home video.

Nel 2013 Sottocornola torna alla scrittura con “Stella Polare”, una raccolta di saggi, articoli, interventi sullo status quaestionis dell’attuale crisi di civiltà, ove all’insegna del saggio mémoire si affrontano gli snodi più cruciali del dibattito contemporaneo, in un tentativo di sintesi fra pensiero debole e ricerca di senso.

Nel 2014 pubblica su pendrive un’ archivio delle lezioni concerto con gli studenti tenute per l’anniversario dell’unificazione italiana nel 2011, per oltre sei ore di live, arricchite di molti contenuti speciali dal rilevante valore documentario e didattico, come contributo ad una diversa collocazione dell’esperienza musicale in ambito scolastico, in particolare in rapporto alle discipline storiche. Le singole lezioni di “Una notte in Italia” vengono poi diffuse anche nel web da gennaio a marzo 2015, in omaggio alla imminente apertura di Expo, vetrina dell’eccellenza italiana.

Ancora nel 2015 il volumetto “Effatà” raccoglie “interventi sul territorio, flash temporali dalla durata effimera…”, riflessioni che l’autore ha inanellato negli ultimi anni su “naufragio” e “declino”, confermando il proprio interesse per l’elemento autobiografico, la cultura pop contemporanea e la grande tradizione spirituale occidentale

Per Sottocornola, infatti, filosofia e poesia, musica e arte in genere, sono espressioni di una medesima indagine, che punta a realizzare condizioni di equilibrio ermeneutico entro una realtà aporetica e contraddittoria come quella contemporanea, grazie all’assunzione della categoria di interpretazione come strumento epistemologico più idoneo a decifrarla.

Torna alla news “Good vibrations”

Good vibrations

Claudio.Sottocornola-Noesis.2014-miniLaura Moro, L’indagine di Sottocornola fra
           biografia, pop e crisi del sacro
,
           Presentazione “Effatà”, Libreria IBS, Bergamo,
           23 aprile 2015
           (Giornata Mondiale del libro e del diritto
           d’autore)
           Leggi tutto

Ileana Maria Paloschi, “Effatà”… il nuovo invito di
           Claudio Sottocornola
,
           Presentazione “Effatà”, Libreria IBS, Bergamo,
           23 aprile 2015
           (Giornata Mondiale del libro e del diritto
           d’autore)
           Leggi tutto

Dario Di Meglio, Il giardino e il mito delle origini, Inaugurazione “Il giardino di mia
           madre e altri luoghi”, Hotel Parco Conte,Casamicciola-Ischia (NA),
           24 luglio 2014
           Leggi tutto

Irene Kalb, Amore-stella polare in tempi di crisi,
           Presentazione “Stella Polare”, Librerie Feltrinelli, Bergamo,
           27 marzo 2014
           Leggi tutto

Jolanda Morgese, “Stella polare”, guida al viaggio interiore verso l’impegno,
           Presentazione “Il giardino di mia madre e altri luoghi” e
           “Stella Polare”, Biblioteca Caversazzi-Bergamo, 15 febbraio 2014.
           Leggi tutto

Lidia Zitara, Un artista da scoprire piano piano, Presentazione “Il giardino di mia
           madre e altri luoghi”, Libreria Mondadori, Siderno (RC), 7 agosto 2013
           Leggi tutto

Francesca Grispello, Il gesto dell’immagine, Prefazione “Nugae, nugellae, lampi.
           Quaderno di liceo”, Cld-Velar, 2009
           Leggi tutto

Donato Zoppo, “La semplicità è una complessità risolta”: il nuovo percorso 
           di Claudio Sottocornola, Presentazione “Nugae, nugellae, lampi.
           Quaderno di liceo”, Cld-Velar, 2009
           Leggi tutto

Alessandro Spadoni, Una metafisica di suoni e parole, Recensione “Giovinezza…
           Addio. Diario di fine ‘900 in versi”, www.lettera.com ,
           29 dicembre 2008
           Leggi tutto

Donato ZoppoClaudio Sottocornola Claude: “orco” e “sciamano” in viaggio
           tra musica, storia e costume, Nota critica a “L’appuntamento/
           collection”, CLD, 2008
           Leggi tutto

Prestigioso riconoscimento internazionale da Bucarest per Claudio Sottocornola: le sue poesie in una edizione bilingue per “Contemporary Literary Horizon”

Copertina.Bucarest Foto per Bucarest,  CLAUDIO SOTTOCORNOLA - BG -
riga

Claudio Sottocornola tradotto in Romania: la “Fin de siècle” nella silloge bilingue delle sue poesie
Claudio Sottocornola, filosofo, poeta, musicologo e perfomer, arriva in Romania: la prestigiosa rivista internazionale Contemporary Literaly Horizon gli rende infatti omaggio inserendolo nella sua Bibliotheca Universalis…
https://suonalancorasam.wordpress.com 

Fin de siècle
Claudio Sottocornola tradotto in Romania
Daniel Dragomirescu traduce per la prestigiosa collana rumena una rappresentativa silloge poetica del filosofo bergamasco, tra sperimentazioni linguistiche, l’ermetismo delle origini e l’approdo alla sintesi degli haiku
http://www.synpress44.com/

INTERCULTURAL HORIZONS: DANIEL DRAGOMIRESCU
ORFISM, EXISTENTIALISM AND POETIC CONFESSION
From a declared and asserted aesthetic perspective of the symbolism represented by Paul Verlaine (1844-1896), the author of the well-known slogan “Music beyond every-thing…”, the poetry seems to be a nearly perfect synonym for music. Indeed, poetry is music, but, at the same time, it also represents a confession, a “memoir” of a life and of an age.
http://contemporaryhorizon.blogspot.it

Sottocornola e le canzoni dell’estate: un raffinato divertissement nella colonna sonora della stagione dagli anni ’50 ad oggi.

Sottocornola per canzoni dell'estateliceo

Le canzoni dell’estate: la playlist “storica” del filosofo del pop
Intervista a Claudio Sottocornola
Una notte in Italia, tre live tenuti in occasione dell’anniversario dell’unificazione italiana, la sua ultima fatica…
http://www.lisolachenoncera.it

La playlist per l’estate del filosofo del pop Claudio Sottocornola
C’è davvero l’imbarazzo della scelta, anche perché l’intero decennio ha per scenografia uno sfondo balneare. Si può andare da un pezzo ballabile inneggiante al nascente twist, come “Saint Tropez” di Peppino di Capri…
http://www.blogdellamusica.eu

Le canzoni dell’estate: la playlist “storica” del filosofo del pop
Intervista al “filosofo del pop” Claudio Sottocornola
Siamo nel mezzo dell’ondata di caldo che l’estate 2015 ci riserva e, fra crisi greca e attentati tunisini, la voglia d’estate e di vacanzesi scontra con una realtà planetaria inquietante e invasiva, lontana anni luce dalla spensierata serenità di altri tempi…
http://www.radiocoop.it

“Effatà”: Sottocornola fra biografia, cultura pop e declino del sacro

Sottocornola.Presentazione.Effata.Libreria.Bergamo

 

Giornata Mondiale del Libro: Claudio Sottocornola, Effatà
Una raccolta di riflessioni sul contemporaneo e la spiritualità Effatà: Claudio Sottocornola e il suo nuovo libro da IBS Bookshop
http://www.senzabarcode.it


Il.Garantista

riga
Il.Giorno.26.4.2015
riga
L.Eco

“Effatà”: Claudio Sottocornola e il suo nuovo libro da IBS Bookshop per la Giornata Mondiale del Libro e di #ioleggoperché

Effata_copertina_Sottocornola

Giovedì 23 aprile 2015
Ore 17.30
IBS Bookshop
via XX Settembre 93
Bergamo

 

Nel naufragio del contemporaneo, quale direzione, quale canto?
Il filosofo e performer Claudio Sottocornola presenterà giovedì 23 aprile alle ore 17.30 – in occasione della Giornata del Libro e del diritto d’autore – la sua nuova fatica, “Effatà” (CLD-Marna, pp.90, Euro 7,00), presso la Libreria IBS a Bergamo. Interverrano alla presentazione Laura Moro, docente di Lingua e Letteratura Inglese, e Ileana Maria Paloschi, docente IRC, ambedue del Liceo scientifico “L. Mascheroni” di Bergamo.

Il libro si presenta come una raccolta di “interventi sul territorio, flash temporali dalla durata effimera” che “obbligano all’assunzione dell’habitus nietzscheano che, nell’affrontare i grandi problemi, si comporta come si fa con i bagni di acqua gelida: ‘presto dentro, presto fuori’”. Si tratta quindi di un percorso fra riflessioni, conversazioni, meditazioni, illuminazioni, proposte dall’autore in occasione delle varie presentazioni della mostra itinerante “Il giardino di mia madre e altri luoghi” e del libro “Stella polare” dal 2010 al 2014.

Effatà
Claudio Sottocornola e il suo nuovo libro da IBS Bookshop
http://www.synpress44.com/01Comunicati.asp

Bergamo, Libreria “IBS Bookshop”: Claudio Sottocornola presenta il suo nuovo libro, “Effatà”

https://suonalancorasam.wordpress.com/

INVITO_EFFATA_Pagina_1

 

INVITO_EFFATA_Pagina_2

Adorable Sixties, terza e ultima lezione concerto di Sottocornola
su You Tube: un omaggio ai mitici anni ’60

In occasione di Expo 2015, il “filosofo del pop” pubblica in rete tre tra le sue più apprezzate iniziative con gli studenti: martedì 31 marzo si chiude con un omaggio ai favolosi anni ’60 dei Beatles e di Bob Dylan,  e le canzoni di Mina e Battisti, Guccini e I Corvi, Ben E. King e Morandi, la Pavone e Patty Pravo. Un viaggio attraverso la mitica decade del boom e delle vacanze al mare, della contestazione studentesca e del primo femminismo, nella quale una intera generazione acquistò coscienza di sé attraverso  musica, cinema, poesia e nuovi media.

Gli adorabili anni ’60
www.synpress44.com

Claudio Sottocornola per Expo 2015: “Adorable Sixties”
su You Tube da martedì 31 marzo!

synpress44.blogspot.it

“Adorable Sixties”, su You Tube la terza ed ultima parte
delle lezioni concerto di Claudio Sottocornola

suonalancorasam.wordpress.com

Sottocornola: “Una notte in Italia” su SenzaBarcode

Una notte italiana: le lezioni concerto di Claudio Sottocornola
www.senzabarcode.it

13-Lezioni-concerto-Sottocornola

“Una notte in Italia” Usb su mat 2020.com

Athos di MAT2020 (www.mat2020.com): CLAUDIO SOTTOCORNOLA: Una notte in Italia USB
athosenrile.blogspot.it

08-Lezioni-concerto-Sottocornola

Il filosofo del pop parla di talent, talk, reality
e linguaggio televisivo agli studenti in autogestione

Claudio SottocornolaClaudio Sottocornola terrà mercoledì 18 marzo 2015 agli studenti del Liceo scientifico
“L. Mascheroni” di Bergamo, nel corso di una giornata di autogestione, una lezione dal titolo “Talent, talk, reality: comunicazione televisiva e semplificazione dei linguaggi”. L’intervento si propone di analizzare le attuali tendenze della comunicazione televisiva, le nuove antropologie da essa disegnate, le prospettive aperte per il futuro. Passando in rassegna le principali teorie critiche, ma anche attraverso l’analisi dei format di successo internazionali e  delle nuove modalità di accesso e di fruizione del mezzo, il “filosofo del pop” condurrà gli studenti alla scoperta dei meccanismi di persuasione e identificazione occulti e pervasivi che caratterizzano la comunicazione mediatica contemporanea, nel tentativo di contribuire alla costruzione di un approccio più critico e consapevole ai mezzi di comunicazione di massa, con particolare attenzione alle nuove modalità interattive sollecitate dal Web.
(altro…)

Miss(ing) Italia, nuova lezione concerto di Sottocornola su
You Tube, un omaggio alla Festa della Donna 2015

In occasione di Expo 2015, il “filosofo del pop” pubblica in rete tre tra le sue più apprezzate iniziative con gli studenti: sabato 28 febbraio, in omaggio alla imminente Festa della Donna, tocca a “Miss(ing) Italia”, un’indagine sulla evoluzione dell’immagine femminile nella canzone italiana, attraverso la rivisitazione live del repertorio delle grandi interpreti, da Mina alla Nannini, dalla Pavone alla Vanoni, dalla Rettore a Mia Martini, da Irene Grandi alla Pausini. Un viaggio attraverso i decenni tra musica, storia, costume e filosofia.

Miss(ing) Italia!
www.synpress44.com

“Miss(ing) Italia (Immagine della donna)”, secondo appuntamento su YouTube per le lezioni-concerto di Claudio Sottocornola
suonalancorasam.wordpress.com

Sottocornola, intervista su Wall Street International

Sanremo? Tutta questione di filosofia…

Claudio_Sottocornola_omaggia_Modugno_82377b_c

Il filosofo del pop presenta “Una notte in Italia” a RCB

Claudio Sottocornola presenta

news_foto_41053_rcb

Claudio Sottocornola per Expo 2015
Le lezioni concerto su YouTube

In occasione dell’Esposizione Universale 2015, il “filosofo del pop” pubblica in rete tre tra le sue più apprezzate iniziative con gli studenti: tra musica, storia, costume e filosofia, uno sguardo all’identità nazionale e all’eccellenza italiana. Si incomincia con “La chiamavano Bocca di Rosa”, dedicata ai Cantautori.

Le lezioni-concerto su YouTube
www.synpress44.com

Le lezioni concerto di Claudio Sottocornola approdano su You Tube
suonalancorasam.wordpress.com

“Una notte in Italia” su chiavetta USB,
dall’unità nazionale a Expo

Comunicato Stampa

Sottocornola.Una-notte-in-Italia-booklet-evento

Sottocornola, Una notte in Italia booklet

Vai alla galleria d’immagini –>

- Una notte in Italia, Post Scriptum.pdf
- Una notte in Italia, comunicato stampa.pdf
- Progetto e Liceo Mascheroni.pdf

Claudio Sottocornola in ‘Una notte in Italia’,
finalmente su USB: Bergamo 20 dicembre

presentazione_chiavetta_USB_dicembre_2014

Sabato 20 dicembre a Bergamo il ‘filosofo del pop’ presenta con una delle sue inconfondibili lezioni-concerto con gli studenti del Liceo Mascheroni il progetto musicale dedicato all’Unità d’Italia, ora in uscita su supporto per Pc. Mac e Tv.
Continua a leggere ->

Sottocornola al Carroponte di Sesto San Giovanni

Nell’ambito della rassegna “Il tempo delle donne”, organizzata da Rcs-Corriere della Sera, domenica 21 settembre alle 19.45 si terrà al Carroponte di Sesto San Giovanni una tavola rotonda sul tema “Le donne nella musica oggi tra emancipazione e mercificazione”. Claudio Sottocornola interverrà con una relazione dal titolo: “Per una ermeneutica diacronica del femminile nella canzone popolare italiana dagli anni ’50 ad oggi”.
 
sottocornola_carroponte_tempo_delle_donne
 
 TAVOLA ROTONDA: Le donne nella musica oggi tra emancipazione e mercificazione
Domenica 21 settembre alle 19.45 al Carroponte si terrà un incontro che verterà sul tema delle donne come produttrici o prodotto del mercato musicale di oggi. Continua a leggere –>

Augusto Maraffa

“I’m always shy with beautiful strangers, and when you’ve got to know them,

 they have gone away”

Anonymous

Augusto_Maraffa

Augusto Maraffa

1932-2014

E’ mancato improvvisamente mercoledì 20 agosto il grande amico e collaboratore free-lance Augusto Maraffa. Fotografo e grafico pubblicitario, iniziò al Lido di Venezia a scattare foto negli anni della “Dolce vita” e si perfezionò poi integrando le più diverse competenze nel vasto campo dell’Editoria, fra Milano, Venezia e Bergamo, ove approdò sul finire degli anni ’80 presso l’Editrice Velar, che divenne per lui una specie di “seconda famiglia”. Proverbiale la sua estrema cura nel seguire la grafica dei volumi che gli venivano affidati, realizzando, per esempio, splendide copertine caratterizzate dalla perfezione in ogni minimo dettaglio. Ma non ha mai abbandonato la sua appassionata attività di fotografo. Personalmente ho avuto modo di apprezzare le sue qualità di esteta dell’immagine, avendolo, come amico, avuto presente a diverse mie iniziative e lezioni-concerto che ha immortalato in splendide immagine di cui mi ha fatto generosamente dono. Ora, mentre stavo lavorando all’ennesimo progetto in collaborazione con la scuola e la Terza Università di Bergamo, ove rintracciavo molti dei suoi scatti che rimarranno a testimonianza, una improvvisa e inaspettata telefonata: Augusto Maraffa non è più fra noi.

Sono convinto che ha raggiunto quella luce che ha cercato di immortalare in ogni suo scatto e che ora lo avvolge.

Claudio Sottocornola

 

 

Sottocornola_Maraffa

Sottocornola a Ischia con le “foto del pensiero”

ischia_locandina_luglio_2014

 

Il giardino di mia madre e altri luoghi
Claudio Sottocornola a Ischia con le ‘foto del pensiero’
www.synpress44.com

Ischia presentazione luglio 2014

 

Arriva a Ischia, nella splendida cornice dell’Hotel Parco Conte di Casamicciola, il percorso di immagini fotografiche proposto in giro per la penisola da Claudio Sottocornola, filosofo e artista attento ai diversi linguaggi della contemporaneità, che si muove tra musica, filosofia e immagini nella sperimentazione multimediale,  e decide con “Il giardino di mia madre e altri luoghi” di ricordare la madre mancata in anni recenti con un viaggio fra i paesaggi dell’anima.
(altro…)

Sottocornola e i Mondiali

Sottocornola_Mondiali
In occasione dei Mondiali di calcio, Claudio Sottocornola è stato interpellato dalla nota web magazine L’isola della musica italiana e dall’emergente La zattera del pensiero per un’intervista sul rapporto fra sport e canzone popolare in  Italia. Ne è nato un inedito divertissement sulla cultura popular che lega sport e musica leggera, ripreso anche dal celebre blog cinematografico Sunset boulevard. Buona lettura!

Abbiamo incontrato il Prof. Claudio Sottocornola per farci raccontare di un suggestivo binomio.
www.lisolachenoncera.it

Sport e canzone, nell’anno dei Mondiali
www.zatteradelpensiero.it

Sport e canzone, nell’anno dei Mondiali
suonalancorasam.wordpress.com

Have you ever seen the rain?

Locandina-Sottocornola_lezione-concerto-aprileProgramma

Omaggio a Frank Sinatra:
I’ve got you under my skin
(C. Porter), 1936

Omaggio a Juliette Gréco:
Les feuilles mortes
(Kosma-Prévert), 1945

Omaggio a Claudio Villa:
Buongiorno tristezza
(Ruccione-Fiorelli), 1955

Omaggio a Rita Pavone:
Cuore (Rossi-Mann-Weill), 1963

Omaggio a Gino Paoli:
Sapore di sale (Paoli), 1963

Omaggio a Roberto Vecchioni:
L’uomo che si gioca il cielo a dadi
(Vecchioni), 1971

Omaggio a Joan Baez:
Here’s to you (Morricone-Baez), 1971

Omaggio a Patty Smith:
Because the night (Springsteen-P.Smith), 1978

Omaggio a Miguel Bosé:
Si tu no vuelves (Ferrario-Grilli-Bosé), 1994

Omaggio a Gianna Nannini:
Meravigliosa creatura (Nannini-Redeghieri), 1995

Omaggio a Marco Mengoni:
Credimi ancora (Mengoni-Fabiani-Calabrese), 2010

Omaggio ad Arisa:
La notte (Anastasi), 2012

Omaggio a Lucio Dalla:
L’anno che verrà (Dalla), 1979

Le poesie lette dagli studenti del Liceo scientifico “L. Mascheroni” di Bergamo sono tratte da “Giovinezza… addio. Diario di fine ‘900 in versi” (Velar) e da “Nugae, nugellae, lampi. Quaderno di liceo” (Velar) di Claudio Sottocornola.

Dal web:
Hasta Siempre
Dieci anni di lezioni-concerto con Claudio Sottocornola
www.synpress44.com

“Hasta siempre!”, Claudio Sottocornola celebra dieci anni di lezioni-concerto
suonalancorasam.wordpress.com

Hasta Siempre: dieci anni di lezioni-concerto con Claudio Sottocornola
ferroetabacco.blogspot.it

Dieci anni di lezioni concerto del filosofo del pop

hasta-siempre-marzo

Hasta siempre
(Quando la filosofia incontra la canzone pop, rock e d’autore)

Lo spettacolo che  celebra   dieci anni di lezioni-concerto sul territorio
del “filosofo del pop” Claudio Sottocornola

Dieci anni di lezioni-concerto sul territorio sono un traguardo rilevante per un docente-giornalista che ha provato con successo a trasferire la canzone pop, rock e d’autore dall’ambito del puro intrattenimento e consumo a quello della formazione, della riflessione critica, della ricerca, condotta in totale libertà da vincoli e manierismi prevalenti nel panorama ormai dominato da talent e mercato di genere. (altro…)

Dicono di lui…

locandina-hasta-siempre-marzoUn rapporto osmotico lega la canzone originaria a quella che  Claudio  restituisce  a  chi lo ascolta: egli si fa tramite, e il collegamento “umano” tra passato  e presente,  rende  vivo un tassella di storia. Claudio Sottocornola è un “orco” di blochiana  memoria: il  corpo della canzone  è per lui preda succulenta, e con la stessa voracità di sapere e conoscenza  con cui lo azzanna  e lo gusta,  così egli riconsegna al pubblico  la sua e la nostra Storia.

Donato Zoppo, Nota critica a L’appuntamento / collection, aprile 2008

 

C’e, infine, la ragnatela di artisti totali che operano mischiando  non solo i generi  musicali,  con  sperimentazioni  di vocalita  a volte  davvero grandi, ma intrecciando le varie espressioni artistiche (musica, arte, poesia) con un usa davvero interessante delle note musicali. II caso di Claudio  Sottocornola,  bergamasco,  è  uno  di  questi…  E  il   rapporto scuola-musica può non solo arricchirsi, se personaggi e cantanti (e insegnanti)  come  Sottocornola  continuano  la foro missione  artistica, ma fare da battistrada affinchè la scuola diventi finalmente in ltalia una cosa matura e ricca nel rapporto fondamentale  con la musica, cosi come del resto vanno predicando  da tempo fior di musicisti  come il  già citato Riccardo Muti, Uto Ughi, e tanti altri.

Michele Fumagallo, Alias (50), dicembre 2009

 

Le conferenze-spettacolo di Sottocornola risultano dunque trasversali ai generi (rock, pop, jazz, cantautorato),  epoche, alla stessa divulgazione  musical-teorica,  discendenti  da  assai  probabili  ottime  letture,  altrettante  teorizzazioni,  e ascolti,  se  possibile,  ancora  di  più… Uiteriori   punti  di  forza  del  professore­cantante bergamasco  sono … il magnetismo  naturale (qualcosa  a metà strada tra Mina,  il  guru  e il  filosofo  peripatetico  che  non  se la tira),  la limpidezza espositiva  (ben lungi dalla  prosopopea  professorale),  i modi perbene  che in tempi starnazzanti come i nostri (che si parli di Sanremo, di politica o di cucina è lo stesso),  non è malaccio.  Se vi incuriosiscono  fatti, misfatti e protagonisti
della storia della canzone  tout court, riassunti in forma densa rna non ingessata, il “meglio” di Sottocornola – esteta del pop – potrebbe fare al caso vostro.

Mario Bonanno, La Brigata Lolli, gennaio 2013

 

Claudio  Sottocornola  è  un  intellettuale,  un  filosofo,  un  seminatore,  un  divulgatore, un musicista. Non sto parlando  della categoria dei “tuttologi”, ma di una sintesi di skills, una risultante positiva messa al servizio di una comunita ricettiva.  Il professor  Claudio  vive a contatto  con i giovani, ma non solo, essendo l’insegnamento  rivolto a chiunque abbia voglia di scoprire o approfondire argomenti poco noti o… male interpretati,  e quindi non esistono costrizioni generazionali.  Per tutti Claudio  Sottocornola  e “II filosofo del pop” [...] E mentre lui racconta, spiega, canta e interagisce con i presenti, scorrono le immagini di una vita, per chi ha già abbondantemente   vissuto,  e  si  aprono  nuovi orizzonti,  per chi è all’inizio  del percorso  ed è interessato a scoprire le proprie radici.

Athos Enrile, MAT2020, maggio 2013

Claudio Sottocornola alla Feltrinelli di Bergamo



Nel naufragio del contemporaneo, quale direzione, quale canto?

Intervengono:
Pr.ssa Irene Kalb, Ordinaria di Filosofia e Storia Liceo scientifico “L. Mascheroni”, Bergamo;
Dr.ssa Donatella Merigo, Lettrice

Stella Polare alla Feltrinelli
il nuovo libro di Claudio Sottocornola

Stella Polare:
il nuovo libro di Claudio Sottocornola alla Feltrinelli di Bergamo giov. 27 marzo

Bergamo:
Claudio Sottocornola presenta “Stella Polare” alla Feltrinelli

Il Giardino di mia madre e Stella Polare:
Claudio Sottocornola alla Biblioteca Caversazzi di Bergamo

Presentazione del Libro “Stella polare”
e inaugurazione della Mostra Fotografica
“IL GIARDINO DI MIA MADRE”
di
CLAUDIO SOTTOCORNOLA
Biblioteca Caversazzi, via T. Tasso 4 Bergamo
Sabato 15 Febbraio 2014, ore 18.00
La mostra sarà attiva fino a Venerdì 28 Febbraio 2014.

Il Giardino di mia madre e Stella Polare
Claudio Sottocornola alla Biblioteca Caversazzi
www.synpress44.com

Il giardino di mia madre e Stella Polare: Claudio Sottocornola alla Biblioteca Caversazzi
www.synpress44.blogspot.com

Bergamo: inaugurazione della mostra “Il giardino di mia madre e altri luoghi”di Claudio Sottocornola
www.suonalancorasam.com

Presentazione del nuovo libro
di Claudio Sottocornola, “Stella polare”.

Stella Polare
Doppia presentazione bergamasca per il nuovo libro di Claudio Sottocornola www.synpress44.com

Stella Polare: doppio appuntamento orobico per il nuovo libro del ‘filosofo del pop’ Claudio Sottocornola
www.synpress44.blogspot.com

Bergamo: presentazione del nuovo libro di Claudio Sottocornola, “Stella polare”
www.suonalancorasam.com

News su “Giovinezza… addio. Diario di fine ’900 in versi”


INTERCULTURAL HORIZONS: DANIEL DRAGOMIRESCU

ORFISM, EXISTENTIALISM AND POETIC CONFESSION
From a declared and asserted aesthetic perspective of the symbolism represented by Paul Verlaine (1844-1896), the author of the well-known slogan “Music beyond every-thing…”, the poetry seems to be a nearly perfect synonym for music. Indeed, poetry is music, but, at the same time, it also represents a confession, a “memoir” of a life and of an age.
Leggi tutto l’articolo >>

“Il giardino di mia madre” a Siderno (RC),
Libreria Mondadori, Sala Calliope

Sarà inaugurata mercoledì 7 agosto, alle ore 18.30, per concludersi martedì 13, presso la Sala Calliope della Libreria Mondadori di Siderno (RC, Centro Commerciale la Gru), la mostra fotografica Il giardino di mia madre e altri luoghi del filosofo, artista e performer Claudio Sottocornola.
La presenza dell’autore sarà un’occasione per riprendere il discorso intrapreso negli anni passati proprio presso il Salotto Letterario della Mondadori, dove aveva già intrattenuto il suo pubblico con eventi a cavallo tra filosofia, musica, letteratura e arti visive, in nome di quella interdisciplinarietà che esprime da tempo, nella sua ormai lunga attività.

Continua a leggere>

“Il giardino di mia madre” su Orobie di agosto

Ancora su “Il giardino di mia madre e altri luoghi”

Slide show Giardino
Testi critici Giardino
Student’s papers Giardino 3L
Student’s papers Giardino 3I

Ancora su “Il giardino di mia madre e altri luoghi”


Continua a leggere –>

Working Class: altre news

Continua a leggere –>

Working Class: altre news

Sottocornola incontra gli studenti polacchi del
Liceum im. Komisji Educacji Narodowej
di Cracovia, con gli studenti della classe 4I del
Liceo scientifico Lorenzo Mascheroni di Bergamo

Ho trascorso la mia vita ad Istanbul, sulla riva europea, nelle case che si affacciavano sull’altra riva, l’Asia. Stare vicino all’acqua, guardando la riva di fronte, l’altro continente, mi ricordava sempre il mio posto nel mondo, ed era un bene. E poi, un giorno, è stato costruito un ponte che collegava le due rive del Bosforo. Quando sono salito sul ponte e ho guardato il panorama, ho capito che era ancora meglio, ancora più bello vedere le due rive assieme. Ho capito che il meglio era essere un ponte fra le due rive. Rivolgersi alle due rive senza appartenere.

Oran Pamuk, Istanbul, 2003

Venerdì 12 aprile dalle ore 10.00 alle 12.00, presso il Laboratorio di Informatica del Liceo scientifico “L. Mascheroni” di Bergamo – nell’ambito del Programma Internazionale “Countries without frontiers, 26th Exchange” – Claudio Sottocornola incontra gli studenti del Liceo “Komisji Educacji Narodowej” di Cracovia, a conclusione della loro permanenza a Bergamo. (altro…)

News in rete

www.ecolenet.it

www.cremaonline.it

“Il giardino di mia madre” a Palazzo Berva,
Comune di Cassano D’Adda (Milano)

per te, a dieci anni dalla partenza, con immutato affetto

i tuoi figli, Augusta e Claudio

Il giardino
di mia madre
e altri luoghi

Claudio Sottocornola

Inaugurazione: Sabato 16 marzo ore 17,30

mostra fotografica 16 marzo – 1 aprile 2013
Palazzo Berva, Via Verdi 26
Cassano d’Adda (Milano)

Slide show Giardino
Testi critici Giardino
Student’s papers Giardino 3L
Student’s papers Giardino 3I

Il giardino di mia madre” a Casa Berva, Cassano D’Adda

Sembrerebbe, il giardino, un tema desueto e, figurativamente, atto ad essere rappresentato secondo scontati cliché, ma così non è per “Il giardino di mia madre e altri luoghi”, 250 scatti fotografici in cui Claudio Sottocornola, autore attento ai diversi linguaggi della contemporaneità, che si muove tra musica, filosofia e immagini nella sperimentazione multimediale,  decide di ricordare la madre mancata in anni recenti con un percorso fra i paesaggi dell’anima. (altro…)

Stefano Agnesi

“Il giardino di mia madre”

Recensione:

Questo progetto o mostra ricordo, come viene citato su sound-magazine, mi ha molto colpito per le sensazioni e l’atmosfera che riusciva a trasmettere anche in un luogo in genere privo di emozioni,  non legate ai voti, come una classe. (altro…)

Giulia Alari

“Il giardino di mia madre”

“Il giardino di mia madre e altri luoghi”, video girato dal professor C. Sottocornola, racchiude al suo interno numerosi ricordi, momenti trascorsi, affetti ed emozioni. (altro…)

Paola Bahiti

“Il giardino di mia madre”

L’autore ha deciso di ricordare sua madre medianti foto che ritraggono quei pochi metri quadrati di erba, piante e fiori che rappresentavano la cura della madre non solo nel giardinaggio, ma nella vita quotidiana. (altro…)

Kristin Bonzi

“Il giardino di mia madre”

Spesso, guardando una semplice fotografia, la tua mente viene assalita da pensieri, ricordi e immagini che ti fanno rivivere momenti ed emozioni vissute il giorno in cui è stata scattata. (altro…)

Elisabetta Brogni

“Il giardino di mia madre”

La principale interpretazione che ho dato del percorso di immagini è basata sul ricordo: da ogni titolo della presentazione e da ogni immagine scaturisce un ricordo bello o brutto, positivo o negativo. (altro…)

Arianna Cammarota

“Il giardino di mia madre”

Il video si apre con una varietà di suoni di sottofondo: il canto di uccellini e rumori che ricordano la natura, simili a dei fruscii, per poi sovrapporsi ad una melodia suonata al pianoforte che accompagnerà tutto il filmato come una costante. (altro…)

Davide Donzelli

“Il giardino di mia madre”

Si dice che un’immagine valga più di mille parole, ma in effetti, un’immagine è molto più di questo: è un insieme di colori, forme, prospettive ed emozioni. Perché emozioni? (altro…)

Mattia Donadoni

“Il giardino di mia madre”

La presentazione de”Il giardino di mia madre” vista martedì in classe non costituisce solamente una serie di fotografie, ma racchiude in sé un significato ben più profondo, non solo per chi l’ha realizzata,  bensì anche per chi ha potuto assistervi. (altro…)

Gianluca Giugnetti

“Il giardino di mia madre”

“Il giardino di mia madre” è una mostra fotografica, redatta da Claudio Sottocornola, professore di storia e filosofia al Liceo Mascheroni, nella quale attraverso varie sezioni vuole ricordare l’amore che la madre aveva nel prendersi cura di queste piante nel suo piccolo giardino e, in seguito, mostrarci luoghi in tempi e situazioni diverse che hanno un significato affettivo per l’autore. (altro…)

Guido Cavatorta

“Il giardino di mia madre”

Nella serie di foto mostrate nel video, grazie anche all’ottimo sottofondo sonoro, ho potuto percepire la tristezza e il senso di mancanza per la recente perdita della madre da parte del professore, soprattutto in alcune immagini del giardino, ma anche la gioia  espressa da alcune foto giovanili, dalla sezione “back to the 70’s in the U.S.A.”. (altro…)

Anna Maggio

“Il giardino di mia madre”

La raccolta di foto mostrataci in classe rappresenta l’omaggio di un figlio alla madre venuta a mancare di recente.
Lo slide-show raffigurante oltre duecento foto che sfilano in lenta dissolvenza, con una melodia al pianoforte come sottofondo musicale, riesce a creare un’atmosfera quasi magica. (altro…)

Andrea Manni

“Il giardino di mia madre”

Ho trovato la presentazione del percorso fotografico ” Il giardino di mia madre”  molto interessante, soprattutto per i valori che vuole trasmettere: il ricordo, la bellezza dei luoghi, l’affetto delle persone più care che continua nel tempo, anche dopo una triste perdita. (altro…)

Valentina Marazzi

“Il giardino di mia madre”

L’autore, attraverso una serie di fotografie, spiega quanto l’importanza dell’ambiente familiare, anche quando ci si trova lontano da casa, sia importante; questo riecheggia sempre in noi poiché è qualcosa che ci appartiene sin dalla nascita e genera in noi la fiducia, il senso di responsabilità che ci aiuta a crescere. (altro…)

Matteo Marchesi

“Il giardino di mia madre”

Lo slide-show che ci è stato presentato mi è piaciuto perché, anche se la maggior parte delle immagini non sono particolarmente rare, e anzi si possono rintracciare nella vita quotidiana di ognuno, cristallizzate in una  fotografia danno sensazioni nuove e permettono di cogliere particolari che, vedendole tutti i giorni, non noteresti mai. (altro…)

Silvia Rapizza

“Il giardino di mia madre”

Il progetto esposto in classe mi è piaciuto soprattutto per la sua particolarità: le immagini, sebbene semplici e al primo sguardo banali, erano belle e piacevoli. Dal mio punto di vista ciò che si vuole comunicare attraverso queste immagini è riassumibile in due parole: natura e memoria. (altro…)

Sara Rovaris

“Il giardino di mia madre”

Nel dvd “Il giardino di mia madre e altri luoghi” sono contenute foto di luoghi diversi e anche lontani tra loro. Si parte con il giardino, un luogo molto curato e intimo, piccolo e aggredito dall’asfalto della strada che lo circonda; sembra estate e gli alberi sono fioriti; i fiori colorati e molto belli. (altro…)

Christian Trubia

“Il giardino di mia madre”

“Il giardino di mia madre” è un’opera scritta da un figlio per ricordare e mantenere in qualche modo in vita sua madre, scomparsa nel 2003.
L’ autore decide di ricordarla attraverso i gesti, gli atti della madre nel corso della vita, come ad esempio coltivare un piccolo angolo di giardino. (altro…)

Stefano Vago

“Il giardino di mia madre”

Il giardino di mia madre è una raccolta di immagini divise in diverse categorie (il giardino, back to 70s, le foto su una colonia abbandonata…). A queste immagini è affiancata una melodia molto dolce, che trasmette pace e serenità e che personalmente mi è sembrata essere “Santa Lucia” modificata nei tempi e nelle pause. (altro…)

Vitali Greta

“Il giardino di mia madre”

Il video è stato molto interessante. La musica con il cinguettio degli uccellini trasmetteva serenità. Le foto che raffiguravano momenti di quotidianità erano molto toccanti; e l’idea di mettere a fuoco il soggetto al centro e sfuocare i lati o lo sfondo faceva risaltare la bellezza della natura. (altro…)

Sanremo e dintorni: Sottocornola risponde su Festival ieri e oggi, “Working Class”, PFM, cibo e canzonette…


www.ecodibergamo.it
www.turismodelgusto.com
www.dasapere.it
www.dasapere.it
www.lisolachenoncera.it
www.magmazone.it
www.bergamo.info

“Il giardino di mia madre” a Brescia

Giovedì 3 gennaio a Brescia, presso la Sala SS. Filippo e Giacomo (Via delle Battaglie, 61), su organizzazione di Alessia Biasolo e Renato Hagman, verrà inaugurata, alle ore 17.30, la mostra fotografica Il giardino di mia madre. Fotografie di Claudio Sottocornola.
Continua a leggere–>

Working Class! Ora
in Box con 5 DVD
a tiratura limitata!!!

Sabato 22 dicembre presso il Liceo scientifico “L. Mascheroni” di Bergamo,  a chiusura di un laboratorio didattico che ha coinvolto gli studenti della scuola in sinergia con la Terza Università di Bergamo, Claudio Sottocornola presenterà il cofanetto “Working Class”, con una sintesi in 5 DVD delle sue lezioni-concerto sul territorio dal 2004 al 2012, in cui egli utilizza la canzone pop, rock e d’autore come strumento di ricostruzione della storia sociale e del costume del Secondo Novecento. L’esperienza, che lega territorio, Rete e multimedialità, è quindi ora disponibile anche nel prezioso cofanetto a tiratura limitata, che propone i 5 percorsi base delle lezioni-concerto di Sottocornola: “Teen-agers di ieri e di oggi”, “Decenni”, “Anni ‘60”, “Cantautori”, “Immagine della donna e canzone”. L’occasione della presentazione agli studenti, viene arricchita anche dalla pubblicazione sul sito dell’autore www.claudiosottocornola-claude.com delle relazioni critiche degli alunni di alcune classi quarte e quinte del Liceo Mascheroni che hanno partecipato al laboratorio didattico di “Working Class” fra il 2011 e il 2012, sia nella veste di recensori, giornalisti, e storici attenti al rapporto fra musica, società e costume, sia come performer nel corso delle lezioni-concerto tenute presso l’auditorium della Provincia di Bergamo, e per questo verranno premiati  con  alcune produzioni multimediali del filosofo del pop.

info@cld-claudeproductions.com

Claudio Sottocornola in 5 DVD

Il fortunato progetto web del filosofo del pop diventa un box set: il meglio delle lezioni-concerto dedicate alla musica e al costume italiano. Un documento esclusivo, girato in presa diretta con il contributo del pubblico, con il lavoro ermeneutico del docente lombardo. Presentazione il 22 dicembre a Bergamo (continua…)

    

Teen-agers di ieri e di oggi

Decenni

Anni ’60        

Cantautori

Immagine della donna e canzone

Working Class – Stampa

Una breve rassegna, “the best” di quanto è stato scritto dai giornali sulle lezioni-concerto di “Working Class”…
Continua a leggere –>

Working Class – Web

Pochi link utili per comprendere meglio lo “spirito” di “Working Class”: gli altri cercateli voi navigando…
(altro…)

Working Class – Testi critici

Qualche riflessione più approfondita?

- Claudio Sottocornola, Non voglio essere un poeta… ciò che voglio fare è ballare (Prince, D.M.S.R.)
- Donato Zoppo, Claudio Sottocornola Claude: ‘orco’ e ‘sciamano’ in viaggio tra musica, storia e costume
- Michele Fumagallo, Scuola di note
- Claudio Sottocornola, La lunga estate degli anni ’60
- Antonio Falcone, Working Class, scorre in musica il nostro continuo divenire
- Alessia Biasolo, L’immagine della donna nella canzone

Working Class – Students’ papers

Alcuni studenti del Liceo scientifico “L. Mascheroni” di Bergamo hanno seguito le lezioni-concerto di “Working Class” via web o sul territorio, e si sono improvvisati critici e giornalisti, esprimendo attraverso articolate relazioni le loro impressioni e, soprattutto, quanto hanno appreso dall’esperienza in rapporto alla Storia della musica, ma anche della società e del costume italiani del Secondo Novecento. Ve le proponiamo con l’impaginazione grafica scelta dai giovani autori che – occorre sottolinearlo – sono studenti di 17-18 anni e, nati perciò a metà degli anni ’90, si sono accostati spesso per la prima volta ad interpreti ed autori della canzone italiana, di cui talvolta avevano solo sentito parlare. Le loro relazioni sono perciò un documento eccezionale per comprendere gli esiti, per qualcuno, di questo primo approccio, ed apprezzare la varietà delle prospettive da cui guardano alla canzone e i diversificati interessi che esprimono, mentre accolgono la proposta di lezioni-concerto del loro docente-interprete.
Continua a leggere –>

Non voglio essere un poeta… ciò che voglio fare è ballare.
Prince, D.M.S.R.

Ho sempre avvertito il fascino dell’essenzialità. E nella musica, da adolescente, questo ha voluto dire l’occhio di bue sulla piccolissima Edith Piaf e la sua teatrale, ingenua e mirabile gestualità, o la magnetica presenza scenica di Charles Aznavour, ma anche il carisma della Pavone anni ’70 nel suo repertorio internazionale, accovacciata sugli assi di un palcoscenico e illuminata da un riflettore che ne ingigantiva l’ombra… Sì, ho sempre diffidato di meccanismi hollywoodiani, effetti speciali e abiti di scena. Tutto ciò che è grezzo e in divenire, che reca in sé l’impronta di una qualche sublime imperfezione, mi ha sempre inquietato e attratto più di qualsiasi patinata bellezza, di qualsiasi stupefacente cliché. Forse per questo non vado d’accordo col pubblico di tendenza, con i mediocri puristi che si affidano agli standard, con quelli che cercano complicità e facili seduzioni…Evviva la sgradevolezza, il rudimento e il kitsch, al limite il mostruoso se ci riscatta da una concezione piatta ed edulcorata della natura e dello spirito, versione per eterni minorenni della vita…E moralisticamente ancor più ho diffidato: diffidato di costose macchine per fare spettacolo, siano esse cinema, musica o televisione, dove il valore dipende solo dal denaro investito, e poco è comunque tanto, troppo, assolutamente inaccettabilmente troppo, e comunque troppo poco per coprire il niente che sta sotto, dietro e davanti. Ma che pure consacra gli artefici del nulla alla fama, alla consacrazione, alla gloria…

Fortuna vuole che, pur essendo sempre stato affascinato dall’invenzione e dal sogno, e avendo incominciato a lavorarci ancora adolescente, la decisione di farne comunicazione sia maturata molto tardi, in età più che adulta, e quindi ormai al riparo da banali escamotage e avvilenti compromessi con l’idea; sì, davvero sono restato libero dalle convenienze del successo o della popolarità, per natura alieno e inetto rispetto a quelle dell’economia, e quindi nell’insieme libero e marginale, forse anche creativo… Vivere ha significato lavorare, e nel mondo di oggi se si hanno certi interessi si lavora come docenti nella scuola che ci ritroviamo: fra le altre cose la Filosofia, che è la mia disciplina, mi ha insegnato a non smettere mai di indagare perché “Una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta” (Platone, Apologia di Socrate) ed ho imparato che non è sufficiente “cambiare idea” per crescere, ma è molto più importante “cambiare metodo”. Così, in tempi diversi, ho imparato a usare la parola nella poesia come strumento privilegiato di indagine (quelli eran giorni…), ma anche la meditazione spirituale e l’immagine, la riflessione filosofica e, finalmente, la musica (il primo amore non si scorda mai…), con lezioni multimediali, studi in sala di registrazione e lezioni-concerto dal vivo.

Mi sono chiesto se ci fosse giustapposizione o sintesi fra questi interessi, ed ho concluso che in nessuno posso prescindere dal mio essere “filosofo”, perché tutto mi appare un mezzo per esprimere la mia “visione” del mondo, un’occasione per interpretare la realtà, ed ogni atto creativo che riesco a materializzare in una qualche opera mi appare una scintilla dell’energia universale, che chiede la mia parte, il mio contributo. E spero che un giorno sarò grato del lavoro svolto.

Non sono Narciso, ma queste motivazioni, individuali e personali, potrebbero apparire sfocate rispetto al progetto che vado a presentare. Vi spiego perché non è così o, anche, perché è bene che sia così. “Gli insegnanti dovrebbero agire soprattutto attraverso ciò che sono, chi e che cosa sono, e non attraverso ciò ‘su cui parlano’”, scrive Rudiger Safranski nella sua celebre biografia di Heidegger, e non ha torto se pensiamo ai grandi maestri antichi, da Pitagora a Socrate, da Platone ad Aristotele, che condividevano la vita con i loro allievi, o alla dimensione collettivistica e corale dell’insegnamento nelle grandi Università o Abbazie medievali. Oggi questo si è perso, ma non nascondiamoci dietro a un dito: ognuno dà quello che ha…

E allora ecco che la musica per me è stata la cartina di tornasole di questo assunto. Intanto, se non avessi fatto musica, oggi non penserei come penso, avrei un’altra etica, un’altra struttura mentale, un’altra sensibilità, perché la “verità” che andiamo scoprendo dipende anche dai mezzi che usiamo per indagarla. E la musica mi ha dato duttilità, capacità di mediare sfumature contrastanti e sentimenti anche contraddittori entro la medesima nota, e quindi capacità di pensare in modo aperto e non dicotomico, dialettico e non contrappositivo, post-ideologico e non dogmatico. Ma la musica è stata anche la metafora del mio modo di intendere l’educazione, la cultura, la comunicazione e più in generale la vita… Mi confidava pubblicamente una collega di Filosofia disoccupata che lei, sì, in età giovanile aveva inseguito sogni e motivazioni, ma ora si ritrovava laureata in una disciplina che non poteva praticare e, per giunta, troppo matura per intraprendere una’altra occupazione, ed io le rispondevo (perché ero il conferenziere e lei si aspettava una mia risposta…) che insegnare filosofia non vuol dire fare filosofia, che le occasioni per “essere filosofi” possono essere innumerevoli, dobbiamo solo inventarle, come fecero Galilei, Shakespeare, Wittgenstein e Sartre… E ancor più spontaneamente mi è sembrato appropriato proporle la mia esperienza musicale: anche se da sempre ho amato la musica, e soprattutto la sua dimensione scenica e teatrale, interpretativa e vocale, la professione di docente di Filosofia, e poi di scrittore e giornalista, sembrava allontanarmi istituzionalmente e irrimediabilmente da una sua pratica pubblica e ufficiale, e invece il mio “colpo d’ala”, se permettete, è stato di trasformarla in una diversa modalità comunicativa, traghettandola dalla dimensione dell’intrattenimento e dell’evasione a quella della comunicazione di saperi, di esperienza formativa, o semplicemente di performance live con tutti i link estetici, esistenziali e sapienziali che ciò può eventualmente comportare.

Prima sono nate le lezioni multimediali sulla Storia della canzone italiana, con apporto di immagini storiche di repertorio, interviste e analisi di testi (dal 1992); poi sono andato per qualche anno in sala di registrazione per studiare i brani storici della canzone, rileggerli alla luce della contemporaneità e mixarli, e ne ho tratto un concerto virtuale (i tre CD e il DVD video della serie “L’appuntamento”, 1994-2001); infine ho deciso per pubbliche lezioni-concerto con il pubblico più vario e vero: quello di Terza Università, gli studenti dei licei e i giovani, il pubblico adulto degli Auditorium e del Centri Culturali. Ho alternato reading delle mie poesie alla interpretazioni di brani simbolo, affrontando temi come “i teen-agers di ieri e di oggi”, “i cantautori”, “l’immagine della donna nella canzone italiana”, “gli anni ‘60”, “i decenni della nostra Storia”… Ho sempre utilizzato una tecnologia essenziale, che ritengo pasolinianamente più autentica e popolare di sofisticati divertissement da conventicole di iniziati: del resto l’unico modo per affrontare un repertorio totale, assolutamente vario e divergente, per me insegnante non potevano che essere basi standard, e per ragioni contingenti il formato midi era il più comodo e accessibile. La base doveva per forza essere, date le circostanze, come un foglio di carta bianco su cui scrivere, e se alcuni penseranno che questo diminuisca il valore dell’esperienza, altri capiranno che la rende invece più difficile e preziosa, intanto perché interpretare su di una base standard esige maggior inventiva che non su di un arrangiamento pensato per la nostra voce, le nostre doti e i nostri sentimenti, poi perché una tecnologia più essenziale dovrebbe stimolare ad andare dritti al centro della cosa, che è l’interpretazione. Non si creda che, considerato il circuito alternativo a quello di mercato e consumo in cui si muove il mio “fare musica” – del resto correlato al mio “fare filosofia” e “didattica” – voglia chiudersi nella dimensione storico-esplicativa… no! Io vorrei che i miei studenti, il mio pubblico, gli utenti delle mie lezioni-concerto, imparassero anche dalle mie dissonanze, dall’uso a volte antinaturalistico o distorto della voce e della gestualità, una voce e una gestualità che vogliono esprimere le ambiguità e le asperità del presente (senza cadere nel manierismo degli interpreti decostruttivi), o anche imparassero dalla semplice dimensione atipica della proposta, che vuol essere lezione e, insieme, espressione, manifestazione, “visione” appunto, sulla linea di quello spectaculum che Hans Urs von Balthasar, grande teologo della bellezza, individua come più specifica modalità di manifestazione di quanto in genere poniamo sotto la categoria del divino

E non si creda alla diffusa e facile identitificazione fra quel divino e i divi che lo spettacolo del mercato tende a proporci, anzi a venderci come univocamente idonei a rivelarlo: artisti di strada, pianobaristi e zingari, pastori sardi o vecchie star al tramonto, come cantautori incompresi e interpreti dall’immagine improbabile talvolta sono veri ologrammi dell’Assoluto nascosti dentro il buio di un locale, il grigio di una periferia, o il solco di un vinile che nessuno ascolta più… A tutti costoro dunque desidero mescolarmi nel condurre la mia vita di lavoro, fra musica, scrittura, insegnamento e visioni, a tutti costoro dedico il titolo di questo “work in progress”, che è l’archivio in costruzione delle lezioni concerto tenute sul territorio dal 2004 al 2012: “Working class” dunque, perché è questo il nostro marchio di nobiltà, il nostro blasone,  il nostro portare il peso del quotidiano sul territorio, nelle scuole e nei luoghi dell’impegno, mentre la Storia continua a generare se stessa…. Dedico altresì “Working class” al grande amico Eric Chiang, che mi inoltrò ai segreti del Greenwich Village negli anni ’70, e che ho perso di vista…

Bergamo, 18 marzo 2012

Claudio Sottocornola, “Working Class” – Presentazione, 2012

Claudio Sottocornola Claude: ‘orco’ e ‘sciamano’ in viaggio tra musica, storia e costume

“Il buon storico somiglia all’orco della fiaba: egli sa che là dove fiuta carne umana, là è la sua preda”. La celebre frase dello storico francese Marc Bloch è una perfetta chiave d’accesso per comprendere l’opera di approfondimento e divulgazione che Claudio Sottocornola Claude svolge sulla canzone italiana. Un’opera che viaggia tra discipline culturali e mezzi espressivi diversi, che affronta differenti modalità divulgative, che è sorretta da un approccio serio e responsabile. Un’opera dalla quale emergono soprattutto una notevole professionalità, un’irrefrenabile curiosità e una grande passione. Chi è Claudio Sottocornola? E soprattutto, cosa cerca nella canzone? Docente di Filosofia e Storia al Liceo Mascheroni di Bergamo e di Storia della Canzone e dello Spettacolo alla Terza Università di Bergamo, Sottocornola è anche un giornalista molto attento al rapporto tra canzone, storia e costume. Per numerose testate, per la radio e la tv, ha cominciato a svolgere delle “inchieste” sulla storia della canzone italiana, intervistando artisti del calibro di Paolo Conte, Pierangelo Bertoli, Enrico Ruggeri, Milva, Ivano Fossati, Angelo Branduardi e molti altri. Artefice di una visione unitaria del mondo e dell’arte, Claudio ha sentito l’esigenza di superare – rectius: perfezionare – la sua ricerca scientifica e giornalistica, affrontando un nuovo percorso creativo in studio di registrazione: dallo studio alla “manipolazione” della canzone, con la rielaborazione di classici della musica leggera italiana, rivisitati con idee e modalità interpretative nuove. Il progetto ha visto la luce con il ciclo musicale L’Appuntamento (tre cd pubblicati tra 2004 e 2006) e il DVD L’Appuntamento – The Video, che sintetizza il meglio dell’esperienza in studio. L’appuntamento/collection ( 2008) costituisce poi un’ulteriore selezione dalla trilogia. L’oggetto dell’analisi di Claudio è la canzone popolare contemporanea: egli non indaga nei lieder e nelle romanze, né nella composizione colta, ma ha scelto il mondo della popular music, della musica di consumo. In particolare, la canzone italiana nella sua forma più tradizionale, ovvero di composizione breve con lo schema canonico “introduzione-strofa-ritornello-strofa-ritornello-assolo-ritornello”. Una scelta naturale per un uomo del 1959, cresciuto nel post-‘68 con l’amore per i grandi interpreti degli anni ’60 ma anche per il miglior rock, la black music, i cantautori affermatisi negli anni ‘70. Il suo non è un tentativo di “sdoganare” la musica leggera e di intrattenimento: attraverso l’interpretazione, egli intende fare da tramite tra autore e pubblico allo scopo di svelare meccanismi, tensioni, genesi e retroterra della canzone, per valorizzarne il ruolo di fonte storica ma anche di “agente” all’interno dei processi culturali e sociali. Claudio compie un passaggio per certi versi traumatico: dall’illustrazione “scientifica” alla penetrazione completa nella dimensione musicale, egli decide di “mettere le mani nel motore” e interpreta la composizione alla luce della propria personalità, svuotandosi per diventare “canale” e trasmettere un mondo compositivo, sonoro e storico. Dunque nel progetto di Sottocornola il pop non viene liquidato come “genere musicale” ma è studiato come vero e proprio “orizzonte culturale” della contemporaneità. Nella sua opera c’è altro: la centralità dell’interpretazione, che spesso è eccessiva, trasgressiva, ma che ha lo scopo di “neutralizzare” la composizione per consegnare allo spettatore un senso reso attuale, vibrante. Un rapporto osmotico lega la canzone originaria a quella che Claudio restituisce a chi lo ascolta: egli si fa tramite, è il collegamento “umano” tra passato e presente, rende vivo un tassello di storia. La sua è una relazione intima e profonda con il testo, che viene interpretato in modo tale da conferire novità e senso compiuto alla canzone, magari già ascoltata migliaia di volte ma superficialmente, in auto, al computer, dal parrucchiere o svolgendo le faccende domestiche. Dall’ascolto dei cd e dalla visione del DVD, si percepisce con chiarezza la centralità della voce, che spesso e volentieri sacrifica le esigenze del “bel canto” per incontrare tendenze più ricercate e audaci: “Questa mia voglia di sperimentazione è nata soprattutto dopo aver frequentato dei corsi di dizione, recitazione, canto. Ho appreso a modificare la mia voce conferendole una varietà di soluzioni timbriche, rendendola talvolta grezza, talvolta vellutata”. A questo tratto vocale trasgressivo e dissonante, egli aggiunge modalità espressive incisive e una gestualità scenica sottile, ambigua, influenzato dalle interpreti degli anni ’60 (Mina, Patty Pravo, Rita Pavone) ma anche dai primi cantautori, per i quali l’intonazione veniva spesso e volentieri sacrificata in nome dell’espressività (Gino Paoli ad esempio). Claudio sa bene che nell’area pop anche il “gesto” ha un valore rivoluzionario (da Modugno che si sbraccia mentre canta Nel blu dipinto di blu a Jimi Hendrix che brucia la chitarra a Monterey…) e usa il linguaggio corporeo per accentuare la parola, dandole una dimensione quasi teatrale. Nelle sue lezioni-concerto, Claudio rende comprensibile lo “iato” esistente tra le canzone degli anni ’40/’50 e quelle degli ultimi tempi grazie ad un apparato di spiegazioni ed esempi, correlati anche dai ricordi di interviste realizzate con grandi nomi della canzone. Qui viene fuori la sua attività di giornalista e docente: la capacità “maieutica” di tirar fuori dall’intervistato il significato autentico della sua opera (egli ricorda con particolare affetto gli incontri con Paolo Conte e Mia Martini), l’inclinazione divulgativa che lo rende un narratore appassionato, più che uno storico che impartisce lezioni ex cathedra. Numerosi temi si affacciano nel suo racconto: l’amore, il sesso e la diversa immagine della donna; l’influenza americana che ha rinnovato la composizione e l’immagine pubblica dell’artista; lo svecchiamento e la “sprovincializzazione” della canzone italiana, il plurilinguismo; il cambiamento della musica come arte, divenuta merce di consumo mortificata e involgarita dalla tv; l’avvento della tecnologia e i mutamenti nella produzione e nella fruizione, che condannano la musica ad un’arte “di sottofondo”. Grazie a questa operazione possiamo comprendere il ritmo convulso della contemporaneità, grazie al quale il canzoniere di Battisti e De Andrè è già diventato classico, perfetta sintesi di un’epoca, di tensioni culturali e sociali, di esigenze individuali e collettive di rinnovamento. È qui che si trova il senso più profondo del concetto di “interpretazione”, del “farsi tramite”, medium, tra diverse dimensioni. Non è un caso che a proposito delle lezioni-concerto, Agostino Bacchi abbia scritto: “I suoi recitals mi danno l’impressione del canto e del gesto misterico e mistico dello sciamano guaritore. Musica, canto, gesto, forma, colore per comunicare stati d’animo, cultura”. È così che l’opera di Claudio diventa un potente ausilio “audio-visivo” che completa e arricchisce le trattazioni sulla canzone italiana di autori come Gianni Borgna, Enrico Deregibus, Mauro Ronconi, Mario Bonanno, Ernesto Capasso e Paolo Talanca. Claudio non è un artista improvvisato o sprovveduto, egli esprime un mondo interiore legato al sapere e alla speculazione filosofica, ma come uomo del suo tempo affronta con naturalezza il discorso sulla contemporaneità e divulgativo… Claudio Sottocornola è un “orco” di blochiana memoria: il corpo della canzone è per lui preda succulenta, e con la stessa voracità di sapere e conoscenza con cui lo azzanna e lo gusta, così egli riconsegna al pubblico la sua e la nostra Storia.

Donato Zoppo, “Nota critica a L’appuntamento/collection”, 2008

Scuola di note

L’artista bergamasco ha pubblicato il libro e cd «Giovinezza… Addio – Diario di fine ’900 in versi». All’interno una ricerca su venti canzoni italiane, dalla Caselli a Venditti

«La musica è inspiegabile. In ultima analisi, incomprensibile. Ma è possibile insegnare come aprire le porte al rapimento. Si può e si deve. Insegnare la musica ai giovani è un dovere etico». Sono parole di Riccardo Muti in occasione delle sue recenti polemiche sullo stato dell’educazione musicale in Italia. Il musicista poi prosegue: «Credo che la didattica di base della musica, negli ultimi decenni, sia stata volenterosa ma fondamentalmente sbagliata. Diciamo la verità: certi infami pifferi messi a forza tra i denti degli scolari, con quegli strazianti miagolii che si sentono a volte uscire dalle finestre delle scuole, finiscono per farla odiare, la musica, a un ragazzino. Non credo neppure che sia necessario insegnare a leggere lo spartito, un esercizio tecnico dispendioso e inutile per chi poi non farà il musicista di professione». Citiamo queste parole di Muti non tanto per mettere in evidenza lo stato disastroso dell’educazione musicale in Italia, ma per andare a vedere chi, nel frattempo, si dà da fare. E sono in tanti, naturalmente in gran parte al di fuori dell’ambito scolastico.

C’è, dentro la provincia italiana, se solo si avesse la voglia di andare a scavare, una tale ricchezza di talenti che la storia delle arti (della musica in questo caso, ma vale per tutte le espressioni artistiche) prenderebbe un’altra direzione. E non solo: lo stesso rapporto pedagogico (brutta parola) tra talenti in espansione e quelli in erba aprirebbe porte del tutto inesplorate allo sviluppo dell’educazione musicale nel nostro paese. Se solo, appunto, uno volesse andare a vedere e a scavare. Ci sono talenti di tutte le tendenze e di tutti i tipi, alcuni legati all’impegno (o cosiddetto impegno), altri legati al disimpegno (o cosiddetto disimpegno). Chi interpreta canzoni altrui e ne compone di proprie. Chi canta e suona per animare le feste di piazza nei paesi o nei quartieri delle città. Chi provoca gli amici con la sua esibizione nei circoli e centri sociali. Chi ha passione musicale da vendere con i piccolissimi e piccoli delle scuole elementari con cui mette in atto sperimentazioni a volte geniali. Chi usa i piano bar e i locali non come passatempo o soltanto per racimolare qualche euro, ma come vere scuole di sperimentazione di musica e canzoni (spesso nuove tendenze del teatro-canzone). E ci sarebbe, poi, da mettere le mani nei vari scritti di questi talenti: a volte vere e proprie scomposizioni e rifondazioni della critica musicale.

C’è, infine, la ragnatela di artisti totali che operano mischiando non solo i generi musicali, con sperimentazioni di vocalità a volte davvero grandi, ma intrecciando le varie espressioni artistiche (musica, arte, poesia) con un uso davvero interessante delle note musicali. Il caso di Claudio Sottocornola, bergamasco, è uno di questi. L’incontro soprattutto con gli studenti (essere insegnante evidentemente resta una missione per alcune persone) che Sottocornola tiene da molto tempo, non è solo la continuazione di un tour fatto per lo più di lezioni spettacolo in concomitanza con l’uscita del suo libro musical-letterario Giovinezza… Addio – Diario di fine ’900 in versi (libro più cd con interpretazioni di 20 canzoni), ma di un lavoro particolare che questo cantante-poeta-filosofo-appassionato di teologia porta avanti da molto tempo. Precisamente dalla seconda metà degli anni Settanta con la ricerca poetica, e poi con l’incursione e il lavoro certosino di indagine in ambito musicale sull’interpretazione soprattutto della canzone italiana (ma non solo) pop, rock e d’autore. E il rapporto scuola-musica può non solo arricchirsi, se personaggi e cantanti (e insegnanti) come Sottocornola continuano la loro missione artistica, ma fare da battistrada affinché la scuola diventi finalmente in Italia una cosa matura e ricca nel rapporto fondamentale con la musica, così come del resto vanno predicando da tempo fior di musicisti come il già citato Riccardo Muti, Uto Ughi, e tanti altri. Ma cosa ne pensano gli studenti delle sue performance, ovvero delle sue «lezioni di canzoni»? «All’inizio gli studenti restano un po’ sorpresi – racconta l’artista-insegnante –, sono più abituati ad analizzare L’infinito di Giacomo Leopardi che una canzone di Ligabue. Restano come disarmati, anche se io cerco di far comprendere che non esiste una cultura alta e una bassa. Che mentre oggi ricordiamo l’Ottocento per il Romanticismo, ricorderemo una parte del Novecento per il cinema, gli spot pubblicitari e la canzone. Nella seconda metà del Novecento, del resto, l’arte non ha più un committente, ma nasce dall’incontro con le masse».

L’interdisciplinarità di Claudio Sottocornola, un mix di filosofia, poesia, teologia, musica e immagini, porta questo autore cinquantenne a rifiutare il marasma e la superficialità odierna, e a inoltrarsi nei sentieri di una personale controcultura. Claudio Sottocornola, che prende anche il nome di Claude negli incontri-recital-concerti, ha al suo attivo tre studi che sono diventati anche 3 cd: L’appuntamento (2004), L’appuntamento 2 (i classici) (2005), L’appuntamento 3 (Ma l’amore no: quaderno delle origini) (2005). Tre cd, ma meglio sarebbe chiamarli tre studi sulla voce che, realizzati in un arco di tempo che va dal 1994 al 2001, rappresentano una riflessione e una interpretazione avvincente della canzone pop e d’autore italiana. «Spero di aver acquisito la grande lezione della canzone moderna (vedi Battisti) – racconta l’autore –. Sembra banale dire che ciascuno deve cantare con la propria voce, ma non lo è. Perché la sfida vera del canto non è il ‘bel canto’, ma il precario equilibrio che si realizza dal punto di vista espressivo nella persona quando canta e che si avverte nella voce o nella gestualità scenica. La voce come rivelazione, insomma, come cassa di risonanza dell’essere».

Ma l’artista non si ferma a contaminazioni che non sarebbero complete se non abbracciassero il figurativo e l’arte pop in molte varianti, ed ecco che la mostra e il dvd 80’s/Eighties esprime in 40 collage giovanili d’autore il suo pensiero sugli anni Ottanta del secolo scorso in un percorso tra Ornella Muti e Bruce Springsteen, Sandra Milo e il digestivo Antonetto, i divani Chateau d’Ax e Brooke Shields, intrecciati con pensieri e divagazioni di Picasso e Gauguin, Piero della Francesca e Botticelli. Senza dimenticare L’appuntamento/The Video e il libriccino pubblicato nella collana Lavoro-dopo della Camera del Lavoro di Bergamo, l’intreccio musical letterario dell’odierno Giovinezza… Addio – Diario di fine ’900 in versi conclude una fase. Raccoglie il corpus poetico di vent’anni di poesie e lo studio-interpretazione su venti canzoni italiane che vanno dalla Nannini di Meravigliosa creatura al Modugno di Meraviglioso, dalla Pravo di Se perdo te al Ruggeri di Portiere di notte, dal Dalla di Caruso alla Caselli di Insieme a te, dal Martino di Estate al Venditti di Ogni volta. Dice l’autore a proposito di quest’ultima fatica: «Ho voluto proporre una specie di romanzo di formazione, un viaggio verso la maturità, sullo scenario di una fine di secolo e di millennio. In fondo i collage di 80’s/Eighties e le mie poesie presentano un’ispirazione analoga. Rifiuto qualsiasi distinzione tra cultura alta e bassa, hanno entrambe un valore e hanno entrambe qualcosa da insegnarci; diciamo che mi piace inoltrarmi con una full immersion nel quotidiano e nel metropolitano». «La mia ricerca – continua l’autore – è una fusione di cultura pop ed ermeneutica, la filosofia basata sull’interpretazione dei fatti, non sull’oggettività scientifica. Ripercorrendo in versi poetici quelli che sono stati i decenni finali del Novecento mi illudo di attraversare il Secolo Breve in forma non eroica, perché per me il Novecento non è stato un secolo di eroi e storia con la s maiuscola, ma un secolo di musica, letteratura, cinema, sottoculture, teologia, pubblicità e fenomeni di consumo di massa».

Claudio Sottocornola ha molte emozioni dentro di sé, che si nutrono del Michael Jackson del concerto di Milano e di personaggi virtuali entrati ormai da tempo nell’immaginario collettivo come Betty Boop o Jessica Rabbit. E l’autore non dimentica mai di essere un insegnante in un’epoca e una nazione che maltratta più che volentieri la musica in ambito scolastico. «Mi piace l’idea di far passare cinquant’anni di poesia e note davanti agli occhi dei ragazzi, fin dentro il cuore, all’insegna di un ‘fare memoria’ che approda al presente”.

Michele Fumagallo, Alias n.50, 19 dicembre 2009

La lunga estate degli anni ’60

Ci sono nella storia umana età che perdono il loro carattere contingente e determinato e si caricano dei significati del mito, col suo potere evocativo, catartico e aggregante. Tali sono, per esempio, l’età di Pericle in Grecia e il Rinascimento italiano.

Il ‘900, “secolo breve”, viene di solito identificato con la tragedia delle due guerre mondiali, con i totalitarismi, con i fenomeni di resistenza e liberazione connessi alla loro caduta. In questo senso “mito” diviene quanto a tali tragedie e tali totalitarismi si è opposto, all’insegna dell’arduo cammino verso libertà, democrazia, contemporaneità.

Solo da poco si è incominciato a storicizzare il secondo Novecento, quello che a lungo è stato passato prossimo, una dépendance dell’attualità, cui si negava l’onore della storia con la s maiuscola. Ora, quindi, Scopriamo che più generazioni hanno vissuto “l’altro Novecento”, quello che affonda le sue radici nel boom economico degli anni ’50 e, soprattutto, nella rivoluzione culturale degli anni ’60. Che indubbiamente vengono a costituire un’altra età dell’oro, che ha il suo baricentro fra New York e San Francisco, in quell’America ove si affacciavano alla ribalta, prima dell’attualità e poi del mito, personaggi come Bob Dylan e Allen Ginsberg, Andy Warhol e Lou Reed e dove cinema, letteratura, rock e arte varia si fondevano nell’elaborazione di un modello culturale che sarebbe diventato “planetario”.

L’Inghilterra contribuiva invece con la beatlesmania, le minigonne alla Mary Quaint e le prime modelle androgine alla Twiggy alla rivoluzione culturale che sarebbe dilagata in tutta Europa. Anche in quella Europa mediterranea, che forse era la più cauta ad adottare i nuovi stili di vita (la RAI rifiutò di riprendere i Beatles nella tournée italiana giudicandoli un fenomeno del tutto marginale…!) ma che ne sarebbe stata travolta.

E la lunga estate degli anni ’60 germinò i fenomeni più vari, dallo jé-jé al flower-power, dal beat al cinema d’autore italiano, nel cui ambito Michelangelo Antonioni esplorò il mondo della cultura pop, rock e studentesca, in capolavori come Blow-up, Zabriskie-Point, Professione Reporter.

Ho letto una lettera di una signora a un quotidiano che dichiarava: il mondo di oggi è orrendo, mi sono chiusa in casa con tante videocassette sul cinema, la musica e la televisione degli anni ’60 e ’70. Ecco un’altra età mitica, in cui ci si riposa, come su una spiaggia, delle fatiche e delle contraddizioni dell’oggi, ove tengono banco delitti del giorno, questioni di spread e le diverse forme del degrado politico, sociale, televisivo.

L’età degli anni ’60 poi non si era limitata a elaborare nuovi modelli culturali e artistici, ma aveva generato fenomeni sociali, come la protesta dei campus americani contro la guerra in Vietnam, le lotte per i diritti dei neri e le prime forme del femminismo. Tutto ciò si era riverberato nei movimenti degli studenti e nella contestazione che aveva coinvolto Parigi, Berlino, Milano, Roma…, con le sue aspirazioni marcusiane di “portare l’immaginazione al potere”.

Inutile dire che, in quanto tale, il mito trascende il dato. La siepe e il colle sul quale Leopardi scrisse “L’infinito” ci appare un dato “povero”, ma è la trasfigurazione che suscita tale dato a generare riposo e poesia.

Così, nessuno vuole interpretare univocamente un decennio come quello degli anni ’60, che pure ha conosciuto gli strascichi della “guerra fredda”, l’equilibrio del terrore, uno sviluppo economico dell’Occidente a partire da un rapporto certamente poco trasparente con il Sud del mondo, che ora presenta il suo conto. Eppure è innegabile che quel decennio – e lo dichiarano le continue rivisitazioni cinematografiche, televisive, letterarie, musicali… – in cui tanti giovani sono cresciuti senza guerre e con uno standard economico di sostanziale benessere, ispirati a ideali magari ingenui, ma autentici, di non-violenza e creatività, in cui, soprattutto, i rapporti umani erano ancora aperti e contrassegnati dalla fiducia, dal bisogno e dall’impegno… ci mancano, e da lì attingiamo non solo uno sguardo nostalgico, ma la speranza di un futuro possibile.

Claudio Sottocornola, Introduzione a “Working Class – Anni ’60″, 2012

Working Class, scorre in musica il nostro continuo divenire

Con l’appuntamento di sabato 30 giugno, Cantautori, Working Class, trasferimento dal territorio al web, delle lezioni concerto tenute da Claudio Sottocornola dagli anni’90 in poi, si appresta alla sua conclusione, il prossimo mese, con la puntata incentrata sulle interpreti femminili. E’quindi possibile ora tirare le somme e valutare concretamente l’estrema attualità del discorso storico- artistico -filosofico di Claude, l’alter ego, moderno cantastorie, del professore di Filosofia, nel voler fornire un’inedita visualizzazione del ‘900, sia nella sua portata tragicamente storica (le due guerre mondiali, i totalitarismi, la nascita della democrazia, le istanze giovanili, la crisi dei valori) che concretamente sociologica, foriera di cambiamenti per le generazioni che man mano si sono susseguite. La musica più che stile di vita diviene per Claude una nuova modalità d’ interpretare la vita, spinto com’è tanto dalla passione che dalla volontà di mettere in scena attraverso le canzoni gli anni della propria giovinezza, con le sensazioni e i ricordi visualizzati sul palco a farsi efficaci tavole viventi.

Il tutto nell’essenzialità scenica a lui cara, avvalorata da modalità di ripresa arricchite da un montaggio funzionalmente accurato nel collegare la scaletta alle diverse esibizioni, garantendo un’estrema scorrevolezza all’indagine metodologica che si palesa come un efficace punto d’incontro tra la Storia e la “sua” storia, con il proprio vissuto personale.

Claude diviene “cercatore”, attraverso la storia delle note, di quella verità insita nell’uomo e che si fa tutt’uno con esso: sfrutta capacità affabulatorie e abilità vocale nell’individuare le caratteristiche di ogni canzone, proposta e reinterpretata rispettandone l’ispirazione originaria, dando valenza al testo colto in ogni sua sfumatura quale pista ideale da cui far decollare i propri sentimenti, i propri ricordi, le più intime suggestioni.

Ecco l’Italia della Grande Guerra (Decenni), età storica individuata, da un punto di vista musicale, come periodo in cui le canzoni iniziano a costituire, in una certa qual misura, un repertorio musicale; la matrice folk, piuttosto forte, viene mitigata da quella operistica, più aulica e “alta” e tale miscellanea tra le due contrapposte realtà viene concretizzata dalla canzone napoletana, prima, e da quella romana poi, senza dimenticare le varie tradizioni regionali.

La diffusione della musica leggera è affidata ai locali quali il tabarin o la rivista, con un progressivo alleggerimento dell’impianto operistico, ma siamo ancora lontani dall’avere un linguaggio musicale effettivamente nazionale, essendo evidente il ricorso ad una certa classicità d’estrazione letteraria. Le cose non cambiano dopo il Ventennio fascista ed il Secondo Conflitto, intorno agli anni ’50; il nostro paese, pur avendo conosciuto, grazie all’intuizione di cantanti quali Natalino Otto, Alberto Rabagliati o il Trio Lescano, fenomeni come il jazz o lo swing, per quanto italianizzati, assiste ad una reazione conservatrice, una sorta di voglia di quiete domestica, ben simboleggiata dalle canzoni del Festival di Sanremo, melodiche, a mezza tinta, improntate ai buoni sentimenti, per quanto qua e là si potesse notare qualche atto di coraggio rappresentato da testi surreali (Papaveri e papere, I pompieri di Viggiù, La casetta in Canadà) o fortemente ironici, come Tu vuò fa’ l’americano di Renato Carosone.

Ma è anche il periodo della musica da night, con cantanti come Peppino di Capri e il suo connubio America- Napoli (Don’t Play That Song), Bruno Martino o Fred Buscaglione, il quale in particolare introduce toni fumettistici, aggressivi e moderni, anticonvenzionali anche nelle classiche canzoni d’amore, come fa notare Claude intonando Guarda che luna, per poi passare all’erotismo soffuso, denso di toni intimistici di Addormentarmi così di Teddy Reno. Il Nostro sottolinea poi, sulle note de La vie en rose (Edith Piaf), l’influenza della canzone francese, dal tono più amaro, dissacrante e caustico, con un modo di cantare e d’imporsi sulla scena, improntato ad una certa teatralità di stampo attoriale, interpretativo del testo, stile che da noi troverà tra i suoi maggiori esponenti Massimo Ranieri, sul finire degli anni ’60 (Rose rosse).

Occorrerà attendere la fine degli anni ’50, il 1958 per la precisione, perché l’ancora viva impostazione melodico-operistica venga drasticamente “sovvertita” e per di più all’interno del suo “tempio”, nello scenario del Festival di Sanremo, da Domenico Modugno, con Nel blu dipinto di blu, che recepisce, soprattutto nell’arrangiamento, la “lezione” dei moderni urlatori, mediandola con la classica impostazione melodica. Non a caso Claude ne sottolinea l’importanza eseguendo inoltre Meraviglioso e Resta cu’mme, evidenziandone la duttilità tra innovazione e tradizione esecutiva.

Sono i giovani i primi a percepire i mutamenti di costume (Teen Agers di ieri e di oggi) propri degli anni del Boom economico (Anni ’60), quando vi era la netta sensazione “che le cose andavano bene e sarebbero andate sempre meglio”.

Le nuove generazioni aprono la strada ai nuovi balli (molto bello il medley composto da Let’s Twist Again, La partita di pallone, Il ballo del mattone), intuiscono la nuova immagine femminile portata da Rita Pavone, così diversa dalla diva tradizionale, capace di esprimere efficacemente i primi tormenti amorosi giovanili (Cuore), efficace contraltare del candido Non ho l’età espresso da Gigliola Cinquetti qualche anno prima, apprezzano il ruspante proto-femminismo di Caterina Caselli (Insieme a te non ci sto più).

Intorno alla seconda metà degli anni ‘60, i ragazzi iniziano a vedere le loro insoddisfazioni verso un mondo che incomincia ad andar loro stretto, espresse nei testi dei Cantautori, come Fabrizio de Andrè, esponente della “scuola genovese”, con il suo ispirarsi ai cantautori francesi nell’amore manifestato verso il testo, spesso critico, pungente, e il suo farsi cantore degli emarginati, degli offesi dalla vita, di quanti sono vittime delle istituzioni, guardando al passato per metaforizzare il presente (Geordie).

D’altronde, sottolinea Claude, iniziano ad avvertirsi i tuoni lontani della contestazione giovanile (Pete Seeger, Where Have All The Flowers Gone?); è prossimo il Maggio francese, cantanti come Gianni Morandi iniziano ad essere visti come emblema del disimpegno e sono quasi costretti ad allontanarsi dalla loro leggerezza, spostandosi verso tematiche più impegnative ( C’era un ragazzo che come me). In Inghilterra sul finire degli anni ’60 prende vita il “rock progressivo”, che troverà consacrazione definitiva negli anni ’70, corrente il cui obiettivo è perseguire una finalità estetica, andando oltre il puro intrattenimento, con richiami alle sonorità proprie della musica classica e del jazz. Comunque, tra la sperimentazione propria di alcuni gruppi musicali, come La Premiata Forneria Marconi, Il Banco del Mutuo soccorso, Le Orme (Gioco di bimba) e le provocazioni miste ad un certo vittimismo generazionale (Ma che colpa abbiamo noi de I Rokes), mantengono sempre la loro valenza cantanti come Mina (Se telefonando, E se domani), forte di una notevole estensione vocale, della sua femminilità e di una certa studiata gestualità, che le consentono una carismatica caratterizzazione interpretativa del testo, o come Lucio Battisti, che insieme al paroliere Mogol conferisce un’ulteriore trasformazione alla musica italiana, delineando con una certa aggressività la problematicità e la conflittualità dei rapporti amorosi (Eppur mi son scordato di te).

Non si può dimenticare, sempre nell’ambito degli Anni ’60, l’aggressività scenica della “ragazza del Piper”, Patty Pravo, con la sua voce impalpabile, non propriamente intonata, ma così affascinante nelle sue modalità esecutive, provocatoriamente altera nei confronti del pubblico, anche nel cantare brani non proprio nelle sue corde per la loro “normalità”(Se perdo te), l’ America vista nell’ottica dei Presley nostrani, con Bobby Solo ( Se piangi, se ridi) e Little Tony (Quando vedrai la mia ragazza) o il romanticismo misto a malinconia, che sa guardare alla tradizione con occhi nuovi, del Gino Paoli di Sassi o di Sapore di sale, tra i primi esempi di brano estivo non certo disimpegnato, o, con ancora maggiore forza suggestiva, di Umberto Bindi (La musica è finita).

Si passa così attraverso gli anni ’70, soffermandosi su tappe significative quali il neoromanticismo di Riccardo Cocciante (Margherita) che innesta efficacemente su un tema melodico tradizionale, quelli un po’ cupi dell’ angoscia di un amore tormentato, sino al delirio, il gusto dei cantanti per la morale e il significato (Lucio Dalla, Il gigante e la bambina, testo di Ron), i ritornelli lunghi e ariosi di Claudio Baglioni (E tu) che si contrappongono al travestitismo esibito di Renato Zero (Mi vendo).

Negli edonistici anni ’80, il culto per l’immagine impone repentini cambiamenti nel look al servizio della dimensione scenica e della trasgressione, emergono quindi personaggi come Loredana Bertè, Rettore, e, soprattutto Anna Oxa, un po’ l’emblema di questo velocizzato cambio estetico, dal punk delle origini alla mise estremamente tradizionale, per quanto eccentricamente hollywoodiana (Quando nasce un amore). Si contrappongono a tutto ciò, come alternativa più autentica e sincera, le emozioni intense di un Vasco Rossi alla ricerca di un senso della vita, capace di visualizzare la necessità di un amore concretamente puro (Albachiara), i percorsi esistenziali di Claudio Baglioni (Strada facendo), la voglia di riscatto personale che si fa inno generazionale espressa da Eros Ramazzotti (Terra promessa).

Sfruttando la sua duttilità e la sua capacità di personalizzazione, Claude ci conduce agli anni ’90 e a quelli del “doppio zero”, ecco il tramonto degli ideali di un tempo, i giovani avvertono senso e fatica di un benessere imposto e generalizzato, l’amore, i sentimenti in genere, diventano forza e problematicità insieme (Ci vorrebbe il mare, Marco Masini), si ritrovano nuove motivazioni per fronteggiare la giungla urbana grazie anche a nuove modalità d’espressione musicale, quali un passaggio ritmato di voci gridate, il rap, che dai ghetti dei giovani di colore d’America arriva da noi (Bella, Jovanotti) o l’energia ed il vitalismo espressi dal rocker Ligabue, capace di riproporre (Certe notti) il tema del viaggio caro alla poetica dei Sixties.

Siamo ormai arrivati, spiega Claude, ad un mondo globalizzato, con la contaminazione di Africa, Oriente e della citata America, a far sì che l’inglese diventi lingua musicale internazionale. Ma globalizzazione non deve necessariamente far rima con omologazione: qui la figura del cantastorie e del filosofo diventano un tutt’uno, nella salvaguardia, pur in un gusto pop, delle nostre radici e della nostra identità, con la necessità, ben supportata dal progetto Working Class, di contestualizzare il nostro patrimonio musicale perché non vada perduto, recuperando il passato per meglio comprendere il nostro presente: Dimmi che non vuoi morire, brano scritto da Vasco Rossi e cantato da Patty Pravo sul palco di Sanremo, diviene allora un simbolico ed efficace trait d’union tra la trasgressione degli anni ’60 e la modernità del linguaggio musicale contemporaneo, un richiamo a ciò che siamo stati, ai nostri cambiamenti, al nostro continuo divenire.

Antonio Falcone, Introduzione a “Working Class – Cantautori”, 2012

L’immagine della donna nella canzone

Ripercorrere la storia della canzone italiana è interessante quanto ripercorrere la storia d’Italia attraverso la canzone. Un calembour che, in realtà, intreccia altre storie, quelle di ciascuno di noi o dei nostri genitori o dei nostri nonni, e quelle di immagini televisive che ci appaiono sbiadite e dai contorni strani, rivedendole oggi come se non fosse passato il tempo, o come se ne fosse trascorso molto di più del reale.
Pertanto scegliere alcune canzoni per cercarne il leit-motiv, ma anche per scrivere un diario che avevamo lasciato nel cassetto della memoria, come fa Claudio Sottocornola nelle sue lezioni-concerto, è senz’altro un’operazione intelligente per non perdere quel senso del vissuto e quel senso del tempo che oggi sempre di più scompare.
I motivi non è questa la sede per sondarli. Bisogna soltanto mettere a fuoco che abbiamo sempre più bisogno di memoria tridimensionale dei fatti accaduti, perché i testimoni degli ultimi due decenni pagano lo scotto di avere sempre più avuto a che fare con un monitor (televisivo o del computer) che non con i fatti veri. Anche nel mondo della canzone, o della canzonetta all’italiana come si diceva un tempo, i testimoni sono necessari per sottolineare fatti e personaggi, sentori e motivazioni che vanno ben al di là del mordi e fuggi commerciale al quale siamo abituati oggi.
E questo non vuole affatto essere un polpettone critico tipo post sermone della domenica.
È un dato di fatto. Senza paura di essere ipercritici, antimoderni, retrogradi. Affatto. Oggi abbiamo bisogno di testimoniare, alzare la voce, fare sentire il senso del fare che si sta sempre più perdendo dietro la velocità dei messaggi postati sul web, falsi slanci emotivi che spesso non hanno costrutto nel vissuto e nel sentire veri. Pertanto si valutano le canzoni contemporanee, alcune molto belle, in base ai dati di vendita, ma anche per la quantità di brani scaricati dal web, in tempi così rapidi, con le cuffiette che mandano suoni così in fretta che non ci si attarda più sull’emozione.
Il tempo, infatti, fa la differenza.
Il rito di trovare il disco, portarlo a casa e posizionarlo sul giradischi, con la puntina che doveva delicatamente essere messa sul solco giusto, aveva con sé anche un lungo senso di tempo e di consapevolezza, la magia di un sogno che si andava realizzando sotto i nostri occhi e grazie a noi stessi.
Lo stesso dicasi per il mangiadischi che perdeva un po’ del fascino di permettere di vedere il disco girare, ma che aveva il profumo della libertà di portarsi il disco stesso in giro dappertutto. E poi c’erano i problemi, che si infilavano tra la propria voglia di evasione, di assomigliare a quelle voci che uscivano da quegli aggeggi non privi di fascino, e la nostra miseria umana che spesso portava a non avere le puntine a posto, a rigare il disco, a strappare inavvertitamente la copertina che riportava le immagini degli idoli del momento. Per non parlare poi del divertimento e della rabbia con i nastri delle cassette che ci si ingegnava di riavvolgere con dito infilato nel rotolino dentato, oppure che si riavvolgevano con il pennarello della misura giusta, perfettamente inserito tra i dentelli di plastica del miracolo della tecnologia. Nastri magnetici che si rompevano e venivano pazientemente medicati con nastro adesivo trasparente, quando poi non decidevano di incastrarsi irrimediabilmente nel riproduttore e sempre quando doveva suonare la canzone preferita. Allora si passava alle richieste alle radio locali, cercando disperatamente di registrare quello che usciva dall’aggeggio e perdendo sempre qualcosa: una nota, un pezzo di musica, il titolo della canzone o la dedica; oppure ci si scambiava i nastri, i dischi… Un delirio.
Chi pensa: “Bei tempi”, beh, si sbaglia! Niente a che vedere con la perfezione del suono dei cd, con la riproduzione pressoché perfetta dei lettori mp3 eccetera, eccetera, e con la facilità con la quale ci si può spedire un brano, da un telefonino all’altro, da un computer all’altro, scaricandolo con la velocità della luce, rispetto al tempo di scelta nel negozio di dischi. Eppure, chi non era ancora nato o chi era in fasce come me ai tempi del boom della canzone italiana, non può non constatare che ha trascorso tutta la vita con gli stessi brani: non manca Natale, Capodanno, discoteca, festa di compleanno che non faccia riascoltare la saga dei Watussi, il twist, il trenino e chi più ne ha più ne metta. E non c’è giovane che non conosca i classici che hanno reso famosa nel mondo la canzone italiana, sedimentata nel vissuto collettivo in frac, o librata nell’Azzurro di un cielo blu dei nostri più amati cantanti.
La canzone italiana, quindi, è frutto di un Paese che ha saputo delineare se stesso attraverso le note anche nei momenti più bui, più difficili, più inossidabili dell’Italia travolta da bombe, scandali, crisi politico-militari, o terroristiche o di mafia. L’Italia delle colombe che volavano e che poi sono diventate i “maschi” graffianti che mai avremmo immaginato di sentire celebrare così.
Per poter avere una panoramica della canzone italiana più vera, non scevra di interessi economici, di scelte di mercato (basti pensare alla “Bambola” che Little Tony si era rifiutato di cantare e che è diventato uno dei cavalli di battaglia della splendida voce di Patty Pravo, poi anche in duetto con lui), di trovate grandiose come il Cantagiro o Canzonissima, per citare solo alcuni degli spettacoli musicali che hanno lanciato i big della canzone italiana per decenni, attraversiamo alcune delle canzoni più famose cantate dalle donne, grazie alle lezioni concerto proposte da Claudio Sottocornola. Niente di strano, la madrina Nilla Pizzi aveva insegnato molto, ma l’Italia si riconosce molto dalle e nelle sue donne della canzone. Icone, che non a caso suscitano l’interesse di un interprete che è anche storico e filosofo, e pertanto vede in esse maschere di risonanza di un tempo, di un luogo, di una civiltà, se ne appropria e con una specie di gioco di prestigio, ce ne restituisce la magia in una speculare declinazione maschile. Immagini come ologrammi, canzoni come fonti storiche, musica come storia del pensiero.
Se altrove, in altri ambiti, non avevano ancora posti importanti, le donne cantanti, infatti, potevano lanciare mode o dissacrare tradizioni, permettersi il lusso di esistere al di là delle convenzioni e tessere quella tela di modus vivendi al femminile di cui ancora oggi tanto il nostro Paese abbisogna.
Possiamo citare il cambiamento ottenuto tra “Ma l’amore no” di Galdieri-D’Anzi, cantata da Alida Valli e “Quello che le donne non dicono” di Ruggeri-Schiavone, cantata da Fiorella Mannoia: splendide voci che esprimono differenze di mode e di costumi, ma soprattutto il cambiamento di una società che si denota dalla metodicità stessa del testo. Alida Valli esprimeva la sognante donna che trovava nel marito la realizzazione del suo diventare adulta, passando dalla patria potestà del genitore maschio a quella del marito prodigo di attenzioni nei suoi confronti, per un amore che non poteva disperdersi nel tempo e non aveva altro motivo che restare duraturo per sempre; mentre Fiorella Mannoia, dal timbro più deciso ed intenso, con una metodicità assolutamente diversa e più mordente, esprime una femminilità completa, con bisogni ben più complessi ed espressi di un perdersi in un amore da Mille e una notte. A questi due testi fa da contraltare il duetto Mina-Celentano che completa il discorso perfettamente: “Acqua e sale” di Donzelli-Leomporro, al di là delle parole, esprime nella completezza delle due tonalità in simbiosi quell’estro musicale che permette di unire voci maschile e femminile creando un unisono non soltanto vocale, ma soprattutto d’intenti. La canzone, molto bella, riesce a dare il senso di un rapporto “amoroso” che va al di là dei dettami religiosi finora imposti, aprendo a quel reale tentativo di equiparazione che, ben centrato dall’accoppiamento artistico dei due mostri sacri della canzone italiana, auspica anche per la vita una sintesi simile, senza dimenticare che le differenze esistono e che rimangono malgrado si cerchi di crescere nel senso di parità che ancora non abbiamo pienamente acquisito.
Sono passati gli anni e le mode sono definitivamente cambiate nell’ordine di idee: ci si avvicina sempre più al momento “global” nel quale tutto è a disposizione di tutti e si può decidere di essere e di ascoltare quello che si vuole senza doversi per forza adeguare alle mode imperanti.
Mi piace pensare che al duetto Mina-Celentano faccia eco Ornella Vanoni con la canzone scritta da Gino Paoli “Senza fine”. Un inno d’amore senza tempo, con una melodia resa ancora più intensa dalla voce della Vanoni, capace di dare quell’intensità emotiva, quella profondità d’animo difficilmente eguagliati da altre cantanti per questo bellissimo testo. L’evoluzione femminile c’è stata: da “Ma l’amore no” che ricorda tanto la colomba cantata proprio da Nilla Pizzi, siamo passati alla consapevolezza amorosa, al librarsi verso lidi di infinita dolcezza sempre più voluti e cercati da una donna che ha seguito la sua strada. È riuscita a diventare via via sempre più padrona di sé, malgrado l’amore la faccia perdere nei lidi magici dell’immaginario e del sognante, ma non più per imposte verità misconosciute com’era almeno fino agli anni Cinquanta. Penso al duetto Mino-Lupo, quando l’amore vietato diventò capolavoro ascoltato e riascoltato milioni di volte.
E l’evoluzione artistica e linguistica che soggiace allo sviluppo della canzone, lo si ascolta, dall’infinito cantato da Ornella Vanoni, dalla voce ancora più roca, ancora più profonda di Gianna Nannini che invoca la sua “Meravigliosa creatura” con un’intensità che sottolinea i tempi nuovi. Non ci sono più finzioni, non ci sono più remore: la donna può finalmente cantare al suo uomo, all’uomo in generale, al desiderio, senza paura di essere bocciata alla scuola delle belle maniere di galateo. Si è evoluti in meglio? I gusti cambiano e di certo sono cambiati, favorendo la comparsa sulla scena musicale di personaggi di certo impossibili da pensare soltanto vent’anni prima. La rockettara Nannini non poteva certo essere pensata negli anni d’inizio Sessanta, ma ben ha rivestito il ruolo della trascinatrice delle teen-ager che non dovevano preoccuparsi d’altro che di scegliere il giusto colore dell’ombretto: per organizzarsi con un cambio d’abiti nella borsa al momento di dire alla mamma che si usciva timidamente con le amiche, ci si era già addestrate anche negli anni che sembravano più compresi nella morale comune.
In realtà, i giovani cambiano poco. Rimangono sognanti e sognatori, capaci di idee per cambiare il mondo, e a volte ci riescono pure, permettendo l’evoluzione della società o la sua involuzione, a seconda dei momenti e a seconda (molto) dei punti di vista. In ogni caso c’è sempre il sogno dell’amore, il bisogno di trovare l’anima gemella, di identificarsi in quella “meravigliosa creatura” che si potrebbe essere se si avesse accanto qualcuno capace di amarci per quello che siamo, interamente, completamente e per sempre. Sogni eterni, di maschi e di femmine, interpretati dalla moda e dalla musica, ma anche richiesti a gran voce generazione dopo generazione.
Ancora oggi, infatti, ascoltiamo con piacere il ritmo incalzante di “Cuore”, scritta da Mann-Weill-Rossi per la voce di Rita Pavone. Il battito cardiaco prevale nel rimbombo musicale e ci appare nell’immaginario il fisico mingherlino di Rita Pavone, dismessi gli abiti da monello che le erano propri, smessa la foga della domenica del calcio al quale gli uomini si dedicavano invece di stare con la propria amata, finita la pappa col pomodoro. Appare una donna bisognosa di ascoltare le proprie passioni e i propri desideri, con un classico non solo della canzone italiana, ma dei testi per canzoni. L’amore celebrato in tutte le salse, ma che acquista significati sempre più veri quando interpretato proprio da personaggi che avevano altri cliché. Il messaggio è quindi sempre positivo, ma anche il messaggio della ricerca di valori profondi, dell’anima, dell’estro creativo, della necessità di dare voce a ciò che il pubblico chiedeva come lo chiedeva. Rita Pavone è l’antesignana di Gianna Nannini, ancora morbida nei modi, ma capace di far comprendere come ormai i tempi della melensità femminile siamo finiti. Ora c’è una donna a tutto tondo che chiede di essere amata per quella che è e come vuole essere amata lei, al di là del fatto che non sia perfettamente la donna ideale. Pavone non è procace, non ha fluenti capelli lunghi, non ha la coscia lunga alla Kessler, ma è capace di quell’intensità di voce e di sguardo che incanta anche chi aveva immagini femminili ben diverse. Ci si era già abituati al “molleggiato”, certo, ma in ogni caso, se si osservano attentamente i filmati del tempo dell’esordio e del successo di Rita Pavone, è chiaro che le persone sapevano già essere più moderne e meno bigotte di quanto ci piaccia pensare quando si rispolvera la celeberrima frase “vecchi tempi”.
E allora come non pensare alla voce splendidamente interessante, ma anche all’eccentrico personaggio che è saputa essere Patty Pravo? Faccia da brava ragazza, classica biondina veneziana di buona famiglia diventata famosa al Piper, Patty era senz’altro più vicina all’immaginario maschile di donna avvenente, ma ha saputo ritagliarsi i panni di donna per se stessa, senza per forza avere bisogno di un uomo per essere davvero quella che voleva essere. Il confronto ottimale è con la bella voce di Gigliola Cinquetti e il suo mitico brano “Non ho l’età”. Scandalo, ma anche altro mito dell’amore. Cinquetti era giovanissima, dal viso angelico, molto bambina dei sogni che tutti sognavano. Patty ha saputo diventare il simbolo dell’autodeterminazione anticipando di anni e di gran lunga in stile, le moderne star della canzone internazionale, sapendo restare alla ribalta senza abdicare al suo bisogno di essere se stessa anche quando impersonava la star eccentrica e dalle mise più impensabili. Voce inconfondibile e assolutamente magnetica, ha catalizzato intorno a sé la riflessione universale, maschile-femminile; italiana-straniera con testi inconfondibili come “Se perdo te” di Bardotti-Korda. Capolavoro indiscusso, “Se perdo te” per la voce di Pravo è il culmine dell’evoluzione femminile nella canzone. Dalla Cinquetti che non ha l’età per amare e non può amare un uomo più grande di lei, alla donna che, pur con il tono serio di chi è responsabile di sé (lavora fuori casa, pensa alla famiglia, assume ruoli di potere e di responsabilità sempre più grandi), non perde di vista la sua capacità di amare e di avere bisogno di un amore accanto. Un amore non più ideale e idealizzato, ma legato ad una persona in carne ed ossa, con pregi e difetti. Queste canzoni, non dimentichiamolo, transitano anche per gli anni dei dissidi forti all’interno della famiglia e della società. Ci si interrogava sul divorzio, poi diventato legge; ci si interrogava sulla possibilità di avere altre relazioni dopo la fine di una storia d’amore importante come quella siglata in chiesa; ci si interrogava sul ruolo della donna che, ammessa alla scuola media e poi superiore, si affacciava sempre più al ruolo sociale attivo, tolta l’ultima barriera dell’essere inferiore che era stata anche dal punto di vista giuridico fino a pochissimo tempo prima. Pertanto “Se perdo te” diventa un giro di boa, il mezzo per affermare che sì, rimaneva importane il tema dell’amore che fa battere il cuore all’impazzata, come cantava Little Tony, o faceva girare come una bambola, ma che pure restava uno degli scopi della vita. Anche per quel “Pigramente signora” di Evangelisti-Fogelberg, impersonata/interpretata sempre da Patty Pravo.
Donne che crescono e assumono sempre più su di loro la propria vita, disabituandosi ad essere pedine di una realtà vera dalla quale sembravano separate. Questo non significa non soffrire più: lo insegnano straordinarie interpreti della canzone come la Mia Martini di “Piccolo uomo”, scritta da Lauzi-La Bionda-Baldan Bembo. Mia Martini non è la donna ancora un po’ svenevole de “Non ho l’età”, o la graffiante Pravo o la sicura di sé Nannini. È una donna che riveste un ruolo ambiguo, molto vicina a quelli normali di donne qualsiasi, un po’ ammaliatrici un po’ incapaci di non soffrire per amore. E qui ci lascia un indimenticabile capolavoro della canzone parlando come raramente si faceva di loro, gli uomini, quelli che feriscono, che non ci meritano, che se ne vanno e ci abbandonano. La voce strepitosa di Mia ha reso questa canzone inossidabile e ci offre ancora un altro ritratto della donna attraverso le mode e attraverso se stessa. La donna che non vuole perdere un amore, non vuole essere lasciata, non vuole mettere i panni della forte e basta, ma essere sola e indifesa, pur se di carattere, come si sente dal timbro e dal suono della voce.
Proprio qui si inserisce bene qualche considerazione sull’interpretazione maschile che dà al tono e al ritmo del discorso una nota di riflessione ben più profonda delle parole. Ad interpretare questi capisaldi della canzone italiana, le icone della nostra discografia, è un soggetto maschile che esula dai cliché dei rotocalchi, che è ben lontano dalle immagini patinate del biondo ossigenato e smorfie da vamp. Chi dà voce in questo video al senso del testo della canzone, al tempo trascorso è Sottocornola che, grazie allo studio e all’approfondimento, alle interviste e al confronto diretto con i protagonisti, al tempo stesso che è passato con le sue mode e i suoi turbinii, sceglie la sua voce per commentare, oltre che le analisi puntuali.
Cantando le canzoni scelte per la dissertazione, Claudio/Claude usa non soltanto il suo apparato vocale, ma sceglie tonalità e timbri, lasciando al roco e al profondo del prettamente maschile far cadere quella nota in più che dà il passo a tutto il discorso. La scelta non è certo di sostituirsi alle voci, di copiarle o di dimostrare diverse capacità, quanto di averle introiettate al punto da diventare cardine di confronto analitico. Il suono più graffiante o più rock spesso si addolcisce di profondità puramente personali e questo impreziosisce appunto il discorso accademico che si stempera, così, con le emozioni che suscitano ancora queste canzoni sia a chi le ha già ascoltate dal vivo ai suoi tempi, sia in chi le ascolta con la giovinezza di oggi, assaporandone un ché di nostalgico e di imponente.
Bellissimo anche il testo di “Un’emozione da poco” di Fossati-Guglielminetti, cantata da Anna Oxa. Altrettanto voce decisa, dalle reminiscenze maschili, con ampie capacità vocali. Tutto questo permette ancora una volta di dare slancio al testo, di dare peso all’interprete. Non c’è più possibilità di ritorno: siamo completamente rivolti verso una dimensione femminile che sta permeando la società sempre di più e alla quale guardano donne da ogni parte del mondo. Se davanti agli occhi c’era l’avvenente e divertente femmina dei video musicali di Freddy Merecury, casalinga tipo della società americana bigotta e poco disposta a guardare al di là del suo naso quando la questione si faceva complessa, in Italia la donna celebrata dalla canzone sta cambiando e tutto la insegue. Soprattutto la canzone. Può sembrare che la donna abbia seguito soltanto le mode, adeguandosi alle paillettes degli anni Ottanta e al tipo di trucco imposto: in realtà sono state le mode ad interpretare il cambiamento, a tratti anche dirompente, che aveva fatto seguito ad un periodo di scontri ideologici e di lotte sociali, transitate anche per lotte di piazza, rivendicazioni di parità, prorompente voglia di vedersi riconosciute. Ancora oggi, in alcune professioni di rilievo, ci sono donne che pensano di riuscire soltanto confondendo la propria femminilità in atteggiamenti maschili, quasi dovessero ancora imporsi. In realtà, pur verificando crisi di involuzione, è la donna che sta perdendo il gusto di seguire la propria indole e di trovare spazio mentale per manifestarla e realizzarla adeguatamente. Sembra ancora una volta aspettare da fuori quello che le deve venire da dentro e si riconosce ancora una volta nella donna che attende solo alla casa e al marito, senza considerare che quei tempi (per fortuna) non esistono più. Abbiamo toni nostalgici ne “La solitudine” di Cavalli-Cremonesi-Valsiglio, cantata da Laura Pausini, alla quale possiamo accostare un classico come “Al di là” di Mogol-Donida, cantata da Tajoli e Betty Curtis, non già per mode e contenuti, quanto per affinità di sentire.
Inutile pensare a dove stiamo andando. Il nostro mondo sempre più complesso trova strade spesso inusuali e intriganti, con voci interessanti e innovative, malgrado tendenzialmente “passino” con maggiore facilità di un tempo. Diciamo che oggi c’è più la ricerca della notorietà che la ricerca dell’affinamento continuativo di genere, cavalcando mode momentanee che si rendono tali per noia o per convenienza. Rimane un altro classico la bella
“Il portiere di notte” scritta e cantata da Enrico Ruggeri che, a questo punto delle nostre considerazioni, si presta bene a delineare la situazione. Chi sta a guardare non è in realtà il passivo fruitore di una situazione: è colui che lavora, che fa il suo solito dovere, ma che pure sogna, pensa, vede. Prova a immedesimarsi nelle vite degli altri, ne prova piacere o dolore, pena e desiderio. Splendida l’interpretazione, rende ancora più a fondo l’idea espressa nel testo. E sottolinea quel senso di ineluttabilità che nelle canzoni diventa teorema e paradigma, trampolino per nuove creazioni e mai disfatta introversa, quasi depressa. Le canzoni e le cantanti dovevano accontentare un po’ tutti, dalle commesse con i capelli cotonati, alle mamme dalle gonne un po’ lunghe, com’ebbe a disegnarle Bennato, alle nonne che sognavano nipotine realizzate e felici. Allora ecco le varie “tigri” e le varie “pantere” che interpretano come non mai prima l’evoluzione dei tempi, cantando le canzoni natalizie e i dissapori, il romanticismo e la fine di un amore, coinvolgendo nella riflessione migliaia di simili dalle quali le riflessioni arrivavano. Ecco che era perfetto il cliché di una artista piuttosto che di un’altra, nate e cresciute con l’intento di piacere e di fare ciò che avevano sempre sognato. La ribalta arrivava per indiscusse capacità vocali, prendiamo il caso di Mina.
Oggi la globalizzazione rende la massa indistinta, le nonne sono più alla moda delle nipoti, i capelli cotonati non sono più un vessillo, tutto è più normale, più alla portata, più libero, meno stereotipato. Non si deve più accontentare nessuno e quindi si deve piacere un po’ a tutti.
Oggi abbiamo talent show interessanti, ma nei quali diventa di moda dileggiare i maestri, dissacrare le capacità e la gavetta. Si confezionano pessimi personaggi da imitare: la supponenza non fa mai bene, anche se si ha talento e anche se si hanno ottimi polmoni. E il tutto esaurito dell’oggi lascia troppo spesso il posto al vuoto estremo del domani, occupato da rotocalchi impietosi e da noie da sviare con altre starlet del palcoscenico.
La voce femminile dovrebbe levarsi sempre più come monito a non perdere quanto si è acquisito, perché si rimane troppo indifferenti di fronte a notizie sconvolgenti che riguardano non più lo struggersi d’amore, ma lo struggersi e basta per un sentimento confuso e complicato al quale non si è educati, stemperato spesso, sempre troppo spesso, in un momento di rabbia che strappa vite e sorrisi.
Alla fine è sempre quella la considerazione: il gioco delle emozioni è sottile e sconvolgente, troppo complicato ammaestrarle, conoscerle, amarle per potersi considerare protagonisti di un LP per tutto il giro del giradischi. La magia che si va perdendo è sempre più sovrastata da scenari di massacri, talvolta reali, talvolta dell’anima che si lascia rapire da un motivetto perché fondamentalmente alla ricerca di quella magia che si porta dentro, sia che abbia avito le fiabe da bambina sia che no. La crescita che si persegue con la canzone contemporanea è la ricerca di anestetizzare il tempo, come si cerca di coprire i rumori del mondo con il tutto volume in cuffia, sapendo che la perfezione del suono è quasi totale e che se ci si stanca della stessa canzone se ne può scaricare un’altra dal computer di casa senza neanche più andare al rito del negozio, della scelta, della condivisione di una cuffia per sentire com’è tutto l’album.
Tuttavia il ruolo della canzone è fondamentale, perché la musica non solo sa guarire da molti mali, ma sa cancellare differenze in altri campi insormontabili. Gli esempi possono essere molteplici, basti pensare a come ci si riunisce in ogni parte del mondo al nome di Michael Jackson. La scelta è ampia. I maestri della spiegazione sono validi, come appunto il nostro Sottocornola, ma nella sua atipicità di critico-interprete che conferisce voce, oltre che analisi, a un testo e a un’epoca.
Grazie alle lezioni-concerto che Sottocornola realizza con modalità professionistiche e creative, si possono accompagnare fruitori trasversali alle mode, agli anni, ai gusti, a comprendere l’evoluzione dei tempi, della storia, dei fatti quotidiani del tempo (soprattutto compreso tra gli anni ’50 e gli anni ’90 del secolo scorso) che sono già oggetto di libri di testo scolastici. La canzone, proprio per la già citata funzione universale e universalizzante della musica, consente di arrivare a ricordare senza scalfire i sentori politici, che avevano dilaniato persone e ideali, senza offendere alcun punto di vista che non sia di piacere di genere. E questo non per una scelta politically correct, quanto per una precisa funzione di insegnamento a comprendere che tanto manca ai nostri giorni. La possibilità di fruire delle lezioni anche on line, consente non solo di arrivare al più vasto pubblico del web, quanto al più vasto pubblico di genere e quindi a sottoporre un’operazione moderna ma dai solidi fondamenti educativi, quelli, per capirci, che sono validi alla TV soltanto in tardissima serata.

Alessia Biasiolo, Introduzione a “Working Class – Immagine della donna e canzone”, 2012

Ancora Natale? Gli auguri del filosofo del pop

* Una riflessione fra speranza e quotidiano, fra pensiero e sentimento, che il filosofo del pop ha regalato al pubblico per “il prossimo Natale”…

da L’Angelo in Famiglia, dicembre 2012

L’intervista del filosofo del pop sul Natale di oggi, consumistico e superficiale, e sulla             possibilità per ogni persona di passare dal consumo al dono, dal disamore al riconoscimento dell’altro nella memoria della “nascita”…

da Il Cenacolo, dicembre 2012

Il Cenacolo, dicembre 2012

L’intervista del filosofo del pop sul Natale di oggi, consumistico e superficiale, e sulla             possibilità per ogni persona di passare dal consumo al dono, dal disamore al riconoscimento dell’altro nella memoria della “nascita”…

da Il Cenacolo, dicembre 2012

Working Class

L’immagine della donna nella canzone

Ultimo appuntamento con ‘Working Class’, il suggestivo web-concert tematico ideato e interpretato dal ‘filosofo del pop’ . Martedì 31 luglio sarà disponibile in rete la quinta sezione del nuovo progetto, dal territorio a internet (continua…)

L’immagine della donna nella canzone

Ripercorrere la storia della canzone italiana è interessante quanto ripercorrere la storia d’Italia attraverso la canzone. Un calembour che, in realtà, intreccia altre storie, quelle di ciascuno di noi (altro…)

Working Class

Cantautori
Dalla e Battisti, De Gregori e Venditti, Ruggeri e Tenco: la canzone d’autore italiana interpretata dal ‘filosofo del pop’ nel nuovo ‘web-concert’ tematico ideato dall’intellettuale lombardo. Sabato 30 giugno sarà disponibile in rete la quarta e penultima sezione del nuovo progetto, dal territorio a internet (continua…)

Working Class, scorre in musica il nostro continuo divenire

Con l’appuntamento di sabato 30 giugno, Cantautori, Working Class, trasferimento dal territorio al web, delle lezioni concerto tenute da Claudio Sottocornola dagli anni’90 in poi, si appresta alla sua conclusione, il prossimo mese, con la puntata incentrata sulle interpreti femminili. E’quindi possibile ora tirare le somme (altro…)

Aboubacar Bamba

“Il giardino di mia madre”

Con questa esposizione di foto, il professor Sottocornola vuole ricordare la madre. La presentazione inizia con una serie di scatti che ci presentano un giardino fiorito, con una grande varietà di fiori. (altro…)

Lorenzo Casale

“Il giardino di mia madre”

“Una persona muore quando muore il ricordo di essa”. Secondo il mio modesto punto di vista non v’è miglior modo per ricordare una persona che facendola rivivere attraverso le sue passioni. Rivivere un’ esperienza di vita di cui una persona era parte attiva è ciò che propone questo slide show con una serie di fotografie. (altro…)

Tiziana Comunale

“Il giardino di mia madre e altri luoghi”

Ho trovato molto interessante l’idea di ricordare la figura materna con una serie di scatti fotografici nei quali non compare solamente il suo ritratto fisico ma anche quelli che erano i risultati delle sue cure e delle sue attenzioni. (altro…)

Anna Dodesini

“Il giardino di mia madre”

Il video “Il giardino di mai madre” è dedicato alla madre dell’autore, scomparsa nel 2003, e questo “set fotografico” vuole essere in qualche modo un suo ricordo. Lo slide-show è accompagnato da una musica lenta e dolce, che dà un senso di pace che raramente si riesce a trasmettere oggigiorno e anche la se sequenza delle immagini è piacevole e rilassante. (altro…)

Alessandro Dolci

“Il giardino di mia madre”

Il video “Il giardino di mia madre” è composto da una sequenza lenta di immagini in dissolvenza con una musica di sottofondo che si ripete, scandendo quasi il tempo per lo scorrere delle fotografie. (altro…)

Valeria Fenili

“Il giardino di mia madre”

Il video visto durante la scorsa lezione “Il giardino di mia madre” è una raccolta di immagini, probabilmente care all’autore del video, accompagnate da una melodia. Sia le foto che la musica, e la combinazione di queste, danno una sensazione di tranquillità e serenità. (altro…)

Simone Gallarati

“Il giardino di mia madre”

Osservando i vari scatti raccolti nell’itinerario visivo “Il giardino di mia madre e altri luoghi”, il fatto che più mi ha colpito, è la voluta e apparente trasandatezza di alcune immagini, sia nella scelta dei soggetti che per quanto riguarda l’aspetto della messa a fuoco. (altro…)

Lorenzo Gibellini

“Il giardino di mia madre”

Un viaggio nel tempo fra poesia, immagini e musica è il percorso che il professore Claudio Sottocornola adopera per ricordare sua madre. (altro…)

Miriam Grimaldi

“Il giardino di mia madre”

Fin da piccola sono sempre stata affascinata dall’alto palazzone accanto alla casa di mia nonna. Passavo accanto a quell’enorme struttura e mi fermavo, la testa alzata verso il cielo, ad osservarla in tutta la sua imponenza. (altro…)

Sara Martini

“Il giardino di mia madre”

“Il giardino di mia madre e altri luoghi” è uno slide show creato dal professor Sottocornola per commemorare la madre recentemente mancata; tuttavia non si tratta di foto tratte da un album di famiglia, bensì di una raccolta di immagini che, in una prima parte, guidano l’osservatore attraverso il luogo amato dalla madre, ovvero il suo giardino, mentre, nella seconda parte, mostrano scatti provenienti da tutto il mondo. (altro…)

Filippo Musco

“Il giardino di mia madre”

La mostra fotografica a cui ho assistito mi è piaciuta e ha risvegliato in me molte sensazioni, in quanto il professor Sottocornola l’ha dedicata alla madre scomparsa qualche anno fa ed io, essendo figlio, posso capire quali sentimenti l’abbiano spinto a crearla. (altro…)

Edoardo Muser

“Il giardino di mia madre”

Questa rappresentazione fotografica mi è sembrata un modo molto innovativo e originale per celebrare una persona cara che è venuta a mancare. (altro…)

Sara Palazzi

“Il giardino di mia madre”

Passione, cura, sentimento e partecipazione sono lo spunto ideale da cui partire per vivere un istante di pace attraverso un’immersione nella natura. (altro…)

Andrea Passera

Il giardino di mia madre”

La mostra fotografica “ Il giardino di mia madre e altri luoghi” è divisa in più sezioni:
Interno,
Il giardino di mia madre,
La neve,
Back to the 70’s in U.S.A.,
Archeo,
Sud,
Isole,
Paradise lost,
Rome 2007,
Tramonti a Nord-Est. (altro…)

Elena Pedrini

“Il giardino di mia madre”

La visione del filmato “Il giardino di mia madre” mi ha dato molti spunti di riflessione, sotto diversi punti di vista. Nella prima parte, incentrata sul giardino della madre e sui suoi fiori, il percorso mi ha regalato emozioni e sensazioni anche molto diverse tra loro: da una parte sentivo equilibrio, tranquillità, pace con se stessi, un senso di naturalezza, quindi di non artificiale e spontaneo; dall’altra parte percepivo un senso di mistero, solitudine, a tratti di assenza e di attesa. (altro…)

Giorgio Pirovano

“Il giardino di mia madre”

Il video è iniziato con delle immagini di piccoli scorci di un giardino, inizialmente fiorito e successivamente innevato. (altro…)

Vittorio Vinicio Riva

“Il giardino di mia madre”

Il filmato che abbiamo visto mi è piaciuto molto. All’inizio una miriade di colori e piante diverse, in diverse stagioni, che emanano vita, felicità in un clima tranquillo, privato e soave quale è il proprio giardino. (altro…)

Veronica Rovetta

“Il giardino di mia madre”

Il video che ho avuto l’occasione di vedere lo scorso mercoledì, si è aperto con una serie di scatti fotografici rappresentanti un piccolo e speciale giardino ricco di fiori colorati. Un rilassante sottofondo musicale, costituito da un suono delicato di pianoforte e da un canto di uccellini hanno accompagnato il lento scorrere delle immagini. (altro…)

Carlotta Sala

“Il giardino di mia madre”

“Il giardino di mia madre e altri luoghi” è una mostra fotografica, composta da circa 250 scatti, con cui Claudio Sottocornola ha voluto ricordare la madre scomparsa recentemente. Già dal titolo si intuisce che il ricordo della madre è evocato soprattutto dalla sua passione per le piante e da particolari luoghi e momenti che hanno segnato la vita dell’autore. (altro…)

Federica Sandrinelli

“Il giardino di mia madre”

Il Giardino di mia madre” è una raccolta di fotografie che ha lo scopo di ricordare una persona cara. Da queste immagini si vede come il giardino sia ben coltivato e custodito, infatti vuole essere una metafora della cura e della salute, ambiti che dovrebbero essere sempre oggetto di grande attenzione nella nostra vita. (altro…)

Nicola Sorri

“Il giardino di mia madre”

Il professore di filosofia Claudio Sottocornola ricorda la figura materna, venuta a mancare nel 2003, attraverso un percorso di immagini relative ad alcuni luoghi a lui particolarmente cari. Egli ha, quindi, deciso di ricordare la madre attraverso l’arte della fotografia, con musica di sottofondo, “I pattinatori” di Emile Waldteufel, dolce e rilassante, che invita alla tranquillità e alla riflessione. Il titolo del percorso fotografico è Il giardino di mia madre e altri luoghi, comprendente circa 250 scatti fotografici, riguardanti diversi paesaggi relativi ad alcuni momenti della sua vita privata. Sono infatti incluse fotografie personali fatte in luoghi di mare, di isole, dell’America dei lontani anni ’70 (in cui aveva fatto un viaggio da ragazzo), del Sud Italia, dell’inverno nelle strade di Bergamo, con la sua candida neve, e alcune zone di Roma, divenendo metafora del variare e crescere della vita. Il giardino per il professor Sottocornola ha un importante valore, ricorda, la luce e l’armonia, l’impegno e il lavoro profusi dall’amata madre per curare questo piccolo fazzoletto di terra, l’unico rimasto in mezzo ad immensi cantieri di nuovi palazzi in costruzione. Rappresenta quindi il legame tra il vecchio e il nuovo, e viene ricordato anche il coraggio e la fermezza della donna, che non si piegò innanzi alle pressanti offerte di acquisto del terreno per completare il rinnovamento del quartiere, ma impegnandosi a migliorare il giardino con tutto il suo amore per la natura. Il giardino viene visto come luogo di armonia, di colori, un posto dove rilassarsi e fermarsi a riflettere o solo a riposare in mezzo a tutto il grigiore del cemento circostante e alla frenetica vita di tutti i giorni. Questo piccolo fazzoletto di verde, con la sua semplicità e la sua cura, è simbolico, richiama, infatti, il Giardino dell’Eden, un luogo felice e armonico, dolce e rassicurante.

Oltre alle immagini del giardino della madre, abbiamo potuto osservare immagini di Bergamo sotto la neve durante l’inverno, con un paesaggio quasi fiabesco, che non ricordava la grigia città di tutti i giorni, ma una bianca città sepolta da un manto candido e uniforme. Inoltre, nella presentazione, vi erano immagini di luoghi dove il professor Sottocornola si è recato, o zone comunque legate a lui o a particolari momenti della sua vita, con un occhio di riguardo nel focalizzare i paesaggi, in modo da far risaltare la natura, la sua bellezza, i tramonti in tutto il loro splendore. Vi sono anche luoghi fotografati con la presenza di persone, in modo da rendere la ripresa più significativa da un punto di vista affettivo. Possiamo, infatti, vedere immagini relative alle sue vacanze, prevalentemente al mare, al sud e nelle isole italiane. Queste fotografie ricordano le vacanze appena trascorse, suscitano tranquillità, ma anche una sensazione di riposo e malinconia. L’immensità delle acque suscita idee di infinito, di quiete, di qualcosa di profondo, di insuperabile e sconosciuto. Le immagini dei tramonti, fatte in diversi luoghi, sono le più suggestive, incutono sensazioni sia di tranquillità, che di spettacolarità, ma anche di tristezza, di consapevolezza dell’arrivo della notte, delle tenebre che ricopriranno la terra fino al nuovo spuntar del sole. Fra le foto di mare sono interessanti e notevoli anche i paesaggi del sud e delle isole, ricchi di luoghi collinari brulli e sterminati, con paesini di pescatori e contadini, abitati da persone che si sostentano con il proprio duro lavoro. Sembrano quasi irreali, appartenenti ad un mondo lontano, ormai perduto. Le immagini scattate a  Pompei ed Ercolano, immagini di reperti archeologici, ci fanno ripercorrere il cammino di quella immane catastrofe e riflettere sulla potenza che la natura ha nei confronti dell’uomo.

L’ultimo tema della galleria di immagini fotografiche riguarda le grandi città, come ad esempio quelle degli Stati Uniti negli anni ’70 del secolo scorso. Il professore ci mostra, tramite le immagini scattate al tempo del suo viaggio negli USA, la grandezza dei paesaggi e delle città americane rispetto alle nostre. I paesaggi sono immensi, case di periferia immerse nel verde, alberi enormi, un altro mondo rispetto al nostro. Con la neve diventa tutto più spettacolare, ma anche più tranquillo e umano. Vengono anche mostrate fotografie fatte nelle due principali città americane: New York e Washington DC, di cui vengono immortalati i maggiori monumenti e i più importanti edifici, come le tristemente note Twin Towers, l’Empire State Building, la statua della libertà, Central Park e la Casa Bianca con il Campidoglio a Washington. Queste foto ci restituiscono le immagini di un’America monumentale, diversa dalla nostra piccola città, con skyline spettacolari, come quello di New York, che lasciano a bocca aperta. Ritornando in Italia abbiamo fotografie di alcune aree di Roma e le sue bellezze artistiche, le sue vie e le sue piazze, quasi un modo di celebrare la Città Eterna, considerata una delle più incantevoli del mondo. La musica di sottofondo scandisce il tempo che passa e lo scorrere delle immagini; nell’organizzazione delle sequenze, il giardino diviene il primo luogo e l’ultimo: luogo del ricordo, della speranza e dell’attesa. La natura, dalla quale tutto il lavoro nasce e alla quale l’autore ci conduce in queste immagini è quella natura libera e spontanea, essenziale per noi, per l’armonia che genera e per il suo carico di morte e di vita. Curare il giardino, come farne memoria, diventa così un atto d’amore e di consolazione.

Daniele Villa

“Il giardino di mia madre”

La premessa alla mostra non è certo la più leggera: ricordare la madre da poco scomparsa tramite il suo giardino e i ricordi accumulati negli anni attraverso le foto. Logicamente, l’inizio della mostra riguarda proprio le foto del giardino della madre: si tratta di foto specifiche e focalizzate su piccoli spazi del giardino, e addirittura su singoli fiori o cespugli dello stesso. E quest’ esaltazione del particolare e dello specifico invita alla riflessione, innanzitutto sul significato del particolare che, al di là del significato letterale, indica qualcosa di unico e fuori dell’ordinario, qualcosa di peculiare che si incontra raramente… Tuttavia, in parte grazie alla mostra, mi rendo sempre più conto di come qualunque cosa possa essere particolare: tutto è unico e tutto è fuori dell’ordinario, dipende solo da come ci si pone di fronte ad esso. Nella mostra stessa ci si rende conto di come un semplice fiore o un semplice cespuglio assumano una personalità se ci si sofferma ad osservarli, e l’autore delle foto cerca di trasmettere il fatto che nonostante sua madre sia scomparsa, la sua unicità non lo è minimamente, resterà riflessa in ciò che ha operato durante la sua vita, ma soprattutto nella sua memoria e lascito, costituito in parte dal giardino ed in parte ancora maggiore dai ricordi dei suoi cari, ricordi di cui il professor Sottocornola tenta di rendere partecipi quante più persone possibili.

Parte interessante della presentazione sono quelle foto che appaiono sfocate o quelle che sono doppie: a prima vista appaiono come un errore, ma ci si rende presto conto del loro significato reale che mi è parso essere la prospettiva. La prospettiva che contribuisce, appunto, al concetto di particolare, ma anche la prospettiva che dà coscienza della realtà sotto vari aspetti: l’aspetto del tempo per cui niente è mai uguale a se stesso, cambia sempre anche solo per qualcosa di infinitamente piccolo; la soggettività che ci ricorda di come ognuno viva e affronti gli avvenimenti in modo diverso, di come ognuno veda ogni cosa da un punto di vista diverso da quello degli altri; l’illusione della realtà per cui ogni cosa che noi vediamo è diversa da come ci appare ed ha in sé molto di più, che può essere visto solo cambiando la nostra prospettiva.

Giunti al cambio del contesto fotografico ci si accorge di essere ancora svegli, si torna al mondo reale, si torna al mondo reale dopo che la mente ha viaggiato, sospinta dalla bellissima musica di Waldteufel, ed ha potuto vedere cose che le erano estranee. Il cambio di contesto è di natura temporale e mostra lo stesso giardino in inverno, cosa che genera sicuramente più tristezza e malinconia nell’osservatore e porta alla comprensione dello stato d’animo dell’autore in relazione al giardino della madre, e quindi alla sua memoria, che si presenta per lui carico di tristezza, nonostante i bei ricordi rimastigli. Ho trovato significativa l’immagine in due momenti di un’ auto che abbandona la strada immersa nella neve, immagine molto significativa e carica di sentimento, visto il collegamento con la madre che ha lasciato questo mondo.

Nelle foto successive mi è parso che vi fosse un aumento della distanza con l’argomento trattato e, fra le cose che mi hanno colpito, la più importante è la sequenza di un tramonto e di persone di origine asiatica, che io ho interpretato come il tramonto dell’epoca della madre e del suo giardino, e l’arrivo di una società di cui l’Oriente è simbolo, visto il progresso tecnologico proprio dell’area, con la sua frenesia e il suo cinismo.

In alcune foto successive si evidenzia il contrasto fra vita e desolazione, contrasto probabilmente interno anche all’autore. Particolarmente significativa è apparsa la figura della sorella e piuttosto evidente l’effetto che intercorre fra l’autore e la sorella, e che le circostanze sembrano aver intensificato.

In conclusione, la mostra ha avuto l’effetto di farmi riflettere attraverso il ricordo della madre dell’autore, ricordo da ora in parte comune anche a me, ma, soprattutto, ricordo indelebile sulla pellicola delle foto.

Francesco Zanetti

“Il giardino di mia madre”

Il giardino di mia madre ” è un percorso fotografico in cui vengono presentate molte immagini e ricordi della vita del professor Claudio Sottocornola, accompagnate da un sottofondo musicale. Nella prima parte del video le immagini riguardano esclusivamente il giardino della madre, fotografato con diverse inquadrature e durante varie stagioni dell’ anno, con dei primi piani su molti fiori colorati. Tutto ciò mi ha suscitato una sensazione di familiarità, come se mi sentissi a casa, ricordandomi il grande giardino dei miei nonni materni, mentre l’accompagnamento musicale, unito alle immagini degli splendidi fiori colorati e al cinguettio degli uccellini, mi ha fatto sentire sereno e allegro. Al contrario, il giardino e le strade innevate, con il cielo terso e nuvoloso, mi hanno dato una sensazione di gelo e tristezza, dovuto anche al contrasto con le foto precedenti, in cui il giardino era pieno di vita e di colori. Ho trovato molto interessante questa prima parte della pellicola,  in quanto mi sono sentito coinvolto, con un sacco di ricordi che mi tornavano in mente. La seconda parte della slide-show, riguardante l’America, il Sud Italia, le isole, Roma e i tramonti è ancor più spettacolare e scenografica, ma da un punto di vista emotivo mi sono sentito meno chiamato in causa, perché ho poca familiarità con quei luoghi.

Working Class

Anni ’60
Si intitola ‘Anni ’60′ la terza parte del nuovo progetto web del ‘filosofo del pop’: giovedì 31 maggio sul sito www.claudiosottocornola-claude.com sarà visibile la lezione-concerto dedicata ad un periodo in cui si affacciavano alla ribalta personaggi come Bob Dylan e Allen Ginsberg, Andy Warhol e Lou Reed (continua…)

La lunga estate degli anni ’60

Ci sono nella storia umana età che perdono il loro carattere contingente e determinato e si caricano dei significati del mito, col suo potere evocativo, catartico e aggregante. Tali sono, per esempio, l’età di Pericle in Grecia e il Rinascimento italiano. (altro…)

Scuola di note
L’artista bergamasco ha pubblicato il libro e cd «Giovinezza… Addio – Diario di fine ’900 in versi». All’interno una ricerca su venti canzoni italiane, dalla Caselli a Venditti

«La musica è inspiegabile. In ultima analisi, incomprensibile. Ma è possibile insegnare come aprire le porte al rapimento. Si può e si deve. Insegnare la musica ai giovani è un dovere etico». Sono parole di Riccardo Muti in occasione delle sue recenti polemiche sullo stato dell’educazione musicale in Italia. (altro…)

Working Class

Decenni
Si intitola ‘Decenni’ la seconda parte del nuovo progetto web del ‘filosofo del pop’: lunedì 30 aprile sul sito www.claudiosottocornola-claude.com sarà visibile la lezione-concerto dedicata ad alcuni momenti chiave della storia della canzone italiana (continua…)

Claudio Sottocornola Claude:
‘orco’ e ‘sciamano’ in viaggio tra musica, storia e costume

“Il buon storico somiglia all’orco della fiaba: egli sa che là dove fiuta carne umana, là è la sua preda”. La celebre frase dello storico francese Marc Bloch è una perfetta chiave d’accesso per comprendere l’opera di approfondimento e divulgazione che Claudio Sottocornola Claude svolge sulla canzone italiana. (altro…)

Alessia Biasiolo

Dal tempo al tempo

Ciò che passa, ciò che resta.
Un Amore bambino che non smette di esistere, anche se nudo, all’addiaccio di un genere umano che tanto l’agogna quanto meno lo riconosce. (altro…)

Augusta Dentella

Il pane e i pesci

Si è tenuta il 15 aprile alla Libreria Buona Stampa di Bergamo la presentazione de “Il pane e i pesci” (4 voll., pp. 958, ed Cld-Velar, Euro 32), un’opera tra giornalismo, spiritualità e teologia, nella quale l’autore, Claudio Sottocornola, ordinario di Filosofia e Storia e docente di Storia dello Spettacolo alla Terza Università di Bergamo, raccoglie scritti redatti dal 1980 al 2010, nel segno di un’indagine sul sacro e sul simbolo in rapporto alla memoria e al territorio. (altro…)

Antonio Falcone

Il pane e i pesci, ovvero “del Dio condivisibile”

Dopo il saggio The gift – Il dono, Claudio Sottocornola presenta ora Il pane e i pesci (Editrice Velar), opera in tre volumi, La spiritualità eucaristica di Charles de Foucauld nella sua vita, Scritti cristiani per la gente di Colognola, Scritti spirituali giovanili, citazioni, appunti, aforismi, cui si aggiunge un libretto introduttivo, My status quaestionis 2010 (altro…)

Claudio Sottocornola

La cometa nella notte occidentale

Non so cosa mi abbia spinto a ricercare, dentro le “sudate carte” della mia giovinezza, le tracce di un passato da salvare e mettere al riparo dalla perdita, ma è vero che, ad un certo punto, ho incominciato a rileggerle, selezionarle, aggregarle, e oggi siamo ormai, dopo un paio d’anni di ricerche fra quaderni, agende e diari, a un’impaginazione, faticosa e prolungata , di questi “Scritti giovanili”, in cui un po’ ritrovo la mia storia, quella della mia famiglia, e della gente intorno a me. (altro…)

Giulio Brotti

Sottocornola, scritti religiosi per uscire dalla mediocrità
Ogni giorno fare un passo fuori dalla mediocrità”. Questo proponimento, che figura in una pagina diaristica di Claudio Sottocornola, può anche implicare, per un credente, il compito di intuire e testimoniare la presenza del divino nell’apparente confusione del tempo profano. (altro…)

Rossella Martinelli

Alla libreria La Buona Stampa la trilogia di Claudio Sottocornola
BERGAMO – Questo pomeriggio (ore 18) nella saletta presentazioni della libreria Buona Stampa di Bergamo, Claudio Sottocornola presenterà al pubblico e alla stampa la trilogia Il pane e i pesci (Velar Edizioni), che raccoglie scritti dal 1980 al 2010, in cui l’autore scandaglia le diverse facce ed evoluzioni della spiritualità contemporanea (altro…)

Giovanni Meneghello

Il pane e i pesci, una innovativa ricerca spirituale
Trilogia di scritti spirituali che compiono con innovazione e curiosità una rilettura del sacro: «Si tratta di un recupero della memoria spirituale, nel segno di un’archeologia del simbolo e di una ermeneutica del sacro, che testimoni il rapporto con il proprio spazio e il proprio tempo», ha dichiarato l’autore presentando il lavoro. (altro…)

Daniela Palumbo

Pani e pesci per l’uomo di oggi
Un viaggio fra i fantasmi postmoderni e post-capitalistici, alla ricerca dell’assoluto (altro…)

Rossella Scherl

Interdisciplinarietà e ricerca dell’universale
Buonasera. Grazie di essere qui per la presentazione della trilogia “Il pane e i pesci” di Claudio Sottocornola.
Grazia a Roberta, a Giuseppe, a tutto lo staff della libreria Mondadori che ci ospita e ha messo a disposizione lo spazio del salotto letterario per allestire la mostra “80’s/Eighties (laudes creaturarum ’81)” che resterà aperta fino al 31 agosto. (altro…)

Redazione

Il pane e i pesci
Raccolta di scritti di varia natura che coprono il trentennio 1980-2010 (altro…)

Lezioni Concerto – Impressioni, emozioni, idee: parla il pubblico

Al termine di alcuni cicli di lezioni-concerto è stato chiesto ai partecipanti di esprimere, per iscritto e in forma anonima, le loro impressioni, che sono ora in archivio presso la CLD/Productions. Quelle che seguono sono rappresentative del tono generale:

“Piacevole. Interessante. Scanzonato. Colto (Piacevolmente colto!). Un bel riassunto, necessario per ricordare in un colpo solo tante sensazioni”.

“Un corso originale, vivo, coinvolgente. Ottima l’interpretazione dei brani. Ho imparato il nesso inscindibile tra storia, società e canzone”.

“Ottimi interpretazione, spiegazione, ambiente. Gradirei fosse ripetuto”.

“E’ stato piacevole risentire canzoni che conoscevo e interessante approfondirne i testi”.

“Ottimo la lettura storico-critica, l’ambientazione sociale, l’interpretazione. Le canzoni … non sono solo canzonette … ma la colonna sonora del tempo in cui nascono”.

“Ho completato la mia cultura musicale sulla canzone italiana”.

“Mi è piaciuto tutto”.

“Mi ha dato tanta serenità e gioia. Grazie”.

“Il profe è molto competente e sa esprimersi in modo chiaro e con un linguaggio accessibile a tutti. Mi è servito ad alleggerire la vita quotidiana. Ho imparato a rilassarmi”.

“Da ripetere. Perché mi è piaciuto!.

“Complimenti per la voce e per la scelta. Tutto ottimo. Ho passato pomeriggi molto piacevoli”.

“Ritengo che il corso sia ben organizzato, in quanto vi è un’equa distribuzione tra il tempo riservato alla spiegazione e quello riservato alla interpretazione dei brani, che permette di avere così un continuo riscontro di ciò che viene detto”.

“Partecipando a questo corso sono venuto in contatto con un nuovo modo di avvicinare la musica, più coinvolgente e interessante. Anche il tema trattato mi ha interessato e stimolato a conoscere nuove canzoni, nuovi autori”.

“Molto bene spiegazione e interpretazione dei brani. Mi è piaciuto associare musica con storia e “sociologia”, evoluzione del costume. Ho molto apprezzato questo nuovo “modo” di fare musica”.

“Ottima la sintesi tra semplice spiegazione e interpretazione, che ha reso il ciclo di incontri più interessante e coinvolgente”.

“Interessante, temevo di annoiarmi e invece sono rimasto molto sorpreso dall’interesse che mi ha suscitato. Penso che sia stato trattato tutto in modo molto completo. Che cosa posso suggerire al prof? Magari di tingersi i capelli di verde: sarebbe una trovata simpatica!”.

“E’ stato molto interessante, anche perché l’alternanza tra spiegazione e interpretazione dei brani favorisce una maggior concentrazione e predisposizione all’ascolto. Inoltre la spiegazione è utile per riuscire a collocare cronologicamente un brano musicale, magari molte volte ascoltato, ma di cui si ignora completamente la filosofia e il backgrownd. Sicuramente ho conosciuto più approfonditamente autori e contenuti che precedentemente sentivo citare, e che ora credo di riuscire ad inquadrare meglio anche dal punto di vista cronologico”.

Claudio Sottocornola Claude: ‘orco’ e ‘sciamano’ in viaggio tra musica, storia e costume

Donato Zoppo

Il buon storico somiglia all’orco della fiaba: egli sa che là dove fiuta carne umana, là è la sua preda”. La celebre frase dello storico francese Marc Bloch è una perfetta chiave d’accesso per comprendere l’opera di approfondimento e divulgazione che Claudio Sottocornola Claude svolge sulla canzone italiana. (altro…)

Scuola di note

Michele Fumagallo

L’artista bergamasco ha pubblicato il libro e cd «Giovinezza… Addio – Diario di fine ’900 in versi». All’interno una ricerca su venti canzoni italiane, dalla Caselli a Venditti

«La musica è inspiegabile. In ultima analisi, incomprensibile. Ma è possibile insegnare come aprire le porte al rapimento. Si può e si deve. Insegnare la musica ai giovani è un dovere etico». Sono parole di Riccardo Muti in occasione delle sue recenti polemiche sullo stato dell’educazione musicale in Italia. (altro…)

Non voglio essere un poeta… ciò che voglio fare è ballare. Prince, D.M.S.R.

Claudio Sottocornola

Ho sempre avvertito il fascino dell’essenzialità. E nella musica, da adolescente, questo ha voluto dire l’occhio di bue sulla piccolissima Edith Piaf e la sua teatrale, ingenua e mirabile gestualità, o la magnetica presenza scenica di Charles Aznavour, ma anche il carisma della Pavone anni ’70 nel suo repertorio internazionale, accovacciata sugli assi di un palcoscenico e illuminata da un riflettore che ne ingigantiva l’ombra… Sì, ho sempre diffidato di meccanismi hollywoodiani, effetti speciali e abiti di scena. (altro…)

Una serata col filosofo del pop Claudio Sottocornola

Carlo Curto

Poesia e musica, insieme a raccontare la storia, quella individuale,   ma anche quella collettiva che, dagli anni ’60 del Novecento, ci ha accompagnato   al traguardo del nuovo millennio. (altro…)

A proposito di “Miss(ing) Italia”

Giuliana Duret

Claudio Sottocornola, che insegna Storia e Filosofia nel nostro liceo e Storia della canzone e dello spettacolo alla Terza Università di Bergamo, ha dato a questo spettacolo un titolo un po’ strano, ambiguo, “Miss(ing) Italia”, con questo ing del gerundio tra parentesi, che spiazza e rovescia un po’ la nostra supposizione. Miss Italia o Missing Italia? (altro…)

Canzone popolare e identità italiana

Claudio Sottocornola,
con gli alunni della classe 5I 2010-2011,
Liceo scientifico “L.Mascheroni”, Bergamo

Un insegnante presenta un’esperienza fra didattica e performance nell’anniversario dell’unificazione.

Non è facile essere artisti e docenti, far passare qualcosa della creatività che ci spinge a inventare musica, poesia, immagini, nella didattica del quotidiano. Mi hanno aiutato a saltare l’ostacolo l’esperienza di giornalista free-lance −grazie a cui ho incontrato e intervistato negli anni i grandi dello spettacolo italiano, da Morandi alla Pavone, da Manfredi alla Fracci, da Bramieri a Milva (altro…)

Una notte in Italia

Claudio Sottocornola

Le radici popolari della nostra cultura sono da rintracciarsi anche, soprattutto a partire dal dopoguerra, nella cosiddetta “musica leggera” che, dagli anni ’50 in poi, ha costruito, come la tanto vituperata televisione, una difficile unità linguistica, un immaginario condiviso ed una sofferta identità comune. (altro…)

Spiega Nietzsche sulle note di Vasco

Nicoletta Prandi

Claudio Sottocornola insegna storia e filosofia al liceo Sarpi, ma da anni si applica con passione anche alla musica. Tour, esibizioni, cd e ora un dvd: un’attività frenetica in chiave multimediale che sta alla base della sua didattica: “Ai miei studenti faccio capire che dalla seconda metà del ’900 l’arte nasce dall’incontro con le masse” (altro…)

La sostenibile leggerezza del pop nella voce di un interprete-filosofo

Fabio Cuminetti

Concerto in DVD per Sottocornola

Bergamo (cfb). Che rapporto c’è tra filosofia e musica pop, tra il mondo della profondità e quello dell’effimero, o quanto meno della leggerezza? Di stretta affinità, sembra suggerire l’esperienza di Claudio Sottocornola Claude, professore di storia e filosofia, critico musicale e, da qualche anno, anche interprete della canzone d’autore italiana. (altro…)

Una cultura al ritmo del pop

Orsola Mirò

Per Claudio Sottocornola, docente di Storia dello spettacolo, la canzone è una forma di cultura popolare: De André e Battisti sono diventati classici, Mina, Vanoni e Patty Pravo hanno cambiato l’immagine della donna, i giovani si rispecchiano nei teen-idols (altro…)

Filosofia cantando

Maria Imparato

Claudio Sottocornola: da filosofo di professione a interprete vocale

Rimanda ad un’antica tradizione socratica l’immagine del filosofo-cantore che distribuisce il proprio sapere anche attraverso la rielaborazione musicale dei contenuti teoretici. Non c’è dunque da stupirsi se un “filosofo di professione”, come Claudio Sottocornola, ordinario di Filosofia e Storia al Liceo Classico “Paolo Sarpi” di Bergamo, nonché giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dal 1991 e docente di “Storia della Canzone e dello Spettacolo” presso la “Terza Università di Bergamo”, si sia scoperto musicista, dedicandosi non solo allo studio del pop-rock dagli anni ’50 ad oggi, ma divenendo lui stesso interprete vocale dei testi musicali presi in esame. (altro…)

Il filosofo “prestato” alla canzone

Prendete un professore di Filosofia e Storia, ordinario in un prestigioso Liceo classico, mixate con un giornalista free-lance che dagli anni ’80 si occupa di spettacolo, TV e canzone, aggiungete un originalissimo interprete dei classici della canzone e avrete un cocktail nuovo e attuale, un segnale della direzione in cui si muove oggi una parte del mondo della cultura o, quantomeno, un soggetto con la vocazione del precursore culturale e l’amore del pop. (altro…)

Un pop… di professore

Caterina Migani

In una fredda mattina di novembre, mese malinconico e senza sorprese, abbiamo conosciuto il Prof. Claudio Sottocornola, personaggio allegro e spontaneo, che di sorprese ce ne ha fatte fin da subito; ha sfatato il luogo comune del Professore austero e cattedratico, chiedendoci di “dargli del tu” e ha espresso grande entusiasmo per l’intervista e per Bg24cento, apprezzando specialmente il team giovane; ma soprattutto ci ha stupiti con un curriculum veramente infinito e variegato. (altro…)

Sottocornola e la storia della musica

Laura Ceresoli

Sipario alzato sui tre cd realizzati dal critico musicale

Bergamo – Un lavoro di rilettura interpretativa che affonda le proprie radici nella storia della musica italiana. Una trilogia che racchiude alcuni dei migliori episodi del pop e della canzone d’autore. E’ questa l’essenza dei tre cd realizzati da Claudio Sottocornola, ordinario di Filosofia e Storia al liceo «Sarpi» nonché critico musicale e docente di Storia della canzone e dello spettacolo alla Terza Università di Bergamo. Ben 33 pezzi che, questo pomeriggio dalle 17,30 alle 19, verranno presentati al negozio «Dentico Dischi» in via Cesare Battisti. (altro…)

“I trascendentali traditi” di Claudio Sottocornola,
fra “pensiero debole” e “pensiero forte”

di Agata Salamone

Ci capita di fare le letture che ci servono, come se, nello scegliere un libro, seguissimo l’ordine delle nostre necessità interiori. Un libro che ci capita a proposito, come per una magica serendipità, inaspettatamente, suscita una certa sorpresa. A me è capitato leggendo questo ultimo lavoro di Claudio Sottocornola. (altro…)

I trascendentali traditi

di Alessia Biasiolo

Una dedica a Pier Paolo Pasolini e nove brevi conversazioni sui trascendentali, ovvero quei “caratteri che appartengono all’essere in tutta la sua estensione”, secondo la rigorosa definizione di Vanni Rovighi, che delinea con chiarezza la portata di quei concetti, come bene, verità, bellezza, unità che i filosofi medievali predicavano di tutto il reale, nel solco di un ottimismo metafisico culminante nel pensiero di Tommaso d’Aquino (altro…)

I valori e il declino dell’Occidente

di Augusta Dentella

Un’ode al valore, comunque lo si voglia definire e intendere, un invito ad andare “oltre” le istanze del “bisogno” come richiamo immediato e acritico, una appassionata difesa dell’ideale contro ogni atteggiamento utilitaristico e pragmatico: sono solo alcuni dei motivi che compaiono nel pamphlet “I trascendentali traditi” (altro…)

Un grande affresco degli anni ’80

di Raffaella de Simone

Guardando l’insieme dei 40 collages di “Eighties”, abbiamo davvero la
sensazione di trovarci di fronte alla composizione di un grande affresco che,
giorno dopo giorno, attimo dopo attimo, attraverso riviste, giornali, periodici e
mensili, rappresenta,come in un grande puzzle, la costruzione di momenti
ermeneuticamente significativi, alle soglie del nuovo decennio. (altro…)

Una “modernità classica”, il fascino di “Eighties/’80s”

di Dario Franchi

Nel titolo dato da Claudio Sottocornola a questa serie di collages creati nel
1981 con ritagli di riviste, titolo che usando il latino allude alle laudi di
francescana memoria e usando l’inglese allude alle mode linguistiche della
modernità, è esplicitata tutta la volontà dell’autore di mescolare sacro e
profano, cultura alta e cultura popolare, cultura antica e cultura
contemporanea. (altro…)

“Eighties/80′s”: una favola mitologica e premonitrice

di Luca Catò

E’ il 1981, Claudio ha ventidue anni, è convalescente da una malattia e dalla
luttuosa scomparsa del padre.
Non è possibile, in nessun modo, prescindere dal contesto, ogni prospettiva ne
verrebbe falsata. (altro…)

Tra suono, forma e colore:il gesto misterico di uno sciamano

di Agostino Bacchi

Credo che poche persone abbiano cercato un loro personale percorso
espressivo con tanta intensità, con così bruciante fervore come ha fatto
Claudio Sottocornola. (altro…)

Oniricamente penso l’essere

di Claudio Sottocornola

Mi sono sempre posto il problema della autenticità. Che è poi il problema
ermeneutico della verità.
Sembrerebbe che la verità sia più rintracciabile in contesti spontanei, affettivi,
selezionati e/o circoscritti. Lasciar fuori il diverso, l’altro, lo straniero, il
nemico, l’infedele, il “male”. (altro…)

Sottocornola loda gli anni ’80: il filosofo e giornalista studioso del pop ospite al Caffè Letterario con 40 collage e un dvd che celebrano un’epoca

In mostra dal 9 al 15 giugno al Caffè Letterario di via San Bernardino, 53 a Bergamo il ciclo “Eighties/80’s”, quaranta collages realizzati dal filosofo e giornalista studioso del pop Claudio Sottocornola nel 1981, a ventidue anni, con materiale di ritaglio da riviste, rotocalchi, periodici dell’epoca, in un singolare “pastiche” di cultura “alta” (altro…)

Anni ’80: effimeri e scintillanti

di Fabio Cuminetti

Da Ornella Muti a Carlo d’Inghilterra, da Giorgio Benvenuto a Brooke Schields, da Sandra Milo a Nancy Reagan. E poi Giovanni Paolo II, Adriano Panatta, Dalila di Lazzaro, le top model… ma anche il digestivo Antonetto, la spider Alfa Romeo, i divani Chateau d’Adx, le scarpe Brooks. (altro…)

Un tuffo negli anni ’80

di Laura Ceresoli

Un viaggio figurativo tra le atmosfere vintage degli anni ’80. Una sorta di lauda pop nella quale pubblicità, moda, divi e personaggi dell’epoca si incrociano sapientemente in una serie di collages variopinti. Si tratta di opere di indubbia originalità scaturite dal genio creativo di Claudio Sottocornola. (altro…)

Gli anni ’80 nei collage del prof-artista:
volti noti, pubblicità e poesie nella mostra di Claudio Sottocornola

di Bruno Silini

Ci sono un po’ tutti i personaggi che hanno caratterizzato, ognuno a suo modo, gli inizi degli anni ’80.
Facce note, vip del piccolo schermo, sportivi in auge che l’artista Claudio Sottocornola mescola, nei suoi grandi collage, a pubblicità di scarpe e divani, inserendo citazioni di grandi dell’arte come Piero della Francesca, Botticelli, Michelangelo e Picasso. (altro…)

Viaggio nella filosofia di un collage tra poesia, armonie e arti figurative

di Maddalena Brunetti

Alle suggestioni dell’arte figurativa si aggiungono quelle della poesia che assieme incontrano la musica. Alle 17 di oggi verrà inaugurata, negli spazi della Cgil, l’esposizione “Anteprima – 80’s/Eighties (Laudes creaturarum ’81)” di Claudio Sottocornola, a cura del’associazione LavoroDopo. (altro…)

Siderno fa un salto nei favolosi anni 80

di Gabriella Lax

Siderno (RC) Un grande affresco, una sorta di cappella “Sistina” di elementi, pubblicità e, soprattutto, personaggi che hanno caratterizzato i favolosi anni Ottanta. Dopo il successo registrato in queste settimane, chiuderà oggi a Siderno, presso la sala Calliope della libreria Mondadori, il ciclo “Eighties/80’s”, quaranta collage realizzati dal filosofo e giornalista, originario di Bergamo, studioso del pop Claudio Sottocornola (altro…)

L’immaginario collettivo degli anni Ottanta in un “collage”

di Aristide Bava

Siderno. Si è chiusa, presso la Libreria Mondadori all’interno del Centro commerciale “La Gru”, la mostra itinerante “80’s/Eighties (laudes creaturarum ’81)”, che propone quaranta collage giovanili realizzati da Claudio Sottocornola, nel 1981, quando l’artista aveva solo venti anni. È stata una iniziativa culturale molto significativa. (altro…)

Sacro, profano e quotidiano

di Claudio Sottocornola

È un fatto che i Santi da cui il mondo contemporaneo è più colpito sono quelli che hanno saputo realizzare una sintesi potente tra il Visibile e l’Invisibile, abbattendo gli steccati che separano sacro e profano, immanenza e trascendenza, Dio e mondo: è il caso di S. Francesco d’Assisi (altro…)

La filosofia della cultura di massa

Una coversazione con il “filosofo del pop” Claudio Sottocornola di Marinella Ciamarra e Paolo Di Lella il Bene Comune (3,2012)

Altre gallerie | Commenti disabilitati

Tour Benevento Campobasso

Il filosofo del pop dialoga con il giornalista Donato Zoppo presso la Libreria Luidig di Benevento: il senso della vita, il declino della civiltà occidentale, la forza del “popular” e delle sue manifestazioni artistiche, osservati dalla straniante prospettiva dei “trascendentali” della filosofia medievale. Un viaggio post-moderno fra Tommaso e Vattimo, fra pensiero “forte” e pensiero debole.

Processo a Sottocornola: intervista B-Magazine

B-Magazine, Un filosofo pop che strizza l’occhio al Medioevo…(estratto)
…Il tentativo di Sottocornola di tradurre i suoi studi in recitals e di aprire la filosofia ai linguaggi, più prossimi ai giovani, del cinema e della musica, è da questo punto di vista emblematico. Più che stravolgere la figura canonica del professore ingessato, si tratta di rompere con l’idea di una tradizione culturale legata esclusivamente ad una trasmissione verbale e libresca, chiusa agli stimoli concettuali propri di altri linguaggi. Per consentire al professor Sottocornola di approfondire gli aspetti del suo discorso che abbiamo trovato più convincenti e per chiarire quelli che hanno stimolato l’ipercriticità tipicamente bmagazineriana, improvvisiamo un Tribunale dell’Inquisizione popfilosofico nei solenni spazi della Luidig. Per consentire una registrazione audio di buona qualità si chiudono le porte. Sembra una vera congiura, come il professore non manca di notare con un ampio sorriso. Ci concede di buon grado un’ora del suo tempo e risponde a tutte le domande. Di seguito, i verbali del nostro Processo a Sottocornola, dal vago sapore di una quaestio scolastica, tanto amata dai trascendentalisti medievali…
Intervista a Claudio Sottocornola di Guido Bianchini e Alessandro Paolo Lombardo (versione audio integrale)

Audio MP3

La filosofia della cultura di massa

Una conversazione con il “filosofo del pop” Claudio Sottocornola
di Marinella Ciamarra e Paolo Di Lella

Il bene comune (3,2012)

Tracce audio da “L’appuntamento/collection”

- Meravigliosa creatura

Audio MP3

- Cuore

Audio MP3

- Acqua e sale

Audio MP3

- Estate

Audio MP3

- Ebb tide

Audio MP3

- Se perdo te

Audio MP3

- Il portiere di notte

Audio MP3

- Neve

Audio MP3

- Caruso

Audio MP3

- Meraviglioso

Audio MP3

- Sentirti

Audio MP3

- Addormentarmi cosi

Audio MP3

- Vorrei che fosse amore

Audio MP3

- Brividi

Audio MP3

- Troppo tardi

Audio MP3

- Ma l’amore no

Audio MP3

- Ogni volta

Audio MP3

- My Way

Audio MP3

- Ma cos’è questo amore

Audio MP3

Il bicchiere

Non avevo nuove esperienze
da raccontare:
per vivere ancora qualche ora
dove cambiare, migrare altrove
– restando fedele allo stormo –
sforzarsi una qualche allegria.
Mi sforzerò una qualche allegria
stasera: uscirò, farò una lunga
passeggiata, sorriderò dentro,
mi figurerò il bicchiere mezzo-pieno.

14 agosto 2008
ore 20.05-20.10

Il mare torna d’improvviso a svolgersi

Il mare torna d’improvviso
fra le nebbie dell’anno
come quando studiavo
all’università…
Qui la vita, l’illuminazione,
il tempo ancora
da svolgersi, le stagioni
di là da venire…
la luce tremula, la linea,
dannata linea mai tagliata
sempre persistente eppure
assoluta – come lama – all’orizzonte.

9 febbraio 2003

Come una foglia di lillà

Come una foglia di lillà
alla penombra dei bersò,
che vuoi tu dalla vita
se non questo fruscio,
questo alternarsi di freddo
e caldo, questo ritorno,
più maturo, di quiete?

26 agosto 1996

Il temporale

Ritorna un temporale
a turbare di nuovo
questo cuore, che,
evidentemente, vive
ancora.

26 agosto 1996

(Gli haiku)

La prima neve
è già caduta
e se n’è andata,
il grido del merlo
in cortile
mi rallegra ancora,
qui silenzi, malintesi,
slanci sopiti.
E l’odore dei dolci
natalizi che, come sempre
a questo punto dell’anno,
profuma la casa.

29 dicembre 1995

Andrò dunque

Andrò dunque
toccherò il mio fondo
mentre tu ti librerai
in alto, due movimenti
contrari che ci porteranno
lontano. Sarai splendente,
finalmente libera da me.

4 settembre 1994

I fili della mente

I fili della mente
sono quasi inestricabili
ora per me;
afferrarne uno
non mi è possibile,
come non è possibile
alla canoa procedere
sull’acqua, senza remi.

21 febbraio 1994

Oh malinconia che torni

Oh malinconia che torni
a dirmi vita,
in questa primavera che
ritorna, non più
splendente come allora…
senza più domande che urgono,
la strada da percorrere
chiara, irresoluta la vita
e già passata la metà
senza un chiaro segno,
più grande che il lavoro
quotidiano.

2 aprile 1993

Che fredda questa notte

Che fredda questa notte
a trentaquattro anni
a Bergamo,
un brivido lungo la schiena
sale nella sera,
i fari delle auto trafiggono
il buio dell’anima
e, oh, orrore, Baglioni
mi tiene compagnia,
perché andare lontano
è bello ma inutile,
solo ai primi freddi –
oh, due ragazzi pomiciano
dolcissimi… –
io guido verso casa
sapendo che il meglio
è già passato,
se ne va via
e gioia è ancora dolersene.

24 ottobre 1992

Il cielo si addensa di neve

Il cielo si addensa di neve
sulla città illanguidita
di favole elettriche
e bar dei balocchi
presagi invernali
…ottimismo – trasecolante
viola della sera
al mormorio dei fiocchi
che di nuovo cadranno
e tutto bianco, freddo e bagnato sarà.

9 novembre 1991

Il gesto

Il gesto inizia
assurdo
ed impotente.
Muove lentamente
piano a perpetuare.
E dopo osato
si ricompone.
Di gesti assurdi
è, stanca, la vita.

dicembre 1976

Non ti farò violenza

Non ti farò violenza nelle forme
com’è l’usato inganno
da cui trae certezze
il mondo e consolata
dannazione, e morte.
Ti lascio intatta
verità palpabile,
chiaro mistero
di baci e carezze. E tu,  se puoi,
non rubare segreti
a un cristallo di sole.

luglio 1977

La vita (amore, morte, dolore)

Non voglio più leggere
i sonetti di Shakespeare
né i canti di Rimbaud
o Mallarmé da quando
ti ho veduta sparente
fra le aule dei Padri
della Chiesa
giacché arrecherebbero bruttura
alla linea di canto che
da te si espande in te -
mi piace pensarti
ineffabile
riconciliarsi in te …

e in fondo
questo solo basti a
una vita, alla mia almeno
il dire
io vidi il Bello

poi nulla

dune di cenere
ricoprono il tuo corpo
il vento le disperde e rade

Talvolta
mi consola il silenzio
infinito del Pensiero.

21 gennaio 1980

Ti ho veduta attraversare

Ti ho veduta attraversare
la città leggera
dei tuoi giovani anni
e chiara nel mattino
operoso

nuovamente incrociandomi
mi avrai diversamente
veduto giacché
dei miei giovani anni
andavo ubbriaco stanco

avevi gli occhi sicuri,
sicuri e fuggitivi,
dicevi “è ora, ora ch’è primavera…
di perdersi, di espandersi…”
ed eri bella e pùlita
nelle forme

pensavo – è questa una
quaresima di lacrime
e d’attese …

stupivo che un’altra stagione
negli occhi tu volevi esser me
ed ora io t’imitavo

tremavo
come nell’acqua stagna
un ramo stecchito
e nudo smuove
una corrente…

fine marzo ’80

Oh, com’è bella la città

Oh, com’è bella la città
dietro le vetrine di un bar
come una piramide di voli
di clacson e auto sull’asfalto
e di lumi per l’aria
e musica nelle orecchie
musica leggera
che dobbiamo imparare
per non restare fermi
e continuare a volare
a guidare e a suonare
clacson nella città che corre
dentro le vetrine di un bar
coi suoi colori gialli e rossi
nell’aria impazzita di
marocchina cosmopolita frenesia
nel villaggio globale
come una piramide di voli
l’uccello della pace
porta buone nuove
scorrendo il giornale
variando i motivi
bevendo pomeridiani
aperitivi…
perdendo nozione
come un ultras della vita
che riposa la giornata
a un tavolino della vetrata
dentro una piramide di voli
ascoltando musica leggera
solo un attimo da schianto.

25 marzo 1991

Spot

Spot spot spot
Alfa Citroen computer
IBM Adidas
piumino arancio
corre su motorino
nel traffico (robustoso
e forte)
Acqua Boario fegato
giovane con capelli
brizzolati passione
del calcio per ritrovarsi
la domenica
odore di petrolio
dai titoli di testa
e magazines opache
la mattina
fotoflash musicali

in Alfa Citroen
i tergicristallo
puliscono il parabrezza
dalla pioggia
(cade appena)

5 aprile 1991

Aprite le finestre

Aprite le finestre
al sole: è primavera.
E gli uomini di cose nuove
si rivestono, avanzano
per le strade d’aprile.
Che importa se tu non hai
lo sguardo
che impetra.
I giorni passano, incedono
maestosi e profumati
verso la definitiva
rivelazione.

12 maggio 1991

Anni ‘60

Gli anni ’60 sfilavano
col treno
il bimbo americano
con il naso in aria
la notte scendeva mitologica
di stelle nel cielo
… i pezzi jé-jé …
L’Enciclopedia Conoscere
insegnava la Geografia e la Storia
Attesa totale.
i fresbee volteggiavano
nell’aria come UFO
asfalto d’autostrade
e campagne, alla periferia
dell’urbe.

maggio 1991

Cerimonia del the

E mi ostino a cercare
lo sforzo che ripaghi
di musica briosa
e femminili archetipi.
Nello sbadiglio represso come
nella cravatta annodata
attendo la mia ricompensa.
La cerimonia del the
deve essere impeccabile
e solo allora svelerà
i suoi segreti.

l gennaio 1992

L’ora legale

L’ora legale impazza
e la primavera ti estenua
come un acquerello randagio.
Oh, come lontano però
il tempo di uscire,
di passarsi una mano fra i capelli!

30 marzo 1992

Viola Porsche cinesi

la bionda giapponesina
dal castello sovrasta
la grande via:
oscura la sera,
come un filo di perle,
dietro la porsche bianca,
livido il cielo annuvolato,
giallo status di questo
secolo, che ammalia
e intorbida ancora …

28 settembre 1992

Betty Boop

Betty Boop non siamo eroi
siamo uomini in coda
e fuori piove grigie anonime
vetrine saldi per tutti
Betty Boop aspettiamo
spesso in modo maldestro ma
così maldestro!
che venga il nostro turno
Betty Boop dolcissima fanciulla
senza età
siamo con te siamo come te
con quel sorriso stanco ma
paziente, la strada formicola
e noi Betty Boop
quante formiche per la strada Betty Boop
con bizzarri pigiama e impermeabili a strisce
come il tuo!
Che dolce Betty Boop:
lavori mangi e stai a
dieta, un po’ ti preoccupi
e un po’ vai al cinema.
Sei troppo distratta Betty Boop,
sempre stata così. E’ che le insegne
ti affascinano, le auto
coi fanali, i clacson
e il profumo di benzina super.
I tuoi passetti! Esitanti, timidi, poi
determinati. Siamo con te, siamo
come te Betty Boop, figurine
di carta ritagliate così,
con simpatia, e la nostra storia
è un dolcissimo cartoon.
Non siamo eroi, Betty Boop,
ma uomini in coda:

I love you

10 ottobre 1992

Domenica cubana

Domenica in amaca
fra banane e televisione
domenica cubana
sprofondata nel sole
anche se fuori piove
domenica fra vallette
aste e culinaria
(grattuggia grattuggia
melanzane),
e il dolcissimo “Corriere … ”,
domenica nel piacere
dell’ozio, senza programmazione,
domenica dopo il bagno caldo,
e il radersi la barba
senza più niente da fare
senza più niente da dire …
domenica con la telefonata
a un amico sul più
e sul meno
domenica senza pensieri
e senza amore.

11 ottobre 1992

Moralità

Il gesto morale è figlio
della scelta. E non sai
quanto costa. C’è un tempo
della vita in cui le opzioni
ti si offrono come somma
golosa, e tu vuoi solo
abbuffarti. Ma come suggeriscono
i ritratti del Moroni, Ingres
e il Tiepolo, lo sguardo si deve
fissare, concentrare, e l’uomo
deve eleggere.Nel poco sta
il bene o, meglio, il tutto.
E vorrei aver già scelto …

13 dicembre 1992

Specchio delle mie brame

Specchio specchio delle mie brame
chi è la più bella
del reame?
Specchio di musica
e stagno, specchio
di luna e di lame,
di bianche trine,
specchio di viados
argentini, di notte nera
e labbra rosse su microfoni
impazziti, specchio di musica
e primedonne sconsolate
statuine atteggiate,
note svariate fra Martini
e stazioni affollate abbandonate,
notte d’un tratto che sei
fredda di vento che soffia
piano, specchio delle mie brame
chi è la più bella del reame?

23 febbraio 1993

Oscurità

Scendo dalla valle
verso casa, nel buio
della sera. I fari delle auto
intercettano l’aria
come lucciole. Nel mio pellegrinaggio,
ora che incombe la notte,
presagio della meta,
conforto a tratti.

15 novembre 1993

(I)

No, non viviamo più nel paesaggio scabro e solare della Magna Grecia, dove l’Essere si dava con generosità e rigore, né negli orizzonti misteriosi e notturni della Trascendenza medievale, ma nel desolato paesaggio tecnologico post-moderno, che ci sovrasta e annichila con la sua presuntuosa – ed efficiente – immanenza. (altro…)

(II)

Ho sempre avvertito una ferita, un dolore, un disagio, quando qualcuno non riconosce la bellezza: e derubrica un paesaggio, una persona, un quadro, uno scritto, come “brutti”. (altro…)

(III)

È quindi volgare e malinconico lo stereotipo che divide il bene, quello magari dei giovani middle-class, dei papa-boys e degli eterosessuali, dal male degli sbandati, dei senzatetto, degli alcoolisti, dei drogati o degli omosessuali… (altro…)

(IV)

Se pensiamo all’inutile movimento delle masse, alla dispersione senza meta delle folle, e all’ondivago e incerto mutamento delle opinioni trasformate in chiacchiere senza fondamento dai mass-media, ci accorgiamo di quanto la società contemporanea necessiti di questo riferimento alla trascendenza, di questo ricorso e abitudine alla preghiera, strumento di relazione e di conoscenza ormai disatteso dai più. (altro…)

(V)

La quiddità – il determinato, il qualche cosa, ciò che ogni realtà è – ci sprona ad accettare, gli ambienti, le persone, l’aria, le cose intorno a noi… che invece spesso disprezziamo, ignoriamo, mortifichiamo, persi dietro al sogno di un altrove che – legittima figura della speranza e del sogno – non deve però mai offuscare la bellezza del paesaggio reale, del concreto storico in cui ci muoviamo, viviamo, agiamo. (altro…)

Giancarlo Carminati

Il pane e i pesci,
Colligite fragmenta ne pereant

Il titolo della presente trilogia richiama l’episodio evangelico della moltiplicazione dei pani e dei pesci: figure dell’eucarestia cristiana, di una fraternità allargata, di un dono escatologico, che va oltre la promessa dei figli dell’uomo. Dopo la immagine evangelica, si è voluto citare il comando di Gesù ai discepoli dopo l’evento miracoloso: raccogliere perché nulla dei pani avanzati vada perduto. (altro…)

Augusta Dentella

Una vita cercando l’ineffabile

Recensire un volume di citazioni, aforismi, appunti, programmaticamente frammentario e pure snodantesi sull’arco di un trentennio, non è cosa facile. Si potrebbe procedere per assaggi, e sceverare i riferimenti alla spiritualità, alla filosofia o alla letteratura che lo attraversano e impreziosiscono, oppure soffermarsi su una parte del percorso e analizzarla. (altro…)

Lino Maggioni

Quei sassolini bianchi

Le grandi trasformazioni di Colognola sono iniziate con un contratto di acquisto e un decreto amministrativo. Nel 1924 è stato definito il contratto di acquisto dell’area destinata alla costruzione della nuova chiesa. Nel 1927 è cessata l’amministrazione comunale autonoma e Colognola è entrata nello spazio cittadino. (altro…)

Augusta Dentella

Restanza , memoria e gente di Colognola

“Restare, allora, non è stata per tanti, una scorciatoia, un atto di pigrizia, una scelta di comodità; restare è stata un’avventura, un atto di incoscienza e, forse, di prodezza, una fatica e un dolore. Senza enfasi, ma restare è la forma estrema del viaggiare. Restare è un’arte, un’invenzione; un esercizio che mette in crisi le retoriche delle identità locali. Restare è una diversa pratica dei luoghi e una diversa esperienza del tempo”. (altro…)

Ezio Bolis

Attualità di una ricerca

Non è facile accostare la figura di Charles de Foucauld e comprenderne subito lo spessore umano e spirituale. Per molti versi, egli rimane un enigma: nessuna definizione sembra adeguato a definirlo. Non può essere considerato un monaco o un eremita nel senso che questi termini assumono tra l’Ottocento e il Novecento. (altro…)

Augusta Dentella

Per riscoprire Charles de Foucauld

“Se mi si parla di studi, spiegherò che mi piace moltissimo restare fino al collo in mezzo al grano e nel bosco, e che provo una ripugnanza estrema per tutto ciò che tendesse ad allontanarmi da quest’abiezione nella quale desidero sprofondare sempre più…”. (altro…)

Francesca Grispello

The Gift: Claudio Sottocornola agli studenti della maturità

La conoscenza, l’amore e il dono sono gli argomenti del volumetto che il ‘filosofo del pop’ consegna ai suoi allievi maturandi alla fine di un anno scolastico: un gesto di affetto e un augurio per il futuro (altro…)

Antonio Falcone

Il “dono” di Claudio Sottocornola: riscopriamo la progettualità della vita

Ho conosciuto Claudio Sottocornola, ordinario di Filosofia e Storia a Bergamo, nell’estate del 2009, in occasione della presentazione presso la Bibliomediateca Comunale “Armando la Torre” di Siderno del suo bel libro di poesie Giovinezza addio (1974-1994-Diario di fine ‘900 in versi). (altro…)

Augusta Dentella

La vita è un dono

Che cosa può donare un docente ai suoi allievi se non il suo educare, il suo insegnare giorno dopo giorno i fondamenti della propria disciplina e della propria esperienza?

(altro…)

Donato Zoppo

“La semplicità è una complessità risolta”:
il nuovo percorso di Claudio Sottocornola
“Alfabeto minimo: 7 note e 21 lettere”. Così abbiamo presentato il 7 maggio 2009 – in quel di Trieste, all’Auditorium del Polo Ricreativo Enrico Toti – la due giorni Musica e parole. Siamo stati audaci, visto che in sette note e ventuno lettere è impossibile racchiudere il mondo e la performance di Claudio Sottocornola.

(altro…)

Francesca Grispello

Il gesto dell’immagine
Quando mi sono trovata dinanzi le bozze del testo che avete tra le mani, mi è balzata in mente una frase di un filosofo a me caro, Maurice Merleau – Ponty: “L’arte non ripete le cose visibili, ma rende visibile”. A mio avviso quest’affermazione può ben riassumere – e non chiudere – il percorso artistico di Claudio Sottocornola. (altro…)

Domenico Cosentino

Nugae, il limbo della memoria
E l’odore dei dolci/ natalizi che , come sempre/ a questo punto dell’anno,/ profuma la casa”. Le riunioni di una famiglia serena, la nonna che prepara pietanze dei giorni di festa, il calore di un camino e le risate di un gruppo di persone che un tempo erano un’unica entità. (altro…)

Augusta Dentella

Gli anni ’70 e altro in un “quaderno di liceo”
Ci vuole del coraggio per aprire – e pubblicare – un quaderno di liceo degli anni ’70, specie se lo studente di allora (ribelle, indisciplinato, ma anche “primo della classe” sui generis) è oggi un affermato docente di filosofia, poeta, critico e quant’altro andremo scoprendo. (altro…)

Giulio Brotti

Nuovo canzoniere tra riflessioni e invettiva sociale
Nugae, nugellae (“inezie”, “bazzecole”): così Petrarca definiva le proprie rime in lingua volgare, raccolte nel Canzoniere. Le stesse parole figurano nel titolo dell’ultimo libro di poesie di Claudio Sottocornola, Nugae, nugellae, lampi. (altro…)

Alessia Biasiolo

Sottocornola: il gusto della domanda, il tempo del pensiero

“come un bambino/ come un bambino chiede/ io mi domando”.

Cosa c’è ancora da domandarsi, al giorno d’oggi? In realtà, a parte tutte le dissertazioni delle quali erano maestri gli antichi greci e latini, noi siamo abbastanza noiosi. E dobbiamo sempre trovare una ragione per le domande. (altro…)

Ilario Pisanu

Una vita alla moviola
Nugae, nugellae, lampi” è una raccolta di poesie, che a ritroso parte dal 2008 fino ad arrivare ai “quaderni di liceo” degli anni ’70. Claudio Sottocornola alterna poesie ad immagini: 42 poesie e 42 tavole fotografiche che si completano e amplificano la funzione mnesica. (altro…)

Giovanni Meneghello

Alla ricerca del mythos fondativo
Con questa nuova antologia poetica, che fa seguito a Giovinezza… Addio (1974-1994) – Diario di fine ’900 in versi, l’autore si cimenta in un ambizioso progetto artistico che coniuga poesia e immagine. (altro…)

Italia Santocchio

Diario di vita fra immagini e poesia

Definito non a caso il Filosofo del Pop, il professor Claudio Sottocornola ci regala un altro diario di vita: Nugae, nugellae, lampi. Quello che mi sono chiesta subito leggendo e sfogliando le pagine di questo libro è stato: “Possono i tempi musicali scandire gli anni della nostra vita?”, e verso le ultime pagine mi sono riposta in senso affermativo. (altro…)

Intervista a Claudio Sottocornola

Intervista a Claudio Sottocornola
di Domenico Cosentino
mangialibri.com

A proposito de “Il pane e i pesci”,
intervista con Claudio Sottocornola

Intervista a Claudio Sottocornola
di Davide Riccio
kultunderground.org

Working Class

Teen-agers di ieri e di oggi
Dal territorio al web, le lezioni-concerto del filosofo del pop arrivano on line: a partire da sabato 31 marzo, ogni ultimo giorno del mese il professore-performer renderà disponibile il suo imponente archivio video dal nuovo sito www.claudiosottocornola-claude.com. Si comincia con ‘Teen-agers di ieri e di oggi’ (continua…)

Non voglio essere un poeta… ciò che voglio fare è ballare.
Prince, D.M.S.R.

Ho sempre avvertito il fascino dell’essenzialità. E nella musica, da adolescente, questo ha voluto dire l’occhio di bue sulla piccolissima Edith Piaf e la sua teatrale, ingenua e mirabile gestualità, o la magnetica presenza scenica di Charles Aznavour, ma anche il carisma della Pavone anni ’70 nel suo repertorio internazionale, accovacciata sugli assi di un palcoscenico e illuminata da un riflettore che ne ingigantiva l’ombra… Sì, ho sempre diffidato di meccanismi hollywoodiani, effetti speciali e abiti di scena. (altro…)

Working Class – Testi critici

C’è infine la ragnatela di artisti totali che operano mischiando non solo i generi musicali, con sperimentazioni di vocalità a volte davvero grandi, ma intrecciando le varie espressioni artistiche (musica, arte, poesia) con un uso davvero interessante delle note musicali. Il caso di Claudio Sottocornola, bergamasco, è uno di questi. (altro…)

Tour Benevento Campobasso

Libreria Luidig: il “filosofo del pop” Claudio Sottocornola per la prima volta a Benevento
Venerdì 20 gennaio alla Luidig prima presentazione campana per il ‘filosofo del pop’. Il poliedrico uomo di cultura lombardo presenta per la prima volta nel Sannio la sua multiforme opera, tra filosofia, musica e spiritualità Da ‘Eighties’ a ‘I trascendentali traditi’: Claudio Sottocornola a Benevento (continua…)

B-Magazine, Un filosofo pop che strizza l’occhio al Medioevo…(estratto)
…Il tentativo di Sottocornola di tradurre i suoi studi in recitals e di aprire la filosofia ai linguaggi, più prossimi ai giovani, del cinema e della musica, è da questo punto di vista emblematico. Più che stravolgere la figura canonica del professore ingessato, si tratta di rompere con l’idea di una tradizione culturale legata esclusivamente ad una trasmissione verbale e libresca, chiusa agli stimoli concettuali propri di altri linguaggi. Per consentire al professor Sottocornola di approfondire gli aspetti del suo discorso che abbiamo trovato più convincenti e per chiarire quelli che hanno stimolato l’ipercriticità tipicamente bmagazineriana, improvvisiamo un Tribunale dell’Inquisizione popfilosofico nei solenni spazi della Luidig. Per consentire una registrazione audio di buona qualità si chiudono le porte. Sembra una vera congiura, come il professore non manca di notare con un ampio sorriso. Ci concede di buon grado un’ora del suo tempo e risponde a tutte le domande. Di seguito, i verbali del nostro Processo a Sottocornola, dal vago sapore di una quaestio scolastica, tanto amata dai trascendentalisti medievali…
Intervista a Claudio Sottocornola di Guido Bianchini e Alessandro Paolo Lombardo (versione audio integrale)

Audio MP3

Magmazone, “I trascendentali traditi”: L’ultimo libro
di Claudio Sottocornola, il maestro del cuore

di Francesca De Michele
Era ora che Claudio Sottocornola giungesse anche a Benevento e chi è stato presente all’incontro tenuto nella saletta della libreria Luidig il venti gennaio, credo che abbia avuto la sensazione di tornare indietro con gli anni quando le ore di filosofia divenivano momenti di verità e ci facevano rientrare in noi stessi. Ci piaceva essere liberi nel leggere,
liberi nell’essere. (continua…)


Media XPress, I trascendentali traditi

di Maria Cristina Giovannitti
E’ arrivato anche a Campobasso Claudio Sottocornola, scrittore, giornalista e docente ordinario di Filosofia e Storia a Bergamo. Sabato, 21 gennaio 2012 presso la sala A×A di Palladino Company,  Sottocornola ha incontrato il pubblico molisano per presentare il suo ultimo saggio, I trascendentali traditi (2011, edito Velar, p.164).E’ definito filosofo del pop perché la sua attenzione è rivolta all’aspetto popular della filosofia (continua…)

Il bene comuneLa filosofia della cultura di massa,
intervista di Marinella Ciamarra e Paolo Di Lella:
Una conversazione con il “filosofo del pop” Claudio Sottocornola
Sabato 21 gennaio 2012, presso la sala AXA di Palladino Company, a Campobasso, si è svolto un appuntamento speciale con Claudio Sottocornola, docente di filosofia, artista grafico, interprete, poeta e saggista. Claudio Sottocornola, classe 1959, è una delle personalità più poliedriche e “irregolari” della cultura italiana
degli ultimi anni. (continua…)

Una notte in Italia

Il pane e i pesci presentati a Siderno (RC)



Il filosofo del pop alla Mondadori di Siderno con “EIGHTIES

Una passione quasi pasoliniana per il popular declinato attraverso musica, poesia, immagini: è questa la ricetta di Claudio Sottocornola, ordinario di Filosofia e Storia e docente di Storia della canzone e dello spettacolo presso la Terza Università di Bergamo, poeta, artista visivo e giornalista, ormai noto al pubblico italiano come filosofo del pop e per le sue “lezioni-concerto”, nelle quali associa la narrazione della Storia contemporanea alla interpretazione live di canzoni pop, rock e d’autore, da Vasco a Ligabue, da Battiato alla Nannini.(Continua…)

(altro…)

“Il pane e i pesci”, Claudio Sottocornola (Editrice Velar)

Recensione di Antonio Falcone
Sunset Boulevard

Il pane e i pesci presentati a Siderno (RC) – Stampa (estratti )

Calabria Ora
Siderno fa un salto nei favolosi anni 80
Il Quotidiano
Il meltin pot della cultura
La Gazzetta del Sud
L’immaginario collettivo degli anni Ottanta in un “collage”
Calabria Ora
La trilogia di Sottocornola

Luca Catò

Come sfogliare un album di fotografie…
Come sfogliare un album di fotografie…. E vedere cambiare il volto, crescere il corpo, aggiungere una strada, sparire un prato, ingigantire ed isolarsi un albero, allungare il cemento nell’alzarsi di una casa, dilatare un quartiere, dilatare la famiglia, poi non ritrovare più un volto, e scoprirne, insieme agli altri, uno nuovo; scoprire, soprattutto che “qualcosa” si muove si affina, si definisce, scompare… Ecco: è ciò che si scorge nello scorrere le pagine di queste poesie. (altro…)

Il pane e i pesci presentati a Bergamo

Claudio Sottocornola presenta la sua quadrilogia “Il pane e i pesci”, che raccoglie scritti dal 1980 al 2010 sul sacro e sulla sua crisi, con particolare attenzione alla vita del territorio a cavallo degli anni ’80. Fra giornalismo, biografia e spiritualità il filosofo amante del “popular” e delle sue molteplici manifestazioni, affronta qui il tema di una teologia attenta ai bisogni dell’uomo contemporaneo, nel solco di una tradizione di pensiero che va da Panikkar a Mancuso.

Donato Zoppo

Addio alla giovinezza: le poesie di Claudio Sottocornola
Tanto per mettere le cose in chiaro, questa non è una recensione. Si tratta di poesie, non ne sono all’altezza, al massimo posso chiacchierare di musica e amenità varie davanti ad una bella birra con i Rolling Stones in sottofondo. (altro…)

Giulio Brotti

Il quotidiano e l’altrove
Filosofo, artista, musicista pop: queste tre qualifiche convergono nella persona del bergamasco Claudio Sottocornola docente di Storia e Filosofia nei licei, che ha recentemente pubblicato una raccolta di sue poesie del periodo 1974-1994 con il titolo “Giovinezza…addio. Diario di fine ‘900 in versi” (distribuito dall’Editrice Velar, 396 pagine